olindo

Olindo Guerrini – Questa notte allungai la passeggiata

Questa notte allungai la passeggiata Sino al balcon della fanciulla mia E vidi un’ombra bianca ed agitata Accennar di lassù verso la via. Un brivido mi corse sotto ai panni: «È un’ora che ci amiamo e già m’inganni! «Perchè, perchè questa finzione orrenda? «Amor mio, che t’ho fatto…?» Era la…

Read More

Olindo Guerrini – Ebbro

Noi d’Epicuro i sacerdoti siamo, Noi la face d’amor lieta rischiara, Noi l’opulenta mensa abbiam per ara E i cantici di Bacco al ciel leviamo. Frine con noi sacerdotessa abbiamo Che i misteri del Dio calda c’impara, E di Pafo alla Dea libera e cara I canti, i baci, i…

Read More

Olindo Guerrini – Nella capanna in fondo al mio cortile

Nella capanna in fondo al mio cortile Il luppolo alle canne s’attorciglia; Nell’aria fresca c’è un odor gentile, Odor di gelsomino e di vainiglia. Un’Ebe quasi nuda, alta e sottile, Sorride e spia con le marmoree ciglia De’ palombi gli amor sotto al sedile: E il vento del mattin passa…

Read More

Olindo Guerrini – Noia

Aria ferma e corrotta, acque stagnanti, Biscie, zanzare e rane, Sabbie senza confin, corvi vaganti, Donne brutte e villane, Gente ignorante gialla e discortese: Ecco questo paese. Sbadigliando languir solo soletto Lunghi tediosi giorni, Dormire e ricader disteso in letto Finchè il sonno ritorni, Sentir la mente e il core…

Read More

Olindo Guerrini – Quando nacque Gesù dal sen fecondo

Quando nacque Gesù dal sen fecondo Della vergine ebrea, l’orrida vesta Scosse l’inverno e rinverdì giocondo E Betlemme adorò di Dio la gesta. Sorse un inno d’amor dal ciel profondo, Iddio s’unì degli uomini alla festa; Osanna, ognun gridò, redento è il mondo, Ma l’asino ed il bue scosser la…

Read More

Olindo Guerrini – Io morirò, che la fatal mia sera

Io morirò, che la fatal mia sera Volando giunge e il tempo non s’arresta E già la tomba spalancata e nera A divorar la carne mia s’appresta. Quando tutto ritorna a primavera Io sol non tornerò. Sulla mia testa, Dalla materia mia già tanto altera La maggiorana crescerà modesta. Là…

Read More

Olindo Guerrini – Nel sonno mio credei di rivederla

Nel sonno mio credei di rivederla Angel di paradiso Coll’ali del color di madreperla Sfiorarmi il viso. Era bianco vestita, e il crin disciolto Scendea sino ai ginocchi: Luce d’amor piovea dal suo bel volto, Piovea dagli occhi. Ahi, ma quando un sorriso errar le vidi Sulle labbra frementi, Dissi:…

Read More

Olindo Guerrini – No, non chiamarmi giovane

No, non chiamarmi giovane Perchè i capelli miei son lunghi e biondi E le mie guancie floride Di molli carni e di color giocondi. Son come il frutto fradicio Dentro e che serba il suo color di fuora. Donna, ti sembro giovane E sono un morto che cammina ancora. Chiusa…

Read More
Don`t copy text!