Please visit our new website audiobookgratis.it. It's absolutely free!

Privacy Policy - Cookie Policy - Termini e condizioni di servizio




Sorry, but we don't accept any kind of donations.
But if you insist, you can help us indirectliy. Just subscribe our YouTube channel.

buying one of our books here (some of theme are also available for free download):

Il volto di Don Chisciotte [INFO] [BUY NOW] [E-BOOK PUB] [GET A FREE COPY] [AUDIO EXTRACT]
Debito Formativo [INFO] [BUY NOW] [E-BOOK EPUB] [KINDLE] [AUDIO EXTRACT]
Nunc et in hora mortis nostrae [BUY NOW] [AUDIOBOOK] [E-BOOK EPUB] [FREE PDF EDITION] [YOUTUBE]
Audiolibri Audible [LINK] [CURATELA LIBRIVOX]
Installare WordPress ed evitare lo stress [E-BOOK EPUB] [KINDLE]
Duepuntozero [BUY NOW] [FREE PDF EDITION]
Un giorno tutto questo dolore ti sarà inutile (never completed) [FREE ODT EDITION]
Difendere la Privacy (very, very old) [FREE PDF EDITION]

We support the Kiwix project (ZIM format) for reading Wikipedia, Wikisource, Wikinews, Wikibooks, Wikiquote, Wikihow, Wikiwoyage, Wikitionary, Wikiversity.
Project Gutenberg, Videos, Vikidia and Other Resources off line


Ruggieri Apuliese – L’altro ier fui ‘n parlamento

L’altro ier fui ‘n parlamento
con quella ch’ i’ aggio amata.
Facemi grande lamento
che a forza è maritata;
E dissemi: «Drudo mio,
merzè ti chero, or m’aiuta;
chè tu se’ in terra il mi’ dio;
‘N le tue mani mi so’ arrenduta.
Per te colui non vogl’io.
Certo ben deggio morire,
chè ‘l cor del corpo m’è tratto.
Veggio ‘l mio padre ammannire
per compiere lo mal m’ha fatto.
Sir Iddio, or mi consiglia
e donami lo tuo conforto
de l’om ch’a forza mi piglia.
E guana lo vegg’io morto!
Di farmi dol s’assottiglia.
Drudo mio, da lui mi parte
e tra’mi di questa travaglia;
mandane in altra parte,
chè m’è in piacer san’ faglia.
Chè non m’aggia in balìa
lo padre mio che m’ha morta:
Non pare che pro’ mi dia,
se non di gioi’ mi sconforta
e di ben far mi disvia»
«Donna, del tuo maritare
lo mio cor forte mi duola.
Cosa non è da disfare:
ragion so ben che non vuole.
Chè io t’amo sì lealmente,
non vo’ che faccia fallanza;
che ti biasmasse la gente
ed io ne stesse in dottanza,
dico il vero fermamente.
Assai donne marito hanno
che da lor son forte odiate:
de’ be’ sembianti li danno,
però non son di più amate.
Così voglio che tu faccia;
ed averai molta gioia.
Quando . . . [accia]
tutt’andrà via la tua noia.
Di così far tu procaccia.


I commenti qui sono chiusi.