Web Analytics

Static Wikipedia: Italiano -Inglese (ridotta) - Francese - Spagnolo - Tedesco - Portoghese
 
Esperanto - Napoletano - Siciliano - Estone - Quality - New - Chinese Standard  - Simple English - Catalan - Gallego - Euskera
Wikipedia for Schools: English - French - Spanish - Portuguese
101 free audiobooks - Stampa Alternativa - The Open DVD - Open Bach Project  - Libretti d'opera - Audiobook PG

Portale:Letteratura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Biblioteca di Babele - Portale letterario
Collabora a Wikiquote
«Un buon lettore, un grande lettore, un lettore attivo è un "rilettore"»

Benvenuto al Portale della letteratura della Wikipedia in lingua italiana.

Questo portale è stato pensato come pagina di riferimento e punto di partenza per chi è interessato alla letteratura.
Da qui si può accedere facilmente alle voci e alle sezioni di maggiore interesse, verificare il lavoro da svolgere, proporre la creazione di nuove voci...

Vedi anche i sottoportali tematici: Portale:Harry Potter e Portale:Tolkien.

Se non vedi le ultime modifiche, prova a svuotare la cache

[[Immagine:{{{sfondo}}}|center]]
[[Image:{{{logo}}}|24x24px]]
In evidenza
In evidenza
Helga Deen
Collabora a Wikiquote
«Se da qui guardo fuori dalla finestra vedo betulle, abeti, il cielo azzurro con delle nuvole bianche»
(Helga Deen, Kamp Vught)

Helga Deen (Stettino, 6 aprile 1925 - Campo di sterminio di Sobibór, 16 luglio 1943) è l'autrice di un diario in cui descrive la sua prigionìa in un campo di concentramento nazista durante la seconda guerra mondiale, prima di essere trasferita - assieme alla sua famiglia - nel campo di sterminio di Sobibór, località oggi appartenente al Voivodato di Lublino (Polonia).

La sua vicenda, e quella dei suoi familiari (il padre Willy, la madre Käthe Wolff e il fratello Klaus Gottfried, minore di tre anni, tutti di religione ebraica e abitanti di Tilburg, nel sud dei Paesi Bassi) presenta sorprendenti affinità con quelle di un'altra vittima storica della Shoah, Anna Frank, ed anche le due rispettive testimonianze sono state, sia pure con le dovute proporzioni, comparate. Se non altro per l'innegabile valore documentario, ai fini della memoria, di questi scritti (quello di Deen è il terzo diario da un campo di concentramento - ma il primo tenuto da una donna - rinvenuto in Olanda nel dopoguerra.

L'autrice - che al momento dell'arresto frequentava l'ultimo anno delle scuole superiori - riuscì a far avere il diario ed altre sue piccole cose (tra cui una penna stilografica, alcune lettere e cartoline e una ciocca di capelli) racchiuse in una borsetta al suo fidanzato, il fotografo Kee van den Berg, che lo ha tenuto nascosto come una reliqua fino alla morte, avvenuta nel 2004. Il figlio Conrad lo ha poi fatto avere all'archivio storico di Tilburg che ne ha curato la pubblicazione nel marzo 2007.

(Nell'immagine:Helga Deen)

continua...

[[|Leggi...]]
[[Immagine:{{{sfondo}}}|center]]

Pensa a Fleba è il titolo di un romanzo di fantascienza del 1987 di Iain Banks.
Questo primo romanzo del Ciclo della Cultura, anche se cronologicamente è stato scritto negli anni ottanta, fa venire in mente le grandi saghe del passato, dal John Carter di Burroughs ai non-A di Van Vogt. Ovviamente lo stile richiede che ogni cosa sia fatta in grande: le guerre galattiche che impegnano migliaia di pianeti, vengono distrutti Orbitali di Banks intorno a pianeti al cui confronto Giove è un bruscolino e dove abitano miliardi di persone, ci sono astronavi così enormi da contenere tutta una serie di hangar per le riparazioni di astronavi "normali", e così via. Non ci si può aspettare dalla storia altro che una serie continua di cambiamenti di scena, con la trama generale piuttosto sottile: ma bisogna ammettere che il libro si lascia leggere con piacere, aiutato anche dalla traduzione precisa.

Continua...

[[|Leggi...]]
[[Immagine:{{{sfondo}}}|center]]
[[Image:{{{logo}}}|24x24px]]
Invito alla lettura
Invito alla lettura

Arrivederci ragazzi è il primo libro scritto da Louis Malle, nel 1993. É tratto dal film omonimo del 1987 che è stato premiato con il Leone d'oro nello stesso anno.

Collabora a Wikiquote
«[...]: mi pareva che ci fosse qualcosa non solo di ingiusto, ma anche di volgare in quel modo di prendersela sempre con i più deboli. Mi guardava attorno sentendo crescere il mio disagio: i compagni del collegio, più o meno tutti, mi parevano rozzi e superficiali. Mi sentivo diverso ed estraneo da quella masnada di ragazzi di buona famiglia soddisfatti e spesso viziati.»
(Louis Malle, Arrivederici ragazzi pag. 51-52)

Il libro è ambientato nella Francia occupata dai nazisti, in un paese non lontano da Parigi, in un collegio retto dai padri Carmelitani. L'anno di svolgimento è il 1944, l'anno più duro del secondo conflitto mondiale.

Continua ...

[[|Leggi...]]
[[Immagine:{{{sfondo}}}|center]]
[[Image:{{{logo}}}|24x24px]]
Novità in libreria
Novità in libreria


La parte buia del giorno. [1] di Alison Smith, Mondadori, Milano 2006

Romanzo - Romanzo di formazione scritto sotto forma di autobiografia incentrato sul dolore della quindicenne Alison per la perdita dell'amato fratello.

Cercando una città.[2] di Pietro Spataro, Manni Editori 2006.

Poesia - Una raccolta di poesie civili che spaziano dalla guerra all'emarginazione, dalla durezza del lavoro al precariato, dalle condizioni in cui vivono gli immigrati alla solitudine della nostra vita quotidiana. Un capitolo è dedicato ai personaggi che hanno fatto il nostro tempo: Enrico Berlinguer, Che Guevara, Mario Luzi, Papa Wojtyla


Come la madre di Collen McCullough, Rizzoli, Milano 2006

Romanzo storico di genere noir ambientato in un piccolo porto del Connecticut tra il 1965 e il 1966 che racconta gli scontri e le tensioni razziali di quel periodo.


I compleanni di Heidi Pitlor, Einaudi, Torino, 2006

Romanzo- Questo è il primo romanzo dell'autrice e tratta di famiglia, gravidanza, sesso e perdita. Scritto in stile elegante e con acuta indagine, si presenta alla lettura fortemente mesto ma spesso anche estremamente divertente.

Una donna diversa di Anne Tyler, Guanda, Milano 2006

Romanzo - Il filo conduttore di questo romanzo è la diversità. L'autrice percorre insieme a Justine il cammino intrapreso dall'infanzia all'età adulta e ricostruisce le vicende di una famiglia di Baltimora.

Ricordi di un collezionista di Giuseppe Panza, Jaca Book, Milano 2006

Autobiografia - Attraverso i ritratti degli artisti che Giuseppe Panza, uno dei più importanti collezionisti italiani d'arte, ha conosciuto e racccolto ci viene offerta , insieme ai ricordi personali, un'ampia panoramica dell'arte americana della seconda metà del Novecento.

Install di Wataja Risa, Einaudi, Torino 2006

Romanzo- Il breve romanzo, pubblicato all'età di diciassette anni dall'autrice esordiente, ha ottenuto un grande successo in Giappone conquistando i più importanti premi letterari del paese. Racconta la storia di due ragazzi, il loro smarrimento e la ricerca d'identità nella bella traduzione di Antonietta Pastore.

Scritto sul corpo di Alan Bennett, Adelphi, Milano 2006

Racconto - Il drammaturgo inglese guarda in questo testo a se stesso come se guardasse un suo personaggio e, con una prosa nitida e autoironica, rievoca il passato nel tentativo di capire la sua omosessualità come diversità che condanna all'infelicità.
[[|Leggi...]]
[[Immagine:{{{sfondo}}}|center]]
[[Image:{{{logo}}}|24x24px]]
Agenda
Agenda

[modifica] Eventi letterari Marzo 2007

  • ...
  • ...
  • ...
[[|Leggi...]]
[[Immagine:{{{sfondo}}}|center]]
[[Image:{{{logo}}}|24x24px]]


Se sei interessato a collaborare al progetto, vieni alla pagina del Progetto Letteratura: offerte di lavoro interessantissime ti attendono! Altrimenti... Cosa?!? Non sei interessato?!?!?

Ci sono voci da completare, altri da wikificare e altri ancora stub.

Richieste di traduzione per chi conosce le lingue straniere.

Nell'archivio incipit, nell'archivio explicit e nell'archivio paragrafi, puoi trovare alcune interessanti segnalazioni passate.

La mappa è utile per orizzontarti nel Progetto...

[[|Leggi...]]
[[Immagine:{{{sfondo}}}|center]]
[[Image:{{{logo}}}|24x24px]]
Mappa generale
Mappa generale


In questa pagina sono riunite razionalmente tutte le pagine e sottopagine del Portale e del Progetto: da questa mappa è possibile raggiungerle direttamente.
[[|Leggi...]]
[[Immagine:{{{sfondo}}}|center]]
[[Image:{{{logo}}}|24x24px]]

Fin dalla sua codificazione come genere popolare di successo a partire dagli anni cinquanta, all'interno della fantascienza si sono via via sviluppati vari sottogeneri e filoni, che in quanto tali spesso non presentano confini precisi e non di rado hanno assunto una connotazione commerciale. Non di rado un'opera o un autore utilizzano vari temi contemporaneamente e si possono collocare all'interno di più filoni.

Malgrado la fantascienza sia stata un tempo incentrata anzitutto "sulla scienza", si è evoluta un'area molto vasta di opere che comprende una grande varietà di generi e sotto generi. A complicare questa situazione si è assistito, a partire soprattutto dagli ultimi decenni del XX secolo, ad una commistione sempre più frequente della fantascienza con altri generi, quali il fantasy e l'horror, tanto che alcuni autori e critici utilizzano di preferenza l'espressione fiction speculativa (o narrativa speculativa) per descrivere complessivamente il fenomeno. Altri (come Bruce Sterling) utilizzano il termine Slipstream intendendo il fantastico, cioè quella forma letteraria estremamente ampia che utilizza l'immaginario, il surreale e tutto ciò che non è mimetico della realtà, per dare maggior impatto a un messaggio radicato nella visione politica, ideologica del reale.

Continua...

[[|Leggi...]]
[[Immagine:{{{sfondo}}}|center]]
[[Image:{{{logo}}}|24x24px]]


Per suggerimenti o semplicemente per chiacchierare in libertà entra nel Caffè letterario.

Vi si possono porre domande e inserire comunicazioni ma è utile anche per coordinare il lavoro intorno alle voci di letteratura presenti nella nostra Wikipedia.


In questa pagina sono visibili alcune poesie in tema con Wikipedia e i wikipediani
[[|Leggi...]]
[[Immagine:{{{sfondo}}}|center]]
[[Image:{{{logo}}}|24x24px]]

In tutti i paesi ho veduto gli uomini sempre di tre sorta: i pochi che comandano; l'universalità che serve; e i molti che brigano.

Ugo Foscolo da Ultime lettere di Jacopo Ortis

Collabora anche tu al progetto Wikiquote

[[|Leggi...]]
[[Immagine:{{{sfondo}}}|center]]
[[Image:{{{logo}}}|24x24px]]
Novità su it.wiki
Novità su it.wiki
[[Immagine:{{{sfondo}}}|center]]
[[Image:{{{logo}}}|24x24px]]
Categorie
Categorie
[[Immagine:{{{sfondo}}}|center]]
[[Image:{{{logo}}}|24x24px]]
Progetti parenti
Progetti parenti
      Wikisource
Una biblioteca di testi originali di contenuto libero.
Visita il Progetto letteratura di wikisource
      Wikibooks
Una collezione di libri di testo e manuali.
Visitane il Ripiano commenti a testi letterari.
      Wikiquote
Un compendio completamente in linea di frasi celebri.
Visita le citazioni letterarie
[[|Leggi...]]
[[Immagine:{{{sfondo}}}|center]]
[[Image:{{{logo}}}|24x24px]]