Archivi tag: ed

Adolphe Ganot – Trattato elementare di fisica sperimentale ed applicata e di meteorologia con una numerosa raccolta di problemi – PDF

Download the PDF file .

31 Views

Daniel DeFoe – The Complete English Tradesman (1839 ed.)

EText-No. 14444
Title: The Complete English Tradesman (1839 ed.)
Author: Defoe, Daniel, 1661-1731
Language: English
Link: 1/4/4/4/14444/14444-h/14444-h.htm

EText-No. 14444
Title: The Complete English Tradesman (1839 ed.)
Author: Defoe, Daniel, 1661-1731
Language: English
Link: 1/4/4/4/14444/14444-8.txt
Link: 1/4/4/4/14444/14444.txt

EText-No. 14444
Title: The Complete English Tradesman (1839 ed.)
Author: Defoe, Daniel, 1661-1731
Language: English
Link: 1/4/4/4/14444/14444-h.zip

EText-No. 14444
Title: The Complete English Tradesman (1839 ed.)
Author: Defoe, Daniel, 1661-1731
Language: English
Link: 1/4/4/4/14444/14444-8.zip
Link: 1/4/4/4/14444/14444.zip

0 Views

Vincenzo Lazari – Le monete dei possedimenti veneziani di oltremare e di terraferma descritte ed illustrate da Vincenzo Lazari

EText-No. 26866
Title: Le monete dei possedimenti veneziani di oltremare e di terraferma descritte ed illustrate da Vincenzo Lazari
Author: Lazari, Vincenzo;1864;1823
Language: Italian
Link: cache/generated/26866/pg26866.epub

EText-No. 26866
Title: Le monete dei possedimenti veneziani di oltremare e di terraferma descritte ed illustrate da Vincenzo Lazari
Author: Lazari, Vincenzo;1864;1823
Language: Italian
Link: cache/generated/26866/pg26866.html.utf8

EText-No. 26866
Title: Le monete dei possedimenti veneziani di oltremare e di terraferma descritte ed illustrate da Vincenzo Lazari
Author: Lazari, Vincenzo;1864;1823
Language: Italian
Link: cache/generated/26866/pg26866.mobi

EText-No. 26866
Title: Le monete dei possedimenti veneziani di oltremare e di terraferma descritte ed illustrate da Vincenzo Lazari
Author: Lazari, Vincenzo;1864;1823
Language: Italian
Link: 2/6/8/6/26866/26866-pdf.pdf

EText-No. 26866
Title: Le monete dei possedimenti veneziani di oltremare e di terraferma descritte ed illustrate da Vincenzo Lazari
Author: Lazari, Vincenzo;1864;1823
Language: Italian
Link: cache/generated/26866/pg26866.txt.utf8

EText-No. 26866
Title: Le monete dei possedimenti veneziani di oltremare e di terraferma descritte ed illustrate da Vincenzo Lazari
Author: Lazari, Vincenzo;1864;1823
Language: Italian
Link: 2/6/8/6/26866/26866-pdf.zip

EText-No. 26866
Title: Le monete dei possedimenti veneziani di oltremare e di terraferma descritte ed illustrate da Vincenzo Lazari
Author: Lazari, Vincenzo;1864;1823
Language: Italian
Link: 2/6/8/6/26866/26866-8.zip

0 Views

Gaspara Stampa – A che vergar, signor, carte ed inchiostro

A che vergar, signor, carte ed inchiostro
in lodar me, se non ho cosa degna,
onde tant’alto onor mi si convegna;
e, se ho pur niente, è tutto vostro?
Entro i begli occhi, entro l’avorio e l’ostro,
ove Amor tien sua gloriosa insegna,
ove per me trionfa e per voi regna,
quanto scrivo e ragiono mi fu mostro.
Perché ciò che s’onora e ‘n me si prezza,
anzi s’io vivo e spiro, è vostro il vanto,
a voi convien, non a la mia bassezza.
Ma voi cercate con sì dolce canto,
lassa, oltra quel che fa vostra bellezza,
d’accrescermi più foco e maggior pianto.

2 Views

Pier delle Vigne, Amore, in cui disio ed ò speranza

Amore, in cui disio ed ò speranza
di voi, bella, m’à dato guiderdone;
guardomi infin che vegna la speranza,
pur aspettando bon tempo e stagione;
com’om ch’è in mare ed à spene di gire,
quando vede lo tempo ed ello spanna
e già mai la speranza no lo ‘nganna,
così faccio, madonna, in voi venire.
Or potess’eo venire a voi, amorusa,
o come larone ascoso e non paresse!
Ben lo ter[r]ia in gioia aventurusa
se l’Amor tanto bene mi facesse!
Sì bel parlante, donna, con voi fora
e direi como v’amai lungiamente
più ca Piramo Tisbia dolzemente,
ed ameragio infin ch’eo vivo ancora.
Vostro amor è che mi tene in disi[r]o
e donami speranza con gran gioi,
ch’eo non curo s’io doglio od ò martiro
membrando l’ora ched io vegna a voi,
ca, s’io troppo dimoro, par ch’io pera,
[ aulente lena ], e voi mi perderete;
adunque, bella, se ben mi volete,
guardate ch’io non mora in vostra spera.
In vostra spera vivo, donna mia,
e lo mio core adesso a voi dimanda,
e l’ora tardi mi pare che sia
che fino amore a vostro cor mi manda.
Guardo tempo che vi sia a piacimento
e spanda le mie vele in ver voi, rosa,
e prenda porto là ove si riposa
lo meo core a l[o] vostro insegnamento.
Mia canzonetta, porta esti compianti
a quella c’à ‘n bailìa lo meo core
e le mie pene contale davanti
e dille com’eo moro per suo amore,
e mandimi per suo messagio a dire
com’io conforti l’amor ch’i[n] lei porto,
e, s’io ver lei feci alcuno torto,
donimi penitenza al suo volire.

3 Views

Guittone d’Arezzo, Amor m’ha priso ed incarnato tutto

Amor m’ha priso ed incarnato tutto,
ed a lo core di sé posanza
e di ciascuno membro trae frutto,
da poi che priso ha tanto di possanza.
Doglia onta e danno hame condutto,
e del mal meo mi fa aver disianza,
e del ben di lei spietat’ème ‘n tutto,
sì meve e ciascun’alma ha ‘n disdegnanza.
Spessamente lo chiamo e dico: Amore,
chi t’ha dato di me tal segnoraggio,
ch’hai conquiso meo senno e meo valore?
Eo prego che ti facie meo messaggio
e che vade davante al tuo segnore
e d’esto convenente il facie saggio.

4 Views