La street art di protesta in Kazakistan diventa una routine

 9 total views,  1 views today

La “guerra dei murales” continua ad Almaty, gli artisti di strada deridono il ritratto dell'ex presidente

L'ultima iterazione del murale prima di essere rimosso. Screenshot dal canale YouTube di Radio Azattyk.

Uno stencil di vecchie foto dell'ex presidente viene trasformato in un murale, ha sollevato diversi interrogativi tra le autorità del Kazakistan.

Quando la scritta sul muro è diventata politicamente sensibile, tuttavia, sono stati rapidi nel dipingerci sopra. è scoppiata così la cosiddetta ‘guerra dei murales’ tra gli attivisti della street art e il governo; la questione sembra essere incentrata sull'eredità dell'uomo più influente del Kazakistan indipendente, Nursultan Nazarbayev.

Nazarbayev ha lasciato l'incarico nel marzo 2019, in una transizione di potere attentamente gestita che ha consegnato la presidenza a Kassym-Jomart Tokayev, ex diplomatico e fedele capo del Senato.

All'indomani delle dimissioni che delle elezioni che hanno cementato la posizione di Tokayev, il popolo del Kazakistan è sceso in piazza, protestando contro la continuazione di un regime che ha a lungo represso le opinioni pubbliche.

Le manifestazioni avvenute lunghe le strade, tuttavia, sono andate di pari passo con flash mob e mostre artistiche che sono diventate virali sui social network del paese.

A causa della sua designazione di “capitale culturale e commerciale”, la maggioranza di queste azioni si è svolta ad Almaty, la città più grande del paese.

In un particolare angolo di strada ad Almaty, precisamente l'incrocio tra Zharokov e Mynbayev street, è stato preso di mira da  vari artisti di strada che hanno scelto di rappresentare Nazarbayev in diversi immagini stilizzate, che sono state rapidamente modificate per aggiungere caratteristiche satiriche ai suoi ritratti iconici.

Originariamente, la capanna aveva ospitato un murale in onore di XXXTentacion [kk, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] un rapper statunitense morto a 20 anni nel 2018, Dane One, è un artista di graffiti, che ha stilizzato il ritratto del rapper e ha aggiunto una riga della sua canzone: “Ciò che è reale prospererà”.

La lotta per il murale

Il muro era stato sbiancato e il murale era caduto dalla memoria degli almati quando nel 2021 divenne il bersaglio di artisti di strada e autorità.

Il 4 maggio, però è apparso un ritratto di Nazarbayev, etichettato con il soprannome “01”, che i kazakistan usano per riferirsi a lui, “Elbasy” o “leader della nazione”, il titolo che gli è stato dato in una legge del 2010 è ” Forever Young’, un commento ironico sulla sua resistenza, attivisti che insultano Nazarbayev, che è diventato ufficialmente “Leader della Nazione” con una legge del 2010 che lo protegge dai procedimenti giudiziari.

Di fronte a questa pressione del pubblico a Elbasy, le autorità locali hanno provveduto a sbiancare il murale. 

Il 19 maggio, sulla fronte di Nazarbayev nel murale è stata spruzzata la parola “Annulla”, un termine di uso comune [en] su internet per evidenziare qualcosa o qualcuno con cui non si è d'accordo e che si vuole smettere di vedere.

La corte giudiziaria è incline a condannare [en] tutti gli attivisti che insultano Nazarbayev, che è diventato ufficialmente “Leader della Nazione” con una legge del 2010 [en] che lo protegge dai procedimenti giudiziari.

Giorni dopo, il muro era ancora una volta nelle notizie perché gli artisti di strada avevano scritto ‘Tornerò…’, taggando ancora una volta il numero '01.’

Dopo diverse settimane, nell'8 luglio,però due giorni dopo il compleanno di Nazarbayev, il muro ha ricevuto un altro restyling artistico.

Una descrizione ‘Elbasy’ e il commento di tipo ironico ‘Forever Young’ accompagnavano nuovamente il murale, suggerendo che il presunto artista o il gruppo di attivisti dietro il secondo murale fossero gli artefici anche del primo.

Ma questa volta è apparso un ritratto del giovane Nazarbayev, proveniente da una serie di foto d'archivio degli anni '60, quando lavorava come operatore in un altoforno nel Kazakistan centrale.
Il tag '01’, la descrizione ‘Elbasy’ e il commento di tipo ironico ‘Forever Young’ accompagnavano nuovamente il murale, suggerendo che il presunto artista o il gruppo di attivisti dietro il secondo murale fossero gli artefici anche del primo.

Ben presto, però, il secondo murale subì delle modifiche: la scritta ‘Forever Young’ fu cancellata con la vernice spray, la descrizione ‘Elbasy’ fu preceduta ancora una volta dalla parola ‘Cancella’, il volto di Nazarbayev fu ridipinto con le sembianze del Joker di Batman della DC Comics

Come un ultimo sfregio, gli artisti di strada hanno terminato le loro aggiunte con il gioco di parole: “Uly dala URY”. Secondo alcune descrizioni in lingua kazaka di Nazarbayev, “uly dala uly” è usato per descriverlo come “il figlio della grande steppa”. Cambiando una consonante, i graffiti ora lo descrivono come “il ladro della grande steppa”.

 In un tweet del giornalista Assem Zhapisheva, riassume graficamente la cronologia dei murales di Nazarbayev sul muro della capanna di Almaty.

La battaglia dei murales avanza

Il murale è stato rimosso poche ore dopo le sue ultime modifiche, in ottemperanza alla politica di zero tolleranza che le autorità hanno applicato alla satira, all'ironia o agli insulti nei confronti di Nazarbayev.

Invece, il governo non curante, ha continuato a onorare l'ex presidente; per il suo compleanno quest'anno sono state presentate due statue [en] in bronzo, una nella capitale Nur-Sultan e l'altra nella città meridionale del Turkistan.

Il movimento Qazaq Koktemi o la “Primavera kazaka”, che sosteneva di essere dietro l'idea dei murales, sembra determinato a continuare a chiedere che Nazarbayev venga consegnato alla giustizia.

Nursultan,

Ognuno è uguale davanti alla legge e tu sei responsabile di tutte le tue azioni.. Non importa quanti monumenti sono eretti in  tuo onore, la gente ti ricorderà solo con disapprovazione.. I cambiamenti sono già qui e noi diciamo che non sei il figlio della grande steppa, ma un grande ladro!
#qazaqkoktemi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.