Archivi tag: te

Miguel Hernandez – A mi hiho – Te has negado a cerrar los ojos, muerto mío

Te has negado a cerrar los ojos, muerto mío,
abiertos ante el cielo como dos golondrinas:
su color coronado de junios, ya es rocío
alejándose a ciertas regiones matutinas.

Hoy, que es un día como bajo la tierra, oscuro,
como bajo la tiera, lluvioso, despoblado,
con la humedad sin sol de mi cuerpo futuro,
como bajo la tierra quiero haberte enterrado.

Desde que tú eres muerto no alientan las mañanas,
al fuego arrebatadas de tus ojos solares:
precipitado octubre contra nuestras ventanas,
diste paso al otoño y anocheció los mares.

Te ha devorado el sol, rival único y hondo
y la remota sombra que te lanzó encendido;
te empuja luz abajo llevándote hasta el fondo,
tragándote; y es como si no hubieras nacido.

Diez meses en la luz, redondeando el cielo,
sol muerto, anochecido, sepultado, eclipsado.
Sin pasar por el día se marchitó tu pelo;
atardeció tu carne con el alba en un lado.

El pájaro pregunta por ti, cuerpo al oriente,
carne naciente al alba y al júbilo precisa;
niño que sólo supo reír, tan largamente,
que sólo ciertas flores mueren con tu sonrisa.

Ausente, ausente, ausente como la golondrina,
ave estival que esquiva vivir al pie del hielo:
golondrina que a poco de abrir la pluma fina,
naufraga en las tijeras enemigas del vuelo.

Flor que no fue capaz de endurecer los dientes,
de llegar al más leve signo de la fiereza.
Vida como una hoja de labios incipientes,
hoja que se desliza cuando a sonar empieza.

Los consejos del mar de nada te han valido…
Vengo de dar a un tierno sol una puñalada,
de enterrar un pedazo de pan en el olvido,
de echar sobre unos ojos un puñado de nada.

Verde, rojo, moreno; verde, azul y dorado;
los latentes colores de la vida, los huertos,
el centro de las flores a tus pies destinado,
de oscuros negros tristes, de graves blancos yertos.

Mujer arrinconada: mira que ya es de día.
(¡Ay, ojos sin poniente por siempre en la alborada!)
Pero en tu vientre, pero en tus ojos, mujer mia,
la noche continúa cayendo desolada.

40 Views

Guittone d’Arezzo, Spietata donna e fera, ora te prenda

Spietata donna e fera, ora te prenda
di me cordoglio, poi morir mi vedi;
che tanta pietà di te discenda,
che ‘n alcuna misura meve fidi.
Che lo tuo fero orgolio no m’offenda
s’eo ti riguardo, ché con el m’aucidi,
e la tua cera allegra me si renda
sol una fiata e molto mi provedi,
en guiderdon di tutto meo servire,
ché lo tuo sguartio in guerigion mi pone,
e lo pur disdegnar fami perire.
Or mira qual t’è più reprensione:
o desdegnar, per fare me morire,
o guardar, perch’eo torni a guerigione.

3 Views

Guittone d’Arezzo, Beato Francesco, in te laudare

Beato Francesco, in te laudare
ragione aggi’e volere;
ma prendo unde savere,
degnità tanta in suo degno retrare?
Saver mi manca (e nullo è quasi tanto)
e degnità assai via maggiormente,
ché dignissimo saggio e magno manto,
gabbo e non laudo, laudar l’om nesciente:
a grazioso in tutto e santo tanto
de miser ontoso om laud’è non gente:
non conven pentulaio auro ovrare,
e non de baronia
ni de filosofia
alpestro pecoraio omo trattare.
Non degno è, segnor meo, magno ree,
toccare om brutto bel tanto bellore;
ma sì mi stringe amor, laudando tee,
poi benigno te soe sostenitore.
Pur laudaria; ma quand’eo miro chee
laudar deggio valente e car valore,
e quanto e qual de parte onni appare
magno, mirabel, degno,
quasi ismarruto vegno,
e lo vil mio saver teme e dispare.
E se dotta lo meo parvo savere
a la faccia del tuo nobel valore,
reprendel chi ben dea fanciul temere
intrare in campo con campion forzore.
E de cui scienza umana ave podere
che con valenza tua prendesse onore,
che in largo occupa terra e mare
e cielo onne in alto?
Chi ‘n lei ten donque assalto,
è, più anche che sempre, in abondare.
E perché parva era umana scienza,
e non degno om omo angel laudando,
prese Dio la tua laude in sua potenza,
tuo caro merto degno orrato orrando;
e no in dire, u’ non ben par valenza,
ma in mirabili fatti essa provando;
ché più fiate augelli te fece onrare
ubidendo e seguendo,
e a morti, surgendo,
la tua cara vertù fece parlare.
Oh, quanto quanto e di maniere quante
nei toi gran merti degni onrar pugnoe
in miraculi magni e grazie mante!
E tutto, sembra, lui poco sembroe:
parvo par magno far a magno amante;
unde orrevel del ciel te visitoe;
non d’angel già, né d’arcangel, ni pare:
ma di cherubin maggio
magno esser messaggio
da magno a magno dea, sor magno affare.
Magno è Dio sommo, e tu per lui tragrande,
e mister magno è ten, bon laudar tale,
e ben pascendo amor portar vivande
che fo da Dio a te vero e corale;
che, come certo in iscrittura pande,
simile se desìa onni animale
e simel Dio chi lui pugna sembrare;
unde te che ‘l pugnasti,
sì onni altro obriasti,
è prova el deggia d’amor tutto amare.
Magne de tua vertù, magne d’amore
da Dio a te son prove este, e son nente
inver che c’è sorgrande e sormaggiore
e sola tua, ch’è maggio e maggiormente,
ché, ciò che fu en sé maggio e megliore,
le suoi piaghe, mise in te apertamente;
e ciò per magne due cose asegnare:
una provando como
la via si è ‘l tuo dentro, omo;
altra teco una cosa esser mostrare.
Merabel meraviglia o cosa nova
quale è tua pare? Parli e sé non celi.
Maggio, m’è viso, te tal prova approva,
che se ‘nchinati te fusser li celi,
o tolta, o data, como a Elia, piova,
e suscitati in te tutti fedeli,
o fusse Cristo in propia forma in are,
o in terra a te sceso,
o suo spirto in te acceso,
o se tu fatto in sua fazion su’ pare.
Nascer de Cristo e tutta umanitate
fue mirabel magno oltr’onni conto;
ma fior e frutto d’essa e bonitate
suoi piaghe fuoro, in qual se’ te congionto.
Oh, quanta e quale è tua gran degnitate!
Beato anche in via grande alto ponto
debber segni essi a segno in te segnare;
che como in esso Cristo
salvò seculo esto,
salute essa dovei tu reformare.
Isformata e quasi mort’era salute,
errore e vizio contra essa pugnando,
quando tu con magna onni vertute
levasti, forte e pro, lor contastando.
Lingue parlanti inique hai fatte mute,
e mute parlatrici e a bon trattando.
Ciech’era ‘l mondo: tu failo visare,
lebroso: hailo mondato,
morto: l’hai suscitato,
sceso a inferno: failo a ciel montare.
Segnano anche altro esti segni in teie.
Dice Cristo: chi vol poi me venire
tolla la croce sua e segua meie;
cioè piaghe suoie deggia in cor sculpire
e nel suo dire e far portarle in seie;
e chi non ciò, non pol ver cristian dire.
Unde tu, che dovei ricoverare
in vita vera e voce
di penetenza croce,
mertasti gonfalon esso portare.
Tal se’ e tanto e via maggio che tale;
e nei toi figli oh, quant’alzi grandezza,
in cui valore onni valente vale;
dator di scienza e di vertù, fortezza
vit’e bellor del mondo e lume, al quale
parva valenza sole hav’e chiarezza,
che dentro alluman cori e i fan fruttare,
accendon caritate,
schiaran veritate,
diseccan vizi e fan vertù granare.
Oh, quanto amore, quanta devozione,
quanta subgezione e reverenza
deono te e tuoi d’onni ragione
tutti cristian, con tutti ogni piagenza,
a cui asempro, a cui ammonizione
hanno quasi quanto hanno di valenza!
Ben tenuti semo donque laudare,
reverire, gradire,
e te e i toi seguire
con devozione tutta pugnare.
Mercé donque, Messer; me perdonare
a te piaccia e ai toi,
se non laudat’ho voi
degno, ché non finire so cominciare.

1 Views

Lorenzo de’ Medici – Nel picciol tempio, di te sola ornato

Nel picciol tempio, di te sola ornato,
donna gentile e piú ch’altra eccellente,
o de’ moderni o dell’antica gente,
pel tuo partir poi d’ogni ben privato,
sendo da mia fortuna trasportato
per confortar l’afflitta alma dolente,
m’apparve agli occhi un raggio sílucente
che oscuro di poi parmi quel che guato.
La cagion, non potendo mirar fiso,
pensai lo splendor esser d’adamante
o d’altra petra piú lucente e bella,
per ornar posta, ornata lei da quella;
ma poi mutai pensiero, e il radiante
raggio conobbi, ch’era il tuo bel viso.

3 Views

Luis de Camoes – Alma minha gentil, que te partiste

Alma minha gentil, que te partiste
Tão cedo desta vida descontente,
Repousa lá no Ceo eternamente,
E viva eu cá na terra sempre triste.
Se lá no assento Ethereo, onde subiste,
Memoria desta vida se consente,
Não te esqueças de aquelle amor ardente,
Que ja nos olhos meus tão puro viste.
E se vires que póde merecer-te
Alg~ua cousa a dor que me ficou
Da mágoa, sem remedio, de perder-te;
Roga a Deos que teus annos encurtou,
Que tão cedo de cá me leve a ver-te,
Quão cedo de meus olhos te levou.

3 Views

Marc-Antoine Charpentier – Preludio al “Te Deum”, H 146, Versione per organo – Ian Dollins

      Te Deum Prelude
      http://www.classicistranieri.com/wp-content/uploads/2015/11/Te-Deum-Prelude.mp3

da: www.musopen.org
Licenza: https://creativecommons.org/publicdomain/mark/1.0/

64 Views

Giosuè Carducci – Te gridi vil quei che piegò la scema

Te gridi vil quei che piegò la scema
Alma sotto ogni danno ed a l’ostile
Possa adulò, pago a cessar l’estrema
Liberatrice d’ogni cor gentile:

Te gridi vile il mondo, il mondo vile
Che muor di febbre su le piume, e trema,
Pur franto da la lunga età senile,
In conspetto a la sacra ora suprema.

Ben te, o fratel, di ricordanza pia
Proseguirà qual cor senta i funesti
Regni del fato e il viver nostro orrendo,

Te che di sangue spazïosa Continua la lettura di Giosuè Carducci – Te gridi vil quei che piegò la scema

2 Views

Giosuè Carducci – E degno è ben, però ch’a te potei

E degno è ben, però ch’a te potei,
Lasso!, chinar l’ingegno integro eretto,
S’ora in gioco tu volgi, e lieto obietto
L’ire, o donna, ti sono e i dolor miei.

Io quel dí che mie voglie a te credei
Pur vagheggiando accuso; e strappo e getto
Tua terribile imagine dal petto
In van: tu meco, erinni mia tu sei.

Ahi donna! ne le miti aure è il sorriso
Di primavera, e il sole è radïante,
E il verde pian del lume Continua la lettura di Giosuè Carducci – E degno è ben, però ch’a te potei

2 Views

Michelangelo Buonarroti – Di te me veggo e di lontan mi chiamo

Di te me veggo e di lontan mi chiamo
per appressarm’al ciel dond’io derivo,
e per le spezie all’esca a te arrivo,
come pesce per fil tirato all’amo.
E perc’un cor fra dua fa picciol segno
di vita, a te s’è dato ambo le parti;
ond’io resto, tu ‘l sai, quant’io son, poco.
E perc’un’alma infra duo va ‘l più degno,
m’è forza, s’i’ voglio esser, sempre amarti;
ch’i’ son sol legno, e tu Continua la lettura di Michelangelo Buonarroti – Di te me veggo e di lontan mi chiamo

0 Views