Amore

Ugo da Massa Conte di Santafiora, Amore fue invisibole criato

Amore fue invisibole criato, però invisibol ven la ‘namoranza, chè null’omo lo sente prim’è nato, quando s’aprende tutt’à sot[t]iglianza chè ‘n meve sede e ven dissimulato. Mas ciò ch’è detto, c’ave in sè pos[s]anza, natura li consente, ed ègli dato come lociore, così esicuranza. O Deo, che invisibol lo facesti,…

Read More

Perzival Doria, Amore m’ave priso

Amore m’a[ve] priso e miso m’à ‘n balìa d’alto mare salvagio; posso ben, ciò m’è aviso, blasmar la segnoria, che già m’à fatto oltragio, chè m’à dato a servire tal donna, che vedire, nè parlar non mi vole, onde mi grava e dole si duramente – ca, s’io troppo tardo,…

Read More

Giacomino Pugliese, Lontano amore manda sospiri

Lontano amore manda sospiri, merzè cherendo inver l’amorusa, che falso non mi degia teniri, chè falsitate già non m’acusa; non ch’io fallasse lo suo fino amore, con gioi si dipartisse lo mio core per altra donna, ond’ella sia pensusa. Di ciò si ‘nganna, s’ell’à sospetto ca piacimento d’altra mi sia,…

Read More

Giacomino Pugliese, Donna, per vostro amore

Donna, per vostro amore [ora] trovo e rinovo mi’ coragio, chè tant’agio dimorato e dot[t]ato, stato muto ritenuto [ . . ] [ . . ] Per biasmo e per pavore de la gente già neiente non mi lasso e non casso li miei versi, li diversi rime dire. Voglio…

Read More

Federico II, Poi ch’a voi piace, amore

Poi ch’a voi piace, amore, che eo degia trovare, faronde mia possanza ch’io vegna a compimento. Dat’ agio lo meo core in voi, madonna, amare, e tutta mia speranza in vostro piacimento; e non mi partiragio da voi, donna valente, ch’eo v’amo dolzemente, e piace a voi ch’eo agia intendimento….

Read More

Pier delle Vigne, Amore, in cui disio ed ò speranza

Amore, in cui disio ed ò speranza di voi, bella, m’à dato guiderdone; guardomi infin che vegna la speranza, pur aspettando bon tempo e stagione; com’om ch’è in mare ed à spene di gire, quando vede lo tempo ed ello spanna e già mai la speranza no lo ‘nganna, così…

Read More

Rinaldo d’Aquino, Per fino amore vao sì letamente

Per fino amore vao sì letamente ch io non agio veduto omo che ‘n gioi mi possa aparigliare; e paremi che falli malamente omo c’à receputo ben da segnore e poi lo vol celare. Ma eo no lo celeragio com’altamente Amor m’à meritato, che m’à dato a servire a la…

Read More