SENTENZA N. 223 ANNO 2018

SENTENZA N. 223 ANNO 2018
Borsa – Abuso di informazioni privilegiate – Illeciti depenalizzati dalla legge n. 62 del 2005 commessi anteriormente all’entrata in vigore della legge – Trattamento sanzionatorio – Applicabilità della confisca per equivalente, di cui all’art. 187-sexies del decreto legislativo n. 58 del 1998, allorché il procedimento penale non sia stato definito, anche quando il complessivo trattamento sanzionatorio, generato attraverso la depenalizzazione, sia in concreto meno favorevole di quello applicabile in base alla legge vigente al momento della commissione del fatto.

per questi motivi

LA CORTE COSTITUZIONALE

riuniti i giudizi,

dichiara l’illegittimità costituzionale dell’art. 9, comma 6, della legge 18 aprile 2005, n. 62 (Disposizioni per l’adempimento di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia alle Comunità europee. Legge comunitaria 2004), nella parte in cui stabilisce che la confisca per equivalente prevista dall’art. 187-sexies del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 (Testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, ai sensi degli articoli 8 e 21 della legge 6 febbraio 1996, n. 52), si applica, allorché il procedimento penale non sia stato definito, anche alle violazioni commesse anteriormente alla data di entrata in vigore della stessa legge n. 62 del 2005, quando il complessivo trattamento sanzionatorio conseguente all’intervento di depenalizzazione risulti in concreto più sfavorevole di quello applicabile in base alla disciplina previgente.

Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 25 ottobre 2018.

F.to:

Giorgio LATTANZI, Presidente

Francesco VIGANÒ, Redattore

Roberto MILANA, Cancelliere

Depositata in Cancelleria il 5 dicembre 2018.

Il Direttore della Cancelleria

F.to: Roberto MILANA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *