Archivi tag: deo

Filippo da Messina, Oi Siri Deo, con forte fu lo punto

[O]i Siri Deo, con forte fu lo punto
che gli oc[c]hi tuoi, madonna, isguardai, lasso!
chè sì son preso e da vostr’amor punto,
ch’amor d’ogn’altra donna per voi lasso.
Non fino di penare uno [sol] punto,
per omo morto a voi, donna, mi lasso,
non sono meo quanto d’un ago punto:
se mi disdegni, be[n] moragio, lasso!
Poi non son meo ma vostro, amor meo fino,
preso m’avete como Alena Pari,
e non amò Tristano tanto Isolda
quant’amo voi, per cui penar non fino;
oi rosa fresca che di magio apari,
merzè vi chiamo: lo meo male solda.

Guittone d’Arezzo, Deo, com’è bel poder quel di merzede

Deo, com’è bel poder quel di merzede,
e como più d’ogni altro è grazioso!
Ché mercé vince orgoglio e lo decede,
e merzé fa crudel core pietoso.
Ragione e forzo veggio che decrede,
ch’om non po lei contradir né star oso:
per vertù fa più talor, ciò si vede,
che tutto ‘l mondo per forzo orgoglioso.
Ed eo lo provo per la donna mia,
ch’è fatta ben più d’ogne altra pietosa
de più crudel che mai fosse, ni sia:
feciela, Dio merzé, sì graziosa
in difesa de picciola balia
ed in guerenza de crudele cosa.

Guittone d’Arezzo, Amor merzé, per Deo, merzé, merzede

Amor merzé, per Deo, merzé, merzede
del gran torto, ché più v’amo che mene.
Lasso, morte perdona om per merzede
a quel che di morir servito ha bene;
e no è cor crudel sì, che merzede
no ‘l faccia umil, tal che pietà retene;
e vence Deo per sua vertù merzede,
e cosa altra che voi no li si tene.
Ma certo già non porete orgogliando
montar tanto, che più sempre eo non sia
con merzede cherere umiliando.
E pur conven che l’alta umiltà mia
vad’a forza orgoglio vostro abassando,
e facciavi d’umana segnoria.

Guittone d’Arezzo, Se Deo – m’aiuti, amor, peccato fate

Se Deo – m’aiuti, amor, peccato fate,
se v’allegrate – de lo male meo:
com’eo – più cher merzé, più mi sdegnate;
e non trovate, – amor, perché, per Deo! ,
far ch’eo – de mia amorosa fedeltate
la maiestate – vostra, amor, recheo;
non creo – che però ragione abbiate
che m’auzidiate, – amor, cor di zudeo.
Non veo, – amor, che cosa vi mancasse,
se ‘n voi degnasse – fior valer merzede,
ché ciò decede – orgoglio e vi sta bene.
Tegno eo – tanto ch’eo merzé trovasse,
che mai non fasse – più per me, de fede,
che dir: merzede, – amor, merzé, merzene!

Guittone d’Arezzo, Deo, como pote adimorar piacere

Deo, como pote adimorar piacere
o amistate alcuna, a bon talento,
en me verso di quella, che parere
mortalmente nemica me la sento?
Ch’eo l’ho servita a tutto ‘l me podere,
e ‘n chererli mercé già no alento
che solamente deggia sostenere
senn’e orgoglio e facciami contento.
E non mi val; und’eo tormento e doglio
di tal guisa, che se ‘l vedesse pento
chi m’odia a morte, si nd’avria cordoglio.
E tutto ciò non cangia in lei talento,
ma sempre sì n’avanza il fero orgoglio;
ed so di lei amar però non pento.

Guittone d’Arezzo, Deo, che non posso or disamar sì forte

Deo, che non posso or disamar sì forte,
como fort’amo voi, donna orgogliosa!
Ca, poi che per amar m’odiate a morte,
per disamar mi sareste amorosa;
ch’altresì, com’è bon diritto, sorte
che l’uno como l’altro essere osa,
poi di gran torto, ch’ème ‘n vostra corte
fatto, me vengerea d’alcuna cosa.
Torto è tale, no lo vidi anco pare:
non osarme piacer ciò ch’è piacente,
ed essere odiato per amare,
Malgrado vostro e mio son benvogliente,
e serò, ché non posso unque altro fare,
e fa mister che pur vegna vincente.

Guittone d’Arezzo, Ahi Deo, che dolorosa

Ahi Deo, che dolorosa
ragione aggio de dire,
che per poco partire
non fa meo cor, solo membrando d’ella!
Tant’è fort’ e angosciosa,
che certo a gran pena
aggio tanto de lena,
che di bocca for traga la favella;
e tuttavia tant’ angosciosamente,
che non mi posso già tanto penare,
ch’un solo motto trare
ne possa inter, parlando in esta via;
ma’ che pur dir vorria,
s’unque potesse, el nome e l’efetto
del mal, che sì distretto
m’av’a sé, che posar non posso nente.
Nome ave Amore:
ahi Deo, ch’è falso nomo,
per ingegnare l’omo
che l’efetto di lui cred’ amoroso!
Venenoso dolore
pien di tutto spiacere,
forsennato volere,
morte al corpo ed a l’alma lo coso,
ch’è ‘l suo diritto nome in veritate.
Ma lo nome d’amor pot’om salvare,
segondo che mi pare:
“amore” quanto “a morte” vale a dire,
e ben face amortire
onor e prode e gioia, ove si tene.
Ahi, com’è morto bene
qual ha, sì come me, in podestate!
Principio de l’efetto
suo, che saver mi tolle
e me fa tutto folle,
smarruto e tracoitato malamente,
per ch’a palese è detto
ca eo son forsennato:
sì son disonorato
e tenuto noioso e dispiacente.
E me e ‘l meo in disamore ho, lasso,
e amo solo lei che m’odia a morte;
dolor più ch’altro forte
e tormento crudele e angoscioso,
e spiacer sì noioso
che par mi strugga l’alma, il corpo e ‘l core,
sento sì, che ‘l tinore
propio non porea dir: perciò me’n lasso.
Amore, perché tanto
se’ ver’ mene crudele,
già son te sì fedele
che non faccio altro mai che ‘l tuo piacere?
Ché con pietoso pianto
e con umil mercede
ti so’ stato a lo piede
ben fa quint’anno a mercé chedere,
adimostrando sempre il dolor meo,
ch’e sì crudele, e la mercé sì umana:
fera no e sì strana
che non fosse divenuta pietosa;
e tu pur d’orgogliosa
mainera se’ ver’ me sempre restato,
und’eo son disperato
e dico mal, poi ben valer non veo.
Orgoglio e villania
varrea più forse in tene
che pietanza o mercene,
per che voglio oramai di ciò far saggio:
ché veggio spesse via
per orgoglio atutare
ciò che mercé chiamare
non averea di far mai signoraggio.
Però crudel villano enemico
seraggio, Amor, sempre ver’ te, se vale;
e, se non piggior male
ch’eo sostegno or non posso sostenere,
faraime adispiacere,
mentre ch’eo vivo, quanto più porai:
ch’eo non serò giamai
in alcun modo tuo leale amico.
O no Amor, ma morte,
quali e quanti dei pro’
d’onore e di pro
hai già partiti e parti a malo engegno!
Ché gioi’ prometti forte,
donando adesso noia;
e se talor dài gioia,
oh, quanto via piggior che noi’ la tegno!
como che venta pei’ che perta a gioco
è, segondo ciò pare.
Per ch’io biasmare te deggio e laudare:
biasmar di ciò, che miso al gioco m’hai
ov’ho perduto assai;
e laudar che non mai vincer m’hai dato;
perch’ averia locato
lo core in te giocando, e or lo sloco.
Amor, non me blasmar s’io t’ho blasmato,
ma la tua fellonesca operazione:
ché non ha già ladrone
de che biasmi signor c’ha lui dannato,
ma da sentirli grato
se merta morte e per un membro e varco;
com’io te de l[o] marco
de lo mal tuo non ho grano un pesato.

Antero de Quental – Ignoto Deo

Que beleza mortal se te assemelha,
Ó sonhada visão d’esta alma ardente!
Que refletes em mim teu brilho ingente,
Lá como em mar d’anil o sol se espelha?

O mundo é grande! e esta ancia me aconcelha
A buscarte na terra: e eu, pobre crente,
Vou pelo mundo a ver o Deus clemente
Mas a ára só lhe encontro… núa e velha.

Não é mortal o que eu em ti adoro.
Que és tu aqui? olhar de piadade,
Gota de mel em taça de venenos.

Ah lagrima das lagrimas que choro! Ah sonho dos meus sonhos! Se és verdade, Descobre-te, visão, no ceu ao menos!