Archivi tag: cor

Vittoria Colonna – Quanta invidia al mio cor, felici e rare – ARGOMENTO. Invidia la sorte dei genitori di Francesco Molza, che morirono nel giorno istesso.

Quanta invidia al mio cor, felici e rare
Anime, porge il vostro ardente e forte
Nodo, che l’ultime ore a voi di morte
Fe dolci che son sempre agli altri amare!
Non furo ai bei desir le parche avare
In filar nè più lunghe nè più corte
Le vostre vite; ond’or con egual sorte
Sete vive nel ciel, nel mondo chiare.
Se ‘l fuoco sol d’amor legar può tanto
Due voglie, or quanto a voi natura e amore,
I corpi quella e questo l’alme cinse
D’immortal fiamma? Oh benedette l’ore
Del viver vostro! e più quel lume santo
Che sì bel nodo indissolubil strinse!

2 Views

Jacopo d’Aquino, Al cor m’è nato e prende uno disio

Al cor m’è nato e prende uno disio
d’amar, che m’à sì lungiamente priso
e sì mi stringe forte ch’io non crio
che d’altr’amor mi piacc[i]a gioi nè riso.
Vaio nè griso, – nè nulla gioi che sia
io non vor[r]ia,
nè signoria,
ma tut[t]avia – veder lo bello viso.
Così m’afina Amore, che m’à tolto
core e disio e tut[t]a la mia mente,
e d’altra donna amar non sono ac[c]orto,
che tanto si’ amorosa nè piacente;
non m’è neente – sed io son d’altr’amato,
o disïato;
ben l’ò provato,
mentr’io son stato – lontan da la più gente.
Ancor ch’io sia lontano in altra parte,
là ‘v’unque io vado il suo amar mi mantene
e già mai dal mio core non si parte,
nè altra donna amar non mi sovene;
per zo m’avene – ca, s’io sogno la vio,
dormo e donnio,
vegliar mi crio,
mai non disio – d’aver null’altro bene.
Membrandomi la sua ciera piagente,
veder la creo tut[t]a per sembianti
com’om c’a lo spec[c]hiare tene mente;
così mi pare ch’io l’agia davanti,
poi sono tanti – li sospiri, membrando,
pur aspettando
e disïando
di veder quando – io l’agia [ a me ] davanti.

1 Views

Vittoria Colonna – Quanto s’interna al cor più d’anno in anno

Quanto s’interna al cor più d’anno in anno
Quest’antica mia piaga, men m’offende;
Già mi tolse la pace, or me la rende
Quel bel principio ch’è rimedio e danno.
L’alta fatica sua, l’utile inganno
Invaghisce più ognor l’alma, che attende
Solo a seguirlo; e dell’error ch’intende
S’appaga e vive lieta in dolce affanno.
E la ragion che prima il duol raffrena
E lega i sensi poi, fa ch’ella sciolta
Vola con l’alto mio pensiero insieme.
E mentre in grembo a lor sen va raccolta
Il mortal peso lei sì poco preme,
Che se durasse, io sarei fuor di pena.

5 Views

Francesco Petrarca – Mira quel colle, o stanco mio cor vago

– Mira quel colle, o stanco mio cor vago:
ivi lasciammo ier lei, ch’alcun tempo ebbe
qualche cura di noi, et le ne ‘ncrebbe,
or vorria trar de li occhi nostri un lago.
Torna tu in là, ch’io d’esser sol m’appago;
tenta se forse anchor tempo sarebbe
da scemar nostro duol, che ‘nfin qui crebbe,
o del mio mal participe et presago.
– Or tu ch’ài posto te stesso in oblio
et parli al cor pur come e’ fusse or teco,
miser, et pien di pensier’ vani et sciocchi!
ch’al dipartir dal tuo sommo desio
tu te n’andasti, e’ si rimase seco,
et si nascose dentro a’ suoi belli occhi.

0 Views

Gaspara Stampa – Questo aspro conte, un cor d’orsa e di tigre

Questo aspro conte, un cor d’orsa e di tigre,
che ‘n così vago e mansueto aspetto
per forza di valor e d’intelletto
a la strada di gloria par che migre,
non so per qual cagion guasti e denigre,
col mancarmi di fé, sì degno effetto,
e l’ali di sua fama col difetto
d’infedeltà renda restive e pigre.
Almen gli foss’io presso, onde potessi
dimostrargli il suo fallo e ‘l dolor mio,
sì che fido e pietoso lo facessi!
Ma i’ son qui, Continua la lettura di Gaspara Stampa – Questo aspro conte, un cor d’orsa e di tigre

0 Views

Francesco Petrarca – Questa humil fera, un cor di tigre o d’orsa

Questa humil fera, un cor di tigre o d’orsa,
che ‘n vista humana e ‘n forma d’angel vène,
in riso e ‘n pianto, fra paura et spene
mi rota sí ch’ogni mio stato inforsa.

Se ‘n breve non m’accoglie o non mi smorsa,
ma pur come suol far tra due mi tene,
per quel ch’io sento al cor gir fra le vene
dolce veneno, Amor, mia vita è corsa.

Non pò piú la vertú fragile et stanca
tante varïetati omai Continua la lettura di Francesco Petrarca – Questa humil fera, un cor di tigre o d’orsa

1 Views

Michelangelo Buonarroti – Quanta dolcezza al cor per gli occhi porta

Quanta dolcezza al cor per gli occhi porta
quel che ‘n un punto el tempo e morte fura!
Che è questo però che mi conforta
e negli affanni cresce e sempre dura.
Amor, come virtù viva e accorta,
desta gli spirti ed è più degna cura.
Risponde a me: – Come persona morta
mena suo vita chi è da me sicura. –
Amore è un concetto di bellezza
immaginata o vista dentro al core,
amica di virtute e gentilezza.

1 Views

Michelangelo Buonarroti – La vita del mie amor non è ‘l cor mio

La vita del mie amor non è ‘l cor mio,
c’amor di quel ch’i’ t’amo è senza core;
dov’è cosa mortal, piena d’errore,
esser non può già ma’, nè pensier rio.
Amor nel dipartir l’alma da Dio
me fe’ san occhio e te luc’ e splendore;
nè può non rivederlo in quel che more
di te, per nostro mal, mie gran desio.
Come dal foco el caldo, esser diviso
non può dal bell’etterno ogni Continua la lettura di Michelangelo Buonarroti – La vita del mie amor non è ‘l cor mio

3 Views

Francesco Petrarca – La donna che ‘l mio cor nel viso porta

La donna che ‘l mio cor nel viso porta,
là dove sol fra bei pensier’ d’amore
sedea, m’apparve; et io per farle honore
mossi con fronte reverente et smorta.

Tosto che del mio stato fussi accorta,
a me si volse in sí novo colore
ch’avrebbe a Giove nel maggior furore
tolto l’arme di mano, et l’ira morta.

I’ mi riscossi; et ella oltra, parlando,
passò, che la parola i’ non soffersi,
né ‘l dolce sfavillar degli occhi suoi.

Or mi ritrovo pien Continua la lettura di Francesco Petrarca – La donna che ‘l mio cor nel viso porta

2 Views

Dante Alighieri – Questa donna che andar mi fa pensoso

Questa donna che andar mi fa pensoso
porta nel viso la vertù d’Amore,
la qual fa disvegliar altrui nel core
lo spirito gentil, se v’è nascoso.
Ella m’ha fatto tanto pauroso,
poscia ch’io vidi lo dolce signore
ne li occhi soi con tutto il su’ valore,
ch’io le vo presso e riguardar non l’oso.
E s’avvien ciò, ched i’ quest’occhi miri,
io veggio in quella parte la salute,
che lo ‘ntelletto mio non vi pò gire.
Allor si strugge sì la mia vertute
che l’anima che move li sospiri
s’acconcia per voler del cor fuggire.

4 Views