Letteratura Italiana

Licenza Permesso d’Autore – Percorsi per la creazione di cultura libera (c) 2006 Antonella Beccaria Il presente volume viene rilasciato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.0 Italia <http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/> Al lettore sono contentite le seguenti azioni: * di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire…

Read More

Luigi Capuana – La letteratura italiana nel 1896

—Ma che inventario vuoi fare? L’inventario della miseria? —Non esageriamo. Io non sono un gran lettore e per parecchie ragioni: primieramente perchè non ho molti quattrini da spendere in libri—e questo mi dispenserebbe di dirti il resto—; secondariamente perchè non leggo o leggo mal volentieri un libro che non è…

Read More

Delio Tessa – La Pobbia de Cà Colonnetta

L’è creppada la pobbia de cà Colonetta: tè chì: la tormenta in sto Luj se Dio voeur l’à incriccada e crich crach, pataslonfeta-là me l’à trada chì longa e tirenta, dopo ben dusent ann che la gh’era! L’è finida! eppur… bell’e inciodada lì, la cascia ancamò, la voeur nò morì,…

Read More

Novelle per un anno è una raccolta di 241 novelle scritte da Luigi Pirandello. Originariamente sono state pubblicate sul Corriere della Sera, successivamente ripubblicate in 15 raccolte. Inizialmente erano previste 24 raccolte contenenti 365 novelle, tuttavia la prematura morte dell’autore ha impedito il raggiungimento del traguardo. Postume sono state pubblicate…

Read More

Novelle per un anno è una raccolta di 241 novelle scritte da Luigi Pirandello. Originariamente sono state pubblicate sul Corriere della Sera, successivamente ripubblicate in 15 raccolte. Inizialmente erano previste 24 raccolte contenenti 365 novelle, tuttavia la prematura morte dell’autore ha impedito il raggiungimento del traguardo. Postume sono state pubblicate…

Read More

Ruggieri Apuliese – L’altro ier fui ‘n parlamento

L’altro ier fui ‘n parlamento con quella ch’ i’ aggio amata. Facemi grande lamento che a forza è maritata; E dissemi: «Drudo mio, merzè ti chero, or m’aiuta; chè tu se’ in terra il mi’ dio; ‘N le tue mani mi so’ arrenduta. Per te colui non vogl’io. Certo ben…

Read More