Archivi tag: Berneri

Camillo Berneri – Umanesimo e Anarchismo – PDF

In Russia il bolscevismo ha rinnovato, in modo radicale e sistematico, i sistemi rappresentativi.

Il valore di tali riforme sorpassa i confini della rivoluzione russa e per l’influenza che esse hanno sul pensiero politico delle altre nazioni e per le loro origini ideologiche.

Il regime bolscevico è l’esperimento più pratico e più su vasta scala di quella democrazia integrale che ebbe per esponenti, fra i molti, Rittinghausen in Germania, Considerant e Leverdays in Francia.

Il regime dei Soviet è una derivazione dell’autonomia federalista ed è in antitesi con la tendenza accentratrice del socialismo di Stato: non è che un sistema politico le cui linee generali e fondamentali si trovano nei disegni politico-filosofici dei principali pensatori della Francia rivoluzionaria e democratica.

Camillo Berneri – Il peccato originale – PDF

“Dio, creatore dell’uomo, condanna la generazione, fonte degli esseri umani. Dio, che in Adamo crea il maschio, ed in Eva la femmina, condanna il maschio e la femmina che si fanno una sola carne nell’amplesso.
L’assurdo è patente.
Il finalismo, base della filosofia naturale della religione cristiana, è respinto.
Il pessimismo impegna l’idea ebraica del peccato originale, mito universale perchè universale è il dolore dell’uomo, che si domanda: è la vita un bene?”

Download (PDF, 403KB)

Carlo Berneri – Mussolini alla conquista delle Baleari – PDF

La grande importanza militare delle Baleari non era un elemento sufficientemente evidente e suggestivo per l’imperialismo italiano. Gli occorreva qualche cosa di più diretto, di più tangibile, di più seducente. E questo qualche cosa fu la bellezza dell’Arcipelago. Il cielo di un bleu profondo, le montagne scagliantesi in linee fini e nette, le coste sinuose, le acacie, i platani, i fichi, gli eucaliptus, gli ulivi ed i mandorli fiancheggianti le strade ora serpeggianti tra verdi campagne ora incastonate in valli ombrose, i cupi gruppi di cipressi contrastanti col fogliame verde pallido delle palme, i severi castelli e le casine civettuole, le cittadine piene di sorprese moresche, e gotiche, dalle vie strette, vie tortuose e dall’ombra rallegrata dai vivaci colori delle case, dalle voci sonore e dal meridionale gesticolìo degli abitanti, le barche dalla vela latina e le baie dalle acque di un bel bleu di oltremare, contrastante con la bruna severità delle scogliere. Tutto questo contrasto di linee aspre e tormentate e di dolcissime curve, di Africa e di Europa, di pace e di vita intensa, di antico fascino e di conforto modernissimo, di aridità e di fecondità, di sole africano e di ombra fresca e loquace di acque: quali formidabili mezzi di seduzione nelle mani della propaganda «navale».
All’imperialismo fascista non è sfuggito il valore e, per i suoi fini di rapina e di dominio, vuole avere la bellezza delle Baleari. Agli Argonauti affamati mostrò, in mancanza del petrolio, il vello d’oro di un paradiso terrestre. L’opulenta, sonora e vibrante Barcellona, furono il «quadro delle meraviglie», il piano di conquista della Spagna. Majorca, la regina delle Baleari, fu la preferita. I giornalisti asserviti al regime diventarono tutti dei Bernardin de St. Pierre per incastonare la «perla del Mediterraneo», l’isola dorata degli antichi poeti.

Download (PDF, 244KB)

Camillo Berneri – Il lavoro attraente – PDF

Quando lessi su «La lotta umana», rassegna anarchica che Luigi Fabbri diresse in Parigi, un accurato, acuto ed organico studio di Torquato Gobbi sul problema della Razionalizzazione del Lavoro, avrei voluto essere in condizioni di ristamparlo in opuscolo. E sarei felice di veder pubblicata la traduzione italiana del «Desarollo del Trabajo Humano» del prof. Nicolai, nonchè altre monografie di parte nostra, o alle nostre idee inspirantesi, che trattano del lavoro in rapporto all’uomo.
In questa vigilia di cataclismi sociali e fra tanto imperversare di socialismo statolatra, di comunismo autoritario e semplicismo economicista, sarebbe compito specifico degli anarchici porre in termini concreti e chiari il problema della disciplina del lavoro; problema che, come qualsiasi altro problema sociale, va aggiornato in base alle nuove tendenze tecniche, alle nuove esperienze economiche, fisiologiche e psicologiche, nonchè ai problemi che si vanno man mano affacciando in seguito a questa o quella corrente determinatasi in seno al proletariato industriale.
Bisogna che l’Anarchismo precisi, fisse restando le grandi linee tendenziali e le finalità ultime, i mezzi e i metodi del suo divenire come ordine nuovo. Quale attività più universale del lavoro? Quale problema più vasto e più ricco di interferenze con tutti gli altri problemi di quello del lavoro? Leggi economiche, leggi fisiologiche, leggi psichiche: quasi tutta la società e quasi tutto l’uomo sono in gioco in quest’attività, che ancor oggi è una pena, ma che domani diventerà la suprema delle dignità umane.

Download (PDF, 170KB)

Camillo Berneri – Il federalismo libertario – PDF

In Russia il bolscevismo ha rinnovato, in modo radicale e sistematico, i sistemi rappresentativi. Il valore di tali riforme sorpassa i confini della rivoluzione russa e per l’influenza che esse hanno sul pensiero politico delle altre nazioni e per le loro origini ideologiche. Il regime bolscevico è l’esperimento più pratico e più su vasta scala di quella democrazia integrale che ebbe per esponenti, fra i molti, Rittinghausen in Germania, Considerant e Leverdays in Francia. Il regime dei Soviet è una derivazione dell’autonomia federalista ed è in antitesi con la tendenza accentratrice del socialismo di Stato: non è che un sistema politico le cui linee generali e fondamentali si trovano nei disegni politico-filosofici dei principali pensatori della Francia rivoluzionaria e democratica.

Download (PDF, 761KB)

Camillo Berneri – L’emancipazione della donna (considerazioni di un anarchico) – PDF

Download (PDF, 196KB)

PREFAZIONE

Vi sono dei libri classici sul problema dell’emancipazione della donna, e queste poche e modeste pagine potranno apparire inutili di fronte alle moltissime dotte, acute, brillanti. Invece non sono, chè mi rivolgo al pubblico che non legge libri in biblioteca e non compera libri che costano più di dieci lire. La mia, inoltre, non è una semplice volgarizzazione. Se non è una battaglia, è almeno una scaramuccia, contro i chiacchieroni della emancipazione femminile e contro le virago. Continua la lettura di Camillo Berneri – L’emancipazione della donna (considerazioni di un anarchico) – PDF