Lanfranchi

Paolo Lanfranchi – Dimme, Amore, vorestù tornare

«Dimme Amore; vorestú tornare da la mia parte a la donna mia?» «Sì, se tu vogli, ma ell’è follia: ché talor nòce lo troppo adastare.» «E lo meo core vi vol pur andare, e ti demanda en sua compagnia.» «Di presente me meterò en via dapo’ ch’eo veggio ch’a lui…

Read More

Paolo Lanfranchi – Ogni meo fatto per contrario faccio

Ogni meo fatto per contrario faccio e di mente d’intorno mi guardo: I’estate son più fred[d]o che no è ‘l ghiaccio, I’inverno de l[o] gran calor tut[t]o ardo. S’i’ ho let[t]era de gioia, sì la straccio; se di dolore, la repogno e guardo; ch[i]unca è mio amico, sì minaccio; se…

Read More

Paolo Lanfranchi – Un nobil e gentil imaginare

Un nobil e gentil imaginare sì mi dis[c]ese ne la mente mia: in verità (ch’eo alora dormia) el me paria con la mia don[n]a stare in un giardin, baciar e abracciare, remos[s]a ciascuna altra vil[l]ania. Ella dicea: «Tu m’hai in tua bailia; fa’ di me, o amor, ciò che ti…

Read More