Archivi tag: lo

Gustavo Adolfo Bécquer – Rima L – Lo que el salvaje que con torpe mano

Lo que el salvaje que con torpe mano
hace de un tronco a su capricho un dios,
y luego ante su obra se arrodilla,
eso hicimos tú y yo.

Dimos formas reales a un fantasma,
de la mente ridícula invención,
y hecho el ídolo ya, sacrificamos
en su altar nuestro amor.

Betanzos, Juan de – Suma y narracion de los Incas, que los indios llamaron Capaccuna, que fueron señores de la ciudad del Cuzco y de todo lo á ella subjeto

EText-No. 25705
Title: Suma y narracion de los Incas, que los indios llamaron Capaccuna, que fueron señores de la ciudad del Cuzco y de todo lo á ella subjeto
Author: Betanzos, Juan de, -1576
Language: Spanish
Link: cache/generated/25705/pg25705.epub
Link: cache/generated/25705/pg25705-images.epub

EText-No. 25705
Title: Suma y narracion de los Incas, que los indios llamaron Capaccuna, que fueron señores de la ciudad del Cuzco y de todo lo á ella subjeto
Author: Betanzos, Juan de, -1576
Language: Spanish
Link: 2/5/7/0/25705/25705-h/25705-h.htm

EText-No. 25705
Title: Suma y narracion de los Incas, que los indios llamaron Capaccuna, que fueron señores de la ciudad del Cuzco y de todo lo á ella subjeto
Author: Betanzos, Juan de, -1576
Language: Spanish
Link: cache/generated/25705/pg25705-images.mobi
Link: cache/generated/25705/pg25705.mobi

EText-No. 25705
Title: Suma y narracion de los Incas, que los indios llamaron Capaccuna, que fueron señores de la ciudad del Cuzco y de todo lo á ella subjeto
Author: Betanzos, Juan de, -1576
Language: Spanish
Link: 2/5/7/0/25705/25705-8.txt
Link: cache/generated/25705/pg25705.txt.utf8

EText-No. 25705
Title: Suma y narracion de los Incas, que los indios llamaron Capaccuna, que fueron señores de la ciudad del Cuzco y de todo lo á ella subjeto
Author: Betanzos, Juan de, -1576
Language: Spanish
Link: 2/5/7/0/25705/25705-h.zip

EText-No. 25705
Title: Suma y narracion de los Incas, que los indios llamaron Capaccuna, que fueron señores de la ciudad del Cuzco y de todo lo á ella subjeto
Author: Betanzos, Juan de, -1576
Language: Spanish
Link: 2/5/7/0/25705/25705-8.zip

Gaspara Stampa – Deh foss’io almen sicura che lo stato

Deh foss’io almen sicura che lo stato,
dov’or mi trovo, non mancasse presto,
perché, sì come or è lieto ed or mesto,
sarebbe il più felice che sia stato.
I’ ho Amore e ‘l mio signor a lato,
e mi consolo or con quello, or con questo;
e, sempre che di loro un m’è molesto,
ricorro a l’altro, che m’è poi pacato.
S’Amor m’assale con la gelosia,
mi volgo al viso, che ‘n sé dentro serra
virtù ch’ogni tormento scaccia via:
se ‘l mio signor mi fa con ira guerra,
viene Amor poi con l’altra compagnia,
vera umiltà ch’ogni alto sdegno atterra.

Arrigo Baldonasco, Lo fino amor piacente

Lo fino amor piacente,
ch’eo agio, a sè mi serra
sì che d’ogn’altro s’er[r]a
[ . . . . . -ento]
[ . . . . . -ente]
[ . . . . . -erra]
[ . . . . . -erra]
da me dae partimento.
Chè quello amor mantene
solac[c]io e tutto bene,
e[d] in cui sempre regna
parmi ch’el[l]i n’avegna
in tal valore,
che già mai perditore
non fie di sua intendanza.
L’usato intendimento
che la gente à ‘n fallire,
à ciascuno fallire
in loco caunoscianza;
dolen, cognoscimento
àno ben ch’è fallire,
ma nullo lor fallire
c’agia però storbanza.
Però voglio sturbare
me d’ogn’altro pensare,
e intender volentieri
vo’ che sia meo pensieri,
ch’è adoblato,
in quella c’à provato,
più di null’altra, presio.
Chi à ‘l suo presio prova
c’ogn’altro va morendo;
però tutto m’arendo
a lei ch’è la mia spera.
Spero in lei, chè si trova
merzè, und’io m’arendo
allegro, e no m’arendo
a null’altro che pera:
c’ogn’altro de’ perire
e ‘l suo sempre verdire.
Però tutti amadori
conforto che i lor cori
agiano sagi
a mantener li usagi
di quei c’an più savere.
Li sagi cognoscenti
[non] storbano l’amare,
chè ve[do]no c’amare
è us’a mo[l]ta gente.
E gente c’àn tormenti,
però ca più c’amare
chiama più c’omo ‘n mare
[è] forte dispiacente.
Donqua, Signor, vo’ spiaccia
veder qual lui s’al[l]accia,
perchè à ‘n tutto fallito
ed è così agiechito,
che seguitore
non fidi ben suo core
fin c’arà pensamento.
Molti à pensier gioiosi
chi serve a chi à partito
ciò ch’è a suo partito,
[e] mai non à perdenza.
Ma perdono i dogl[i]osi,
quei c’àn da lor partito
ogna fin[o] partito
e son presi a fallenza;
e son certi per fallo,
ch’è ciascun fora stallo
se ‘l com[m]etteno in loco
che ‘l lor sol[l]azo e ‘l gioco
più non por[r]ia
durar. Poi m’à ‘n bailìa,
degialo distornare.

Folcacchiero da Siena, Tutto lo mondo vive sanza guerra

Tutto lo mondo vive sanza guerra
ed io pace non posso aver neiente.
O Deo, como faragio?
O Deo, como sostenemi la terra?
E’ par ch’io viva i[n] noia de la gente,
ogn’omo m’è salvagio.
Non paiono li fiori
per me, com’ già soleano,
e gli ausei per amori
dolzi versi faceano – a gli albori.
E quand’eo vegio gli altri cavalieri
arme portare e d’amore parlando,
ed io tut[t]o mi doglio;
sol[l]azo m’è tornato in pensieri.
La gente mi riguardano, parlando
s’io son quel ch’es[s]er soglio.
Non so ciò ch’io mi sia,
nè so per che m’avene:
tornato m’è lo bene – in dolori.
Ben credo che ò fenita e non comenza;
e lo meo male non por[r]ia contare,
nè le pene ch’io sento.
Li drappi di vestir non mi s’agenza,
nè bono non mi sa lo manicare,
così vivo in tormento.
Non so onde fugire,
nè a cui m’acomandare;
convenemi sofrire
tut[t]e le pene amare – in dolzori.
Eo credo bene che l’Amore sia:
altro deo non m’à già a giudicare
così crudelemente;
chè l’Amor è di tale segnoria,
che le due parti a sè vole tirare
e ‘l terzo è de la gente.
Ed io per ben servire,
s’io ragione trovasse,
non doveria fallire
An a lui così ch’i’ amasse – [lei] per cori.
Dolce madonna, poi ch’eo mi moragio,
non troverai chi sa ben te servire
tut[t]’a tua volontate,
ch’unque non volli, nè vo’, nè voragio
se non di tut[t]o af[f]are a piacire
a la vostra amistate.
Merzè di me vi prenda,
che non mi sfidi amando;
vostra graz[i]a discenda,
però ch’eo ardo e ‘ncendo – de[ntro] e fori.

Filippo da Messina, Oi Siri Deo, con forte fu lo punto

[O]i Siri Deo, con forte fu lo punto
che gli oc[c]hi tuoi, madonna, isguardai, lasso!
chè sì son preso e da vostr’amor punto,
ch’amor d’ogn’altra donna per voi lasso.
Non fino di penare uno [sol] punto,
per omo morto a voi, donna, mi lasso,
non sono meo quanto d’un ago punto:
se mi disdegni, be[n] moragio, lasso!
Poi non son meo ma vostro, amor meo fino,
preso m’avete como Alena Pari,
e non amò Tristano tanto Isolda
quant’amo voi, per cui penar non fino;
oi rosa fresca che di magio apari,
merzè vi chiamo: lo meo male solda.

Compagnetto da Prato, Per lo marito c’ò rio

«Per lo marito c’ò rio
l’amor m’è ‘ntrato in coragio;
sollazo e gran bene ag’io
per lo mal che con lui agio:
ca per lo suo lacerare
tal penser’ò [e]o no l’avia,
chè sono presa d’amare,
fin’amante agio in balia,
che ‘n gran gioia mi fa stare.
Geloso, bat[t]uta m’ài,
piaceti di darmi doglia,
ma quanto più mal mi fai,
tanto il mi metti più in voglia.
Di tal uom mm’acagionasti,
c’amanza no avea intra nui,
ma da che ‘l mi ricordasti
l’amor mi prese di lui;
lo tuo danagio pensasti.
Mio amor mi mette a ragione;
dice s’io l’amo a cor fino
però che m’ab[b]e a cascione
ch’era nel male dimino.
Per ira del mal marito
m’avesti, e non per amore;
ma da che m’ài, sì mi [è] gito
tuo dolzor dentro dal core,
mio male in gioi m’è ridito.
Drudo mio, a te mi richiamo
d’una vec[c]hia c’ò a vicina;
ch’ella s’è ac[c]orta ch’io t’amo,
del suo mal dir no rifina.
Con molto airoso talento
m’ave di te gastigata;
met[t]emi a magior tormento
che quel cui son rnaritata;
non mi lascia avere abento».
«Madonna, per lo tuo onore
a nulla vec[c]hia non credere
ch’elle guer[r]ïan l’amore,
per altri loro non credere.
Le vec[c]hie son mala gente,
non ti lasciar dismagare
che ‘l nostro amor fino e gente
per lor non possa falzare.
Met[t]ale Dio in foco arzente!»
La bella dice: «Par Deo,
giurolti per mia leanza
che non è cosa per ch’eo
lasciasse la tu’ amistanza.
Ma perch’io mi ti lamento
d’una mia disaventura,
non aver tu pensamento
che d’altr’amore agio cura,
se non far tuo piacimento