Twitter ha etichettato i media pro-governativi serbi: è importante sapere chi controlla ed esercita pressione sui media

 11 total views,  2 views today

L'emittente pubblica serba RTS non usa più Twitter in segno di protesta

Profili Twitter etichettati come “I mezzi di comunicazione che collabora con il governo in Serbia “Медиј који сарађује са владом Србијa).Collage di Global Voices, CC BY.

Questa storia di Mihaela Šljukić Bandović è apparsa originariamente [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] su Istinomer (Truth-O-Meter), un'iniziativa di verifica dei fatti del Centro per la ricerca, la trasparenza e la responsabilità (CRTA). Una versione modificata è pubblicata di seguito come parte di un accordo per la condivisione dei contenuti con Global Voices.

Dopo aver cancellato più di 8.500 account lo scorso anno che promuovevano il presidente Aleksandar Vucic e il Partito progressista serbo, Twitter ha dato loro un ao grattacapo etichettando i tweet come media controllati dal governo serbo. In risposta alle accuse delle autorità serbe che si trattava di censura, questa società ha detto a Istinomer che era importante per gli utenti di Twitter sapere quando lo stato esercita il controllo sui contenuti editoriali attraverso risorse finanziarie, spiegando le loro linee guida quando fanno tali distinzioni.

È passato molto tempo da quando la scena mediatica serba è stata tanto turbata quanto dopo la decisione di Twitter di etichettare questi account come “media che collabora con il governo [in] Serbia”.

Twitter ha applicato questa etichetta all'emittente pubblica RTS, all'emittente pubblica regionale Radio Television Vojvodina, al quotidiano Politika, all'agenzia di stampa Tanjug, al media online B92, TV Prva, TV Pink, TV Hepi, tabloid Kurir e Informer.

Ottimo lavoro @twitter. Kurir e Informer, due tabloid pro-regime 🇷🇸 sono ora chiaramente contrassegnati per essere media vicini al governo serbo.

Mentre alcuni credono che Twitter abbia confermato solo la conoscenza comune in Serbia e ciò che era visibile nel monitoraggio dei media delle organizzazioni non governative locali e internazionali, il governo e i media etichettati hanno accusato Twitter di censura, hanno affermato che si trattava di un attacco alla libertà dei media. Il quotidiano Novosti ha riferito [bs] che il presidente Aleksandar Vučić ha affermato che l'etichettatura è “un'arma politica nelle mani della CIA o del Pentagono!”

Istinomer ha chiesto a Twitter di definire i criteri e la metodologia per etichettare i media affiliati al governo. L'ufficio stampa dell'azienda ha affermato di distinguere tra i media finanziati da fondi pubblici e quelli controllati da governi o stati, poiché il loro “obiettivo è etichettare i media controllati dallo stato che non sono esenti da pressioni politiche e governative”.

I media affiliati allo stato sono definiti come media in cui “lo stato esercita il controllo sui contenuti editoriali attraverso risorse finanziarie e pressioni politiche dirette o indirette e/o controllo sulla produzione e distribuzione”. Twitter ha continuato:

“We believe it is important for people using Twitter to know when media are controlled by the government as regards financing and editorial content. This control is exercised either through self-censorship or by announcing information under government directive. We will not publish the list of all accounts which are labelled as state-affiliated, to prevent the states that want to avoid this labelling to open new accounts in order to trick the system”.

“Crediamo che sia importante per le persone che usano Twitter sapere quando i media sono controllati dal governo per quanto riguarda il finanziamento e il contenuto editoriale. Questo controllo viene esercitato attraverso l'autocensura o mediante l'annuncio di informazioni ai sensi della direttiva del governo. Non pubblicheremo l'elenco di tutti i conti che sono etichettati come affiliati allo stato, per evitare che gli stati che vogliono evitare questa etichettatura aprano nuovi conti per ingannare il sistema”.

La società ha affermato di aver consultato “molte parti interessate, inclusi accademici e ricercatori, governo, organizzazioni di esperti e coloro che utilizzano i loro servizi” e che, a loro avviso, tale etichettatura dei conti era “efficiente poiché fornisce contesto e informazioni agli utenti su l'origine del conto e il suo potenziale intento”

Sebbene non abbiano elencato specificamente la metodologia applicata, Twitter osserva che per etichettare i media come controllati dallo stato, utilizzano come fonti i rapporti di numerose organizzazioni di esperti, come il Media Freedom Index di Reporters without Borders e Freedom House. In un recente rapporto, Reporter senza frontiere afferma [sr] che “la Serbia è un paese con istituzioni deboli che è preda di notizie false diffuse dai media sostenuti dal governo”, mentre Freedom House critica la Serbia per la “propaganda filo-governativa, che ha contribuito alla vasta vittoria elettorale”.

Danilo Krivokapic, direttore della Share Foundation per la promozione dei diritti digitali , ha dichiarato a Istinomer che era della massima importanza per questa piattaforma annunciare le motivazioni alla base della loro decisione.Ha detto che crede che questa non sia “censura classica”, dal momento che Twitter non raccomanda o migliora account o tweet, e i media sono ancora in grado di pubblicare contenuti senza disturbi, con i follower che hanno pieno accesso ai tweet.

Krivokapic ha continuato:

Twitter, and other platforms too, have been justifying for too long that they are nothing more than intermediaries in informing, without any liability for it, but numerous side pressure have caused them to change their practice and have more responsibility for their users. At the beginning of this year Twitter blocked the then American President Trump, and Facebook has, along with its partnership organizations, started labelling fake news more seriously so I believe this Twitter decision came from that. It is reasonable in that sense to first label the media that depend of government, since such influence is the most obvious and prevalent, but we have to have all information on how such decisions were made so we could have confidence in such system.

Twitter, e anche ae piattaforme, hanno giustificato per troppo tempo di essere nient'ao che intermediari nell'informazione, senza alcuna responsabilità per questo, ma numerose pressioni collaterali li hanno portati a cambiare la loro pratica e ad avere maggiori responsabilità per i loro utenti. All'inizio di quest'anno Twitter ha bloccato l'ex presidente americano Trump e Facebook, insieme alle sue organizzazioni partner, ha iniziato a etichettare più seriamente le notizie false, quindi credo che questa decisione di Twitter sia derivata da questo. È ragionevole in questo senso etichettare prima i media che dipendono dal governo, poiché tale influenza è la più ovvia e prevalente, ma dobbiamo avere tutte le informazioni su come sono state prese tali decisioni in modo da poter avere fiducia in tale sistema.

Twitter ha iniziato la pratica di etichettare i media controllati dallo stato o dal governo nell'agosto 2020. Si è concentrato prima su Cina, Francia, Russia, Regno Unito e Stati Uniti d'America. Nel febbraio 2021 tale pratica è stata estesa ad ai 15 paesi: Canada, Cuba, Ecuador, Germania, Honduras, Indonesia, Iran, Italia, Giappone, Arabia Saudita, Spagna, Thailandia, Turchia ed Emirati Arabi Uniti e Serbia.

Sebbene abbiano usato la stessa narrativa della censura, i principali media russi e cinesi che sono stati etichettati da Twitter come media affiliati al governo, come RTS, hanno smesso di usare quei social media come segno di protesta.

Per rendere la situazione più drammatica, il presidente Vucic ha detto che potrebbe aspettare che Twitter chiuda il suo account e lo faccia diventare un ao Trump. Questo commento è stato riportato in tutto il mondo, compreso il Washington Post, che lo descrive come un “leader autocratico serbo”.

Il presidente Vucic ha chiesto [sr] perché fosse sbagliato che alcuni media avessero collaborato con il governo. Si è persino congratulato con i media “che si oppongono alla rete obbediente”, dicendo che Twitter ha davvero lusingato quei media, poiché non hanno scelto di cooperare con “magnati, ladri e criminali”. Nelle sue parole, il governo non stava pagando la maggior parte di quei media, “mentre stanno pagando Voice of America e BBC, ma non li hanno elencati come media affiliati al governo”.

Il Ministero della Cultura e dell'Informazione ha emesso un annuncio manisfestandosi  sorpresi per le azioni di Twitter, osservando [sr]:

Министарство не улази у то шта је навело овај вишејезични сајт да од размене мишљења и слободе говора, што сами истичу, стигне до цензуре појединих медија у нашој земљи али скреће пажњу да је обележавање медија и њихових уредника или руководства, небитно од кога да долази, непожељно и да не води демократском дијалогу којем ми као друштво тежимо.

Il Ministero non commenta ciò che ha portato questo sito multilingue [NdR: Twitter] a passare dalla posizione dichiarata di promuovere lo scambio di opinioni e la libertà di parola alla censura di alcuni media nel nostro paese, ma sottolinea che etichettare i media e i loro editori o la gestione, indipendentemente da chi, non è desiderabile e non porta al dialogo democratico come obiettivo nella nostra società.

Anche la società televisiva serba ha utilizzato l'argomento del finanziamento. Nel suo lungo comunicato stampa emesso il 18 agosto ha sottolineato [sr] che gli utenti di Twitter non erano stati avvertiti che Voice of America, Radio Free Europe e Deutsche Welle erano completamente finanziate dal bilancio statale in quanto lo stato era il loro fondatore, mentre la Serbian Broadcasting Corporation era etichettata come “affiliato” sebbene non fosse finanziato dal bilancio dello Stato.Per quanto riguarda ai criteri, come menzionato nel comunicato stampa, analizzando i contenuti che RTS aveva pubblicato su Twitter, l'algoritmo informatico non avrebbe potuto stabilire che il contenuto fosse stato realizzato sotto la pressione o l'influenza del governo in Serbia. RTS ha quindi stimato che la decisione di Twitter fosse “infondata e politica”, quindi ha smesso di pubblicare i suoi contenuti su questo social media (@rts_vesti).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.