Archivi tag: Pugliese

Giacomino Pugliese, Isplendïente

Isp[l]endïente
stella d’albore
e pïagente
donna d’amore,
ben lo mio cor, c’ài in tua balìa,
da voi non si diparte, in fidanza;
or ti rimembri, bella, la dia
che noi fermammo la dolze amanza.
Bella, or ti sia
[a] rimembranza
la dolze dia
e l’alegranza
quando in diporto istava con vui,
basciando dicìa: «Anima mia,
lo dolze amore, ch’è ‘ntra noi dui,
non falsasse per cosa che sia».
Lo tuo splendore
m’a[ve] sì priso,
di gioi d’amore
m’a[ve] conquiso,
sì che da voi non a[u]so partire,
e non faria se Dio lo volesse;
ben mi por[r]ia adoblar li martire,
se ‘nver voi fallimento facesse.
Donna valente,
la mia vita
per voi, più gente,
è ismarita:
la dolze aita è lo conforto
membrando ch’èite a lo mio brazo
quando scendesti a me in diporto
per la finestra de lo palazo.
Al[l]or t’èi, bella,
i[n] mia balìa,
rosa novella,
per me temìa.
Di voi presi amorosa ve[n]gianza;
oi ‘n fide rosa, fosti patuta!
Se ‘n mia baglia avesse Spagna e Franza,
non averei sì ric[c]a tenuta!
Ch’io [mi] partia
da voi intando
dicivi a mia
[in] sospirando:
«Se vai, meo sire, e fai dimoranza,
ve’ ch’io m’arendo e faccio altra vita,
già mai non entro in gioco, nè in danza,
ma sto rinchiusa più che romita».
Or vi sia a mente,
[oi] donna mia,
che ‘ntra la gente
v’èi in balìa.
Lo vostro core non fals[ï]asse:
di me, bella, vi sia rimembranza!
Tu sai, amor, le pene ch’io trasse.
Chi ne diparte mora in tristanza!
Chi ne diparte,
fiore di rosa,
non ab[b]ia parte
in buona cosa,
che Deo fece l’amor dolce e fino.
Di due amanti, che s’amar di core,
as[s]ai versi canta Giacomino,
ora, che s[i] [di]parte di reo amore.

Giacomino Pugliese, Quando vegio rinverdire

Quando vegio rinverdire
giardino e prato e rivera,
gli aucelletti odo bradire,
udendo la primavera
fanno lor gioia e diporto,
ed io vo’ pensare e dire:
canto per donar conforto
e li mal d’amor covrire,
chè l’amanti pere e torto.
L’amor è legiere cosa,
molt’è forte es[s]ere amato;
chi è amato ed ama in posa
lo mondo à da l[o] suo lato.
Le donne n’ànno pietanza
chi per lor patisce pene.
Sed è nullo c’agia amanza,
lo suo core in gioi mantene,
tut[t]or vive in allegranza.
In gioi vive tut[t]avia;
al cor sento ond’io mi doglio,
madonna, per gelosia;
pensamento mi fa orgoglio.
Amor non vole invegiamento,
ma vuol esser sofritore
di servire a piacimento;
quello che [ ‘n]tende amore
si conviene a compimento.
Vostra sia la ‘ncomincianza,
chè m’invitaste d’amore,
non guataste in fallanza,
chè comprendeste il mio core.
Donna, per vostra ‘noranza
sicurastemi la vita,
donastemi per amanza
una trecc[i]a d’auro ponita
ed io la porto a membranza.

Giacomino Pugliese, Donna, di voi mi lamento

«Donna, di voi mi lamento,
bella di voi mi richiamo
di sì grande fallimento:
donastemi auro co ramo.
Vostro amor pensai tenere
fermo, senza sospecione;
or sembra d’altro volere,
truovolo in falsa cascione,
amore».
«Meo sir, se tu ti lamenti,
tu nó ài dritto, nè ragione;
per te sono in gran tormenti.
Dovresti guardar stagione,
ancor ti sforzi la voglia
d’amore e la gelosia;
con senno porta la doglia,
non perder per tua fol[l]ìa
amore».
«Madonna, s’io pene porto,
a voi non scresce baldanza,
di voi non agio conforto
e fals’e la tua leanza,
quella che voi mi mostraste
là, ov’avea tre persone,
la sera che mi ser[r]aste
in vostra dolze pregione,
amore».
«Meo sir, se tu ti compiangi,
ed io mi sento la doglia;
lo nostro amor falsi e cangi,
ancor che mostri tua voglia.
Non sai che parte mi tegna
di voi, onde son smaruta;
tu mi falsi di convegna
e morta m’à la partuta,
amore».
«Donna, non ti pesa fare
fallimento o villania?
Quando mi vedi passare
sospirando per la via,
asconditi per mostranza:
tut[t]a gente ti rampogna,
a voi ne torna bassanza
e a me ne cresce vergogna,
amore».
«Meo sire, a forza m’aviene
ch’io m’apiatti od asconda,
ca sì distretta mi tene
quelli cui Cristo confonda,
non m’auso fare a la porta;
sono confusa, in fidanza,
ed io mi giudico morta,
tu non n’ài nulla pietanza,
amore».
«Madonna, non n’ò pietanza
di voi, chè troppo mi ‘ncanni:
sempre vivi in allegranza
e ti diletti in mie’ danni;
l’amor non à i[n]ver voi forza,
[per]chè tu non ài fermagio,
d’amor non ài se non scorza,
ond’io di voi son salvagio,
amore».
«Meo sir, se ti lamenti, a[h] me!
tu ti nde prendi ragione,
ch’io vegno là ove mi chiame
e no nde guardo persone.
Poi che m’ài al tuo dimino,
piglia di me tal ve[n]gianza,
che ‘l libro di Giacomino
lo dica per rimembranza,
amore».
«Madonna, in vostra intendenza
niente mi posso fidare,
chè molte fiate in perdenza
trovomi di voi amare.
Ma, s’eo sapesse in certanza
es[s]er da voi meritato,
non averei rimembranza
di nes[s]un fallo pas[s]ato,
amore».

Giacomino Pugliese, Lontano amore manda sospiri

Lontano amore manda sospiri,
merzè cherendo inver l’amorusa,
che falso non mi degia teniri,
chè falsitate già non m’acusa;
non ch’io fallasse lo suo fino amore,
con gioi si dipartisse lo mio core
per altra donna, ond’ella sia pensusa.
Di ciò si ‘nganna, s’ell’à sospetto
ca piacimento d’altra mi sia,
chè ‘n altra donna già non diletto,
se no ‘n lei, ch’è la gioi mia.
Vista nè riso d’altra non m’agenza,
anzi mi tegno in forte penitenza
i be’ sembianti c’altra mi facìa.
Se mi ‘ntendesse, a non cruciare
lo mio diritto senza cascione,
inanzi voglio ben confessare
ch’agio torto de la mia rascione.
Ma facc[i]a che le chiace, ch’io m’arendo
a sua merzè; colpa non mi difendo
e ‘nver l’amore non fo difensione.
Se la mia donna ben si pensasse
ch’io son più ardente de la sua amanza
ch’ella si pensa ch’io la fallasse,
che m’à donato sì gra[n] leanza!
De lo suo amore, che m’à radopiato,
ch’ella si pensi ch’io non sia vietato:
lo cor mi ‘ncende di grande adiranza.
Canzonetta, va a quella ch’è dea,
che l’altre donne tene in dimino
da Lamagna infino in Agulea:
di quello regno, ch’è [lo] più fino
de gli altri regni, a[h] Deo, quanto mi piace!
in dolze terra dimoranza face
madonna, c’a lo Fiore sta vicino.

Giacomino Pugliese, Donna, per vostro amore

Donna, per vostro amore
[ora] trovo
e rinovo
mi’ coragio,
chè tant’agio
dimorato
e dot[t]ato,
stato muto
ritenuto
[ . . ]
[ . . ]
Per biasmo e per pavore
de la gente
già neiente
non mi lasso
e non casso
li miei versi,
li diversi
rime dire.
Voglio avire
consolanza
‘n allegransa,
stando for di rancore.
Ben for di pena,
aulente lena,
poi [che] m’avete,
or mi tenete,
s’i’ò sol[l]azo
[e] versi fazo
per voi, [o] bionda,
oc[c]chi giuconda,
che m’avete priso;
or m’abraza
a tuo’ braza,
amorosa
dubitosa.
Co lo dolze riso
conquiso – voi m’avete, fin amore:
vostro sono leale servidore,
voi siete la mia donna a tut[t]ore,
aulente rosa col fresco colore,
che ‘nfra l’altre ben mi pare la fiore.
Di belleze e d’adorneze
e di bello portamento
vostra par non ò trovata;
però a voi m’apresento.
A tale convente
sto caribo
ben distribo;
[ . . . ]
[ . . . ]
de le maldicente;
con talento
lo stormento
v[o] sonando
e cantando,
blondetta piagente.
Voi siete mia spera,
dolce ciera;
sì perera,
se non fosse lo conforto,
che mi donaste in diporto;
chè mi disperera,
ma[l] vedera
si guer[r]era
ma[i] voi siete, fior de l’orto,
per li mai parlieri a torto.
Rosa fresca, – già non ti ‘ncresca
s’io canto ed ispello;
a tut[t]’ore – per vostro amore
[eo] sono novello;
mentre vivo – a voi [cattivo]
non sono rubello.
La feruta non muta de’ sguardi;
ancora gli mi mandate tardi,
passa[no] balestri turchi e sardi;
sì m’ànno feruto i vostri sguardi.
Tut[t]o ‘ncendo – pur vegendo;
fina donna, a voi m’arendo.
Rendomi in vostra balìa,
voi siete la donna mia,
fontana di cortesia,
per cui tut[t]a gioi si ‘nvia.
Reina d’adorneze
e donna se’ di ‘nsegnamento;
la vostra [gran] belleze
messo m’à in ismagamento;
donami allegreze,
chiarita in viso più c’argento.
Ben sono morto
e male corto,
se me sconforto,
fiore de l’orto.

Giacomino Pugliese, Tuttor la dolze speranza

Tut[t]or la dolze speranza
di voi, donna, mi conforta;
membrando la tua sembianza,
tant’è la gioi che mi porta,
che nulla pena mi pare sofrire,
cotant’è lo dolzore,
ca tut[t]’ore – lo cor mi fa sbaldire.
Non pensai, dolze amore,
ca null’ore – dovessi da me partire.
Donna dolce e piagente,
la vostra gran caunoscenza
non falli sì grevemente,
c’abassi vostra valenza.
S’abandonassi ciò c’ai[o] conquiso,
perderia lo gran pregio,
[ . . . . -egio]
[ . . -egio] – sì alt’amor disciso.
Oi bella dolzetta mia,
non far sì gran fallimento
di creder la gente ria
de lor falso parlamento.
Le lor parole sono viva lanza,
che li cor van pungendo
dicendo – per mala indivinanza.
Donna, merzè, ch’io ‘ncendo
vegendo – partire sì dolze amanza.
Donna, se me ‘n vuoli intendre,
ver me non far sì gran faglia:
lo mio cor mi degie rendre,
ch’è distretto in vostra baglia,
chè grande perdanza di me saria
perder lo core e vui
abendui; – bella, per voi non sia:
lo dolce amor, che fui
infra no’ dui, – non falli, donna mia.
Donna, se ‘nver me falzassi,
ben lo saccio tanto fino,
che ‘l vostro amor si ‘nabassi,
di voi diria Giacomino
che vostra usanza sia spessamente
che ti ‘nfinga d’amare,
poi par[e] – a noi trezeria parvente.
Donna, merzè, non fare:
in fallare – non agie cor, nè mente.

Giacomino Pugliese, Morte, perchè m’ài fatta sì gran guerra

Morte, perchè m’ài fatta sì gran guerra,
che m’ài tolta madonna, ond’io mi doglio?
La fior de le belleze mort’ài in terra,
per che lo mondo non amo, nè voglio.
Villana morte, che non à[i] pietanza,
disparti amore e togli l’allegranza
e dài cordoglio.
La mia alegranza post’ài in gran tristanza,
chè m’ài tolto la gioia e l’alegranza,
c’avere soglio.
Solea aver sollazo e gioco e riso
più che null’altro cavalier che sia;
or n’è gita madonna in paradiso,
portòne la dolze speranza mia,
lasciòmi in pene e con sospiri e planti,
levòmi de [sollazo], gioco e canti
e compagnia;
or no la vegio, nè le sto davanti
e non mi mostra li dolze sembianti
che [far] solia.
Oi Deo, perchè m’ai posto in tale iranza?
ch’io son smaruto, non so ove mi sia,
chè m’ài levata la dolze speranza,
partit’ài la più dolze compagnia,
che sia i[n] nulla parte, ciò m’è aviso.
Madonna, [ chi lo tene ] lo tuo viso
in sua balia?
lo vostro insegnamento e dond’è miso?
e lo tuo franco cor chi mi l’à priso
[ma]don[n]a mia?
Ov’è madonna e lo suo insegnamento,
la sua belleza e la gran canoscianza,
lo dolze riso e lo bel portamento,
gli oc[c]hi e la boc[c]a e la bella sembianza,
suo adornamento e sua cortesia?
Madonna, per cui stava tut[t]avia
in alegranza,
or no la vegio nè notte nè dia,
non m’abella, sì come far solia
in sua sembianza.
Se fosse mio ‘l reame d’Ungaria,
con Greza e Lamagna infino in Franza,
lo gran tesoro di Santa Sofia,
non por[r]ia ristorar sì gran perdanza
come fu in quella dia che si n’andao.
Madonna de sta vita trapassao,
con gran tristanza
sospiri e pene e pianti mi lasciao,
e già mai nulla gioia mi mandao
per confortanza.
Se fosse al meo voler, donna, di voi,
dicesse a Dio sovran, che tut[t]o face,
che giorno e notte istessimo ambonduoi.
Or sia il voler di Dio, da c’a Lui piace.
Membro e ricordo quand’era co mico,
sovente m’appellava «dolze amico»,
ed or no ‘l face,
poi Dio la prese e menolla con sico.
La Sua vertute sia, bella, con tico
e la Sua pacc.

Giacomino Pugliese – Morte, perché m’hai fatta sì gran guerra – Lettura di Valerio Di Stefano

      giacominopugliese-morteperchemhaifattasigranguerra