Archivi tag: CON

Luria, Max Aaron, 1891-;Wilkins, Lawrence A. (Lawrence Augustus) – Lecturas fáciles con ejercicios

EText-No. 24250
Title: Lecturas fáciles con ejercicios
Author: Luria, Max Aaron, 1891-;Wilkins, Lawrence A. (Lawrence Augustus), 1878-
Language: Spanish
Link: cache/generated/24250/pg24250.epub
Link: cache/generated/24250/pg24250-images.epub

EText-No. 24250
Title: Lecturas fáciles con ejercicios
Author: Luria, Max Aaron, 1891-;Wilkins, Lawrence A. (Lawrence Augustus), 1878-
Language: Spanish
Link: 2/4/2/5/24250/24250-h/24250-h.htm

EText-No. 24250
Title: Lecturas fáciles con ejercicios
Author: Luria, Max Aaron, 1891-;Wilkins, Lawrence A. (Lawrence Augustus), 1878-
Language: Spanish
Link: cache/generated/24250/pg24250-images.mobi
Link: cache/generated/24250/pg24250.mobi

EText-No. 24250
Title: Lecturas fáciles con ejercicios
Author: Luria, Max Aaron, 1891-;Wilkins, Lawrence A. (Lawrence Augustus), 1878-
Language: Spanish
Link: 2/4/2/5/24250/24250-8.txt
Link: cache/generated/24250/pg24250.txt.utf8

EText-No. 24250
Title: Lecturas fáciles con ejercicios
Author: Luria, Max Aaron, 1891-;Wilkins, Lawrence A. (Lawrence Augustus), 1878-
Language: Spanish
Link: 2/4/2/5/24250/24250-h.zip

EText-No. 24250
Title: Lecturas fáciles con ejercicios
Author: Luria, Max Aaron, 1891-;Wilkins, Lawrence A. (Lawrence Augustus), 1878-
Language: Spanish
Link: 2/4/2/5/24250/24250-8.zip

Balagtas, Francisco – Versión castellana del poema tagalo con un ensayo crítico

EText-No. 15531
Title: Florante – Versión castellana del poema tagalo con un ensayo crítico
Author: Balagtas, Francisco, 1788-1862
Language: Spanish
Link: cache/generated/15531/pg15531.epub
Link: cache/generated/15531/pg15531-images.epub

EText-No. 15531
Title: Florante – Versión castellana del poema tagalo con un ensayo crítico
Author: Balagtas, Francisco, 1788-1862
Language: Spanish
Link: 1/5/5/3/15531/15531-h/15531-h.htm

EText-No. 15531
Title: Florante – Versión castellana del poema tagalo con un ensayo crítico
Author: Balagtas, Francisco, 1788-1862
Language: Spanish
Link: cache/generated/15531/pg15531-images.mobi
Link: cache/generated/15531/pg15531.mobi

EText-No. 15531
Title: Florante – Versión castellana del poema tagalo con un ensayo crítico
Author: Balagtas, Francisco, 1788-1862
Language: Spanish
Link: 1/5/5/3/15531/15531-8.txt
Link: cache/generated/15531/pg15531.txt.utf8

EText-No. 15531
Title: Florante – Versión castellana del poema tagalo con un ensayo crítico
Author: Balagtas, Francisco, 1788-1862
Language: Spanish
Link: 1/5/5/3/15531/15531-h.zip

EText-No. 15531
Title: Florante – Versión castellana del poema tagalo con un ensayo crítico
Author: Balagtas, Francisco, 1788-1862
Language: Spanish
Link: 1/5/5/3/15531/15531-8.zip

Ernesto Pozzi – Mentana e il dito di Dio – Episodi narrati dal superstite Ettore Pozzi – Seconda – edizione, con importanti aggiunte fatte dall’Autore

EText-No. 25197
Title: Mentana e il dito di Dio – Episodi narrati dal superstite Ettore Pozzi – Seconda – edizione, con importanti aggiunte fatte dall’Autore
Author: Pozzi, Ernesto;1843;Pozzi, Ettore;1904
Language: Italian
Link: cache/generated/25197/pg25197.epub

EText-No. 25197
Title: Mentana e il dito di Dio – Episodi narrati dal superstite Ettore Pozzi – Seconda – edizione, con importanti aggiunte fatte dall’Autore
Author: Pozzi, Ernesto;1843;Pozzi, Ettore;1904
Language: Italian
Link: cache/generated/25197/pg25197.html.utf8

EText-No. 25197
Title: Mentana e il dito di Dio – Episodi narrati dal superstite Ettore Pozzi – Seconda – edizione, con importanti aggiunte fatte dall’Autore
Author: Pozzi, Ernesto;1843;Pozzi, Ettore;1904
Language: Italian
Link: cache/generated/25197/pg25197.mobi

EText-No. 25197
Title: Mentana e il dito di Dio – Episodi narrati dal superstite Ettore Pozzi – Seconda – edizione, con importanti aggiunte fatte dall’Autore
Author: Pozzi, Ernesto;1843;Pozzi, Ettore;1904
Language: Italian
Link: cache/generated/25197/pg25197.txt.utf8

EText-No. 25197
Title: Mentana e il dito di Dio – Episodi narrati dal superstite Ettore Pozzi – Seconda – edizione, con importanti aggiunte fatte dall’Autore
Author: Pozzi, Ernesto;1843;Pozzi, Ettore;1904
Language: Italian
Link: 2/5/1/9/25197/25197-8.zip

Fray Luis de León – Agora con la aurora se levanta

Agora con la aurora se levanta
mi Luz; agora coge en rico nudo
el hermoso cabello; agora el crudo
pecho ciñe con oro, y la garganta;

agora vuelta al cielo, pura y santa,
las manos y ojos bellos alza, y pudo
dolerse agora de mi mal agudo;
agora incomparable tañe y canta.

Ansí digo y, del dulce error llevado,
presente ante mis ojos la imagino,
y lleno de humildad y amor la adoro;

mas luego vuelve en sí el engañado
ánimo, y conociendo el desatino,
la rienda suelta largamente al lloro.

Inghilfredi, Dogliosamente e con gran malenanza

Dogliosamente e con gran malenanza
conven chio canti e mostri mia grameza,
ca per servire sono in disperanza:
la mia fede m’à tolta l’allegreza.
Però di canto non posso partire,
poi c’a la morte mi vado ap[p]ressando,
sì come il ciecen, che more in cantando,
la mia vita si parte e vo morire.
Partomi da sollazo e d’ogne gioco
e ciascun altro faccia a mia parvenza,
ca dentro l’aigua m’à abrusciato il foco,
mia sicurtate m’à dato spavenza.
Fui miso in gioco e frastenuto in pianto
sì falsamente mi ‘ngannò lo sguardo,
sì come a lo leone lo leupardo,
c’a tradimento li leva l’amanto.
Per tradimento sono dismarruto,
del qual null’omo potesi guardare
e son sì preso e sì forte feruto,
c’agio dottanza di poter campare,
poi che le pia[c]que a quella c’à in podere
la rota di fortuna permutare;
però le piaccia di me rallegrare;
cui à saglito, faccialo cadere.
Faccia in tal guisa che naturalmente
vadan le doglie che ò non pe[r] rasone,
ca non è gioco d’essere servente
a chi è meno di sua condizione.
E rason porta di punir li mali;
però si guardi chi mi tene a dura,
che la pantera à in sè ben tal natura,
c’a la sua lena tragon li animali.
S’eo trago a voi, non vo’ più star tardando,
ched io non saccia in che guisa mi provo;
ardo, consumo e struggo pur pensando
com’ son caduto e unde e com’ mi trovo.
Però ciascun faccia di sè mutanza
ed agia in sè fermanza e novo core;
lo fenix arde e rinova megliore;
non dotti l’om penar per meglioranza.
Però la sesta facc[i]a movimento,
ancor che paia altrui disordinato,
e facc[i]a mostra per avedimento
che ciascun guardi chi siede in mio stato;
chè ciascun d’alto potesi bassare,
se regimento non à chi ‘l difenda;
lo leofante null’omo riprenda,
se, quando cade, non si può levare.

Filippo da Messina, Oi Siri Deo, con forte fu lo punto

[O]i Siri Deo, con forte fu lo punto
che gli oc[c]hi tuoi, madonna, isguardai, lasso!
chè sì son preso e da vostr’amor punto,
ch’amor d’ogn’altra donna per voi lasso.
Non fino di penare uno [sol] punto,
per omo morto a voi, donna, mi lasso,
non sono meo quanto d’un ago punto:
se mi disdegni, be[n] moragio, lasso!
Poi non son meo ma vostro, amor meo fino,
preso m’avete como Alena Pari,
e non amò Tristano tanto Isolda
quant’amo voi, per cui penar non fino;
oi rosa fresca che di magio apari,
merzè vi chiamo: lo meo male solda.

Pier delle Vigne, Amando con fin core e co speranza

Amando con fin core e co speranza,
di grande gioi fidanza
dona[o]mi Amor piu ch’eo non meritai,
che mi ‘nalzao coralmente d’amanza
da la cui rimembranza
lo meo coragio non diparto mai;
e non por[r]ia partire
per tutto il meo volire,
sì m’è sua figura al core impressa,
ancor mi sia partente
da lei corporalmente,
la morte amara, crudele ed ingressa.
La morte m’este amara, che l’amore
mut[a]omi in amarore;
crudele, chè punio senza penzare
la sublimata stella de l’albore
senza colpa a tuttore
per cui servire mi credea salvare.
Ingressa m’è la morte
per afretosa sorte,
non aspettando fine naturale
di quella in cui natura
mise tutta misura
for che termin di morte corporale.
Per tal termino mi compiango e doglio,
perdo gioia e mi sfoglio
quando [di] sua conteza mi rimembra
di quella ch’io amare e servir soglio.
Di ciò viver non voglio
ma dipartire l’alma da le membra;
e faria ciò ch’eo dico,
se non c’a lo nemico
che m’à tolta madonna placeria:
ciò è la morte fera,
che non guarda cui fera,
per lei podire aucire eo moriria.
No la posso [a]ucire, nè vengiamento
prendere al meo talento,
più che darmi conforto e bona voglia;
ancora non mi sia a piacimento
alcun confortamento,
tanto conforto ch’io vivo in doglia.
Dunqua vivendo eo
ve[n]gio del danno meo
servendo Amor cui la morte fa guerra,
e[d] a lui serviragio
mentre ch’eo viveragio;
in suo dimin rimembranza mi ser[r]a.
Rimembranza mi ser[r]a in suo dimino,
und’e[o] ver lui mi ‘nchino,
merzè chiamando [a] Amore che mi vaglia.
Vagliami Amore per cui non rifino,
ma senza spene afino,
c’a lui servendo gioi m’è la travaglia;
donimi alcuna spene;
ma di cui mi sovene
non voi’ che men per morte mi sovegna,
di quella in cui for mise
tutte conteze assise,
senza la quale Amore in me non regna.

Guittone d’Arezzo, Ahi! con mi dol vedere omo valente

Ahi! con mi dol vedere omo valente
star misagiato e povero d’avere,
e lo malvagio e vile esser manente,
regnare a benenanza ed a piacere;
e donna pro corsese e canoscente
ch’è laida sì, che vive in dispiacere;
e quella ch’ha bieltà dolze e piagente,
villana ed orgogliosa for savere.
Ma lo dolor di voi, donna, m’amorta,
ché bella e fella assai più ch’altra sete,
e più di voi mi ten prode e dannaggio.
Oh, che mal aggia il die che voi fu porta
sì gran bieltà, ch’altrui ne confondete,
tanto è duro e fellon vostro coraggio!

Guittone d’Arezzo, O cari frati miei, con malamente

O cari frati miei, con malamente
bendata hane la mente
nostro peccato e tolto hane ragione!
E certo apresso ciò per gran neiente
no nd’apella om giomente,
ché d’omo non avem più che fazone.
Che se descrezione,
arbitro, poder, cor, senno e vertute
noi fue dato in salute,
a nostra dannazion lo convertemo;
ché tutto adessa avemo
fatta descrezion, malvagio ingegno,
arbitro, servo di peccato tutto,
defensore e sostegno
e campion di disragion, podere,
cor che contra piacere
ha tutte cose oneste e graziose
ed ha per dilettose
quelle tutte che legge e Dio disdegna,
e saver che disensegna
dritto, Dio, e malvagità n’aprende,
vertù, ch’ogne vertù pena dar sotto
e vizi cria e in poder li stende.
Demonio a Dio e corpo ad alma avemo
e lo secol tenemo
patria propia, somma, eternale.
E ciò è, lassi! , unde bendati semo,
per che ciascuno remo
tenem, vogando quanto potem ver male.
Or chi è ora leale,
chi fedel, chi benigno, chi cortese
non m’è certo palese;
ma chi è malvagio e chi galeadore
e chi per disamore
e per malvagità e falseza ingegna
amico o frate, veggione a comuno.
E quel per maggior regna
e maggiormente orrato e pro è fatto,
che mei sa di baratto,
treccando e galeando ad ogne mano;
e se soave e piano
umile Dio temendo alcun se trova
che non baratto mova,
misero, vile, codardo è tenuto;
per che d’offender lui vago è catuno,
e soi vicin tutti peten trebuto.
Ma non galea alcun tanto, né mira,
né davante se tira,
non segualo penser noia ed affanno:
soperbia, cupidezza, invidia e ira
tanto no volle e gira,
che nostre menti poso alcun non hanno.
Vergogna porta e danno
e travaglio vi ha più chi più ci tene,
e mal vi ha più che bene
chi più ci ha di piacere e men di noia;
ch’onne mondana gioia,
tarda, corta, leggera, è de nòi mesta;
la fine, u’ pende tutto, è sola doglia.
Ma noia è sempre presta,
lunga, grave, e sol ha fine a morte!
Ov’è solazo in corte,
u’ poso in zambra, u’ loco, u’ condizione,
ove, quando stagione,
dove puro piacer paresse un punto?
Legno quasi digiunto
è nostro core in mar d’ogne tempesta,
ove pur fugge porto e chere scoglia,
e di correr ver morte ora non resta.
O struggitor di noi, se qui è gravezza,
ov’è donqua allegrezza
Forse ‘n inferno, ove corremo a prova?
E siem più stolti ch’apellam stoltezza,
se de tanta mattezza
alcun si parte, poi verità ritrova;
e mirabile e nova
cosa tenem no chi mai fa, ma bene;
ed entra gli altri mene
biasmato e crociato avete, poi
Dio mi partì da voi;
e dove più d’onor degno m’ha fatto
esso meo car Segnor, la sua merzede,
più me biasmate matto,
dicendo pertenevame gaudere,
poi tempo, agio, podere
e bella donna e piacentera avia;
e ch’è grande villia
e fera crudeltà disnaturata,
la qual non fu trovata
in fera alcuna, und’om parlasse mai,
ch’abandoni figliuol che picciol vede,
com’io tre picciolelli abandonai.
Or come potev’io, matti, gaudere
ov’è gran despiacere?
Oltra ch’io dissi: Chi meglio adimora?
Non tempo, non loco, non podere,
né mia donna in piacere
mi fue giorno già mai tanto quanto ora,
ch’onne soperchia cura,
unde non posa voi corpo né core,
mi tolle el meo segnore.
Und’eo mi gaudo quasi; e se per questo
eternal vita acquisto,
sì gran mercato mai non fue veduto.
Ben agia chi noi pria chiamò gaudenti,
ch’ogn’omo a Dio renduto
lo più diritto nome è lui gaudente;
ché qual più aspramente
religione porta, ha più dolzore
d’ogne mondan segnore,
s’è di spirito bon, ché contra voglia
ogni dolcezza è doglia.
Non io, ma voi donqu’ai figliuoli spietosi,
procacciandoi languire infra i languenti,
ed eo li mei gaudere infra i gaudiosi!
Ora s’eo fosse a mia guisa segnore
d’ogne terren riccore,
giovane sempre e deretano in vita,
ed albergasse solo nel meo core
tutto mondan dolzore,
e ogne noia da me fosse partita
come cosa fallita,
e fosser fatte a lo piacer meo fine
figlie e moglier reine
e tutti re i figliuoi, sì mi seria
oltra pensier mattia
non tutto abandonar ciò, Dio seguendo;
ché, solo, in gran diserto, ognunque pena
per lo meo Dio soffrendo,
vale meglio. Non tale bene vale
quanto ben ver ver male?
Primo: ben temporal val men che neente,
ver ben che non dismente;
secondo: ben terreno è fastidioso
ver ben divin gioioso;
terzo: ben ch’ha mal fine è di mal peggio,
e mal che tolle peggio e ben ch’a meglio mena,
sommo, eternal ben chiamar lo deggio.
O caro segnor meo e dibonare,
como m’osa blasmare
alcun, se m’ho donato te seguire?
Tanto m’hai fatto e fai e mi dei fare,
nol porea meritare,
se mi seguisse ogn’omo in te servire.
O che mert’ho, bei sire,
che, pria che ‘l mondo formassi, m’amasti?
ed apresso creasti
non fera già, ma omo razionale;
e non di popol tale,
che non conosca te, ma di tua gente.
Creato m’allevasti ed allevato
fuite contra a presente:
tu corpo ed alma in terra e in mare spesso
mi defendesti d’esso;
chi t’è contra seguiva ed altro tutto;
e m’hai di loco brutto
e tempestoso dato agiato e santo;
faimi gioioso manto,
e parti a grado tuo de tutto rio,
e di’ me coronare e far beato
ed in eterno empiermi onne desio.
O vengiator di mia onta, o ventore
d’onne meo percussore,
o ver soccorso a tutti miei bisogni,
pur non de te me slogni,
ferro, foco, infermitate, affanno,
omo, fera, demonio o cosa quale
tener poreami danno?
Nulla certo: ma prod’è in te durando.
Ma io solo peccando
mi posso corpo ed alma aucider leve;
ché dove mal m’è greve
e bene rende me picciol savore,
non è che poco amore.
Languendo gauderea, como gaudea
in fede intera ed in amor corale
Lorenzo al foco ed alla croce Andrea.
Capitano d’Arezzo Tarlato,
non te mirar montato:
te smonti già, ché valle han tutti i monti,
sì come in plusor ponti
tu medesmo n’hai saggio alcuno fatto.
Ned obriar che d’ogne monte el sommo
è sempre istremo e ratto,
e che finghiosi e pien d’oncin son valli
e li plusor for calli.
Ahi, che laid’è di gran monte avallare
e nel valle afondare:
nel valle d’ogne valle ed eternale
sentina a tutto male;
e che bell’è d’esti monti salire
in quel monte eternal d’ogne ben sommo,
e d’esta vita vil grande partire!