Please visit our new website audiobookgratis.it. It's absolutely free!

Privacy Policy - Cookie Policy - Termini e condizioni di servizio




Sorry, but we don't accept any kind of donations.
But if you insist, you can help us indirectliy. Just subscribe our YouTube channel.

buying one of our books here (some of theme are also available for free download):

Il volto di Don Chisciotte [INFO] [BUY NOW] [E-BOOK PUB] [GET A FREE COPY] [AUDIO EXTRACT]
Debito Formativo [INFO] [BUY NOW] [E-BOOK EPUB] [KINDLE] [AUDIO EXTRACT]
Nunc et in hora mortis nostrae [BUY NOW] [AUDIOBOOK] [E-BOOK EPUB] [FREE PDF EDITION] [YOUTUBE]
Audiolibri Audible [LINK] [CURATELA LIBRIVOX]
Installare WordPress ed evitare lo stress [E-BOOK EPUB] [KINDLE]
Duepuntozero [BUY NOW] [FREE PDF EDITION]
Un giorno tutto questo dolore ti sarà inutile (never completed) [FREE ODT EDITION]
Difendere la Privacy (very, very old) [FREE PDF EDITION]

We support the Kiwix project (ZIM format) for reading Wikipedia, Wikisource, Wikinews, Wikibooks, Wikiquote, Wikihow, Wikiwoyage, Wikitionary, Wikiversity.
Project Gutenberg, Videos, Vikidia and Other Resources off line


Ludovico Ariosto – Dopo mio lungo amor, mia lunga fede

Dopo mio lungo amor, mia lunga fede,
e lacrime e suspiri ed ore tetre,
deh! sarà mai che da Madonna impetre
al mio leal servir qualche mercede?
Ella vede ch’io moro, e che nol vede
finge, come disposta alla mia morte.
Ahi dolorosa sorte,
che di sua perfezion cosa sì bella
manchi, per esser di pietà ribella!
Lasso! ch’io sento ben che in que’ dolci ami,
ove all’esca fui preso, o mia nimica,
è l’amaro mio fin. Né perché ‘l dica
mi giova, perché Amor vuol pur ch’io v’ami,
e ch’io tema e ch’io speri e ‘l mio mal brami,
e ch’io corra al bel lampo che mi strugge,
e segua chi mi fugge
libera e sciolta e d’ogni noia scarca,
con esta vita stanca e di guai carca.
Né mi pento d’amar, né pentir posso,
quantunque vada la mia carne in polve,
sì dolce è quel venen nel qual m’involve
Amor, che dentro ho già da ciascun osso,
e d’ogni mio valor così mi ha scosso
che tutto in preda son del gran disio
che nacque il giorno ch’io
mirai l’alta beltà, ch’a poco a poco
m’ha consumato in amoroso foco.
Se mai fu, Canzon mia, donna crudele
al suo servo fedele,
tu puoi dir che l’è quella, e non t’inganni,
che vive, acciò ch’io mora de’ miei anni.


I commenti qui sono chiusi.