Archivi tag: qual

Gandavo, Pero de Magalhães – Tractado da terra do Brasil – no qual se contem a informação das cousas que ha nestas – partes feito por P.º de Magalhaes

EText-No. 28122
Title: Tractado da terra do Brasil – no qual se contem a informação das cousas que ha nestas – partes feito por P.º de Magalhaes
Author: Gandavo, Pero de Magalhães, -1576
Language: Portuguese
Link: cache/generated/28122/pg28122.epub

EText-No. 28122
Title: Tractado da terra do Brasil – no qual se contem a informação das cousas que ha nestas – partes feito por P.º de Magalhaes
Author: Gandavo, Pero de Magalhães, -1576
Language: Portuguese
Link: 2/8/1/2/28122/28122-h/28122-h.htm
Link: 2/8/1/2/28122/28122-h/tractado-lt1.html
Link: 2/8/1/2/28122/28122-h/tractado-utf8.html

EText-No. 28122
Title: Tractado da terra do Brasil – no qual se contem a informação das cousas que ha nestas – partes feito por P.º de Magalhaes
Author: Gandavo, Pero de Magalhães, -1576
Language: Portuguese
Link: cache/generated/28122/pg28122.mobi

EText-No. 28122
Title: Tractado da terra do Brasil – no qual se contem a informação das cousas que ha nestas – partes feito por P.º de Magalhaes
Author: Gandavo, Pero de Magalhães, -1576
Language: Portuguese
Link: 2/8/1/2/28122/28122-0.txt
Link: 2/8/1/2/28122/28122-8.txt

EText-No. 28122
Title: Tractado da terra do Brasil – no qual se contem a informação das cousas que ha nestas – partes feito por P.º de Magalhaes
Author: Gandavo, Pero de Magalhães, -1576
Language: Portuguese
Link: 2/8/1/2/28122/28122-h.zip

EText-No. 28122
Title: Tractado da terra do Brasil – no qual se contem a informação das cousas que ha nestas – partes feito por P.º de Magalhaes
Author: Gandavo, Pero de Magalhães, -1576
Language: Portuguese
Link: 2/8/1/2/28122/28122-0.zip
Link: 2/8/1/2/28122/28122-8.zip

Gonella degli Anterminelli, Una rason, qual eo non saccio, chero

Una rason, qual eo non sac[c]io, chero:
ond’è che ferro per ferro si lima?
natura di vena o di tempero,
o mollezza di quel che si dicima?
Cresce e dicresce, corrompe e sta ‘ntero
per sua natura, si com’ fue di prima?
Parlara più latin, se non ch’eo spero
che tutto sa chi è dottor di rima.
Sentenza aspetto, e, di ciò mi confido,
per essa provarò per argomento
che senno e natural rasion non falla.
D’ogn’arte de l’alchima mi disfido
e d’om che muta parlar per ac[c]ento:
non trae per senno al foco la farfalla.

Vittoria Colonna – Qual più pregiato o più raro lavoro

Qual più pregiato o più raro lavoro
Adorno di smeraldo o d’adamante
Sarà, che degnamente serbi e ammante
Del sacro cener tuo l’alto tesoro?
Anima bella, al più beato coro
Del ciel gradita, le lagrime tante
Ch’io spargo vedi; poi che le tue sante
Membra non chiudo in puro argento ed oro.
Ma i chiari spirti e i nobili intelletti
Che seguiranno i tuoi lodati esempi,
Mentre i mortali avran gloria ed onore,
Con lunga istoria nei profondi petti
Faran del nome tuo sacrati tempi:
Ch’altr’urna è breve a sì largo valore.

Francesco Petrarca – Qual donna attende a glorïosa fama

Qual donna attende a glorïosa fama
di senno, di valor, di cortesia,
miri fiso negli occhi a quella mia
nemica, che mia donna il mondo chiama.
Come s’acquista honor, come Dio s’ama,
come è giunta honestà con leggiadria,
ivi s’impara, et qual è dritta via
di gir al ciel, che lei aspetta et brama.
Ivi ‘l parlar che nullo stile aguaglia,
e ‘l bel tacere, et quei cari costumi,
che ‘ngegno human non pò spiegar in carte;
l’infinita belleza ch’altrui abbaglia,
non vi s’impara: ché quei dolci lumi
s’acquistan per ventura et non per arte.

Francesco Petrarca – Qual paura ò, quando mi torna a mente

Qual paura ò, quando mi torna a mente
quel giorno ch’i’ lasciai grave et pensosa
madonna, e ‘l mio cor seco! et non è cosa
che sí volentier pensi, et sí sovente.
I’ la riveggio starsi humilemente
tra belle donne, a guisa d’una rosa
tra minor’ fior’, né lieta né dogliosa,
come chi teme, et altro mal non sente.
Deposta avea l’usata leggiadria,
le perle et le ghirlande et i panni allegri,
e ‘l riso e ‘l canto e ‘l parlar dolce humano.
Cosí in dubbio lasciai la vita mia:
or tristi auguri, et sogni et penser’ negri
mi dànno assalto, et piaccia a Dio che ‘nvano.

Francesco Petrarca – Qual ventura mi fu, quando da l’uno

Qual ventura mi fu, quando da l’uno
de’ duo i piú belli occhi che mai furo,
mirandol di dolor turbato et scuro,
mosse vertú che fe’ ‘l mio infermo et bruno!
Send’io tornato a solver il digiuno
di veder lei che sola al mondo curo,
fummi il Ciel et Amor men che mai duro,
se tutte altre mie gratie inseme aduno:
ché dal dextr’occhio, anzi dal dextro sole,
de la mia donna al mio dextr’occhio venne
il mal che mi diletta, Continua la lettura di Francesco Petrarca – Qual ventura mi fu, quando da l’uno

Francesco Petrarca – In qual parte del ciel, in quale ydea

In qual parte del ciel, in quale ydea
era l’exempio, onde Natura tolse
quel bel viso leggiadro, in ch’ella volse
mostrar qua giú quanto lassú potea?

Qual nimpha in fonti, in selve mai qual dea,
chiome d’oro sí fino a l’aura sciolse?
quando un cor tante in sé vertuti accolse?
benché la somma è di mia morte rea.

Per divina bellezza indarno mira
chi gli occhi de costei già mai non vide
come soavemente ella gli gira;

non sa come Amor sana, Continua la lettura di Francesco Petrarca – In qual parte del ciel, in quale ydea

Francesco Petrarca – Qual piú diversa et nova

Qual piú diversa et nova
cosa fu mai in qual che stranio clima,
quella, se ben s’estima,
piú mi rasembra: a tal son giunto, Amore.
Là onde il dí vèn fore,
vola un augel che sol senza consorte
di volontaria morte
rinasce, et tutto a viver si rinova.
Cosí sol si ritrova
lo mio voler, et cosí in su la cima
de’ suoi alti pensieri al sol si volve,
et cosí si risolve,
et cosí torna al suo stato di prima:
arde, et more, Continua la lettura di Francesco Petrarca – Qual piú diversa et nova

Francesco Petrarca – Sennuccio, i’ vo’ che sapi in qual manera

Sennuccio, i’ vo’ che sapi in qual manera
tractato sono, et qual vita è la mia:
ardomi et struggo anchor com’io solia;
l’aura mi volve, et son pur quel ch’i’m’era.

Qui tutta humile, et qui la vidi altera,
or aspra, or piana, or dispietata, or pia;
or vestirsi honestate, or leggiadria,
or mansüeta, or disdegnosa et fera.

Qui cantò dolcemente, et qui s’assise;
qui si rivolse, et qui rattenne il passo;
qui co’ begli occhi mi trafisse il core;

qui disse una Continua la lettura di Francesco Petrarca – Sennuccio, i’ vo’ che sapi in qual manera