poi

Inghilfredi, Poi la noiosa erranza m’à sorpriso

Poi la noiosa erranza m’à sorpriso e sagiato di sì crudel conforto, voglio mostrare qual è ‘l mio coragio, ch’eo sono in parte di tal logo miso ch’eo son disceso e non son giunto a porto; in gran bonaccia greve fortun’agio e son dimiso da la signoria, da regimento là…

Read More

Neri Poponi, Poi l’Amor vuol ch’io dica

Poi l’Amor vuol ch’io dica quanto d’onor m’à fatto più ch’io non ò servito, no ‘l vo’ celare mica, poi ch’io mi credo matto donar ciascun partito a chi contra vuol díre c’Amor senza servire non facc[i]a altrui gioioso. E s’alcun v’à tormento e non vuol fallimento fare, istea amoroso….

Read More

Federico II, Poi ch’a voi piace, amore

Poi ch’a voi piace, amore, che eo degia trovare, faronde mia possanza ch’io vegna a compimento. Dat’ agio lo meo core in voi, madonna, amare, e tutta mia speranza in vostro piacimento; e non mi partiragio da voi, donna valente, ch’eo v’amo dolzemente, e piace a voi ch’eo agia intendimento….

Read More

Rinaldo d’Aquino, Poi li piace c’avanzi suo valore

Poi li piace c’avanzi suo valore di novello cantare, ònd’alegranza di gio[i] con paura, per ch’io non son sì sapio laudatore ch’io sapesse avanzare lo suo gran pregio infino oltra misura; e la grande abondanza e lo gran bene, ch’eo ne trovo a dire, mi me fa sofretoso; o così…

Read More

Lorenzo de’ Medici – Occhi, poi che privati in sempiterno

Occhi, poi che privati in sempiterno siate veder quel Sol che alluminava vostro oscuro cammino, e confortava la vista vostra, or piangete in eterno. La lieta primavera in crudo verno or s’è rivolta, e ‘l tempo ch’io aspettava esser felice più, e disiava, m’è piú molesto: or quel ch’è Amor,…

Read More