Francesco Petrarca

Francesco Petrarca – Rapido fiume che d’alpestra vena

Rapido fiume che d’alpestra vena rodendo intorno, onde ‘l tuo nome prendi, notte et dí meco disïoso scendi ov’Amor me, te sol Natura mena, vattene innanzi: il tuo corso non frena né stanchezza né sonno; et pria che rendi suo dritto al mar, fiso u’ si mostri attendi l’erba piú…

Read More

Francesco Petrarca – Ben mi credea passar mio tempo omai

Ben mi credea passar mio tempo omai come passato avea quest’anni a dietro, senz’altro studio et senza novi ingegni: or poi che da madonna i’ non impetro l’usata aita, a che condutto m’ài, tu ‘l vedi, Amor, che tal arte m’insegni. Non so s’i’ me ne sdegni, che ‘n questa…

Read More

Francesco Petrarca – Non pur quell’una bella ignuda mano

Non pur quell’una bella ignuda mano, che con grave mio danno si riveste, ma l’altra et le duo braccia accorte et preste son a stringere il cor timido et piano. Lacci Amor mille, et nesun tende invano, fra quelle vaghe nove forme honeste ch’adornan sí l’alto habito celeste, ch’agiunger nol…

Read More
Don`t copy text!