Archivi tag: liber

In linea il DVD-ROM della selezione “Liber Liber”

Reading Time: < 1 minute

E’ in linea il DVD-ROM in versione compressa dell’archivio della selezione di Liber Liber, già consultabile sul sito a questo indirizzo:

http://www.classicistranieri.com/liberliber/

Il file, delle dimensioni di oltre 2,8 Gb, può essere scaricato qui:

http://www.classicistranieri.com/liberliber.rar

Girolamo Clemente Tomei – L’uno di maggio – Edizione Liber Liber

Reading Time: 49 minutes

– Avete preparata la camera di Germano?

– Pronta; tutto in ordine.

– Come l’altra volta! E poi, mancavano l’asciugamano ed il sapone.

– La gatta frettolosa ha messo al mondo i gattini ciechi. La sollecitudine, la sveltezza che sono un merito, qualche volta possono parere un difetto.

– Nena! Nena! Voi ci siete sovente alle sbadataggini. Eppure gli anni della pazzia sono passati.

– Eh, cara padrona, egli è Continua a leggere

Niccolò Tommaseo – Giovan Battista Vico – PDF – Edizione Liber Liber

Reading Time: < 1 minute

La prima edizione del saggio: G. B. Vico e il suo secolo, con le relative appendici, apparve nel primo volume dell’opera: Studi critici di N. Tommaseo (Venezia, Andruzzi, 1843); l’ultima, nel libro: Storia civile nella letteraria, studii di N. Tommaseo (Torino, Loescher, 1872)(1). Il testo di quest’ultima edizione fu rimanipolato con modificazioni di stile, di frasi, con aggiunte e soppressioni di Appendici.

Il Prof. Quadrelli ha preso per base della presente edizione, da lui curata, il testo del 1872, ma restituendo, tra parentesi quadre, le espunzioni del saggio principale e ristampando anche le appendici soppresse, tra le Continua a leggere

Niccolò Tommaseo – Fede e bellezza – PDF – Edizione Liber Liber

Reading Time: < 1 minute

Scendevano il fiume. Le rive, or accostate, or ritraendosi in seni ameni, or lasciando all’acque quiete ampio letto, mostravano qui l’ombre rade e là conserte, qui l’erboso declivio, là ‘l poggio sassoso, segnato di sentieretti che s’inerpicano lenti per l’erta. L’erbe che facevano sdrucciolevoli gli scogli dappiede, col verde vivo avvivavano il luccicare de’ fiori sopra tremolanti: e sotto il ciel placido e fosco parevano gli alberi spandere il flusso marino; e scossa ad ora ad ora da un buffo di vento gocciolava la pioggia: sotto la pioggia vogavano taciti affannosamente pescatori, uomini e donne, a cercare nell’alto il vitto alla Continua a leggere

Niccolò Tommaseo – Il duca d’Atene – PDF – Edizione Liber Liber

Reading Time: < 1 minute

Stavasi Tile de’ Cavicciuli lungo il fiume fuor di Porta alla Croce, e guardava, di contro al sole cadente, il Ponte Vecchio, e le pietre che gli operai ne portavano per murare il nuovo recinto al palazzo. Quando Filippo Bordoni, popolano de’ ricchi, il quale usciva d’un sentieretto tra i campi e ‘l fiume, scese e gli venne a rincontro dicendo: «Tile, che guati?
– Guato al ponte, e penso al covile che la fiera si sta preparando.
– L’uomo ha veduta la Grecia, ove dicesi siano avanzi di begli edifizi: e’ vorrà forse far di Fiorenza una macìa greca.

da: www.liberliber.it

Download (PDF, 962KB)

Niccolò Tommaseo – Antonio Rosmini – PDF – Edizione Liber Liber

Reading Time: 2 minutes

Nel dire ch’io farò di Antonio Rosmini, mi conterrò nelle cose ch’io posso attestare com’uomo che l’ha conosciuto dalla sua giovanezza; e mi sarà conforto al dolore rammentare come la vita di lui fosse tutta una tranquilla, e fin da’ primi anni preordinata, armonia.
Nato in Rovereto, l’amenità del paese cominciò bentosto a svolgere in lui il senso della pura bellezza alla quale aveva informato lo spirito e n’erano indizio i lineamenti del viso composti a modestia dignitosa, avvivati di subito rossore ch’esprimeva la schiettezza dell’anima e l’agilità del pensiero, Continua a leggere

Achille Torelli – I mariti – PDF – Edizione Liber Liber

Reading Time: < 1 minute

Salotto di ricevimento in casa del duca. Due porte nel fondo. Tavola nel mezzo. Canapè a destra. Due a sinistra. Camino e porta a destra. Suppellettili di gran lusso.

da www.liberliber.it

Download (PDF, 442KB)

Evangelista Torricelli – Lezioni accademiche – PDF – Edizione Liber Liber

Reading Time: 23 minutes

È stato sempre antico, e saggio costume, dalla maggior parte delle Nazioni più riguardevoli ricevuto, l’onorare con isplendida rammemoranza, l’azioni di coloro, che avendo mentre, che vissero, virtuosamente adoperato, nel partire da questa breve, e fugace vita, lasciarono a i posteri un illustre esempio, di segnalata virtù. Conciossiache in somigliante guisa il guiderdone de’ trapassati, che altro non è, che la verace lode delle magnanime imprese, al merito loro rendevano; e quei che rimanevano in vita, di camminare per le gloriose vestigia, da i loro antenati segnate con tanto applauso, si sentivano maravigliosamente incitati. Ed in vero, che nascendo noi rozzi, Continua a leggere

Federigo Tozzi – L’incalco – PDF – Edizione Liber Liber

Reading Time: < 1 minute

Le scene del 1. e 2. atto rappresentano il pianterreno di una grande villa. La scena del 3. un piano superiore. Dal largo ingresso di mezzo del 1 e 2. atto si scorge una parte del parco. La villa è arredata con gusto modernissimo; i personaggi vestono all’ultima moda.
ENZO POGGI è un signore alto e magro; nervoso, barba brizzolata, è elegantissimo, benchè senza ricercatezza come conviene alla sua età che è di circa cinquantacinque anni.
FLORA, sua moglie, ha dieci anni meno di lui. Si vede che Continua a leggere

Federigo Tozzi – Tre croci – PDF – Edizione Liber Liber

Reading Time: 3 minutes

Giulio chiamò il fratello:
– Niccolò! Déstati!
Quegli fece una specie di grugnito, bestemmiò, si tirò più giù la tesa del cappello; e richiuse gli occhi. Stava accoccolato su una sedia, con le mani in tasca dei calzoni e la testa appoggiata a uno scaffale della libreria; vicino a una cassapanca antica, che tenevano lì in mostra per i forestieri; tutta ingombra di vasi, di piatti e di pitture.
– Ohé! Non ti vergogni a dormire! È tutta la mattina! Fai rabbia!
Niccolò, allora, si sdrusciò forte le labbra e aprì gli occhi, guardando il fratello.
– Ma che vuoi? Io, fino all’ora di mangiare, dormo!
Continua a leggere

Federigo Tozzi – Il Podere – PDF – Edizione Liber Liber

Reading Time: 2 minutes

Nel millenovecento, Remigio Selmi aveva venti anni; ed era aiuto applicato alla stazione di Campiglia. Da parecchio tempo stava in discordia con il padre e non sapeva che al suo piede bucato da una bulletta delle scarpe era ormai venuta anche la cancrena.
Invece credeva che stesse meglio; senza sospettare che, se non gliene facevano sapere niente, volevano tenerlo lontano da casa più che fosse possibile.
Ma una sera ricevette una cartolina dal chirurgo che lo curava; nella quale era scritto che la malattia non dava più da sperare.
La fece leggere al capostazione; ed ebbe il permesso di partire subito, con il diretto Continua a leggere

Federigo Tozzi – Gli egoisti – Edizione Liber Liber

Reading Time: 56 minutes

CAPITOLO I.

Appena desto, Dario Gavinai sentì che ricominciava istantaneamente a pensare. Il suo pensiero era come una punta che sporgeva, facendosi innanzi da sè. Ma egli ne provava una specie di rammarico e di stupefazione.
Erano ormai parecchi mesi che la miseria cercava di entrare anche nella sua anima. Da prima, non ci aveva creduto; e proprio quando non aveva nè meno un pezzo di pane per mangiare, le cose più dolci e più buone della sua giovinezza gli stavano per ore ed ore fisse in mente; e gli era impossibile rendersi Continua a leggere

Federigo Tozzi – Con gli occhi chiusi – PDF – Edizione Liber Liber

Reading Time: 4 minutes

Usciti dalla trattoria i cuochi e i camerieri, Domenico Rosi, il padrone, rimase a contare in fretta, al lume di una candela che sgocciolava fitto, il denaro della giornata. Gli si strinsero le dita toccando due biglietti da cinquanta lire; e, prima di metterli nel portafoglio di cuoio giallo, li guardò un’altra volta, piegati; e soffiò su la fiammella avvicinandosi con la bocca. Se la candela non si fosse consumata troppo, avrebbe contato anche l’altro denaro nel cassetto della moglie; ma chiuse la porta, dandoci poi una ginocchiata forte per essere sicuro che aveva girato bene la chiave. Di casa stava Continua a leggere

Federigo Tozzi – Bestie – PDF – Edizione Liber Liber

Reading Time: 2 minutes

Che punto sarebbe quello dove s’è fermato l’azzurro? Lo sanno le allodole che prima vi si spaziano e poi vengono a buttarsi come pazze vicino a me? Una mi ha proprio rasentato gli occhi, come se avesse avuto piacere d’impaurirsi così, fuggendo.
Che chiarità tranquille per queste campagne, che si mettono stese per stare più comode! Che silenzii là dall’orizzonte e dentro di me!
La strada per tornare a Siena è là. Vado.
Le case si facciano un poco a dietro, e quel mendicante non mi cada addosso. Almeno l’altro è seduto per terra! Dio mio, tutte queste case! Più in là, più in Continua a leggere

Federigo Tozzi – L’amore – Novelle – PDF – Edizione Liber Liber

Reading Time: < 1 minute

Caro Cavacchioli,

tu mi chiedi qualche spunto autobiografico. Ti ringrazio sinceramente, ma non abbocco. Tutto al più, posso raccontare a te e a pochi lettori come ho passato a Roma la scorsa estate.

Torno, ormai, molto di rado in Toscana, e sempre per pochi giorni. Perciò, insieme con qualche amico, quando non piglio la bicicletta, cerco di respirare all’aria aperta e non mi lascio mai alloppiare dalla vita cittadina. Questa estate, andavamo a Maccarese: tra Roma e Civitavecchia. Bisognava alzarsi dal letto prima di giorno; e alla stazione di Termini, mentre compravamo il biglietto, vedevamo, alla luce ancora incerta, stormi di ragazze che Continua a leggere

Domenico Tumiati – Parisina – PDF – Edizione Liber Liber

Reading Time: < 1 minute

“— Guardie del ponte!
Dormono tutti questa notte? Olà…
Fiato nei corni!

Nitrivano i cavalli, ricoperti
di polvere e sudore, scalpitando,
reduci dalla caccia sovra il Po:
i cavalieri impazïenti, ed erti
sull’arcione, scrutavano; allorquando
giù la saracinesca strepitò.

Balzarono sul ponte, ansando, i cani
e i cavalli; ed un rombo ebbe la notte;
cavalli neri e cavalli roani
trasvolavano il ponte, alate frotte.

La cavalcata s’arrestò, ed attese
ch’entrasse la lettiga marchesana:
al lume della luna, ella discese
raggiante di bellezza sovrumana.

Piegarono i cavalli a terra il morso
spumeggiante e i ginocchi
al premere dei duri cavalieri,
che inchinavano tutti il suo passaggio,
e agitavano i tòcchi,
nelle piume leggieri,
della luna nel raggio.”

da: www.liberliber.it

Download (PDF, 377KB)

Michele Uda – Arte ed artisti – Vol. II – PDF – Edizione Liber Liber

Reading Time: < 1 minute

Questa d’oggi è una delle poche feste che comprendiamo. Il calendario non l’ha segnata con alcuna croce, nè un tintinnio di campane, nè uno scoppio solo di botta l’hanno annunziata la sera della sua vigilia. Ma che importa? L’artista napoletano ne aveva scritto la data in quell’angoluccio del cuore dove nota le sue speranze e le sue illusioni, ansioso pel timore di non doverla, come tante altre, passare in quell’altra parte del cuore, più larga assai, dove registra i suoi disinganni.

da: www.liberliber.it

Download (PDF, 1.58MB)

Michele Uda – Arte ed artisti – Vol. I – PDF – Edizione Liber Liber

Reading Time: < 1 minute

Antona-Traversi ebbe iersera il pubblico che aveva certamente desiderato: quello che sa ascoltare e che sa comprendere. La sala, per numero, notorietà ed intelligenza di spettatori, non poteva essere più brillante. Vi erano gli scapoli che conoscevano le Rozeno, i mariti che le ricordavano, le mogli che ne avevano udito parlare. I vecchi, giunti a riva da un pezzo, dalla memoria dei passati o scansati naufragi si sentivano dolcemente ringiovanire dentro — nell’anima. Poche volte una battaglia artistica fu combattuta in condizioni migliori: in tanta varietà di caratteri e di situazioni arrischiate, non una deduzione che riuscisse strana, non un’osservazione che, Continua a leggere

Gli ultimi fatti di Milano – Edizione Liber Liber

Reading Time: 16 minutes

ITALIA
Settembre 1847.

Ognuno sa che nel R. L. V. esistono due poteri politici: il governo e la polizia. Il governo ha la rappresentanza, l’immagine ma non gli elementi di un potere politico; egli scrive interminabili rapporti a Vienna, ma non conchiude mai nulla, non fa quasi nulla, perchè è spesso al buio della politica vera, la quale si inizia, s’aggomitola, si svolge, si compie a Vienna. Ivi pure sono molte e contrarie le idee, disparate ed opposte le influenze: ma appena s’abbuia l’orizzonte e le cose escono dall’ordinaria rotaia, un timor panico assale quasi tutte quelle contrarie influenze, molte si annullano, molte Continua a leggere

Giovanni Vailati – Scritti filosofici- PDF – Edizione Liber Liber

Reading Time: < 1 minute

Alle ricerche storiche sui progressi del sapere umano si è portati ora ad attribuire una importanza assai maggiore di quanto non avvenisse in passato. La disposizione a considerare la storia delle scienze come una semplice raccolta di aneddoti singolari e divertenti, non aventi altro scopo che quello di soddisfare la naturale curiosità che desta tutto ciò che si riferisce alle vicende della vita o alle qualità personali dei grandi scienziati del passato, non è certamente ancora del tutto scomparsa, e capita qualche volta ancora adesso di sentire addurre, a difesa di questo modo di vedere, dei ragionamenti che non differiscono che Continua a leggere