Mercoledì 5 Giugno 2019 – 118ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Seduta
Ora inizio: 09:37

In apertura di seduta il Presidente ha comunicato all’Assemblea gli esiti della Conferenza dei Capigruppo, che ha approvato modifiche al calendario corrente. Nella giornata odierna, dopo l’esame dell’articolato del dl sblocca cantieri, alle ore 20 verranno discusse mozioni sui cambiamenti climatici, al termine delle quali, qualora non conclusa, proseguirà la votazione degli emendamenti. Le dichiarazioni di voto e la votazione finale avranno luogo nella giornata di domani, che proseguirà con la discussione delle mozioni su Radio Radicale. Il question time già previsto non avrà luogo. La prossima settimana sarà dedicata, come stabilito, ai lavori delle Commissioni, ferma restando una seduta dell’Assemblea mercoledì 12 giugno, in cui verranno discussi gli argomenti già inseriti in calendario.

Dopo che il presidente della Commissione bilancio, sen. Pesco (M5S), ha chiesto una sospensione dei lavori per consentire alla 5a Commissione di concludere l’esame degli emendamenti e relativi subemendamenti presentati, il sen. Patuanelli (M5S) ha proposto di invertire l’ordine del giorno e iniziare la discussione delle mozioni sui cambiamenti climatici. Pur stigmatizzando le continue perdite di tempo, sono intervenuti a favore di tale richiesta i sen. Marcucci (PD), Bernini (FI), De Petris ( LeU) e Steger (Aut). Il sen. Ciriani (FdI) ha invece espresso la sua ferma contrarietà.

L’Assemblea ha quindi avviato la discussione di mozioni sui cambiamenti climatici.

Tutte le mozioni, partendo dall’allarme sugli effetti irreversibili dei mutamenti climatici lanciato dal Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (IPCC), nella consapevolezza che il fenomeno del global warming rappresenti una sfida importante per l’umanità, che richiede azioni incisive per contrastarlo, impegnano l’Esecutivo: ad accelerare la transizione energetica verso la riduzione delle emissioni inquinanti e la progressiva decarbonizzazione dell’economia promuovendo un nuovo modello energetico-ambientale. In particolare, il sen. Ferrazzi (PD) ha illustrato la mozione n. 85 che impegna altresì il Governo a dichiarare lo stato di emergenza ambientale. Il sen. Berutti (FI), illustrando la mozione n. 97, ha rivendicato la necessità di interventi urgenti per non incorrere in procedure di infrazione da parte della UE, garantendo al contempo un’autonomia finanziaria degli enti locali per investimenti nel settore. La sen. De Petris (LeU) ha illustrato la mozione n. 122, che impegna il Governo a rivedere le imposte sull’energia e sull’uso delle risorse ambientali nella direzione della sostenibilità. La sen. L’Abbate ha illustrato la mozione di maggioranza n. 135 che, tra i diversi obiettivi, impegna l’Esecutivo: a ricorrere all’eco-design; a favorire l’autoproduzione distribuita di energia da fonti rinnovabili; a promuovere campagne di sensibilizzazione/informazione rivolte ai cittadini in sinergia con gli enti locali, anche mediante l’introduzione dell’educazione ambientale nelle scuole.

da: www.senato.it

L’utilizzo, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione delle informazioni testuali e degli elementi multimediali disponibili sul sito del Senato è autorizzata esclusivamente nei limiti in cui la stessa avvenga nel rispetto dell’interesse pubblico all’informazione, per finalità non commerciali, garantendo l’integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte.