morra

Isabella Morra – Quel che gli giorni a dietro

Quel che gli giorni a dietro noiava questa mia gravosa salma, di star fra queste selve erme ed oscure, or sol diletta l’alma; ché da Dio, sua mercé, tal grazie impetro che scorger ben mi fa le vie secure di gire a lui fuor de le inique cure. Or, rivolta…

Read More

Isabella Morra – Torbido Siri, del mio mal superbo

Torbido Siri, del mio mal superbo, or ch’io sento da presso il fin amaro, fa’ tu noto il mio duolo al Padre caro, se mai qui ‘l torna il suo destino acerbo. Dilli come, morendo, disacerbo l’aspra Fortuna e lo mio fato avaro e, con esempio miserando e raro, nome…

Read More

Isabella Morra – Fortuna che sollevi in alto stato

Fortuna che sollevi in alto stato ogni depresso ingegno, ogni vil core, or fai che ‘l mio in lagrime e ‘n dolore viva piú che altro afflitto e sconsolato. Veggio il mio Re da te vinto e prostrato sotto la rota tua, pieno d’orrore, lo qual, fra gli altri eroi,…

Read More
Don`t copy text!