Archivi tag: daquino

Jacopo d’Aquino, Al cor m’è nato e prende uno disio

Al cor m’è nato e prende uno disio
d’amar, che m’à sì lungiamente priso
e sì mi stringe forte ch’io non crio
che d’altr’amor mi piacc[i]a gioi nè riso.
Vaio nè griso, – nè nulla gioi che sia
io non vor[r]ia,
nè signoria,
ma tut[t]avia – veder lo bello viso.
Così m’afina Amore, che m’à tolto
core e disio e tut[t]a la mia mente,
e d’altra donna amar non sono ac[c]orto,
che tanto si’ amorosa nè piacente;
non m’è neente – sed io son d’altr’amato,
o disïato;
ben l’ò provato,
mentr’io son stato – lontan da la più gente.
Ancor ch’io sia lontano in altra parte,
là ‘v’unque io vado il suo amar mi mantene
e già mai dal mio core non si parte,
nè altra donna amar non mi sovene;
per zo m’avene – ca, s’io sogno la vio,
dormo e donnio,
vegliar mi crio,
mai non disio – d’aver null’altro bene.
Membrandomi la sua ciera piagente,
veder la creo tut[t]a per sembianti
com’om c’a lo spec[c]hiare tene mente;
così mi pare ch’io l’agia davanti,
poi sono tanti – li sospiri, membrando,
pur aspettando
e disïando
di veder quando – io l’agia [ a me ] davanti.

Rinaldo d’Aquino, Un oseletto che canta d’amore

Un oseletto che canta d’amore
sento la not[t]e far sì dulzi versi,
che me fa mover un’aqua dal core
e ven a gl[i] ogli, nè pò ritenersi
che no sparga fora cum tal furore,
che di corrente vena par che versi;
et i’ pensando che cosa è l’amore,
si zeto fora suspiri diversi.
Considerando la vita amorosa
di l’oselet[t]o che cantar no fina,
la mia gravosa pena porto in pace:
fera pos[s]anza ne l’amor reposa,
c’ogn’amador[e] la dot[t]a e[d] enclina,
e dona canto e planto a cui li place.

Rinaldo d’Aquino, Meglio val dire ciò c’omo à ‘n talento

Meglio val dire ciò c’omo à ‘n talento,
ca vivere in penare istando muto
solo ched agia tal cominzamento
che, di po’ ‘l dire, non vegna pentuto;
chè ben pot’omo far tal movimento,
pu[r] ragion agia, non este ‘ntenduto;
per zo di diri agia avegiamento,
che non si blasmi de lo suo creduto.
E saccio ben c’a molti è adivenuto,
zo c’àn detto non à loco neiente;
sempre di lor de’ omo avere spera,
che folleggiando àn zo ched àn voluto,
non per saper, nè per esser temente:
chi cusì face, certo ben finèra.

Rinaldo d’Aquino, Ormai quando flore

Ormai quando flore
e mostrano verdura
le prate e la rivera,
li auselli fan sbaldore
dentro da la frondura
cantando in lor manera:
infra la primavera, – che ven presente
frescamente – così frondita,
ciascuno invita – d’aver gioia intera.
Confortami d’amore
l’aulimento dei fiori
e ‘l canto de li auselli;
quando lo giorno appare,
sento li dolci amori
e li versi novelli,
chè fan si dolci e belli – e divisati
lor trovati – a provasione;
a gran tenzone – stan per li arbuscelli.
Quando l’aloda intendo
e rusignuol vernare
d’amor lo cor m’afina,
magiormente intendo
ch’è legno d’altr’affare
chè d’arder no rifina.
Vedendo quell’ombrina – del fresco bosco,
ben cognosco – ca cortamente
serà gaudente – l’amor che mi china.
[Mi] china, ch’eo so amata,
e già mai non amai:
ma ‘l tempo mi ‘namura
e fami star pensata
d’aver mercè ormai
d’un fante che m’adura;
e sac[c]io che tortura – per me sostene
e gran pene. – L’un cor mi dice
che si disdice, – e l’altro mi sicura.
Però prego l’Amore,
che mi ‘ntende e mi svoglia
come la foglia vento,
che no mi fac[c]ia fore
quel che presio mi toglia
e stia di me contento.
Quelli c’à intendimento – d’avere intera
gioia e c[i]era – de l[o] mio amore
senza romore, – no nde à compimento.

Rinaldo d’Aquino, In amoroso pensare

In amoroso pensare
ed in gran disïanza
per voi, bella, son miso,
sì ch’eo non posso posare,
tant’agio tempestanza.
Vostr’amor, che m’à priso
a lo core tanto coralemente,
mi distringe e distene
la voglia e la spene
e donami martiri,
sì ch’io non por[r]ia diri
come m’avete preso fortemente.
Fortemente mi ‘navanza
e cresce tuttavia
lo meo ‘namoramento,
sì ch’io ne vivo in erranza;
ormai a vita mia
non ò confortamento
se non di voi, piagente crïatura,
che siete sì valente
e gaia ed avinente,
a cui mi son donato
distretto ed abrazato,
cad eo son tuttor vostro ed in quell’ura,
In quell’ora ch’eo vi vidu
danzar gioiosamente;
ed eo con voi danzando
dottando [in] lo meo cor cridu
che tanto brevemente
moro pur disïando,
chè lo meo core a me medesmo sperde.
Agiatende pietanza
e senza dimoranza,
ca chi bene vol fare
non doveria tardare:
omo che tempo aspetta, tempo perde.

Rinaldo d’Aquino, Amorosa donna fina

Amorosa donna fina,
stella che levi la dia
sembran le vostre belleze;
sovrana fior di Messina,
non pare che donna sia
vostra para d’adorneze.
Or dunque no è maraviglia
se fiamma d’amor m’apiglia
guardando lo vostro viso,
chè l’amor mi ‘nfiamma in foco.
Sol ch’i’o vi riguardo un poco,
levatemi gioco e riso.
Gioco e riso mi levate,
membrando tutta stagione
che d’amor vi fui servente
nè de la vostra amistate
non eb[b]’io anche guiderdone
se no un bascio solamente.
E quel bascio mi ‘nfiammao,
chè dal corpo mi levao
lo core e dedilo a vui.
Degiateci provedere:
che vita pò l’omo avere
se lo cor non è con lui?
Lo meo cor non è con mico,
ched eo tut[t]o lo v’ò dato
e ne son rimaso in pene;
di sospiri mi notrico,
membrando da voi so errato
ed io so perché m’avene:
per li sguardi amorosi
che, savete, sono ascosi
quando mi tenete mente;
che li sguardi micidiali
voi facete tanti e tali
che aucidete la gente.
Altru aucidete che meve,
chè m’avete in foco miso
che d’ogne parte m’al[l]uma;
sutto esto manto di neve,
di tal foco so raciso,
che [ mai non ] me ne consuma:
d’uno foco che non pare
che [ ‘n ] la neve fa ‘llumare,
ed incende tra lo ghiaccio;
quell’è lo foco d’amore
c’arde lo fino amadore
quando e[llo] non à sollaccio.
Lo sollazo non avesse
se non di voi lo sembiante
con parlamento isguardare
a gran gioi quando volesse,
perchè pato pene tante,
ch’io non le por[r]ia contare.
Ned a null’omo che sia
la mia voglia non diria,
dovesse morir penando,
se non estu Montellese,
cioè ‘l vostro serventese
a voi lo dica in cantando.

Rinaldo d’Aquino, In gioi mi tegno tutta la mia pena

In gioi mi tegno tut[t]a la mia pena
e contolami in gran bonaventura;
come Parisi quando amav’ Alena,
così fac[c]io, membrando per ogn’ura.
Non cura – lo meo cor s’à pene,
membrando gioi che vene,
quanto più dole ed ell’a[ve] più dura.
Null’omo credo c’ami lealmente
che tema pene inver sua donna c’ama:
amante è che ama falsamente
quandunque vede un poco e che più brama,
e chiama – tut[t]avia mercede,
e già mai non si crede
c’Amor conosca il male c’altrui inflama.
Però la tegno grande scanoscenza
chi rimprocc[i]a a l’Amore i suo’ tormenti,
chè non è gioi che si venda in credenza
nè per forza di pene c’altrui senti.
Non menti – a quelli che son suoi,
anti li dona gioi,
come fa buon segnore a suo serventi.
Dunque, madonna, ben facc[i]o ragione
s’io vi conto le pene ch’io patia.
Ancora chi agia avuto guiderdone
de la più ric[c]a gioia che ‘n voi sia,
vor[r]ia, – bella, a poco a poco
con voi rintrare in gioco,
com’io son vostro e voi, madonna mia.
Or ti rimembri, bella, a quello punto
ched io ti presi ad amare [a] coragio:
da poi che gravemente m’agie punto,
tut[t]a la pena ben mi pare chi agio.
Ben agio, – amore, e vo’ serviri,
e tragendo martiri,
e non cangio per nulla gioia c’agio.

Rinaldo d’Aquino, Già mai non mi conforto

Già mai non mi conforto
nè mi voglio ralegrare.
Le navi son giute a porto
e [or] vogliono col[l]are.
Vassene lo più gente
in terra d’oltramare
ed io, lassa dolente,
como degio fare?
Vassene in altra contrata
e no lo mi manda a diri
ed io rimagno ingannata:
tanti sono li sospiri,
che mi fanno gran guerra
la notte co la dia,
nè ‘n celo ned in terra
non mi par ch’io sia.
Santus, santus, [santus] Deo,
che ‘n la Vergine venisti,
salva e guarda l’amor meo,
poi da me lo dipartisti.
Oit alta potestade
temuta e dot[t]ata,
la mia dolze amistade
ti sia acomandata!
La croce salva la gente
e me face disviare,
la croce mi fa dolente
e non mi val Dio pregare.
Oi croce pellegnina,
perchè m’ài sì distrutta?
Oimè, lassa tapina,
chi ardo e ‘ncendo tut[t]a!
Lo ‘mperadore con pace
tut[t]o l[o] mondo mantene
ed a me[ve] guerra face,
chè m’à tolta la mia spene.
Oit alta potestate
temuta e dottata
la mia dolze amistate
vi sia acomandata!
Quando la croce pigliao,
certo no lo mi pensai,
quelli che tanto m’amao
ed illu tanto amai,
chi [eo] ne fui bat[t]uta
e messa en pregionia
e in celata tenuta
per la vita mia!
Le navi sono collate
in bonor possano andare
con elle la mia amistate
e la gente che v’à andare!
[Oi] padre criatore,
a porto le conduci.
chè vanno a servidore
de la santa Cruci.
Però ti prego, Duccetto,
[tu] che sai la pena mia,
che me ne faci un sonetto
e mandilo in Soria.
Ch’io non posso abentare
[la] notte nè [la] dia:
in terra d’oltremare
sta la vita mia !

Rinaldo d’Aquino, Amor, che m’à ‘n comando

Amor, che m’à ‘n comando,
vuol ch’io degia cantare
lo mal dire e contare
che mi fa soferire,
di quella rimembrando
c’altra più bella, [o] pare,
non por[r]ia rinformare
natur’ a suo podire
e a cui lungiamente
servidore son stato – e leanza
le porto con fin core e co speranza:
ch’i’ spero ed ò portato
che se fallanza – inver di lei facisse
che gioia e tut[t]o ben fallisse;
per ch’io non falseragio al mio vivente.
A vita mia falsando
non por[r]ia, ciò mi pare;
be[n] mi por[r]ia alegrare
di tal donna servire,
ca ‘l suo pregio ‘nalzando
lo suo viso mostrare
mi fa sovente stare
di gioi a risbaldire.
E poi ch’io ‘ncontanente
de la gioi so alungiato, – isperanza
mi vene e poi mi torna in dubitanza
perchè so adimorato
e ritornanza – non so quando avisse.
E ciò faria, si far potisse,
che fino amore in gioi sia risbaldente.
Forte potess’eo, stando,
d’amore più durare
mal che mi fa [a] durare
la dimora sentire!
E poi ch’ella, scoltando,
le piacerà mandare,
piac[c]iale che di stare
o dovesse di gire!
Deu! ben l’ò coralmente
cotanto disiato, – che ‘gnoranza
m’e[ste] venuta cotale speranza;
ca, s’io fossce agiutato,
[i]n disperanza – non crederia venisse
nè null’allegranza sentisse.

Rinaldo d’Aquino, Per fino amore vao sì letamente

Per fino amore vao sì letamente
ch io non agio veduto
omo che ‘n gioi mi possa aparigliare;
e paremi che falli malamente
omo c’à receputo
ben da segnore e poi lo vol celare.
Ma eo no lo celeragio
com’altamente Amor m’à meritato,
che m’à dato a servire
a la fiore di tutta caunoscenza
e di valenza,
ed à belleze più ch’eo non so dire.
Amor m’à sormontato
lo core in mante guise e gran gioi n’agio.
Agio gioi più di null’om certamente,
ch’Amor m’à sì ariccuto
da c’a lei piace ch’eo la degia amare;
poi che dell’altre donne è la più gente,
sì alto dono aio avuto,
d’altro amador più degio in gioia stare;
ca null’altro coragio
por[r]ia aver gioi ver core innamorato:
dunqua senza fallire
a la mia gioi null’altra gioi si ‘ntenza,
nè ò temenza
c’altr’amador potesse unque avenire,
per suo servire a grato
de lo suo fino amore, al meo paragio.
Para non averia, s’iss’è piagente,
che lu mondo à cresciuto
lo suo presio, si lo sape avanzare;
presio d’amore non vale neente,
poi donna à ritenuto
un servidore e altro vol pigliare:
chè l’amoroso usagio
non vol che sia per donna meritato
chiù d ‘uno a ritenire,
ched altrui ingannare è gran fallenza,
in mia parvenza:
chi fa dal suo servire dipartire
quello c’assai ci è stato
senza mal fare, mal fa segnoragio.
Segnoria vol ch’eo serva lealmente
che mi sia ben renduto
bon merito, ch’eo non saccia blasmare;
ed eo mi laudo che più altamente
ca eo non ò servuto
Amor m’à cominzato a meritare.
E so ben ch’eo saragio
quando sarò d’Amor così ‘nalzato.
Però vorria complire
ome de’ fare chi sì ben comenza,
ma ò credenza
ch’unque avenisse mai per meo valire:
si d’Amor so aiutato,
in più [n]d’aquisto ch’eo non serviragio.