deo

Filippo da Messina, Oi Siri Deo, con forte fu lo punto

[O]i Siri Deo, con forte fu lo punto che gli oc[c]hi tuoi, madonna, isguardai, lasso! chè sì son preso e da vostr’amor punto, ch’amor d’ogn’altra donna per voi lasso. Non fino di penare uno [sol] punto, per omo morto a voi, donna, mi lasso, non sono meo quanto d’un ago…

Read More

Guittone d’Arezzo, Deo, como pote adimorar piacere

Deo, como pote adimorar piacere o amistate alcuna, a bon talento, en me verso di quella, che parere mortalmente nemica me la sento? Ch’eo l’ho servita a tutto ‘l me podere, e ‘n chererli mercé già no alento che solamente deggia sostenere senn’e orgoglio e facciami contento. E non mi…

Read More

Guittone d’Arezzo, Deo, che non posso or disamar sì forte

Deo, che non posso or disamar sì forte, como fort’amo voi, donna orgogliosa! Ca, poi che per amar m’odiate a morte, per disamar mi sareste amorosa; ch’altresì, com’è bon diritto, sorte che l’uno como l’altro essere osa, poi di gran torto, ch’ème ‘n vostra corte fatto, me vengerea d’alcuna cosa….

Read More

Guittone d’Arezzo, Ahi Deo, che dolorosa

Ahi Deo, che dolorosa ragione aggio de dire, che per poco partire non fa meo cor, solo membrando d’ella! Tant’è fort’ e angosciosa, che certo a gran pena aggio tanto de lena, che di bocca for traga la favella; e tuttavia tant’ angosciosamente, che non mi posso già tanto penare,…

Read More

Antero de Quental – Ignoto Deo

Que beleza mortal se te assemelha, Ó sonhada visão d’esta alma ardente! Que refletes em mim teu brilho ingente, Lá como em mar d’anil o sol se espelha? O mundo é grande! e esta ancia me aconcelha A buscarte na terra: e eu, pobre crente, Vou pelo mundo a ver…

Read More