> Rustico di Filippi – Se no l’atate, fate villania | classicistranieri.com

Rustico di Filippi – Se no l’atate, fate villania

Se no l’atate, fate villania,
però ch’io dubbio non sia intisichita:
di belle tortellette le faria,
ché vedete che nonn·ha de la vita.
Oi lasso me, com’ell’è gita via!
Per Dio, pensate come sia guerita,
ché, non ch’a voi, a me ne ‘ncresceria:
più rangola dovreste aver di Mita.
E spiate qual fosse la cagione
ond’ell’ha sì perduto il manicare,
che si suole sì atar per ficazone;
e quando fosse sopra al vendemmiare,
non si tenea le man sotto il gherone:
ed or s’è sì lasciata dimagrare!

Both comments and trackbacks are currently closed.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: