Vigilanza Rai, audizione del ministro Luigi Di Maio

La Commissione parlamentare per l’indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi ha svolto l’audizione del ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio.

Tratto da: www.camera.it
Nota sul Copyright: L’utilizzo, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione delle informazioni testuali e degli elementi multimediali disponibili sul sito della Camera dei deputati è autorizzata esclusivamente nei limiti in cui la stessa avvenga nel rispetto dell’interesse pubblico all’informazione, per finalità non commerciali, garantendo l’integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte.

Disciplina dei partiti politici

La Senato ha approvato in seconda lettura il disegno di legge del Governo (A.S. 955) che introduce misure in materia di contrasto ai reati contro la pubblica amministrazione, di prescrizione e di trasparenza dei partiti e dei movimenti politici e delle fondazioni, con particolare riferimento al loro finanziamento. Il provvedimento torna ora all’esame della Camera.

Tratto da: www.camera.it
Nota sul Copyright: L’utilizzo, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione delle informazioni testuali e degli elementi multimediali disponibili sul sito della Camera dei deputati è autorizzata esclusivamente nei limiti in cui la stessa avvenga nel rispetto dell’interesse pubblico all’informazione, per finalità non commerciali, garantendo l’integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte.

Domenica Spadoni al Concerto di Natale al Senato

Domenica 16 dicembre, alle 12, la Vicepresidente della Camera, Maria Edera Spadoni, è presente al Concerto di Natale che si tiene nell’Aula di Palazzo Madama. Partecipa il Capo dello Stato, Sergio Mattarella.

Tratto da: www.camera.it
Nota sul Copyright: L’utilizzo, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione delle informazioni testuali e degli elementi multimediali disponibili sul sito della Camera dei deputati è autorizzata esclusivamente nei limiti in cui la stessa avvenga nel rispetto dell’interesse pubblico all’informazione, per finalità non commerciali, garantendo l’integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte.

Come dare effettività al reinserimento anche lavorativo dopo l’infortunio – Martedì convegno Inail – Interviene Rosato – Alle 9.30 diretta webtv

Martedì 18 dicembre, alle ore 9.30, presso la Sala della Lupa di Palazzo Montecitorio si svolge il convegno promosso dall’Inail “Chiudere il cerchio – Come dare effettività al reinserimento anche lavorativo dopo l’infortunio”. Saluti del vicepresidente della Camera, Ettore Rosato, e del presidente dell’Inail, Massimo De Felice. Relazione introduttiva di Giovanni Luciano, presidente Consiglio indirizzo e vigilanza Inail. Conclude il sottosegretario al Lavoro, Claudio Durigon. L’appuntamento viene trasmesso in diretta webtv.

Tratto da: www.camera.it
Nota sul Copyright: L’utilizzo, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione delle informazioni testuali e degli elementi multimediali disponibili sul sito della Camera dei deputati è autorizzata esclusivamente nei limiti in cui la stessa avvenga nel rispetto dell’interesse pubblico all’informazione, per finalità non commerciali, garantendo l’integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte.

Domani apertura al pubblico dell’Insula sapientiae

Domani, sabato 15 dicembre, si svolgerà una nuova edizione dell’Insula sapientiae, l’iniziativa culturale che consente di visitare nella sua interezza il complesso domenicano che gravita sulla basilica di Santa Maria sopra Minerva e che ospita le due biblioteche del Parlamento italiano, coordinate nell’ambito del Polo bibliotecario parlamentare, il convento di Santa Maria sopra Minerva e la Biblioteca Casanatense. A partire dalle ore 9, con ingresso dalla Biblioteca della Camera dei deputati (Via del Seminario 76) sono state organizzate 3 visite guidate, alle ore 9, 10 e 11, per gruppi massimo di 50 persone. La visita ha la durata di circa un’ora e mezza. Non è prevista prenotazione. Il percorso di visita comprende le sale storiche della Biblioteca della Camera (tra le quali la Sala del Refettorio, le Sale dell’Inquisizione, le Sale Galileo, la Sala E. Colombo e la Sala delle Capriate) e il quattrocentesco Chiostro della Cisterna; la Biblioteca del Senato, il Chiostro e la Sacrestia del Convento di Santa Maria sopra Minerva, e il settecentesco salone monumentale della Biblioteca Casanatense. L’area oggetto della visita ospitò nell’antichità il tempio di Iside e Serapide e il tempio di Minerva Calcidica; dal XIII secolo divenne sede di un importante convento dell’ordine domenicano e, dal XVI secolo, della Congregazione del Sant’Uffizio. Vi ebbero luogo l’elezione dei papi Eugenio IV (1431) e Niccolò V (1447), nonché l’ultima fase del processo a Galileo e la sua abiura. Per informazioni: Segreteria della Biblioteca della Camera dei deputati, Tel. 06/67603476; bib_segreteria@camera.it

Tratto da: www.camera.it
Nota sul Copyright: L’utilizzo, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione delle informazioni testuali e degli elementi multimediali disponibili sul sito della Camera dei deputati è autorizzata esclusivamente nei limiti in cui la stessa avvenga nel rispetto dell’interesse pubblico all’informazione, per finalità non commerciali, garantendo l’integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte.

SENTENZA N. 235 ANNO 2018

SENTENZA N. 235 ANNO 2018
Opere pubbliche – Procedimento amministrativo – Norme della Regione Puglia – Dibattito pubblico per le grandi opere – Ipotesi di svolgimento, oltre a quelle previste dalla normativa nazionale – Tipologie di opere nazionali per le quali la Regione Puglia è chiamata a esprimersi – Previsione che, all’esito del dibattito pubblico, il soggetto titolare dell’opera possa dichiarare pubblicamente se intende rinunciare all’opera.
Tipologie di opere nazionali per le quali la Regione Puglia è chiamata ad esprimersi, tra le quali: trivellazioni “a mare” per la ricerca e la produzione di idrocarburi.

per questi motivi

LA CORTE COSTITUZIONALE

1) dichiara l’illegittimità costituzionale dell’art. 7, comma 5, della legge della Regione Puglia 13 luglio 2017, n. 28 (Legge sulla partecipazione) e dell’art. 7, comma 2, della medesima legge, nella parte in cui prevede che il dibattito pubblico regionale si svolga anche sulle opere nazionali;

2) dichiara non fondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 7, comma 12, della legge della Regione Puglia n. 28 del 2017, promossa, con riferimento agli artt. 97, primo comma, 117, secondo comma, lettera m), e terzo comma, e 118 della Costituzione, dal Presidente del Consiglio dei ministri con il ricorso indicato in epigrafe.

Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 9 ottobre 2018.

F.to:

Giorgio LATTANZI, Presidente

Giancarlo CORAGGIO, Redattore

Roberto MILANA, Cancelliere

Depositata in Cancelleria il 14 dicembre 2018.

Il Direttore della Cancelleria

F.to: Roberto MILANA

SENTENZA N. 236 ANNO 2018

SENTENZA N. 236 ANNO 2018
Processo penale – Procedimento davanti al giudice di pace – Competenza per materia – Previsione della competenza del giudice di pace per il delitto di cui all’art. 582 codice penale, limitatamente alle fattispecie di cui al secondo comma perseguibile a querela di parte, a esclusione dei fatti commessi contro uno dei soggetti elencati dall’art. 577, secondo comma, codice penale ovvero contro il convivente – Mancata previsione, con specifico riferimento all’ipotesi aggravata di cui all’art. 577, primo comma, n. 1, codice penale, dell’esclusione della competenza del giudice di pace anche per i fatti commessi contro il discendente naturale.

per questi motivi

LA CORTE COSTITUZIONALE

1) dichiara l’illegittimità costituzionale dell’art. 4, comma 1, lettera a), del decreto legislativo 28 agosto 2000, n. 274 (Disposizioni sulla competenza penale del giudice di pace, a norma dell’articolo 14 della legge 24 novembre 1999, n. 468), come modificato dall’art. 2, comma 4-bis, del decreto-legge 14 agosto 2013, n. 93 (Disposizioni urgenti in materia di sicurezza e per il contrasto della violenza di genere, nonché in tema di protezione civile e di commissariamento delle province), convertito, con modificazioni, nella legge 15 ottobre 2013, n. 119, nella parte in cui non esclude dai delitti, consumati o tentati, di competenza del giudice di pace anche quello di lesioni volontarie, previsto dall’art. 582, secondo comma, del codice penale, per fatti commessi contro l’ascendente o il discendente di cui al numero 1) del primo comma dell’art. 577 cod. pen.;

2) dichiara, in via consequenziale, ai sensi dell’art. 27 della legge 11 marzo 1953, n. 87 (Norme sulla costituzione e sul funzionamento della Corte costituzionale), l’illegittimità costituzionale dell’art. 4, comma 1, lettera a), del d.lgs. n. 274 del 2000, nella parte in cui non esclude dai delitti, consumati o tentati, di competenza del giudice di pace anche quello di lesioni volontarie, previsto dall’art. 582, secondo comma, cod. pen., per fatti commessi contro gli altri soggetti elencati al numero 1) del primo comma dell’art. 577 cod. pen., come modificato dall’art. 2 della legge 11 gennaio 2018, n. 4 (Modifiche al codice civile, al codice penale, al codice di procedura penale e altre disposizioni in favore degli orfani per crimini domestici).

Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 7 novembre 2018.

F.to:

Giorgio LATTANZI, Presidente

Giovanni AMOROSO, Redattore

Roberto MILANA, Cancelliere

Depositata in Cancelleria il 14 dicembre 2018.

Il Direttore della Cancelleria

F.to: Roberto MILANA

ORDINANZA N. 237 ANNO 2018

ORDINANZA N. 237 ANNO 2018
Procedimento civile – Disciplina dell’opposizione all’ordinanza-ingiunzione e al verbale di accertamento di violazione del codice della strada – Sanzione amministrativa per l’omessa comunicazione dei dati del conducente del veicolo, prevista dall’art. 126-bis del codice della strada – Giudice competente – Individuazione, secondo l’interpretazione giurisprudenziale assunta come “diritto vivente”, del locus commissi delicti nel luogo dove deve pervenire la comunicazione dei dati personali, anziché del luogo in cui si è consumata l’omissione della comunicazione, ovvero presso la residenza o il domicilio del ricorrente.

per questi motivi

LA CORTE COSTITUZIONALE

riuniti i giudizi,

dichiara la manifesta infondatezza delle questioni di legittimità costituzionale degli artt. 6 e 7 del decreto legislativo 1° settembre 2011, n. 150 (Disposizioni complementari al codice di procedura civile in materia di riduzione e semplificazione dei procedimenti civili di cognizione, ai sensi dell’articolo 54 della legge 18 giugno 2009, n. 69), e dell’art. 126-bis del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 (Nuovo codice della strada), sollevate, in riferimento agli artt. 3, 24, 25 e 111 della Costituzione, dal Giudice di pace di Cava de’ Tirreni con le ordinanze indicate in epigrafe.

Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 21 novembre 2018.

F.to:

Giorgio LATTANZI, Presidente

Giulio PROSPERETTI, Redattore

Roberto MILANA, Cancelliere

Depositata in Cancelleria il 14 dicembre 2018.

Il Direttore della Cancelleria

F.to: Roberto MILANA

Schistosomiasis is associated with incident HIV transmission and death in Zambia

by Kristin M. Wall, William Kilembe, Bellington Vwalika, Cecile Dinh, Paul Livingston, Yeuk-Mui Lee, Shabir Lakhi, Debi Boeras, Htee Khu Naw, Ilene Brill, Elwyn Chomba, Tyronza Sharkey, Rachel Parker, Erin Shutes, Amanda Tichacek, W. Evan Secor, Susan Allen

Background

We examined relationships between schistosome infection, HIV transmission or acquisition, and all-cause death.

Methods

We retrospectively tested baseline sera from a heterosexual HIV-discordant couple cohort in Lusaka, Zambia with follow-up from 1994–2012 in a nested case-control design. Schistosome-specific antibody levels were measured by ELISA. Associations between baseline antibody response to schistosome antigens and incident HIV transmission, acquisition, and all-cause death stratified by gender and HIV status were assessed. In a subset of HIV- women and HIV+ men, we performed immunoblots to evaluate associations between Schistosoma haematobium or Schistosoma mansoni infection history and HIV incidence.

Results

Of 2,145 individuals, 59% had positive baseline schistosome-specific antibody responses. In HIV+ women and men, baseline schistosome-specific antibodies were associated with HIV transmission to partners (adjusted hazard ratio [aHR] = 1.8, p<0.005 and aHR = 1.4, p<0.05, respectively) and death in HIV+ women (aHR = 2.2, p<0.001). In 250 HIV- women, presence of S. haematobium-specific antibodies was associated with increased risk of HIV acquisition (aHR = 1.4, p<0.05).

Conclusion

Schistosome infections were associated with increased transmission of HIV from both sexes, acquisition of HIV in women, and increased progression to death in HIV+ women. Establishing effective prevention and treatment strategies for schistosomiasis, including in urban adults, may reduce HIV incidence and death in HIV+ persons living in endemic areas.

Tratto da: www.plos.org
Note sul Copyright: Articles and accompanying materials published by PLOS on the PLOS Sites, unless otherwise indicated, are licensed by the respective authors of such articles for use and distribution by you subject to citation of the original source in accordance with the Creative Commons Attribution (CC BY) license.

Host restriction of <i>Escherichia coli</i> recurrent urinary tract infection occurs in a bacterial strain-specific manner

by Valerie P. O’Brien, Denise A. Dorsey, Thomas J. Hannan, Scott J. Hultgren

Urinary tract infections (UTI) are extremely common and can be highly recurrent, with 1–2% of women suffering from six or more recurrent episodes per year. The high incidence of recurrent UTI, including recurrent infections caused by the same bacterial strain that caused the first infection, suggests that at least some women do not mount a protective adaptive immune response to UTI. Here we observed in a mouse model of cystitis (bladder infection) that infection with two different clinical uropathogenic Escherichia coli (UPEC) isolates, UTI89 or CFT073, resulted in different kinetics of bacterial clearance and different susceptibility to same-strain recurrent infection. UTI89 and CFT073 both caused infections that persisted for at least two weeks in similar proportions of mice, but whereas UTI89 infections could persist indefinitely, CFT073 infections began to clear two weeks after inoculation and were uniformly cleared within eight weeks. Mice with a history of CFT073 cystitis lasting four weeks were protected against recurrent CFT073 infection after antibiotic therapy, but were not protected against challenge with UTI89. In contrast, mice with a history of UTI89 cystitis lasting four weeks were highly susceptible to challenge infection with either strain after antibiotic treatment. We found that depletion of CD4+ and CD8+ T cell subsets impaired the ability of the host to clear CFT073 infections and rendered mice with a history of CFT073 cystitis lasting four weeks susceptible to recurrent CFT073 cystitis upon challenge. Our findings demonstrate the complex interplay between the broad genetic diversity of UPEC and the host innate and adaptive immune responses during UTI. A better understanding of these host-pathogen interactions is urgently needed for effective drug and vaccine development in the era of increasing antibiotic resistance.

Tratto da: www.plos.org
Note sul Copyright: Articles and accompanying materials published by PLOS on the PLOS Sites, unless otherwise indicated, are licensed by the respective authors of such articles for use and distribution by you subject to citation of the original source in accordance with the Creative Commons Attribution (CC BY) license.

Biblioteca multimediale libera, legale e gratuita.