Archivi tag: Lasso

Guittone d’Arezzo, Vergogna ho, lasso, ed ho me stesso ad ira

Vergogna ho, lasso, ed ho me stesso ad ira;
e doveria via più, reconoscendo
co male usai la fior del tempo mio.
Perché no lo meo cor sempre sospira,
e gli occhi perché mai finan piangendo,
e la bocca di dir: merzede, Dio,
poi franchezza di core e vertù d’alma
tutta sommisi, ohimè lasso, al servaggio
de’ vizi miei, non Dio, né bon usaggio,
né diritto guardando in lor seguire,
non mutando desire?
S’eo resurgesse, com fenice face,
già fora a la fornace
lo putrefatto meo vil corpo ardendo;
ma, poi non posso, attendo
che lo pietoso padre me sovegna
di tal guisa, ch’eo vegna
purificato e mondo di carne e alma.
Ohi, lasso! Già vegg’io genere omano,
che segnoril naturalmente è tanto,
che ‘l minor om talenta emperiare;
e ciò, più ch’altro, i piace, e più li è strano
d’aver segnor; ché Dio volontier manto
non vole già ciascun, sì come pare.
Come poi donque lo minore e ‘l maggio
sommette a vizio corpo ed alma e core?
Ed è servaggio alcun, lasso, peggiore,
od è mai segnoria perfetta alcona,
che sua propia persona
tenere l’omo ben sotto ragione?
Ahi, che somm’è ‘l campione
che là, ov’onne segnor perde, è vincente,
né poi d’altro è perdente;
ché, loco u’ la vertù de l’alma empera,
non è nocente spera,
né tema, né dolor, ned allegraggio.
O morti fatti noi de nostra vita,
o stolti de vil nostro savere,
o poveri de riccor, bassi d’altezza;
com’è vertà da noi tanto fallita,
ch’ogne cosa di vizio è noi piacere
ed ogne cosa de vertù gravezza?
Già filosofi, Dio non conoscendo,
né poi morte sperando guiderdone,
ischifar vizi aver tutta stagione,
seguendo sì vertù, ch’onesta vita
fu lor gaudio e lor vita.
Noi con donque può cosa altra abellire,
che ‘n vertù lui seguire,
lo qual chi ‘l segue ben perde temore?
Ché non teme segnore,
morte, né povertà, danno, né pene,
ch’ogni cosa gli è bene,
sì come noi è mal, non lui seguendo.
Pugnam donque a valer forzosamente;
no ‘l ben schifiam perché noi sembri grave;
ch’orrato acquisto non fue senza affanno;
e se l’om pene per vertute sente,
ne’ vizi usar sempr’è dolze e soave,
che spesso rede doglia onta e danno.
Ma ciò ch’è ‘n noi contra talento e uso
n’è grave, e n’è legger ciò ch’è con esso,
ch’uso e voler, ch’avemo nel mal messo,
ne ‘l fa piacere, e despiacer lo bene.
Adonqua ne convene
acconciare a ben voglia ed usanza,
se volem benenanza;
ché non è ben, se da ben non è nato,
e onne gioi di peccato
è mesta con dolore, e fina male;
ed onne cosa vale
dal fine suo, che n’è donque amoroso.
Come a lavorator la zappa è data,
è dato el mondo noi: non per gaudere,
ma per esso eternal vita acquistare;
e no l’alma al corpo è già creata,
ma ‘l corpo a l’alma, e l’alma a Deo piacere,
perché Lui, più che noi, devemo amare.
Emprima che noi stessi, amò noi esso;
e, se ne desamammo e demmo altrui,
di se medesmo raccattonne poi.
Ahi, perché, lasso! , avem l’alma sì a vile?
Già l’ebb’ei sì a gentile,
che prese, per trar lei d’eternal morte,
umanitate e morte.
Abbialla donque cara, ed esso amiamo,
ove tutto troviamo
ciò che può nostro cor desiderare;
né mai altro pagare
ne può già, che lo ben ch’ha noi promesso.
O sommo ben, da cui ben tutto è nato,
o luce, per qual vede ogne visaggio,
o sapienza, unde sa ciascun saggio!
neiente feci me, tu me recrii;
desviai, tu me renvii;
ed orbai me, tu m’hai lume renduto!
Ciò non m’ha conceduto
mio merto, ma la tua gran bonitate.
O somma maestate,
quanto laudare, amar, servir deo tee
demostra ognora a mee,
e fa ch’a ciò lutto meo cor sia dato!
A messer Cavalcante e a messer Lapo
va, mia canzone, e dì lor ch’audit’aggio
che ‘l sommo ed inorato segnoraggio
pugnan di conquistar, tornando a vita;
e, se tu sai, li aita,
e dì che ‘l comenzar ben cher tuttore
mezzo e fine megliore,
e prende onta l’alma e ‘l corpo tornare
a mal ben comenzare:
e dì ch’afermin lor cori a volere
seguire ogne piacere
di quelli, che per tutto è nostro capo.

3 Views

Guittone d’Arezzo, Ahi lasso, che li boni e li malvagi

Ahi lasso, che li boni e li malvagi
omini tutti hano preso acordanza
di mettere le donne in despregianza;
e ciò più ch’altro far par che lor agi.
Per che mal aggia el ben tutto e l’onore
che fatto han lor, poi n’han merto sì bello;
m’eo sarò lor ribello
e prenderò solo la defensione,
e aproverò falso lor sermone,
e le donne bone in opera e in fede;
ma voglio che di ciò grazi’ e mercede
rendano voi, gioia gioiosa, Amore.
Non per ragion, ma per malvagia usanza,
sovra le donne ha preso om signoria,
ponendole ‘n dispregio e ‘n villania
ciò ch’a sé cortesia pon’ e orranza.
Ahi, che villan giudicio e che fallace!
ch’a Deo e a ragione è om tenuto,
e per ciascun statuto,
sì come donna, a guardar de fallire:
e tanto avante più quanto è più sire
e maggiormente ha saggia oppenïone.
Adonque avemo a veder per ragione
qual più se guarda: quel blasmar men face.
Embola, robba, aucide, arde o desface,
periura, enganna, trade o falsa tanto
donna quant’om? non già, ma quasi santo
e ‘l fatto so, ver’ ch’è quel d’om fallace.
Carnal talento è ‘n loro d’un podere,
al qual, savem, donna meglio contende;
e s’el già la sorprende
perché lei ne sia port’o prego o pregio,
ma chi ‘l porge, in fallir dobra·i dispregio;
e qual armito è quel che se tenesse
s’una plagente donna el richedesse
com’om fa lei, de quanto el sa valere?
Iulio Cesar non penò tempo tanto,
né tanto mise tutto ‘l suo valore
a conquistar del mondo esser signore,
talor non faccia in donna om altretanto;
e tal è che non mai venta dovene.
Poi più savere e forza en l’om si trova,
perché non si ben prova?
Non vol, ma falla e fa donna fallare:
adonque che diritto ha ‘n lei biasmare?
Già non e meraviglia qual s’arende,
ma qual s’aiuta e [ qual se ] defende,
poi d’entro e de for tanto assalto tene.
Quant’è più ch’om d’amore a ‘nformar fera,
più feramente il ten poi l’ha fermato,
como ferro ch’è più duro tagliato
e ten la taglia poi meglio che cera;
l’onor suo torna ad onta e ‘l prode a danno,
sé ned amico né Dio guarda fiore
a seguir bene Amore;
e om non mett’ a ciò tanto coranza,
tutto ragion non sia, s’el tene amanza,
e no ‘nd’è un d’amor tanto corale,
che ‘nver’ sua donna stia ferm’ e leale;
ma donna pur trov’om for tutto inganno.
Male san dir, ma non già devisare,
ché Deo, che mosse Sé sempre a ragione,
de limo terre l’om fece e formòne,
e la donna dell’om, siccome appare;
adonqu’è troppo più naturalmente
gentil cosa che l’omo e meglio è nata,
e più sembra ch’amata
ella fosse da Dio nostro signore;
e maggiormente più feceli onore
che non per om, ma per donna, salvare
ne volle veramente ed a Sé trare;
e ciò non fu senza ragion neente.
Vale per sé: nent’ho detto a sembrante;
apresso val ché fa l’omo valere:
ché ‘ngegno, forzo, ardimento, podere
e cor de tutto ben mettere avante
donali donna en su’ amorosa spera;
for che el non saveria quasi altro fare
che dormire e mangiare.
Adonque il senno e lo valor c’ha l’omo
da la donna tener lo dea, sì como
ten lo scolar dal so maestro l’arte;
ed ella quanto face a mala parte
dall’om tener lo pò simel mainera.
Prova altra no ‘nde fo di ciò c’ho detto,
ma miri ben ciascuno se ver dico,
ché già no me desdico
de starne a confession d’omo leale;
e partase d’usar sì villan male
solo cui villania par e menzogna:
ché ‘l remanente trar de sua vergogna
non sirà tal ch’io già n’aggia deletto.
Gentil mia donna, fosse in voi tesoro
quanto v’è senno en cor, la più valente
fora ver’ voi neente;
e sed eo pur per reina vi tegno,
e’ vi corona onor com’altra regno:
ché tanto è ‘n voi di ben tutt’ abondanza,
che viso m’è, Amor, che la mancanza
d’ogni altra prenda in voi assai restoro.
Ad Arezzo la mia vera canzone
mando, Amore, a voi, per cui campione
e servo de tutt’altre esser prometto.

1 Views

Guittone d’Arezzo, Ahi lasso, or è stagion de doler tanto

Ahi lasso, or è stagion de doler tanto
a ciascun om che ben ama Ragione,
ch’eo meraviglio u’ trova guerigione,
ca morto no l’ha già corrotto e pianto,
vedendo l’alta Fior sempre granata
e l’onorato antico uso romano
ch’a certo pèr, crudel forte villano,
s’avaccio ella no è ricoverata:
ché l’onorata sua ricca grandezza
e ‘l pregio quasi è già tutto perito
e lo valor e ‘l poder si desvia.
Oh lasso, or quale dia
fu mai tanto crudel dannaggio audito?
Deo, com’hailo sofrito,
deritto pèra e torto entri ‘n altezza?
Altezza tanta êlla sfiorata Fiore
fo, mentre ver’ se stessa era leale,
che ritenea modo imperïale,
acquistando per suo alto valore
provinci’ e terre, press’o lunge, mante;
e sembrava che far volesse impero
sì como Roma già fece, e leggero
li era, c’alcun no i potea star avante.
E ciò li stava ben certo a ragione,
ché non se ne penava per pro tanto,
como per ritener giustizi’ e poso;
e poi folli amoroso
de fare ciò, si trasse avante tanto,
ch’al mondo no ha canto
u’ non sonasse il pregio del Leone.
Leone, lasso, or no è, ch’eo li veo
tratto l’onghie e li denti e lo valore,
e ‘l gran lignaggio suo mort’a dolore,
ed en crudel pregio[n] mis’ a gran reo.
E ciò li ha fatto chi? Quelli che sono
de la schiatta gentil sua stratti e nati,
che fun per lui cresciuti e avanzati
sovra tutti altri, e collocati a bono;
e per la grande altezza ove li mise
ennantir sì, che ‘l piagãr quasi a morte;
ma Deo di guerigion feceli dono,
ed el fe’ lor perdono;
e anche el refedier poi, ma fu forte
e perdonò lor morte:
or hanno lui e soie membre conquise.
Conquis’è l’alto Comun fiorentino,
e col senese in tal modo ha cangiato,
che tutta l’onta e ‘l danno che dato
li ha sempre, como sa ciascun latino,
li rende, e i tolle il pro e l’onor tutto:
ché Montalcino av’abattuto a forza,
Montepulciano miso en sua forza,
e de Maremma ha la cervia e ‘l frutto;
Sangimignan, Pog[g]iboniz’ e Colle
e Volterra e ‘l paiese a suo tene;
e la campana, le ‘nsegne e li arnesi
e li onor tutti presi
ave con ciò che seco avea di bene.
E tutto ciò li avene
per quella schiatta che più ch’altra è folle.
Foll’è chi fugge il suo prode e cher danno,
e l’onor suo fa che vergogna i torna,
e di bona libertà, ove soggiorna
a gran piacer, s’aduce a suo gran danno
sotto signoria fella e malvagia,
e suo signor fa suo grand’ enemico.
A voi che siete ora in Fiorenza dico,
che ciò ch’è divenuto, par, v’adagia;
e poi che li Alamanni in casa avete,
servite i bene, e faitevo mostrare
le spade lor, con che v’han fesso i visi,
padri e figliuoli aucisi;
e piacemi che lor dobiate dare,
perch’ebber en ciò fare
fatica assai, de vostre gran monete.
Monete mante e gran gioi’ presentate
ai Conti e a li Uberti e alli altri tutti
ch’a tanto grande onor v’hano condutti,
che miso v’hano Sena in podestate;
Pistoia e Colle e Volterra fanno ora
guardar vostre castella a loro spese;
e ‘l Conte Rosso ha Maremma e ‘l paiese,
Montalcin sta sigur senza le mura;
de Ripafratta temor ha ‘l pisano,
e ‘l perogin che ‘l lago no i tolliate,
e Roma vol con voi far compagnia.
Onor e segnoria
adunque par e che ben tutto abbiate:
ciò che desïavate
potete far, cioè re del toscano.
Baron lombardi e romani e pugliesi
e toschi e romagnuoli e marchigiani,
Fiorenza, fior che sempre rinovella,
a sua corte v’apella,
che fare vol de sé rei dei Toscani,
dapoi che li Alamani
ave conquisi per forza e i Senesi.

3 Views

Guittone d’Arezzo, Lasso, pensando quanto

Lasso, pensando quanto
meve tutto tenìa
en gran piacer la mia – gioiosa gioia;
e che sollazzo e canto
e ben tutto ch’avia
m’è or, per mia follia, – corrotto e noia;
e ch’entra gente croia
ed en selvaggia terra
mi trovo; ciò m’è guerra, – onde morria
de mie man, s’altri osasse
a ragion darsi morte.
Ahi, lasso, or foss’eo ‘n corte, – ov’om giugiasse
cui ver d’Amor fallasse – in pena forte!
Morte loco cherrea,
ché de pena menore
non porea meo follore – giugiarse bene;
poi lei, che ‘n terra è dea
de beltate e d’onore
e de tutto valore – che pregio tene,
fallio; ca, sua mercene,
non guardando meo stato,
m’avea sì pareggiato – en gioi d’amore
per sua gran cortesia,
non già perché mertato
l’avesse. Ahi, che peccato – è, per fe mia,
venir om che vil sia – in alto stato!
Non è poco el dolore
che qua m’ha preso e tene
lontan di tutto bene – e dove amico
non ho in lei, che fore
mi solìa trar di pene;
ma quanto veggio m’ène – e par nemico.
Piò male ho ch’e’ non dico
ed è neente a ragione:
ma s’eo vivo, cagione – n’è sola spene;
ché là, ov’ogn’altra cosa
m’è sì fallita in tutto,
de tollerme corrotto – essa non posa,
né metter mia dogliosa – alma in desdotto.
Così m’è solo amica
la mia dolze speranza,
che fammi doloranza – unque obbriare;
ché non voi già che dica,
ni deggia aver dottanza,
che possa spietanza – alcuna stare
en lei, ch’a non peccare
la ten sì conoscenza,
com’angel non potenza; – a ciò ch’usanza
e natura ha ‘n lei miso
quanto più po di bene,
ed onne contrar bene – ess’ha diviso:
per che perdon promiso – hamende spene.
Ben ho del perdon fede,
tanta ragion m’assegna;
ma no lo cor meo degna – aver ardire
de cheder lei merzede,
fin ch’e’ pena sostegna
tanto, che mendo vegna – al meo fallire:
e no mi fa soffrire
talento d’acquistare
a lei tosto tornare, – ov’a ben vegna;
ma, perché ‘n parte soe,
u’ po, come ‘n deserto,
prender de fallo om merto, – e’ qua steroe
en mal, mentre seroe – del mendo certo.
Va a le parte d’Arezzo,
canzon, e a lei di quale
spera m’aiuta e vale.
Remembranza mi sconforta e menaccia;
ma dì ch’a sua merzede
di tornar pur ho fede, – e voglio faccia
di me ciò che li piaccia – e ragion crede.

1 Views

Onesto Bolognese – Ahi lasso taupino!, altro che lasso

Ahi lasso taupino!, altro che lasso
non posso dir, sì sono a greve messo;
sento ‘l mio core e ciascun membro preso
morir sì forte, ch’oltr’a morte passo;
celar non posso più la greve noia,
tanto contra me poia
pena mortale e rea disaventura;
però quanto più dura
la vita mia, più soverchia il dolore:
male ad opo meo m’ha fatto Amore.
Sì mal fu Amor creato all’opo meo
che m’è vergogna dir ciò che m’incontra;
tutto fu fatto solo a mia incontra,
però no·l chiamo Amor, ma amaro e reo.
Per lui lo core meo chiamo cor morto,
ingiuliato a torto,
ed ancor me per lui chiamo mal nato,
perch’è sì sventurato,
ch’ogni mio membro si sbatte e s’adira,
piangone gli occhi e l’anima sospira.
Pianger li occhi e lacrimar tuttora
e di pianto bagnar tutto ‘l meo viso
possono ben, guardando a me conquiso,
e per lo corpo lasso, ove dimora
l’anima mia, per forza sospirare;
ché l’è morte lo stare
più col corpo che arde più che ‘n foco.
E i·nessun altro loco
potrebbe peggiorar sua condizione:
sì m’ha condotto Amor contra ragione.
Ragion non fa chi m’accusa e riprende,
ché contra il mio volere Amor mi mena;
ma chi non si conduole a la mia pena
secondo umanità, Pietate offende;
doler se·n dè ciascun naturalmente,
che dovria tutta gente
gir, per chiamar pietà, a la donna mia;
e quando va per via,
dovria ciascun gridar “merzé, merzede”,
che non m’ancida, s’eo l’amo di fede.
Di fede e di pietà canzon vestita,
va’ a le donne e gettati a’ lor piedi,
che preghin quella che aggia merzede
poco, per Deo, della mia lassa vita;
di’ che Deo, sicome ama pietate
condanna crudeltate;
là ‘nde di ciò assai più mi doglio eo:
ch’ofende per me Deo,
che in ogne parte ha messo stato bono;
ma quanto per me posso, io le·l perdono.

2 Views

Francesco Petrarca – Lasso, Amor mi trasporta ov’io non voglio

Lasso, Amor mi trasporta ov’io non voglio,
et ben m’accorgo che ‘l dever si varcha,
onde, a chi nel mio cor siede monarcha,
sono importuno assai piú ch’i’ non soglio;
né mai saggio nocchier guardò da scoglio
nave di merci precïose carcha,
quant’io sempre la debile mia barcha
da le percosse del suo duro orgoglio.
Ma lagrimosa pioggia et fieri vènti
d’infiniti sospiri or l’ànno spinta,
ch’è nel mio mare horribil notte et verno,
ov’altrui noie, a sé doglie et tormenti
porta, et Continua la lettura di Francesco Petrarca – Lasso, Amor mi trasporta ov’io non voglio

5 Views

Francesco Petrarca – Mie venture al venir son tarde et pigre

Mie venture al venir son tarde et pigre,
la speme incerta, e ‘l desir monta et cresce,
onde e ‘l lassare et l’aspectar m’incresce;
et poi al partir son piú levi che tigre.

Lasso, le nevi fien tepide et nigre,
e ‘l mar senz’onda, et per l’alpe ogni pesce,
et corcherassi il sol là oltre ond’esce
d’un medesimo fonte Eufrate et Tigre,

prima ch’i’ trovi in ciò pace né triegua,
o Amore o madonna altr’uso impari,
che m’ànno congiurato a torto incontra.

Et s’i’ ò alcun dolce, è dopo tanti amari,
che per disdegno il gusto si dilegua:
altro mai di lor gratie non m’incontra.

0 Views

Francesco Petrarca – Se col cieco desir che ‘l cor distrugge

Se col cieco desir che ‘l cor distrugge
contando l’ore no m’inganno io stesso,
ora mentre ch’io parlo il tempo fugge
ch’a me fu inseme et a mercé promesso.

Qual ombra è sí crudel che ‘l seme adugge,
ch’al disïato frutto era sí presso?
et dentro dal mio ovil qual fera rugge?
tra la spiga et la man qual muro è messo?

Lasso, nol so; ma sí conosco io bene
che per far piú dogliosa la mia vita
amor m’addusse in sí gioiosa spene.

Et or di quel ch’i’ ò lecto mi sovene,
che ‘nanzi al dí de l’ultima partita
huom beato chiamar non si convene.

3 Views