Archivi tag: guittone

Guittone d’Arezzo, Fero dolore e crudel pena e dura

Fero dolore e crudel pena e dura,
ched eo soffersi en coralmente amare,
menòmi assai sovente in dismisura,
e mi fece de voi, donna, sparlare.
Or che meo senno regna ‘n sua natura
sì, che dal ver so la menzogna strare,
conosco che non ment’om ni pergiura
più ch’eo feci onni fiata ‘n voi biasmare.
Ché non vive alcun che tanto vaglia,
dicesse che ‘n voi manchi alcuna cosa.
ch’eo vincer nond’el credesse in battaglia.
Non fo natura in voi poderosa,
ma Deo pensatamente, u’ non è faglia,
vi fe’, com fece Adamo e sua sposa.

Guittone d’Arezzo, Deo, com’è bel poder quel di merzede

Deo, com’è bel poder quel di merzede,
e como più d’ogni altro è grazioso!
Ché mercé vince orgoglio e lo decede,
e merzé fa crudel core pietoso.
Ragione e forzo veggio che decrede,
ch’om non po lei contradir né star oso:
per vertù fa più talor, ciò si vede,
che tutto ‘l mondo per forzo orgoglioso.
Ed eo lo provo per la donna mia,
ch’è fatta ben più d’ogne altra pietosa
de più crudel che mai fosse, ni sia:
feciela, Dio merzé, sì graziosa
in difesa de picciola balia
ed in guerenza de crudele cosa.

Guittone d’Arezzo, Amor merzé, per Deo, merzé, merzede

Amor merzé, per Deo, merzé, merzede
del gran torto, ché più v’amo che mene.
Lasso, morte perdona om per merzede
a quel che di morir servito ha bene;
e no è cor crudel sì, che merzede
no ‘l faccia umil, tal che pietà retene;
e vence Deo per sua vertù merzede,
e cosa altra che voi no li si tene.
Ma certo già non porete orgogliando
montar tanto, che più sempre eo non sia
con merzede cherere umiliando.
E pur conven che l’alta umiltà mia
vad’a forza orgoglio vostro abassando,
e facciavi d’umana segnoria.

Guittone d’Arezzo, Se Deo – m’aiuti, amor, peccato fate

Se Deo – m’aiuti, amor, peccato fate,
se v’allegrate – de lo male meo:
com’eo – più cher merzé, più mi sdegnate;
e non trovate, – amor, perché, per Deo! ,
far ch’eo – de mia amorosa fedeltate
la maiestate – vostra, amor, recheo;
non creo – che però ragione abbiate
che m’auzidiate, – amor, cor di zudeo.
Non veo, – amor, che cosa vi mancasse,
se ‘n voi degnasse – fior valer merzede,
ché ciò decede – orgoglio e vi sta bene.
Tegno eo – tanto ch’eo merzé trovasse,
che mai non fasse – più per me, de fede,
che dir: merzede, – amor, merzé, merzene!

Guittone d’Arezzo, Pietà di me, per Dio, vi prenda, Amore

Pietà di me, per Dio, vi prenda, Amore,
poi sì m’avete forte innaverato;
da me parte la vita a gran dolore,
se per tempo da voi non sono atato,
ch’altri de me guerir non ha valore;
como quello che ‘l tiro ha ‘nvenenato,
che ‘n esso è lo veneno e le dolciore.
E voi, amor, sì aveteme mostrato
che tanto de dolzor meve donate,
ch’amorti lo venen sì non m’auzida,
perch’eo mi renda in vostra podestate.
E la merzé, ch’ognor per me si grida,
de dolze e de pietosa umilitate,
piacciavi l’orgoglio vostro conquida.

Guittone d’Arezzo, Ahi, bona donna, or, tutto ch’eo sia

Ahi, bona donna, or, tutto ch’eo sia
nemico voi, com’è vostra credenza,
già v’enprometto esta nemistà mia
cortesemente e con omil parvenza;
e voi me, lasso, pur con villania
e con orgoglio mostrate malvoglienza.
Ma certo en nimistà val cortesia,
e li sta bene alsì co ‘n benvoglienza.
Ch’usando cortesia po l’om dar morte,
e render vita assai villanamente:
or siate donque me nemica forte,
e m’auzidete, amor, cortesemente!
E piacemi non men, che se me sorte
a vita amistà vil desconoscente.

Guittone d’Arezzo, Deo, como pote adimorar piacere

Deo, como pote adimorar piacere
o amistate alcuna, a bon talento,
en me verso di quella, che parere
mortalmente nemica me la sento?
Ch’eo l’ho servita a tutto ‘l me podere,
e ‘n chererli mercé già no alento
che solamente deggia sostenere
senn’e orgoglio e facciami contento.
E non mi val; und’eo tormento e doglio
di tal guisa, che se ‘l vedesse pento
chi m’odia a morte, si nd’avria cordoglio.
E tutto ciò non cangia in lei talento,
ma sempre sì n’avanza il fero orgoglio;
ed so di lei amar però non pento.

Guittone d’Arezzo, Ahi! con mi dol vedere omo valente

Ahi! con mi dol vedere omo valente
star misagiato e povero d’avere,
e lo malvagio e vile esser manente,
regnare a benenanza ed a piacere;
e donna pro corsese e canoscente
ch’è laida sì, che vive in dispiacere;
e quella ch’ha bieltà dolze e piagente,
villana ed orgogliosa for savere.
Ma lo dolor di voi, donna, m’amorta,
ché bella e fella assai più ch’altra sete,
e più di voi mi ten prode e dannaggio.
Oh, che mal aggia il die che voi fu porta
sì gran bieltà, ch’altrui ne confondete,
tanto è duro e fellon vostro coraggio!

Guittone d’Arezzo, Deo, che non posso or disamar sì forte

Deo, che non posso or disamar sì forte,
como fort’amo voi, donna orgogliosa!
Ca, poi che per amar m’odiate a morte,
per disamar mi sareste amorosa;
ch’altresì, com’è bon diritto, sorte
che l’uno como l’altro essere osa,
poi di gran torto, ch’ème ‘n vostra corte
fatto, me vengerea d’alcuna cosa.
Torto è tale, no lo vidi anco pare:
non osarme piacer ciò ch’è piacente,
ed essere odiato per amare,
Malgrado vostro e mio son benvogliente,
e serò, ché non posso unque altro fare,
e fa mister che pur vegna vincente.

Guittone d’Arezzo, Spietata donna e fera, ora te prenda

Spietata donna e fera, ora te prenda
di me cordoglio, poi morir mi vedi;
che tanta pietà di te discenda,
che ‘n alcuna misura meve fidi.
Che lo tuo fero orgolio no m’offenda
s’eo ti riguardo, ché con el m’aucidi,
e la tua cera allegra me si renda
sol una fiata e molto mi provedi,
en guiderdon di tutto meo servire,
ché lo tuo sguartio in guerigion mi pone,
e lo pur disdegnar fami perire.
Or mira qual t’è più reprensione:
o desdegnar, per fare me morire,
o guardar, perch’eo torni a guerigione.