In che modo la propaganda cinese ha causato lo scioglimento del più grande sindacato degli insegnanti di Hong Kong?

 14 total views,  1 views today

‘Pechino puo far scomparire QUALSIASI organizzazione pubblicando un commento’

Uno screenshot della prima pagina del giornale Wen Wei Po dopo che l'HKPTU ha annunciato che si sarebbe sciolto. Il titolo afferma che il sindacato degli insegnanti è responsabile della sua autodistruzione. Tramite Hong Kong CitizenNews

Il più grande sindacato degli insegnanti di Hong Kong, The Hong Kong Professional Teachers’ Union (HKPTU), ha annunciato [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] il suo scioglimento il 10 agosto 2021, dopo 48 anni di servizio.

La decisione è arrivata dopo i numerosi attacchi da parte dei media statali cinesi. La notizia ha sconvolto il pubblico poiché il sindacato, con oe 95.000 membri, rappresenta almeno il 90% degli insegnanti della città ed è considerato una delle forze democratiche più moderate di Hong Kong. L'incidente segnala che la repressione di Pechino a Hong Kong non si limita al settore politico, ma si estende ai gruppi professionali e ai sindacati dei lavoratori, le fondamenta della società civile di Hong Kong.

Oe l'HKPTU, i media statali cinesi hanno anche attaccato l'Associazione degli Avvocati, la Law Society di Hong Kong, l'Associazione dei Giornalisti, l'Associazione del Personale Infermieristico, la Confederazione dei Sindacati e ai ancora.

L'HKPTU, fondato nel 1972 dall'attivista Szeto Wah, era diventato una forza civica influente a Hong Kong dopo aver lanciato uno sciopero degli insegnanti in risposta a un taglio del salario del 15% nel 1973.

Grazie alla sua posizione moderata, il governo di Hong Kong ha considerato a lungo l'HKPTU uno stretto collaboratore nello sviluppo della politica educativa della città. Tuttavia, il rapporto si è inasprito dopo le proteste anti-cinesi contro l'estradizione del 2019, quando Pechino ha accusato il settore dell'istruzione di non aver coltivato il patriottismo a Hong Kong. 

La nuova ondata di attacchi è sorta nel mese scorso, quando il quotidiano People's Daily e l'agenzia di stampa Xinhua cinesi hanno tacciato il sindacato degli insegnanti di essere un “tumore velenoso” da “sradicare”. Tale commento [zh] è apparso su entrambi i media statali in cui si etichetta il sindacato come organizzazione politica che incita gli studenti a compiere atti di violenza. Le accuse sono state poi riprese da un gran numero di media locali pro-establishment e da opinion leader che rimproverano il sindacato degli insegnanti di essere una delle principali fonti di sentimenti indipendentisti anti-cinesi e pro-Hong Kong [zh]. Il giorno successivo, il Ministero dell'Istruzione di Hong Kong ha annunciato che avrebbe chiuso i rapporti con il sindacato, il che significa che l'autorità governativa non avrebbe avuto più interazioni, quindi incontri, consultazioni o comunicazioni con l'HKPTU.

Il Capo Esecutivo di Hong Kong ha sostenuto la decisione del Ministero dell'Istruzione il 2 agosto e ha criticato il sindacato degli insegnanti per aver dato priorità alla politica rispetto alla professionalità. 

Per salvare il sindacato, l'HKPTU ha inviato una lettera a tutti i suoi membri sottolineando che il gruppo si concentrerà in futuro sulla professionalità dell'istruzione. Si ritirerà anche dalla Confederazione dei Sindacati di Hong Kong.

Anche se l'alto consigliere di governo Ronny Tong ha assicurato ai cittadini che non ci sono prove del fatto che l'HKPTU abbia violato la legge sulla sicurezza nazionale, il Commissario di Polizia quando gli sono state fatte domande sul sindacato il 5 agosto ha dichiarato al filo-governativo Phoenix TV che le forze di polizia avrebbero “sicuramente indagato” su eventuali illeciti riguardo questioni di sicurezza nazionale.

Il 10 agosto, il 48enne sindacato degli insegnanti ha annunciato il suo scioglimento dopo che rappresentanti ufficiosi da Pechino hanno riferito che il gruppo ‘deve cessare di esistere’ o affronterà un destino simile a quello di Apple Daily, che è stato chiuso dopo che la polizia di sicurezza ha congelato i suoi beni e ha arrestato sette membri del personale di alto livello, con l'accusa di cospirazione con una forza straniera. 

Anche dopo lo scioglimento, i media statali hanno continuato a richiedere un'indagine approfondita nei confronti del sindacato degli insegnanti su potenziali violazioni della sicurezza nazionale. Una delle accuse presentate dal Wen Wei Po di Hong Kong è che il sindacato aveva preso in prestito sedi [zh] per i seggi elettorali durante le elezioni primarie del 2020 tra i democratici. Quarantasette attivisti sono stati accusati di cospirazione con l'intento di sovvertire il potere di stato e per aver organizzato le primarie nel luglio 2020 per scegliere i candidati che avrebbero partecipato alle elezioni legislative di settembre.

Amnesty International ha messo in evidenza il livello di paura che si riflette nella decisione dell'HKPTU di auto-sciogliersi:

The rapid demise of Hong Kong’s biggest teachers’ union in the face of increasing hostility from the Hong Kong and central Chinese governments illustrates the level of fear permeating the city’s education sector and wider civil society amid a relentless crackdown on dissent.

La rapida scomparsa del più grande sindacato degli insegnanti di Hong Kong di fronte alla crescente ostilità da parte dei governi di Hong Kong e della Cina centrale illustra il livello di paura che permea il settore dell'istruzione della città e la società civile in generale in mezzo a un'implacabile repressione del dissenso.

Come sottolineato dal noto utente di Twitter di Hong Kong Wong Kin Cheong, la repressione della società civile è mobilitata attraverso la propaganda di stato cinese: 

Solo un appunto: la questione chiave qui non è legata alla posizione politica dell'HKPTU e a cosa ha fatto/pianifica di fare.

Ciò che richiede la nostra attenzione è che questo incidente mostra come oggigiorno Pechino puo far scomparire QUALSIASI organizzazione “pubblicando un commento” su People's Daily…

Un commento scritto da Ga Choi Tze su CitizenNews condivide [zh] una simile visione:

中共治港方針已進入全面鬥爭狀態,你也不用真的做過甚麼,他說你有罪就是有罪,甚麼依法辦事,不觸碰紅線就沒事,只會影響一小撮人云云,全部是騙小孩,甚至割席都沒用,繼續追殺到你已變成條屍都要挖出來鞭。教協到底觸碰了哪條紅線?10萬會員叫一小撮人?只是新華社《人民日報》出句聲,教育局就做事了,是依了哪條法,還是何時新華社《人民日報》做了法官我們不知道?

Il PCC ha adottato una politica di lotta a tutto tondo a Hong Kong. Non devi fare nulla. Una volta che ti etichetta come colpevole, sei colpevole. ‘Il cosiddetto stato di diritto, non tocca i punti di riferimento, bensì solo una piccola minoranza sarà interessata, ecc.’ Queste sono solo bugie da raccontare ai bambini. Anche tagliare i legami con ai gruppi è inutile. Anche se ti trasformi in un cadavere, lo tireranno fuori per frustarti. Quale linea rossa ha attraversato l'HKPTU? Un sindacato con 100.000 iscritti lo chiami minoranza? Sono bastate poche parole pronunciate da Xinhua e People Daily, poi il Ministero dell'Istruzione ha agito di conseguenza. Su quale base giuridica? Da quando Xinhua e il People Daily sono diventati giudici?

A maggio, un sondaggio condotto dall'HKPTU indicava che all'incirca il 40% [zh] degli insegnanti di Hong Kong voleva lasciare il settore a causa della pressione politica. Il capo del sindacato Fung Wai Wah ha fatto notare come il Ministero dell'Istruzione è stato scorretto nel gestire reclami anonimi contro gli insegnanti pro-democrazia, mentre ha ignorato l'opinione del settore dell'istruzione in merito alle modifiche ai programmi scolastici imposti dallo stato. Inoe, alcuni legislatori pro-establishment hanno persino richiesto camere di sorveglianza all'interno delle aule. Tutte queste misure di certo generano una grande pressione nei confronti degli insegnanti. 

L'istruzione non è il solo settore che subisce pressioni politiche. Da quando l'HKPTU ha annunciato il suo scioglimento la scorsa settimana, un gran numero di commentatori gestiti dai media statali hanno chiesto che venga portata avanti un'indagine nei confronti della Confederazione dei Sindacati di Hong Kong riguardo [zh] il suo ruolo nel coordinare le attività antigovernative e sulle presunte fonti di finanziamenti esteri. I commentatori hanno anche ricordato gli scioperi organizzati dalla Hong Kong Cabin Crew Federation e dalla Hospital Authority Employees Alliance durante le proteste anti-Cina contro l'estradizione nel 2019 e durante la fase iniziale della pandemia COVID-19 nel 2020. Entrambi i sindacati sono anche membri dell'HKCTU.

Anche giornalisti e avvocati sono presi di mira:

E il prossimo obiettivo dei giornali pro-Pechino: l'Associazione dei Giornalisti viene accusata di proteggere la violenza e di diffondere voci.

Alcuni membri del Consiglio Esecutivo li hanno definiti “Malvagi”.

I media statali della Repubblica Popolare cinese sono preoccupati per le prossime elezioni della HK Law Society e così sparano un ao colpo contro l'Associazione degli Avvocati: “Sabato il People's Daily ha avvertito la HK Law Society di non giocare con la politica se non vuole fare la fine dell'HKBA e dell'ormai defunto PTU.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.