guittone

Guittone d’Arezzo, Fero dolore e crudel pena e dura

Fero dolore e crudel pena e dura, ched eo soffersi en coralmente amare, menòmi assai sovente in dismisura, e mi fece de voi, donna, sparlare. Or che meo senno regna ‘n sua natura sì, che dal ver so la menzogna strare, conosco che non ment’om ni pergiura più ch’eo feci…

Read More

Guittone d’Arezzo, Ahi, bona donna, or, tutto ch’eo sia

Ahi, bona donna, or, tutto ch’eo sia nemico voi, com’è vostra credenza, già v’enprometto esta nemistà mia cortesemente e con omil parvenza; e voi me, lasso, pur con villania e con orgoglio mostrate malvoglienza. Ma certo en nimistà val cortesia, e li sta bene alsì co ‘n benvoglienza. Ch’usando cortesia…

Read More

Guittone d’Arezzo, Deo, como pote adimorar piacere

Deo, como pote adimorar piacere o amistate alcuna, a bon talento, en me verso di quella, che parere mortalmente nemica me la sento? Ch’eo l’ho servita a tutto ‘l me podere, e ‘n chererli mercé già no alento che solamente deggia sostenere senn’e orgoglio e facciami contento. E non mi…

Read More

Guittone d’Arezzo, Ahi! con mi dol vedere omo valente

Ahi! con mi dol vedere omo valente star misagiato e povero d’avere, e lo malvagio e vile esser manente, regnare a benenanza ed a piacere; e donna pro corsese e canoscente ch’è laida sì, che vive in dispiacere; e quella ch’ha bieltà dolze e piagente, villana ed orgogliosa for savere….

Read More

Guittone d’Arezzo, Deo, che non posso or disamar sì forte

Deo, che non posso or disamar sì forte, como fort’amo voi, donna orgogliosa! Ca, poi che per amar m’odiate a morte, per disamar mi sareste amorosa; ch’altresì, com’è bon diritto, sorte che l’uno como l’altro essere osa, poi di gran torto, ch’ème ‘n vostra corte fatto, me vengerea d’alcuna cosa….

Read More
Don`t copy text!