Web Analytics

Static Wikipedia: Italiano -Inglese (ridotta) - Francese - Spagnolo - Tedesco - Portoghese
 
Esperanto - Napoletano - Siciliano - Estone - Quality - New - Chinese Standard  - Simple English - Catalan - Gallego - Euskera
Wikipedia for Schools: English - French - Spanish - Portuguese
101 free audiobooks - Stampa Alternativa - The Open DVD - Open Bach Project  - Libretti d'opera - Audiobook PG

Charles Mangin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Charles Mangin

Charles Marie Emmanuel Mangin (Sarrebourg6 luglio 1866 – Parigi12 maggio 1925) è stato un militare francese, generale durante la Prima guerra mondiale.

Convinto del valore delle truppe senegalesi, fu un ardente sostenitore della creazione di un'armata africana, la Force noire, più potente e numerosa, al servizio della Francia.

[modifica] Carriera

Statua di Mangin a Parigi
Statua di Mangin a Parigi

Diplomatosi all'École Spéciale Militaire de Saint-Cyr, servì nel Sudan nel 1898-1900 alla testa dei tirailleurs senegalesi, sotto Jean-Baptiste Marchand; dopodiché prese parte alla conquista del Marocco agli ordini di Lyautey nel 1912, distinguendosi, col grado di colonnello, nella presa di Marrakech.

Durante la Prima guerra mondiale, divenuto generale, ebbe il comando nel 1914-15 di una brigata di fanteria e quindi della 5a Divisione di fanteria di Rouen.

Durante la Battaglia delle Frontiere, conseguì la vittoria di Charleroi, combattendo quindi sulla Marna e in Artois. Il 22 maggio 1916, attaccò invano il fort Douaumont quindi, sempre a Verdun, diresse le offensive di riconquista al fianco di Nivelle.

Nel 1917 prese parte alla disastrosa offensiva Nivelle, allo Chemin des Dames, alla testa della 4a Armata. Sostenitore dell'offensiva a oltranza, fu soprannominato "le boucher" ("il macellaio") dai suoi uomini. Gli attacchi non ebbero esito, e fu silurato: grande avversario di Pétain, fu da questi emarginato.

Ritornò alla ribalta nella primavera 1918: quando Foch fu promosso comandante in capo delle forze alleate, Mangin ricevette per volere di Clemenceau l'incarico di partecipare, alla testa della 10a Armata, alla Seconda battaglia della Marna, nel corso della quale attuò il celebre contrattacco del 18 luglio a Villers-Cotterêts in cui sfondò le linee nemiche. Vincitore sull'Aisne nell'autunno, ruppe il fronte tedesco, liberando Soissons e Laon.

L'armistizio fermò la prevista offensiva in Lorena. Entrò a Metz il 19 novembre, col generale Fayolle attraversò il Reno a Magonza l'11 dicembre, ed ebbe l'incarico di occupare la Renania. Qui Mangin divenne oggetto di polemiche per via del suo tentativo di fomentare il nazionalismo pro-francese, al fine di separare la Renania dalla Germania, e quindi di allontanare quest'ultima dalla riva occidentale del Reno.

Mangin divenne membro del Conseil Supérieur de la Guerre ed ispettore generale delle truppe coloniali francesi. Cadde gravemente ammalato nella sua casa di Parigi il 9 marzo 1925, e morì il 12 marzo. Riposa all'Hôtel des Invalides.

La sua statua a Parigi fu distrutta dalle forze tedesche di occupazione nel 1940, quando Hitler si recò in visita alla tomba di Napoleone, in quanto ricordava l'operato di Mangin nella Renania occupata. Fu ricostruita nel 1957.

[modifica] Bibliografia

  • Mangin, Louis-Eugène. Le Général Mangin. 1990.
  • Evans, M. M. Battles of World War I. Select Editions. 2004. ISBN 1-84193-226-4.
  • Heywood, Chester D. "Negro combat troops in the world war". 1928.