Archivi tag: mia

Federico II, De le mia disïanza

De le mia disïanza c’ò penato ad avire, mi fa sbaldire – poi ch’i’ n’ò ragione, chè m’à data fermanza com’io possa compire [ lu meu placire ] – senza ogne cagione, a la stagione – ch’io l’averò [‘n] possanza. Senza fallanza – voglio la persone, per cui cagione – faccio mo’ membranza. A tut[t]ora… Leggi tutto »

Guido delle Colonne, La mia gran pena e lo gravoso affanno

La mia gran pena e lo gravoso af[f]anno, c’ò lungiamente per amor patuto, madonna lo m’à ‘n gioia ritornato; pensando l’avenente di mio danno, in sua merze[de] m’ave riceputo e lo sofrire mal m’à meritato: ch’ella m’à dato – tanto bene avire, che lo sofrire – molta malenanza agi’ ubriato, e vivo in allegranza. Allegro… Leggi tutto »

Lorenzo de’ Medici – La debil, piccioletta e fral mia barca

La debil, piccioletta e fral mia barca oppressata è dalla marittim’onda, in modo che tanta acqua giá vi abbonda, che perirá, tant’è di pensier carca. Poi che invan tanto tempo si rammarca, e par Nettuno a’ suo prieghi s’asconda tra’ scogli, e dove l’acqua è più profonda; or pensi ognun con che sicurtá varca. Io… Leggi tutto »

Giovan Battista Marino – Donna bella e crudele – Amor, com’esser può che per mia doglia

Amor, com’esser può che per mia doglia chiuda un tenero seno anima alpina? Com’è che si nasconda e si raccoglia mente infernal sotto beltà divina? Sì bella guancia con sì cruda voglia sembra cinta di fior tana ferina; sì fero core in sì leggiadra spoglia è qual vipera in rosa o rosa in spina. Chi… Leggi tutto »