Scarica l'intero archivio delle opere in HTML in un unico file .zip

oppure vai alla selezione Liber Liber di classicistranieri.com

 

Questo sito usa dei cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando la navigazione accettate l'uso dei cookie (Altre informazioni)

Candido ovvero L'ottimismo

CAPITOLO VIII

Arrivo di Candido e di Pangloss alla Propontide; ciò che videro e ciò che avvenne.

- O Candido, dicea Pangloss, perchè avete lasciato di coltivare il vostro giardino? Non mangiavamo noi de' cedrati canditi, e de' pistacchi? Perchè vi siete annojato della vostra felicità? Perchè tutto è necessario nel migliore de' mondi; bisognava che voi soffriste le nerbate in presenza del re di Persia, che aveste la gamba tagliata, per rendere felice il Chusistan, per provare l'ingratitudine degli uomini, e per attirar sul capo di qualche scellerato i castighi che aveva meritati.

Così discorrendo arrivarono al loro antico soggiorno. Il primo oggetto che si offrì a' loro occhi fu Martino in abito da schiavo. - Qual metamorfosi è questa? disse Candido, dopo di averlo teneramente abbracciato. - Ah, rispose singhiozzando, voi non avete più casa; un altro si è incaricato di far coltivare il vostro giardino; ei mangia i vostri cedri canditi, i vostri pistacchi, e mi tratta da negro. - Chi è quest'altro? domandò Candido. - Egli è, disse Martino, il general di marina, l'uomo il meno umano di tutti gli uomini. Il sultano volendo ricompensare i di lui servigi senza che gliene costasse cosa alcuna, ha confiscato tutti i vostri beni, sotto pretesto che voi siete passato fra i suoi nemici e ci ha condannati alla schiavitù. Fate a mio modo, Candido, soggiunse, continuate il vostro viaggio: io ve l'ho sempre detto, tutto è per il peggio, la somma de' mali eccede troppo la somma de' beni: partite, e non dispero che diventiate manicheo, seppur già non lo siete.

Pangloss voleva cominciare un argomento in forma, ma Candido l'interruppe per dimandargli nuove di Cunegonda, della vecchia e di Cacambo. - Cacambo, rispose Martino, è qui; egli è occupato attualmente a ripulire una fogna, la vecchia è morta di una pedata che un eunuco le diè nel petto; Cunegonda è ingrassata e ha ripreso la sua primiera bellezza: ella è nel serraglio del nostro padrone. - Qual concatenamento di sventure! dice Candido, bisognava che Cunegonda tornasse bella per farmi becco! - Importa poco, dice Pangloss, che Cunegonda sia bella o brutta, e ch'ella sia vostra o di un altro; questo non ha che fare col sistema generale; per me, io le desidero una numerosa posterità. I filosofi non s'imbarazzano di ciò. La popolazione... - Ah, dice Martino i filosofi dovrebbero piuttosto occuparsi a render felice qualche individuo, invece d'impegnarlo a moltiplicare la specie de' sofferenti

Mentre discorrevano si sente un gran fracasso: era il general del mare che si divertiva a far bastonare una dozzina di schiavi. Pangloss e Candido spaventati si separarono colle lagrime agli occhi dal loro amico, e presero in fretta il cammino di Costantinopoli.

Essi vi trovarono tutta la gente in moto; erasi appiccato il fuoco nel sobborgo di Pera, e già cinque o seicento case erano incenerite, ed erano perite fra le fiamme due o tremila persone. Qual orribil disastro! grida Candido. - Tutto è bene, dice Pangloss; questi piccoli accidenti accadono tutti gli anni, ed è ben naturale che s'appicchi il fuoco alle case di legno, e che quelli che vi si trovano restino abbruciati; del resto, questo procura lavoro a molti galantuomini che languiscono nella miseria. - Che sento? dice un uffiziale dell'eccelsa Porta. Disgraziato, e puoi tu dire che tutto è bene, quando la metà di Costantinopoli è in fuoco e in fiamma? Va, cane maledetto dal Profeta, va a ricevere il castigo della tua audacia.

Dicendo queste parole, prese Pangloss per la vita, e lo precipitò nelle flamme. Candido, mezzo morto, si strascinò come potè in un quartier vicino, ove le cose eran più tranquille; e noi vedremo ciò che accadde nel capitolo seguente.