Archivi tag: Chi

Gaspara Stampa – Chi può contar il mio felice stato

Chi può contar il mio felice stato,
l’alta mia gioia e gli alti miei diletti?
O un di que’ del ciel angeli eletti,
o altro amante che l’abbia provato.
Io mi sto sempre al mio signor a lato,
godo il lampo degli occhi e ‘l suon dei detti,
vivomi de’ divini alti concetti,
ch’escon da tanto ingegno e sì pregiato.
Io mi miro sovente il suo bel viso,
e mirando mi par veder insieme
tutta la gloria e ‘l ben del paradiso.
Quel che sol turba in parte la mia speme,
è ‘l timor che da me non sia diviso;
ché ‘l vorrei meco fin a l’ore estreme.

Mazzeo di Ricco, Chi conoscesse sì la sua fallanza

Chi conoscesse sì la sua fallanza
com’om conosce l’altrui fallimento
di mal dire d’altrui avria dottanza
per la pesanza del su’ mancamento.
Ma per lo corso de la iniqua usanza
ogn’om si cred’esser di valimento,
e tal omo è tenuto in dispregianza
che spregia altrui, ma non sa zo ch’i’ sento.
Però vor[r]ia che fosse distinato
che ciascun conoscesse il so onore
e ‘l disinore e ‘l pregio e la vergogna.
Talotta si commette tal peccato
che, s’omo conoscesse il so valore,
di dicer mal d’altrui non avria sogna.

Guittone d’Arezzo, Chi pote departire

Chi pote departire
d’esto secol malvagio el suo talento,
ahi, come grand’è lui bona ventura!
Ché tutto e’ de’ fallire,
e quello che ci ha più di tenimento
più tene in sé d’affanno e di rancura;
e ciascun om per sé pote vedere
che noia e despiacere
sosteneci più ch’agio o che piagenza;
e non già mai potenza
aver poria la lingua a divisare
la noia e lo penare,
ma divisar la gioi leggera è cosa,
poi vedemo che tutta a nòi reposa.
Ma quei, che ‘n Dio servire
hanno locato loro intendimento,
son partuti d’affanno e da paura.
Ben molti usan a dire
ch’angosciosa e di grande increscimento
sia quella vita che per lor si dura,
ma pare a me ched e’ hon van parere,
ché tanto de piacere
grazia divina dona e loro agenza,
ch’è lor di ciò guerenza,
e face lor parer gioia ‘l penare;
e lo dolze sperare,
che ‘l guiderdon del bon servir lor cosa,
fa sempre star la lor vita gioiosa.
Già non hanno a fornire
de secular misteri, unde tormento
crudele e duro segue e ven tuttora,
ché catuno a venire
se pena a ciò che paghi el suo talento,
e con più ci ha d’aver, più ci ha rancura;
ché non li pagheria el suo volere
chi li desse ‘n podere
lo mondo tutto a tutta sua piagenza:
sempre averia voglienza,
che lo faria languire e tormentare.
Così già mai posare
non po la mente, tant’è tempestosa,
da poi ch’è d’esto secol disiosa.
Sempre hanno a possedere
quelli che servon Dio più piacimento
e di travaglio meno e di bruttura;
ma se quanto vedere
po l’omo ad esto secol di tormento
sostenesser servendo a fede pura,
sì fora mei più ch’eo non porea dire;
che non serebbe avere
quantunque ha d’esto secol di piagenza
for la Dio benvoglienza;
perch’è cosa che poco ave a durare,
e poi lo tormentare
dura mai sempre, ché fallir non osa;
né dei servi de Dio gioi dilettosa.
Donque pon ben vedire
quelli che mondan hanno intendimento
che troppo ha li ‘n poder mala natura.
Qui hanno a sostenere
poco molto di bene a gran tormento;
apresso pon vedir s’hon aventura
di perder quel riccor, lo cui valere
non se poria mai dire,
e dura tutto tempo for fallenza.
E là du’ no guerenza
poranno aver di sempre tormentare,
li converrà regnare.
Ahi, Deo, como mi sembra fera cosa
fuggir lo bene e fare al mal reposa!
Ser Orlando da Chiusi,
sì vi tene avere,
che non partite fior di sua piagenza:
perch’agiate parvenza
vi face el mondo e Dio sempre portare,
e a ciascuno dare
sua parte e sua bastanza in onni cosa,
perch’al piacer ben de ciascun vi posa.

Guittone d’Arezzo, Vegna, – vegna – chi vole giocundare

Vegna, – vegna – chi vole giocundare,
e a la danza se tegna.
Vegna, vegna, giocundi e gioi[a] faccia
chi ama Te, da cui sol’ onni gioia;
e chi non T’ama, Amor, non aggia faccia
di giocundare in matera de noia.
Degna, – degna; – non pò che reo portare
chi Te, gioioso, disdegna.
No è mai gioia né solaccio vero
che’n Te amar, Gesù sponso meo caro:
tant’ amabel se’ tutto e piacentero,
dolc’ è Tec’ onni dolce e onni amaro.
Tegna, – tegna – lo core in Te amare,
sì che tutt’altro disdegna.
Profet’e santi invitan noi, Amore,
che ‘n allegranza Te dovemo amare,
e cantar canti e inni in Tuo lausore
und’onni lauda e onni gloria pare.
Stregna, – stregna – Amor noi sempre fare
ciò che d[e]ritto n’asegna.
O vita vital per cui eo vivo,
for cui vivendo moro e vivo a morte,
e gaudio per cui gaudo e son gioivo,
for cui gaudendo onni dolor mi sorte,
degna, – degna – la mia alma sponsare
e farlaTe tutta degna.
O vero gaudio del mio spirto, gauda
con tutto piacer di Te l’alma mia,
sì che Tuo viso veggia e Tua voce auda
loco ‘ve gaudio tutto eternal sia.
Regna, – regna – in me sì, che regnare
mi faccia com’ giusto regna.
Or venite, venite e giocundate,
sponse del mio Signore e donne mie,
e de tutt’allegrezza v’allegrate,
amando Lui de pur cor ciascun die.
Sdegna, – sdegna – bon cor ciò che non pare
‘al suo Segnor ben s’avegna.
Tegna, – tegna, chi cher pene, penare,
e a Tua danza non vegna.

Olindo Guerrini – Triste chi errando in quella notte cieca

…..Così nel mondo
Sua ventura ha ciascun dal dì che nasce
PETRARCA.

Triste chi errando in quella notte cieca
Col terror dell’ignoto alle calcagna
Per queste selve, udì strider la bieca
Voce del gufo ed ulular la cagna.

Tutti i fantasmi che la notte arreca
Sceser qui tutti, e dalla sua montagna
Solo il cupo ladron che al giorno impreca
Non calò quella notte alla campagna.

Come nembo di furie agitatrici
De’ satanici amplessi al rito immondo
Sceser le streghe dalle lor pendici.

Triste colui che in quel terror profondo
Trasse della sua vita i primi auspici!
In quella notte io son venuto al mondo.

Vittoria Colonna – Chi può troncar quel laccio che m’avvinse

Chi può troncar quel laccio che m’avvinse,
Se ragion diè lo stame, amor l’avvolse,
Nè sdegno il rallentò, nè morte il sciolse,
La fede l’annodò, tempo lo strinse?
Chi ‘l fuoco spegnerà che l’alma cinse,
Che non pur mai di tanto ardor si dolse,
Ma ognor più lieta a grande onor sì tolse,
Che nè sospir nè lagrimar l’estinse?
Il mio bel sol, poi che dalla sua spoglia
Volò lontano, dal beato regno
M’accende ancora e lega e in cotal modo,
Che accampando fortuna, forza e ingegno,
Mai cangeranno in me pensieri o voglia;
Sì m’è soave il foco, e caro il nodo!

Francesco Petrarca – In quel bel viso ch’i’ sospiro et bramo

In quel bel viso ch’i’ sospiro et bramo,
fermi eran gli occhi desïosi e ‘ntensi,
quando Amor porse, quasi a dir «che pensi?»,
quella honorata man che second’amo.

Il cor, preso ivi come pesce a l’amo,
onde a ben far per vivo exempio viensi,
al ver non volse li occupati sensi,
o come novo augello al visco in ramo.
Ma la vista, privata del suo obiecto,
quasi sognando si facea far via,
senza la qual è ‘l suo bene imperfecto.
L’alma tra l’una et l’altra gloria mia,
qual celeste non so novo dilecto
et qual strania dolcezza si sentia.

Francesco Petrarca – Chi vuol veder quantunque pò Natura

Chi vuol veder quantunque pò Natura
e ‘l Ciel tra noi, venga a mirar costei,
ch’è sola un sol, non pur a li occhi mei,
ma al mondo cieco, che vertú non cura;
et venga tosto, perché Morte fura
prima i migliori, et lascia star i rei:
questa aspettata al regno delli dèi
cosa bella mortal passa, et non dura.
Vedrà, s’arriva a tempo, ogni vertute,
ogni bellezza, ogni real costume
giunti in un corpo con mirabil’ tempre:
allor dirà che mie rime son mute,
l’ingegno offeso dal soverchio lume;
ma se piú tarda, avrà da pianger sempre.

Francesco Petrarca – Ove ch’i’ posi gli occhi lassi o giri

Ove ch’i’ posi gli occhi lassi o giri
per quetar la vaghezza che gli spinge,
trovo chi bella donna ivi depinge
per far sempre mai verdi i miei desiri.

Con leggiadro dolor par ch’ella spiri
alta pietà che gentil core stringe:
oltra la vista, agli orecchi orna e ‘nfinge
sue voci vive et suoi sancti sospiri.

Amor e ‘l ver fur meco a dir che quelle
ch’i’ vidi, eran bellezze al mondo sole,
mai non vedute piú sotto le stelle.

Né sí Continua la lettura di Francesco Petrarca – Ove ch’i’ posi gli occhi lassi o giri