In Turchia una ragazza di 13 anni sfida gli stereotipi nell’atletica

 19 total views,  1 views today

Akpinar, la voce delle ragazze di tutta la Turchia

Uno screenshot da un video YouTube   di un'intervista di Merve Akpinar ad Ankara.

Una giocatrice di pallamano del Sanhurga, provincia a sudest della Turchia, rompe gli stereotipi e supporta la partecipazione femminile agli sport sia nel suo villaggio che nel resto del Paese. In un’intervista ad un’agenzia di stampa locale ad Ankara (capitale della Turchia), Merve Akpinar, 13 anni, ha detto [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione]: “Mi hanno cacciato quando ho iniziato per la prima volta, dicendomi che non potevo indossare i pantaloncini o giocare con i ragazzi perché ero una ragazza. Perciò ho chiesto perché non potessi giocare come gli altri.  Così mi promisi che avrei cambiato il futuro delle ragazze del mio villaggio”. La sua intervista è divenuta virale tra persone di spicco e società sportive  che hanno supportato la sua causa sui social media.

La teenager confessa agli intervistatori che ha scoperto per la prima volta la pallamano alle elementari. Nonostante la forte pressione sociale la accusasse di non fare ciò che è appropriato per le ragazze, non ha mollato le sue aspirazioni, è entrata nel team e ha giocato. La storia di Akpinar è molto importante in un Paese dove la lotta delle donne per l’uguaglianza è sempre un problema attuale. La mancanza di uguaglianza è presente anche nello sport. Uno studio recente dice che “ le molestie sessuali, la disparità di salario, le  limitazioni dei finanziamenti, le rappresentazioni sbagliate dei media, e l’influenza familiare” sono tra gli ostacoli chiave alla partecipazione femminile negli sport turchi.

Akpinar, prima di sette fratelli, sta giocando in una squadra di pallamano dalle scuole medie. Lei ha detto in un’intervista all’agenzia di stampa Demiroren, che stava parlando per conto di molte altre ragazze in tutta la Turchia. “ Non sono solo Merve. Io sono la voce di Fatma, che raccoglie cotone nel Cukurova. Io sono la voce di Semsi da Harran. Io sono la Speranza delle giovani donne. Voglio essere la voce di tutte le ragazze in Turchia. Io credo di poter portare ad un cambiamento di ideologie [sic]. Molti ci sono riusciti in questo senso. Se Dio vuole, avrò successo anch’io. Non avrei mai immaginato che ciò che ho detto in quell’intervista avrebbe ricevuto così tante attenzioni. Se le ragazze vogliono, possono avere più successo dei ragazzi”.

Tra i suoi fans c’erano scrittori e romanzieri come Elif Safak e numerose squadre di calcio turche che hanno espresso il loro supporto online:

Una ragazza turca di 13 anni spiega in lacrime come è stata sminuita & discriminata in quanto donna & quanto è determinata a cambiare questa discgustosa diseguaglianza. Un enorma, sincero rispetto per il suo talento, coraggio e determinazione. Brava #merveakpınar

Sei la speranza di tutte le giovani ragazze in Turchia. Siamo con te e con tutte le ragazze che motivi.

 

Sei una speranza per tutte le giovani ragazza con il tuo coraggio e la tua ambizione. Siamo con te.

La squadra di calcio Galatasaray si è unita ai messaggi di solidarietà e supporto. La squadra ha scritto su Twitter: “ ci hai ricordato nuovamente che il lato magico della vita è la speranza. Merve, tu Hai incoraggiato le giovani. Il coraggio, la determinazione, la forza e la fiducia, tua e delle altre ragazze, rendono lo sport più bello”.

Ispirato dalla determinazione di akpina, il sindaco di Ankara, ha annunciato via Twitter che supporterà la fondazione del Sanliufa Children of the Youth e la squadra per bambini di ogni sesso:

Ispirati dalla determinazione e dal successo di Marve, ci stiamo preparando per aprire il Sanlurfa Children of the Sun Youth and Sports Club, una squadra sorella al nostro EGO Sports Club. Crediamo che la forza e la fiducia di Merve Alpina saranno una voce per tutte le donne e una speranza per il loro percorso.

La moglie del sindaco di instambul ha elogiato Akpinar, ha scritto su Twitter: “nonostante le sia stato detto che non avrebbe dovuto indossare pantaloncini, non avrebbe dovuto giocare, non ce l’avrebbe fatte, Marce, sta seguendo il suo sogno e ha un messaggio per noi: “ cambierò il destino di tutte le ragazze del mio villaggio’ Care ragazze, sono sicura che ispirerete centinaia, addirittura migliaia di ragazze. È importante avervi”.

Il desiderio della studentessa, al primo anno delle superiori, è che la sua scuola costruisca un nuovo campo da pallamano dove potersi esercitare con la sua squadra.Ali e Emine Akpinar, genitori di Akpinar, hanno dichiarato all’agenzia di stampa Demiroren (DNA), di aver sempre supportato gli sforzi atletici della figlia. In un’intervista all’agenzia di stampa DNA , il padre di Akpinar ha confessato che l’intervista di sua figlia cambierà il destino di tutte le giovani. “ Tutti dovrebbero sopportare le proprie figlie e dargli un’educazione. Io sono un contadino. Non avevo mai visto una partita di pallamano. Ho imparato da mia figlia Merve che questo sport si gioca con le mani. Tutti dovrebbero credere nelle loro figlie. Per quale motivo le ragazze non dovrebbero giocare proprio come i ragazzi?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.