Velocista bielorussa richiederà asilo dopo esser stata rimandata a casa per le Olimpiadi dai funzionari nazionali

 53 total views,  1 views today

La velocista aveva criticato i suoi allenatori su Instagram

Belarusian sprinter Krystsina Tsimanouskaya at Tokyo's Haneda airport on August 1, 2021. Screenshot from video by Reuters on YouTube.

La velocista bielorussa Krystsina Tsimanouskaya mentre parla con la polizia all'aereoporto Haneda di Tokyo, 1 agosto 2021. Screenshot preso da un video online pubblicato da Reuters.

Krystsina Tsimanouskaya, atleta bielorussa che avrebbe dovuto partecipare alle Olimpiadi di Tokyo 2020, è stata rispedita a casa contro la sua volontà dai funzionari bielorussi dopo aver criticato gli allenatori della squadra del suo paese. La velocista si è rifiutata di salire sul volo di ritorno poiché tornare a casa avrebbe significato andare in prigione.

Tsimanouskaya ha corso la batteria dei 100 metri femminili il 30 luglio e avrebbe dovuto correre quella dei 200 metri il 2 agosto, così come la staffetta dei 4×400 metri il 5 agosto.

Qualche giorno fa, la velocista 24enne si era lamentata attreverso un post su Instagram di non essere a conoscenza della sua iscrizione alla staffetta, aggiungendo che non l'avrebbe corsa e criticando i suoi allenatori per aver preso questa decisione senza parlarne con lei. Ha poi eliminato i video a causa delle pressioni dei funzionari sportivi bielorussi.

Il 1 agosto scorso, secondo Tsimanouskaya, gli allenatori bielorussi l'avrebbero raggiunta in camera dicendole di fare le valigie. È stata quindi portata all'aereoporto Haneda di Tokyo dai rappresentanti della squadra olimpica bielorussa. Stando a quanto detto dalla giornalista bielorussa Hanna Liubakova, l'atleta si sarebbe rifiutata di salire sul suo volo di ritorno per la Turchia e avrebbe cercato la protezione della polizia [en]:

Tsimanouskaya è stata accompagnata all'aereoporto da due membri della delegazione sportiva bielorussa. Adesso si trova con la polizia e i volontari. Quando le è stato chiesto se avesse paura di tornare in Belorussia, ha risposto di sì.

Il Comitato Olimpico Bielorusso ha dichiarato tramite un comunicato [ru, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] Facebook che gli allenatori avevano deciso di ritirare l'atleta dalle Olimpiadi in base ai consigli dei dottori circa il suo “stato psico-emotivo”. Tuttavia, Tsimanouskaya ha negato di essersi sottoposta a controlli medici e ha comunicato ai giornalisti di essere stata squalificata dalla squadra per aver criticato pubblicamente la “negligenza dei nostri allenatori” su Instagram.

Tadeusz Giczan, un editor del media bielorusso indipendente Nexta TV, ha pubblicato un video-appello su Twitter per i funzionari delle Olimpiadi, refistrato da Tsimanouskaya mentre si trovava in aereoporto [en]:

Tsimanouskaya ha registrato un appello per il COI: “Chiedo aiuto al Comitato Olimpico Internazionale, sono stata messa sotto pressione e stanno provando a mandarmi via dal paese senza il mio consenso, per cui chiedo al COI di intervenire”.

Secondo gli ultimi aggiornamenti di Giczan, il volo della Turkish Airlines sarebbe decollato [en] senza l'atleta bielorussa, rimasta in aereoporto sotto la protezione della polizia e in attesa dei rappresentanti del Ministero degli Affari Esteri giapponesi. Durante un’intervista telefonica con il sito web sportivo Tribuna, Tsimanouskaya ha asserito di aver paura di un possibile arresto in Bielorussia.

Я боюсь, что в Беларуси меня, возможно, могут посадить в тюрьму. Я не боюсь того, что меня уволят или выгонят из нацкоманды. Я беспокоюсь о своей безопасности. И думаю, что на данный момент в Беларуси для меня небезопасно.

Temo l'arresto una volta arrivata in Bielorussia. Non ho paura di essere squalificata o licenziata dalla squadra nazionale. Non credo sia sicuro per me tornare in nel mio paese in questo momento.

Le azioni dell'atleta hanno attratto un mare di critiche [en] da parte dei media nazionali bielorussi, mentre gli utenti dei social media e la società civile hanno denunciato le pressioni sugli atleti.

È l'01:15 del mattino a Tokyo. Tsimanouskaya ha appena lasciato la stazione di polizia all'aereoporto. È stata trasportata in un “luogo sicuro” non specificato – afferma @SportsHochi. Starebbe ancora pensando di richiedere asilo, ma non ci sono ulteriori dettagli in merito.

Un portavoce della Belarusian Sport Solidarity Foundation [en], un'organizzazione che supporta gli atleti in carcere o quelli perseguitati per le loro opinioni politiche, ha affermato a Reuters [en] che Tsimanouskaya intendeva richiedere asilo in Germania o Austria.

Numerosi atleti bielorussi che avevano supportato le proteste a seguito delle elezioni presidenziali bielorusse falsificate ad agosto 2020, sono stati arrestati, incarcerati o privati della loro partecipazione alla squadra nazionale. Personalità importanti che si trovano in carcere al momento attuale includono la cestista olimpionica Yelena Leuchanka e il decatleta Andrei Krauchanka.

Il Comitato Olimpico Internazionale (COI), che gestisce le Olimpiadi, ha confermato di essere a conoscenza della storia e stava verificando il caso di Tsimanouskaya. In un tweet, il leader dell'opposizione Sviatlana Tsihanouskaya ha accolto la reazione del COI aggiungendo quanto fosse importante investigare le violazioni del compitato olimpico bielorusso circa i diritti degli atleti [en]:

Contenta per la reazione rapida del COI rigurardo la situazione dell'atleta bielorussa Krystsina Tsymanouskaya. Ha il diritto alla protezione internazionale e a continuare le sue Olimpiadi. È aesì fondamentale investigare le violazioni dei diritti degli atleti del NOC bielorusso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.