Archivi tag: mai

Il libro della cucina del sec. XIV, testo di lingua non mai fin qui stampato

EText-No. 33954
Title: Il libro della cucina del sec. XIV, testo di lingua non mai fin qui stampato
Author:
Language: Italian
Link: cache/generated/33954/pg33954.epub

EText-No. 33954
Title: Il libro della cucina del sec. XIV, testo di lingua non mai fin qui stampato
Author:
Language: Italian
Link: 3/3/9/5/33954/33954-h/33954-h.htm

EText-No. 33954
Title: Il libro della cucina del sec. XIV, testo di lingua non mai fin qui stampato
Author:
Language: Italian
Link: cache/generated/33954/pg33954.mobi

EText-No. 33954
Title: Il libro della cucina del sec. XIV, testo di lingua non mai fin qui stampato
Author:
Language: Italian
Link: 3/3/9/5/33954/33954-h.zip

EText-No. 33954
Title: Il libro della cucina del sec. XIV, testo di lingua non mai fin qui stampato
Author:
Language: Italian
Link: 3/3/9/5/33954/33954-0.zip

Giacomino Pugliese, Morte, perchè m’ài fatta sì gran guerra

Morte, perchè m’ài fatta sì gran guerra,
che m’ài tolta madonna, ond’io mi doglio?
La fior de le belleze mort’ài in terra,
per che lo mondo non amo, nè voglio.
Villana morte, che non à[i] pietanza,
disparti amore e togli l’allegranza
e dài cordoglio.
La mia alegranza post’ài in gran tristanza,
chè m’ài tolto la gioia e l’alegranza,
c’avere soglio.
Solea aver sollazo e gioco e riso
più che null’altro cavalier che sia;
or n’è gita madonna in paradiso,
portòne la dolze speranza mia,
lasciòmi in pene e con sospiri e planti,
levòmi de [sollazo], gioco e canti
e compagnia;
or no la vegio, nè le sto davanti
e non mi mostra li dolze sembianti
che [far] solia.
Oi Deo, perchè m’ai posto in tale iranza?
ch’io son smaruto, non so ove mi sia,
chè m’ài levata la dolze speranza,
partit’ài la più dolze compagnia,
che sia i[n] nulla parte, ciò m’è aviso.
Madonna, [ chi lo tene ] lo tuo viso
in sua balia?
lo vostro insegnamento e dond’è miso?
e lo tuo franco cor chi mi l’à priso
[ma]don[n]a mia?
Ov’è madonna e lo suo insegnamento,
la sua belleza e la gran canoscianza,
lo dolze riso e lo bel portamento,
gli oc[c]hi e la boc[c]a e la bella sembianza,
suo adornamento e sua cortesia?
Madonna, per cui stava tut[t]avia
in alegranza,
or no la vegio nè notte nè dia,
non m’abella, sì come far solia
in sua sembianza.
Se fosse mio ‘l reame d’Ungaria,
con Greza e Lamagna infino in Franza,
lo gran tesoro di Santa Sofia,
non por[r]ia ristorar sì gran perdanza
come fu in quella dia che si n’andao.
Madonna de sta vita trapassao,
con gran tristanza
sospiri e pene e pianti mi lasciao,
e già mai nulla gioia mi mandao
per confortanza.
Se fosse al meo voler, donna, di voi,
dicesse a Dio sovran, che tut[t]o face,
che giorno e notte istessimo ambonduoi.
Or sia il voler di Dio, da c’a Lui piace.
Membro e ricordo quand’era co mico,
sovente m’appellava «dolze amico»,
ed or no ‘l face,
poi Dio la prese e menolla con sico.
La Sua vertute sia, bella, con tico
e la Sua pacc.

Rinaldo d’Aquino, Già mai non mi conforto

Già mai non mi conforto
nè mi voglio ralegrare.
Le navi son giute a porto
e [or] vogliono col[l]are.
Vassene lo più gente
in terra d’oltramare
ed io, lassa dolente,
como degio fare?
Vassene in altra contrata
e no lo mi manda a diri
ed io rimagno ingannata:
tanti sono li sospiri,
che mi fanno gran guerra
la notte co la dia,
nè ‘n celo ned in terra
non mi par ch’io sia.
Santus, santus, [santus] Deo,
che ‘n la Vergine venisti,
salva e guarda l’amor meo,
poi da me lo dipartisti.
Oit alta potestade
temuta e dot[t]ata,
la mia dolze amistade
ti sia acomandata!
La croce salva la gente
e me face disviare,
la croce mi fa dolente
e non mi val Dio pregare.
Oi croce pellegnina,
perchè m’ài sì distrutta?
Oimè, lassa tapina,
chi ardo e ‘ncendo tut[t]a!
Lo ‘mperadore con pace
tut[t]o l[o] mondo mantene
ed a me[ve] guerra face,
chè m’à tolta la mia spene.
Oit alta potestate
temuta e dottata
la mia dolze amistate
vi sia acomandata!
Quando la croce pigliao,
certo no lo mi pensai,
quelli che tanto m’amao
ed illu tanto amai,
chi [eo] ne fui bat[t]uta
e messa en pregionia
e in celata tenuta
per la vita mia!
Le navi sono collate
in bonor possano andare
con elle la mia amistate
e la gente che v’à andare!
[Oi] padre criatore,
a porto le conduci.
chè vanno a servidore
de la santa Cruci.
Però ti prego, Duccetto,
[tu] che sai la pena mia,
che me ne faci un sonetto
e mandilo in Soria.
Ch’io non posso abentare
[la] notte nè [la] dia:
in terra d’oltremare
sta la vita mia !

Guido delle Colonne, Amor, che lungiamente m’ài menato

Amor, che lungiamente m’ài menato
a freno stretto senza riposanza,
alarga le toi retine, in pietanza,
chè soperchianza – m’a vinto e stancato;
c’ò più durato – ch’eo non ò possanza,
per voi, madonna, a cui porto lianza
più che non fa assessino asorcuitato,
che si lassa morir per sua credanza.
Ben este affanno dilittoso amare,
e dolze pena ben si pò chiamare;
ma voi, madonna, de la mia travaglia,
ca sì mi squaglia, – prenda voi merzide,
che ben è dolze mal, se no m’auzide.
Oi dolze ciera co sguardo soavi,
più bella d’altra che sia in vostra terra,
trajete lo meo core ormai di guerra,
che per voi erra – e gran trataglia nd’ avi:
ca si gran travi – poco ferro serra,
e poca pioggia grande vento aterra,
però, madonna, non vi ‘ncresca gravi,
s’Amor vi sforza, c’ogni cosa inserra;
chè certa no gli è troppo disinore
quand’omo è vinto da un suo megliore,
e tanto più da Amor che vince tutto.
Però non dutto – c’Amor non vi dismova
saggio guerreri vince guerra e prova.
Non dico c’a la vostra gran belleza
orgoglio non convegna e stiavi beni,
c’a bella donna orgoglio ben conveni,
che si manteni – in pregio ed in grandeza.
Troppa altereza – è quella che sconveni;
di grande orgoglio mai ben non aveni.
Però, madonna, la vostra dureza
convertasi in pietanza e si rinfreni;
non si distenda tanto ch’io ne pera.
Lo sole è alto, si face lumera,
e via più quanto ‘n altura pare:
vostro orgogliare, – per zo, e vostra alteze
fac[i]ami pro’ e tornimi in dolceze.
E’ allumo dentro e sforzo in far semblanza
di non mostrar zo che lo meo cor senti.
Oi quant’è dura pena al cor dolenti
stare tacenti – e non far dimostranza!
Chè la pesanza – a la ciera consenti,
e fanno vista di lor portamenti,
cosi son volentieri ‘n acordanza,
la cera co lo core insembramenti.
Forza di senno è quella che soverchia
ardir di core, asconde ed incoverchia.
Ben è gran senno, chi lo pote fare,
saver celare – ed essere segnore
de lo suo core quand’este ‘n errore.
Amor fa disviare li più saggi,
e chi più ama a pena à in sè misura;
più folle è quello che più si ‘nnamura.
Amor non cura – di far suoi dannaggi,
ca li coraggi – mette in tal calura,
che non pò rifreddare per freddura.
Gli occhi a lo core sono li messaggi
de’ lor cominciamenti per natura.
Dunque, madonna, gli occhi e lo meo core
avete in vostra man dentro e di fore,
ch’Amor mi sbatte e smena che no abento,
sì come vento – smena nave in onda.
Voi siete meo pennel che non affonda.

Guittone d’Arezzo, Tutto ‘l dolor, ch’eo mai portai, fu gioia

Tutto ‘l dolor, ch’eo mai portai, fu gioia,
e la gioia neente apo ‘l dolore
del meo cor, lasso, a cui morte socorga,
ch’altro non vegio ormai sia validore.
Ché, prima del piacer, poco po noia,
ma poi, po forte troppo om dar tristore:
maggio conven che povertà si porga
a lo ritornador, ch’a l’entradore.
Adonqua eo, lasso, in povertà tornato
del più ricco acquistato
che mai facesse alcun del meo paraggio,
sofferrà Deo ch’eo pur viva ad oltraggio
di tutta gente e del meo for sennato?
NOn credo già, se non vol meo dannaggio.
Ahi, lasso, co mal vidi, amaro amore,
la sovra natoral vostra bellezza
e l’onorato piacenter piacere
e tutto ben ch’è ‘n voi somma grandezza!
E vidi peggio il dibonaire core
ch’umiliò la vostra altera altezza
a far noi due d’un core e d’un volere,
perch’eo più ch’omo mai portai ricchezza.
Ch’a lo riccor d’amor null’altro è pare,
né raina po fare
ricco re, como né quanto omo basso,
né vostra par raina amor è passo.
Donqua chi ‘l meo dolor po pareggiare?
Ché qual più perde acquista in ver me, lasso.
Ahi, con pot’om, che non ha vita fiore,
durar contra di mal tutto for grato,
sì com eo, lasso, ostal d’ogne tormento?
Ché se ‘n lo più fort’om fosse amassato
sì forte e sì coralmente dolzore,
com’è dolore in me, già trapassato
fora de vita, contra ogne argumento.
Come, lasso, viv’eo de vita fore?
Ahi morte, villania fai e peccato,
che si m’hai desdegnato,
perché vedi morir opo mi fora
e perch’io piò sovente e forte mora!
Ma mal tuo grato eo pur morrò forzato,
de le mie man, se mei non posso ancora.
Mal ho più ch’altro, e men, lasso, conforto:
ché s’eo perdesse onor tutto ed avere
e tutti amici e de le membra parte,
sì mi conforteria per vita avere;
ma qui non posso, poi ho di me torto
e ritornato in voi forzo e savere,
che non fue, amor meo, già d’altra parte,
Donqua di confortar com’ho podere?
E poi saver non m’aiuta, e dolore
me pur istringe il core,
pur conven ch’eo matteggi; e sì facci’eo;
perch’om mi mostra a dito e del mal meo
se gabba; ed eo pur vivo a disinore,
credo, a mal grado del mondo e di Deo.
Ahi, bella gioia, noia e dolor meo,
e punto fortunal, lasso, fue quello
de vostro dipartir, crudel mia morte,
che doblo mal tornò tutto meo bello!
Sì del meo mal mi dol; ma più per Deo
ème lo vostro, amor, crudele e fello;
ca s’eo tormento d’una parte forte,
e voi da l’altra più strigne ‘l chiavello,
como la più distretta enamorata
che mai fosse aprovata;
ché ben fa forza dimession d’avere
talor bass’omo in donn’alta capere;
ma ciò non v’agradìo già né v’agrata:
donque d’amor coral fu ‘l ben volere.
Amor, merzé, per Deo, vi confortate,
ed a me non guardate,
ché picciol è per mia morte dannaggio
ma per la vostra, amor, senza paraggio.
E forse anche però mi ritornate,
se mai tornare deggio, in allegraggio.
Amore, Amor, più che veneno amaro,
non già ben vede chiaro
chi se mette in poder tuo volontero:
che ‘l primo e ‘l mezzo n’è gravoso e fero
e la fine di ben tutto ‘l contraro,
o’ prende laude e blasmo onne mistero.

Vittoria Colonna – Amor, tu sai che mai non torsi il piede

Amor, tu sai che mai non torsi il piede
Dal carcer tuo soave, nè disciolsi
Dal dolce giogo il collo, nè ti tolsi
Quanto dal primo dì l’alma ti diede.
Tempo non cangiò mai l’antica fede;
Il nodo è stretto ancor com’io l’avvolsi;
Nè per l’amaro frutto ch’ognor colsi,
L’alta cagion men cara al cor mi riede.
Visto hai quanto in un petto fido ardente
Può far quel caro tuo più acuto dardo,
Contro del cui poter morte non valse,
Fa omai da te che ‘l nodo si rallente:
Chè a me di libertà già mai non calse,
Anzi di ricovrarla or mi par tardo.

Francesco Petrarca – Passer mai solitario in alcun tetto

Passer mai solitario in alcun tetto
non fu quant’io, né fera in alcun bosco,
ch’i’ non veggio ‘l bel viso, et non conosco
altro sol, né quest’occhi ànn’altro obiecto.

Lagrimar sempre è ‘l mio sommo diletto,
il rider doglia, il cibo assentio et tòsco,
la notte affanno, e ‘l ciel seren m’è fosco,
et duro campo di battaglia il letto.

Il sonno è veramente, qual uom dice,
parente de la morte, e ‘l cor sottragge
a quel dolce penser che ‘n Continua la lettura di Francesco Petrarca – Passer mai solitario in alcun tetto

Giosuè Carducci – Nè mai levò sí neri occhi lucenti

Nè mai levò sí neri occhi lucenti
Saffo i preghi cantando a Citerea,
Quando nel petto e per le vene ardenti
A lei sí come nembo amor scendea;

Né désti mai sí molli chiome a’ venti,
Corinna, tu sovra l’arena elea,
Quando sotto le corde auree gementi
Fremeati il seno e a te Grecia tacea:

Sí come or questa giovinetta bella
Tremanti di desio gli umidi rai
E del crin la fulgente onda raccoglie,

In quel che dolce guarda, e la favella,
Qual Continua la lettura di Giosuè Carducci – Nè mai levò sí neri occhi lucenti

Francesco Petrarca – Che fai alma? che pensi? avrem mai pace?

– Che fai alma? che pensi? avrem mai pace?
avrem mai tregua? od avrem guerra eterna? –
– Che fia di noi, non so; ma, in quel ch’io scerna,
a’ suoi begli occhi il mal nostro non piace. –

– Che pro, se con quelli occhi ella ne face
di state un ghiaccio, un foco quando inverna? –
– Ella non, ma colui che gli governa. –
– Questo ch’è a noi, s’ella s’el vede, et tace? –

Continua la lettura di Francesco Petrarca – Che fai alma? che pensi? avrem mai pace?

Francesco Petrarca – Né così bello il sol già mai levarsi

Né così bello il sol già mai levarsi
quando ‘l ciel fosse piú de nebbia scarco,
né dopo pioggia vidi ‘l celeste arco
per l’aere in color’ tanti varïarsi,

in quanti fiammeggiando trasformarsi,
nel dí ch’io presi l’amoroso incarco,
quel viso al quale, et son nel mio dir parco,
nulla cosa mortal pote aguagliarsi.

I’ vidi Amor che ‘ begli occhi volgea
soave sí, ch’ogni altra vista oscura
da indi in qua m’incominciò apparere.

Sennuccio, i’ ‘l vidi, et l’arco che tendea,
tal Continua la lettura di Francesco Petrarca – Né così bello il sol già mai levarsi