daquino

Jacopo d’Aquino, Al cor m’è nato e prende uno disio

Al cor m’è nato e prende uno disio d’amar, che m’à sì lungiamente priso e sì mi stringe forte ch’io non crio che d’altr’amor mi piacc[i]a gioi nè riso. Vaio nè griso, – nè nulla gioi che sia io non vor[r]ia, nè signoria, ma tut[t]avia – veder lo bello viso….

Read More

Rinaldo d’Aquino, Un oseletto che canta d’amore

Un oseletto che canta d’amore sento la not[t]e far sì dulzi versi, che me fa mover un’aqua dal core e ven a gl[i] ogli, nè pò ritenersi che no sparga fora cum tal furore, che di corrente vena par che versi; et i’ pensando che cosa è l’amore, si zeto…

Read More

Rinaldo d’Aquino, Ormai quando flore

Ormai quando flore e mostrano verdura le prate e la rivera, li auselli fan sbaldore dentro da la frondura cantando in lor manera: infra la primavera, – che ven presente frescamente – così frondita, ciascuno invita – d’aver gioia intera. Confortami d’amore l’aulimento dei fiori e ‘l canto de li…

Read More

Rinaldo d’Aquino, In amoroso pensare

In amoroso pensare ed in gran disïanza per voi, bella, son miso, sì ch’eo non posso posare, tant’agio tempestanza. Vostr’amor, che m’à priso a lo core tanto coralemente, mi distringe e distene la voglia e la spene e donami martiri, sì ch’io non por[r]ia diri come m’avete preso fortemente. Fortemente…

Read More

Rinaldo d’Aquino, Amorosa donna fina

Amorosa donna fina, stella che levi la dia sembran le vostre belleze; sovrana fior di Messina, non pare che donna sia vostra para d’adorneze. Or dunque no è maraviglia se fiamma d’amor m’apiglia guardando lo vostro viso, chè l’amor mi ‘nfiamma in foco. Sol ch’i’o vi riguardo un poco, levatemi…

Read More

Rinaldo d’Aquino, In gioi mi tegno tutta la mia pena

In gioi mi tegno tut[t]a la mia pena e contolami in gran bonaventura; come Parisi quando amav’ Alena, così fac[c]io, membrando per ogn’ura. Non cura – lo meo cor s’à pene, membrando gioi che vene, quanto più dole ed ell’a[ve] più dura. Null’omo credo c’ami lealmente che tema pene inver…

Read More

Rinaldo d’Aquino, Già mai non mi conforto

Già mai non mi conforto nè mi voglio ralegrare. Le navi son giute a porto e [or] vogliono col[l]are. Vassene lo più gente in terra d’oltramare ed io, lassa dolente, como degio fare? Vassene in altra contrata e no lo mi manda a diri ed io rimagno ingannata: tanti sono…

Read More

Rinaldo d’Aquino, Amor, che m’à ‘n comando

Amor, che m’à ‘n comando, vuol ch’io degia cantare lo mal dire e contare che mi fa soferire, di quella rimembrando c’altra più bella, [o] pare, non por[r]ia rinformare natur’ a suo podire e a cui lungiamente servidore son stato – e leanza le porto con fin core e co…

Read More

Rinaldo d’Aquino, Per fino amore vao sì letamente

Per fino amore vao sì letamente ch io non agio veduto omo che ‘n gioi mi possa aparigliare; e paremi che falli malamente omo c’à receputo ben da segnore e poi lo vol celare. Ma eo no lo celeragio com’altamente Amor m’à meritato, che m’à dato a servire a la…

Read More
Don`t copy text!