Il secondo Pride di Skopje celebra la diversità in Macedonia del Nord

 161 total views,  6 views today

Il Pride 2021 a Skopje celebra l'uguaglianza, l'amore e la libertà

Il Pride di Skopje del 26 giugno 2021. Foto di Goshe Nikolov/Meta.mk, usata con licenza.

Questa storia è stata originariamente pubblicata [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] da Meta.mk. Una versione modificata viene qui ripubblicata secondo un accordo di condivisione di contenuti tra Global Voices e Metamorphosis Foundation. 

La seconda parata del Pride a Skopje [mk], la capitale della Macedonia del Nord, ha avuto luogo il 26 giugno, all'insegna del motto “oe i muri”.

Dopo un anno di pausa a causa della pandemia, quest'anno oe mille manifestanti si sono riuniti nel centro città e con le loro parole hanno protestato contro le politiche oppressive, l’omofobia [it] e la transfobia, ma hanno anche celebrato la speranza in una società con maggiore solidarietà e giustizia.

Striscione con scritto “non ci libereremo dei nostri aggettivi” al Pride di Skopje 2021. Foto di Goshe Nikolov/Meta.mk, usata con licenza.

Il clima caldo non ha impedito alla comunità LGBTQI+ e ai suoi sostenitori di scendere in piazza e di alzare la voce per celebrare la diversità, l'amore, l'uguaglianza e la libertà.

Con bandiere, striscioni e musica, la parata del Pride è iniziata alle dieci al parco di Zhena Borec davanti al parlamento e, da lì, i partecipanti hanno marciato per il centro città in direzione del City Park, dove in seguito si sono tenuti dei festeggiamenti (una festa all'aperto con un concerto e danze).

La parata del Pride di Skopje passa di fronte alla sede del governo della Repubblica della Macedonia del Nord. Foto di Goshe Nikolov/Meta.mk, usata con licenza.

I manifestanti hanno voluto mandare un messaggio coi loro striscioni, per dire che, tra tante ae cose, “non ci sarà più bisogno di nascondersi” e che “la bellezza sta nella diversità.”

Quest'anno hanno partecipato al Pride di Skopje il presidente Stevo Pendarovski e le ministre Radmila Shekerinska, Jagoda Shahpaska, Irena Stefoska e Mila Carovska.

Smettiamola di stigmatizzare e isolare le persone per il loro orientamento sessuale. Ognuno ha il diritto di scegliere.

Gli organizzatori del Pride hanno fatto notare che la pandemia ha mostrato a tutti cosa significa vivere tra le quattro mura di casa e capire che la comunità LGBTQI+ è stata reclusa e forzata a vivere dietro a un muro, ma non per sua scelta.

“Sii te stesso, sii onesto, pieno di amore e di energia e non ci saranno più muri” ha detto Vasil Garvanliev [it], rappresentante della Macedonia all’Eurovision Song Contest 2021 [it], all'apertura della fase d'intrattenimento del Pride di Skopje 2021. Foto di Goshe Nikolov/Meta.mk, usata con licenza.

Per anni, i membri della comunità LGBTQI+ hanno subito attacchi fisici e sono stati vittime di violenze domestiche, crimini d'odio e minacce, ma il pubblico ministero, la polizia e le ae istituzioni sono rimasti in silenzio, ha detto Elena Petrovska della coalizione Margins, parte del consiglio organizzativo del Pride di Skopje.

This silence wants to erase us and is inspiring violence against us and that is why we are demanding a substantial change in the procedures for these acts and prosecution for them, just like for any other citizen. We are not citizens of a lower rank. The Pride Month is returning us a little bit in the past, it makes us see what we have achieved, the advancement, and how to continue onward.

Questo silenzio vuole cancellarci e genera violenza contro di noi ed è per questo che chiediamo un cambiamento significativo nelle procedure per questi atti di violenza e nella loro persecuzione, come per qualsiasi ao cittadino. Non siamo cittadini di serie B. Il mese del Pride ci riporta al passato e ci fa vedere ciò che abbiamo ottenuto, i progressi fatti e come continuare ad andare avanti.

Petrovska ha affermato che una legge sul riconoscimento di genere deve essere adottata con urgenza perché “i diritti umani non sono contestabili e nessuno deve essere obbligato a dimostrare la propria umanità per essere protetto dal sistema.”

Petrovska ha anche menzionato le politiche di destra e la propaganda che diffonde notizie false, che, ha detto, vogliono distorcere l'immagine dei membri della comunità nella società e presentarli come dei parassiti. Ha affermato:

The bigger and stronger this propaganda and attacks are, the more our resistance will grow stronger. None of us mustn’t be reduced to ideology, we are human beings that deserve equality and respect. No one and nothing will prevent us in our fight, will not take away our energy and derail us from the road to our freedom, as we have love and power.

Più grandi sono questa propaganda e questi attacchi, più grande sarà la nostra resistenza. Nessuno di noi deve essere ridotto all'ideologia, siamo essere umani che hanno bisogno di uguaglianza e rispetto. Niente e nessuno ci impedirà di combattere, ci toglierà l'energia e ci allontanerà dalla via verso la libertà, perché abbiamo amore e forza.

Striscioni con scritto “l'amore ha bisogno di giustizia” e “la bellezza sta nella diversità” al Pride di Skopje del 2021. Foto di Goshe Nikolov/Meta.mk, usata con licenza.

“È assurdo che nel XXI secolo a un cittadino vengano negati i diritti per una vita normale e dignitosa” ha affermato Maja Morachanin, ministra e coordinatrice del gruppo interparlamentare per promuovere i diritti della comunità LGBTI [mk].

“Per questo il messaggio che vogliamo mandare durante il Pride di Skopje è fermare la discriminazione della comunità LGBTI, i discorsi d'odio, la violenza, la stigmatizzazione” ha detto Morachanin.

Pride di Skopje 2021. Foto di Goshe Nikolov/Meta.mk, usata con licenza.

Sul palco di Shkolka al City Park, Marija Kostadinovska, la cui figlia fa parte della comunità LGBTQI+, si è presentata come “la madre di Ana” e si è rivolta ai presenti dicendo che, affinché i bambini facciano coming out, i genitori devono aiutarli. Kostadinovska ha affermato:

As the poet Mika Antic once has said, love your children even when they are guilty, because life will punish them even when they are not. They are allegedly guilty because they are true to themselves, for being so much independent, because they know who to love and we as parents must allow that for them in order to live this life as they should.

Come ha detto il poeta Mika Antic tempo fa, ama i tuoi figli anche quando sono colpevoli, perché la vita li punirà anche quando non lo sono. Secondo quanto si dice sono colpevoli perché sono fedeli a se stessi, per essere indipendenti, perché sanno chi amano e da genitori dobbiamo concederglielo per vivere la loro vita come si deve.

#LoveIsLove

Una famiglia con uno striscione con scritto “l'amore è amore” in albanese, macedone e inglese al City Park durante il Pride a Skopje a giugno 2021. Foto di Goshe Nikolov/Meta.mk, usata con licenza.

Il Pride di Skopje, che si è tenuto a Skopje per la prima volta nel 2019, è stato organizzato dal Network Nazionale Contro l'Omofobia e la Transfobia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.