Archivi tag: mie

Gaspara Stampa – Oimè, le notti mie colme di gioia,

Oimè, le notti mie colme di gioia,
i dì tranquilli, e la serena vita,
come mi tolse amara dipartita,
e converse il mio stato tutto in noia!
E, perché temo ancor (che più m’annoia)
che la memoria mia sia dipartita
da quel conte crudel che m’ha ferita,
che mi resta altro omai, se non ch’io moia?
E vo’ morir, ché rimirar d’altrui
quel che fu mio quest’occhi non potranno,
perché mirar non sanno altri che lui.
Prendano essempio l’altre che verranno
a non Continua la lettura di Gaspara Stampa – Oimè, le notti mie colme di gioia,

Michelangelo Buonarroti – Quand’el ministro de’ sospir mie tanti

Quand’el ministro de’ sospir mie tanti
al mondo, agli occhi mei, a sé si tolse,
natura, che fra noi degnar lo volse,
restò in vergogna, e chi lo vide in pianti.
Ma non come degli altri oggi si vanti
del sol del sol, c’allor ci spense e tolse,
morte, c’amor ne vinse, e farlo il tolse
in terra vivo e ‘n ciel fra gli altri santi.
Così credette morte iniqua e rea
finir il Continua la lettura di Michelangelo Buonarroti – Quand’el ministro de’ sospir mie tanti

Michelangelo Buonarroti – Se ‘l mie rozzo martello i duri sassi

Se ‘l mie rozzo martello i duri sassi
forma d’uman aspetto or questo or quello,
dal ministro che ‘l guida, iscorge e tiello,
prendendo il moto, va con gli altrui passi.
Ma quel divin che in cielo alberga e stassi,
altri, e sé più, col propio andar fa bello;
e se nessun martel senza martello
si può far, da quel vivo ogni altro fassi.
E perché ‘l colpo è di valor più pieno
quant’alza più se Continua la lettura di Michelangelo Buonarroti – Se ‘l mie rozzo martello i duri sassi

Michelangelo Buonarroti – Ben doverrieno al sospirar mie tanto

Ben doverrieno al sospirar mie tanto
esser secco oramai le fonti e ‘ fiumi,
s’i’ non gli rinfrescassi col mie pianto.
Così talvolta i nostri etterni lumi,
l’un caldo e l’altro freddo ne ristora,
acciò che ‘l mondo più non si consumi.
E similmente il cor che s’innamora,
quand’el superchio ardor troppo l’accende,
l’umor degli occhi il tempra, che non mora.
La morte e ‘l duol, ch’i’ bramo e cerco, rende
un contento Continua la lettura di Michelangelo Buonarroti – Ben doverrieno al sospirar mie tanto

Michelangelo Buonarroti – La vita del mie amor non è ‘l cor mio

La vita del mie amor non è ‘l cor mio,
c’amor di quel ch’i’ t’amo è senza core;
dov’è cosa mortal, piena d’errore,
esser non può già ma’, nè pensier rio.
Amor nel dipartir l’alma da Dio
me fe’ san occhio e te luc’ e splendore;
nè può non rivederlo in quel che more
di te, per nostro mal, mie gran desio.
Come dal foco el caldo, esser diviso
non può dal bell’etterno ogni Continua la lettura di Michelangelo Buonarroti – La vita del mie amor non è ‘l cor mio

Michelangelo Buonarroti – Sie pur, fuor di mie propie, c’ogni altr’arme

Sie pur, fuor di mie propie, c’ogni altr’arme
difender par ogni mie cara cosa;
altra spada, altra lancia e altro scudo
fuor delle propie forze non son nulla,
tant’è la trista usanza, che m’ha tolta
la grazia che ‘l ciel piove in ogni loco.
Qual vecchio serpe per istretto loco
passar poss’io, lasciando le vecchie arme,
e dal costume rinnovata e tolta
sie l’alma in vita e d’ogni umana cosa,
coprendo sé con più sicuro scudo,
ché tutto Continua la lettura di Michelangelo Buonarroti – Sie pur, fuor di mie propie, c’ogni altr’arme