Archivi tag: Belli

Francesco Petrarca – In tale stella duo belli occhi vidi

In tale stella duo belli occhi vidi,
tutti pien’ d’onestate et di dolcezza,
che presso a quei d’Amor leggiadri nidi
il mio cor lasso ogni altra vista sprezza.
Non si pareggi a lei qual piú s’aprezza,
in qual ch’etade, in quai che strani lidi:
non chi recò con sua vaga bellezza
in Grecia affanni, in Troia ultimi stridi;
no la bella romana che col ferro
apre il suo casto et disdegnoso petto;
non Polixena, Ysiphile et Argia.
Questa excellentia è gloria, s’i’ non erro,
grande a Natura, a me sommo diletto,
ma’ che vèn tardo, et sùbito va via.

Francesco Petrarca – Quando Amor i belli occhi a terra inchina

Quando Amor i belli occhi a terra inchina
e i vaghi spirti in un sospiro accoglie
co le sue mani, et poi in voce gli scioglie,
chiara, soave, angelica, divina,

sento far del mio cor dolce rapina,
et sí dentro cangiar penseri et voglie,
ch’i’ dico: Or fien di me l’ultime spoglie,
se ‘l ciel sí honesta morte mi destina.

Ma ‘l suon che di dolcezza i sensi lega
col gran desir d’udendo esser beata
l’anima al dipartir presta raffrena.

Cosí mi Continua la lettura di Francesco Petrarca – Quando Amor i belli occhi a terra inchina

Giosuè Carducci – E tu, venuto a’ belli anni ridenti

E tu, venuto a’ belli anni ridenti
Quando a la vita il cor piú si disserra.
Contendi al fato il prode animo, e in terra
Poni le membra di vigor fiorenti.

Ahi, ahi fratello mio! Deh, quanta guerra
Di mesti affetti e di pensier frementi
Te su gli occhi de’ tuoi dolci parenti
Spingeva ad affrettar pace sotterra!

Or teco posa il tuo dolor. Né il viso
Piú de la madre e non la donna cara
O il fratel giovinetto o Continua la lettura di Giosuè Carducci – E tu, venuto a’ belli anni ridenti

Giuseppe Gioachino Belli – Er ricordo – Er giorno che impiccorno Gammardella

Er giorno che impiccorno Gammardella
Io m’ero propio allora accresimato.
Me pare mó, ch’er zàntolo a mmercato
Me pagò un zartapicchio e ‘na sciammella.

Mi’ padre pijjò ppoi la carrettella,
Ma pprima vorze gode l’impiccato:
E mmie tieneva in arto inarberato
Discenno: “Va’ la forca cuant’è bbella!”.

Tutt’a un tempo ar pazziente mastro Titta
J’appoggiò un Continua la lettura di Giuseppe Gioachino Belli – Er ricordo – Er giorno che impiccorno Gammardella

Giuseppe Gioachino Belli – La Peracottara – Sto a ffà la caccia, caso che mmommone

Sto a ffà la caccia, caso che mmommone
Passassi pe dde cqua cquela pasciocca,
Che vva strillanno co ttanta de bbocca:
Sò ccanniti le pera cotte bbone.

Ché la voría schiaffà ddrento a ‘n portone
E ppo’ ingrufalla indove tocca, tocca;
Sibbè che mm’abbi ditto Delarocca,
C’ho la pulenta e mmó mme viè un tincone.

Continua la lettura di Giuseppe Gioachino Belli – La Peracottara – Sto a ffà la caccia, caso che mmommone

Giuseppe Gioachino Belli – L’Aducazzione – Fijjo, nun ribbartà mmai tata tua

Fijjo, nun ribbartà mmai tata tua:
Abbada a tté, nnun te fà mmette sotto.
Si cquarchiduno te viè a ddà un cazzotto,
Lí ccallo callo tu ddàjjene dua.

Si ppoi quarcantro porcaccio de ua
Te sce fascessi un po’ de predicotto,
Dijje: “De ste raggione io me ne fotto:
Iggnuno penzi a li fattacci sua”.
Continua la lettura di Giuseppe Gioachino Belli – L’Aducazzione – Fijjo, nun ribbartà mmai tata tua

Giuseppe Gioachino Belli – Pio Ottavo – Che ffior de Papa creeno! Accidenti!

Che ffior de Papa creeno! Accidenti!
Co rrispetto de lui pare er Cacamme.
Bbella galanteria da tate e mmamme
Pe ffà bbobo a li fijji impertinenti!

Ha un erpeto pe ttutto, nun tiè ddenti,
È gguercio, je strascineno le gamme,
Spènnola da una parte, e bbuggiaramme
Si arriva a ffà la pacchia a li parenti.

Continua la lettura di Giuseppe Gioachino Belli – Pio Ottavo – Che ffior de Papa creeno! Accidenti!

Giuseppe Gioachino Belli – Abbada a chi ppijji

Santi che vva a strillà cco la cariola
Nocchie rusicarelle e bbruscoletti,
Che jer l’antro sce diede li confetti
Pe avé ppresa la fijja de Sciriola;

Dio s’allarga, peddio, la fischiarola!,
Come vorze infroscià li vicoletti,
S’impiastrò immezzo a un lago de bbrodetti,
De cuelli che cce vò lla bbavarola.

Ecco cuer che succede a ttanti ggnocchi
Che nun zanno addistingue in ne l’erbajja
Le puntarelle mai da li mazzocchi.

Donna che smena er cul com’una cuajja,
Se mozzica li labbri, e svorta l’occhi,
Si pputtana nun è, ppoco la sbajja

Giuseppe Gioacchino Belli – Avvoi de sotto

S’aricconta c’un frate zzoccolante,
Grasso ppiù der compar de sant’Antonio,
Ner concrude una predica incarzante
Sull’obbrighi der zanto madrimonio,

Staccò er Cristo dar pùrpito e ggronnante
De sudore strillò ccom’un demonio:
“Eccolo, e vve lo dico a ttutte quante,
Eccolo su sta crosce er tistimonio.

Io mó lo tiro in testa inviperito
A cchi ss’è ppresa er ber gusto, s’è ppresa,
De temperà ppiù ppenne a ssu’ marito.”

A cquell’atto der frate ‘ggni miggnotta…
‘Ggni donna, vorzi dì, cche stava in chiesa,
Arzò le mano pe pparà la bbotta.

Giuseppe Gioachino Belli – Er bon Capo d’Anno

Bbon capo-d’ajjo a llei, sora Maria.
Nun c’è arisposta? e cche vvor dì? vve fanno?
Eh oggi s’ha da vive in alegria
E nnun pijjasse de ggnisun malanno.

Anzi, io volevo, per nun dì bbuscìa,
Che ffascessimo inzieme un contrabbanno;
Ché cquer che se fa oggi, sposa mia,
Poi se seguita a ffà ppe ttutto l’anno.

Tutti li gusti hanno da èsse a ccoppia
In sto ggiorno; e inzinenta in paradiso
Se dà a li santi la pietanza doppia.

E pperché er Papa ha mmesso er giubbileo?
Perché er bambin Gesù ss’è ccirconciso,
E ‘r fijjolo de Ddio s’è ffatto ebbreo.