> San Bernardino da Siena – Il leone fa capitolo | classicistranieri.com

San Bernardino da Siena – Il leone fa capitolo

E
L lione udì una volta che i frati avevano fatto capitolo, laddove essi s’accusavano peccatori de’ falli i quali ellino avevano commessi, rendendosene in colpa. Dice el lione: – O, se i frati fanno capitolo di tutti loro dinanzi al loro maggiore, io che so’ il maggiore di tutti gli animali della terra, e so’ signore di tutti loro, debbo io essere peggio di loro? – E subito fece comandare il capitolo a tutti gli animali, che venissero dinanzi a lui. E ragunandosi così, elli entrò in una sedia; e come fu dentro, elli fa comandare che tutti si ponessero a sedere intorno a lui. E così sedendo, disse il lione: – Io non voglio che noi siamo peggio che gli altri in questo. Io voglio che noi facciamo capitolo come fanno i frati, laddove voglio che si dica ogni peccato e male che si fa; però che essendo io el magiore, voglio saperli. Io ho sentito che molti pericoli so’ stati fatti per voi. Io dico a chi tocca. E però voglio che ciascuno dica a me il peccato suo. Venite tutti a me a uno a uno accusarvi peccatori di quello che voi avete fatto. – Egli fu detto all’asino che andasse prima; e l’asino andò oltre al lione, e inginocchiossi e disse: – Missere, misericordia! – Dice il lione: – Che hai fatto, che hai fatto? dillo. – Dice l’asino: – Missere, io so’ d’un contadino, e talvolta egli mi carica e pommi la soma della paglia e menami alla città per venderla: ebbi è stato talvolta ch’io ne tollevo un boccone, mentre ch’iò andavo, non avendosene il mio padrone: e così ho fatto alcuna volta. – Allora, dice il lione: – O ladro, ladro, traditore, malvagio; non pensi tu quanto male tu hai fatto? E quando potrai tu restituire quello che valeva quello che tu hai furato e mangiato? – E subito comandò che quest’asino fussè preso e fussegli data una grande carica di bastonate; e così fu fatto. Doppo lui andò la capra dinanzi al lione, e similmente si pone ginocchioni, domandando misericordia. Dice il lione: – Che hai fatto tu? O di’ il peccato tuo. – La capra dice: – Signore mio, io dico mia colpa, ch’io so’ andata talvolta in cotali orti di donne a far danno, e spezialmente in un orto d’una vedova, la quale aveva un suo orticello, dove erano molte erbucce odorifare, petrosello, maiorana, serpollino e anco del basilico; e molte volte feci danno di cotali cavoli, et anco di cotali arboscelli giovanelli; e tollero le cime che erano più tenere. E come io feci questo danno a costei, così anco ho fatto in molti orti; e talvolta feci danno per modo, che io non vi lassavo nulla di verde. – Dice il lione: – Doh! io mi so’ abbattuto già a due coscienzie molto variate: l’una l’ha tanto sottile, che è troppo; e l’altro l’ha troppo grossa, come fa el ladro dell’asino. Tu ti fai una grande coscienzia di mangiare queste tali erbucce? Eh; va’ in buon’ora! va’, non te ne fare coscienzia doh! vattene alla pura, come fo io. Non bisogna dire di questo peccato; egli è usanza delle capre di fare a questo modo. Tu hai una grande scusa, imperò che tu se’ inchinata a far questo. Va’, va’, ch’io t’assolvo, e non vi pensar più.
Dietro alla capra andò poi la volpe, e posesi in ginocchioni dinanzi al lione. Dice il lione: – Or di’ i tuoi peccati; che hai tu fatto? – La volpe disse: – Missere, io dico mia colpa, ch’io ho ammazzate di molte galline e mangiatole, e talvolta so’ entrata al pollaio ove albergano; e perché io ho veduto di non poterle agiognare, ho fatto vista che la mia coda sia un bastone, e che io el voglia arrandellare, e perché elleno hanno creduto che sia bastone, subito spaventate so’ volate a terra, e allora io so corsa fra loro, e quante ne ho potute giognare, tante n’ho ammazzate; e mangiavo quelle che io potevo, e l’avanzo lassavo stare morte, benché talvolta io me ne portavo una o più. – Dice il lione: – O, tu hai quanta coscienza! Vai in buon’ora, va, egli è naturale a te tutto questo che tu fai; io non te ne do già niuna penitenzia, e non te lo imputo già in peccato: anco ti dico che tu facci valentemente nel modo che tu hai fatto, e non t’incresca se non di quelle che rimangono. – E partita costei, v’andò poi il lupo, e disse: – Signor mio, io so’ andato talvolta a torno alla mandria delle pecore, vedendo com’ella sta. Tu sai che la rete è alta intorno intorno, e io ho posto mente il luogo dove è più agevolmente io possa entrare; e come io ho trovato il luogo, e io so’ andato per un legno, che io pensi che sia grave quant’una pecora, e provo come io possa entrare e uscire con esso; e questo fo per non essere sopraggionto da’ cani. E come io ho fatto questo, e io entro dentro, piano quanto io ho potuto, col peso del bastone; e subito ho ammazzate più pecore ch’io non ho avuto bisogno, e sommene venuto con una in collo. – Dice il lione: O quesa è l’altra. coscienzia sottile! Sai che ti rispondo? Non te ne far mai coscienzia di tali cose: va’ e fa’ gagliardamente da ora in là, senza pensiero niuno di me. – E così partito il lupo, v’andò la pecora; e andò col capo basso, dicendo: – Be, be. – Dice il lione: – Che hai fatto madonna ipocrita? – Ella risponde: – Missere, io so’ talvolta passata per le vie, al lato dove so’ seminate le biade, e so’ tavolta salita alla macchia, e vedendo quell’erbuccine verdi e tenaruccie, io n’ho tolti cotali bocconcelli: non l’ho già cavate, ma holle svettate di sopra, sopra quello tenaruccio. – Allora dice il lione: – O maladetta ladra, ladra traditrice, sicché tu hai fatto cotanto male! E vai dicendo sempre be, be, e rubbi in sulla strada! O maladetta ladra, quanto male hai fatto! Oltre: datele di molte bastonate; tanto ne le date, che voi la rimpiate tutta quanta, e fate che voi la teniate tre dì senza mangiare niuna cosa.
Oh, e’ c’è quanto sale in questa novella! Hami inteso? Corbo con corbo non si cava mai occhio. A proposito: quando sarà uno gattivo lupo o volpe che farà una cosa, cuopre, cuopre che non si vegga, come, la gatta. Ma se è la pecoruccia o l’asino, cioè la vedova, o il pupillo o un povaretto che dica o faccia una piccola cosa; amazza, amazza, e’ si vorrebbe fare. E così è rubbato per modo, che non gli rimane nulla. Lupo e lupo non si mangiano insieme, ma mangiano l’altrui carni. E però vi dico: o tu che reggi, non bastonare l’asino e la pecora per una piccola cosa, e non commendare il lupo e la volpe per lo fallo grande.

Both comments and trackbacks are currently closed.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: