Archivi tag: morta

Vittoria Colonna – Amor, se morta è la mia prima speme

Amor, se morta è la mia prima speme,
Nel primo foco mio pur vivo ed ardo;
Il desir ch’ebbi pria col primo sguardo
Nei dì miei primi, avrò nell’ore estreme.
La vita e ‘l bel pensier morranno insieme,
E tosto fia per l’un per l’altra tardo:
L’ultima piaga fece il primo dardo,
Nè più ben spera il cor, nè più mal teme.
Ma se l’alma fedel languendo tace,
E per lei gridan mille aperte prove,
Dàlle per lunga guerra or breve pace!
Non vuol che libertà mai più si trove
Nel suo voler, ma che l’ardente face
S’intepidisca sì che ‘l viver giove.

Dante Alighieri – Non v’accorgete voi d’un che si smore

Non v’accorgete voi d’un che si smore
e va piangendo, sì si disconforta?
Io prego voi, se non vi sete accorta,
che lo miriate per lo vostro onore.
E’ si va sbigottito, in un colore
che ‘l fa parere una persona morta
con tanta pena che ne li occhi porta,
che di levarli già non ha valore.
E quando alcun pietosamente ‘l mira,
lo cor di pianger tutto li si strugge,
e l’anima sen dol sì che ne stride:
e se non fosse ch’elli allor si fugge,
sì alto chiama voi quand’ei sospira
ch’altri direbbe: «Or sappiam chi l’ancide».

Ar mio, sopra la lama ch’e’ rintorta – Cesare Pascarella

Ar mio, sopra la lama ch’e’ rintorta
C’e’ stampata ‘na lettra cor un fiore;
Me lo diede Ninetta che m’e’ morta,
Quanno che me ce messi a fa’ l’amore

E quanno la baciai la prima vorta,
Me disse: – Si m’avrai da da’ er dolore
De dimme che de me nun te n’importa,
Prima de dillo sfonnemece er core. –

E da quer di’ che j’arde el lanternino
Davanti a la crocetta ar camposanto,
Lo porto addosso come un abitino.

E si la festa vado a fa’ bisboccia,
Si be’ che ci abbi’ tanti amichi accanto,
Er mejo amico mio ce l’ho in saccoccia.