Collaborazione, la nuova parola d’ ordine nei mega-gruppi editoriali

BernieLe dinamiche dell’ecosistema dell’ informazione digitale spingono verso collaborazioni trasversali, tanto inedite quanto proficue. Questo il quadro odierno del made in Usa, secondo una riflessione di Lucia Moses su Digiday – dove si rimarca soprattutto il mix continuo a livello editoriale e business.

Per esempio, le nuove divisioni pubblicitarie di New York Times e Washington Post cercano ispirazione nella frenetica attività redazionale, mentre le varie testate della catena Condé Nast condividono le ‘pratiche migliori’ e le campagne pubblicitarie, come le “inserzioni social” di Accelerator, piattaforma proposta dal team del portale high-tech del gruppo, Ars Technica, e assai attiva anche tramite Wired.

 

Le redazioni delle riviste online del gruppo Hearst si sono sbarazzate di cubicoli e uffici separati per creare un unico ambiente che raggruppa lo staff editoriale, analitico e multimediale, collettivamente impegnati a lavorare per il web. E il gruppo Gannett (proprietario di USA Today e altre testate locali) ha esteso notevolmente la pratica di condividere contenuti nei vari giornali e ha attivato una piattaforma comune di CMS [Content Management System], come parte del Project Butterfly.

 

«Nelle testate tradizionali, il giornale locale puntava all’ attenzione di lettori che avevano per le mani un prodotto tangibile», spiega David Payne, responsabile digitale di Gannett. «Nell’ ambito online, il target è il mondo intero. Per conquistarne l’ attenzione, servono strategie capaci di rilanciare i migliori contenuti possibili. Perciò sarebbe controproducente operare come nei silos».

 

Quest’ultimo riferimento riguarda la tendenza dei mega-gruppi editoriali tradizionalmente chiusi e isolati nella propria redazione o anche nelle stesse unità interne – trend che, appunto, il digitale sta oggi stravolgendo. Tant’ è che perfino i capo-redattori del settimanale Time hanno frequenti riunioni con l’ intero staff per lavorare simultaneamente su servizi buoni sia per il cartaceo che per l’ online.

 

Non mancano però critici, i quali sottolineano i limiti dei benefici di simili collaborazioni, dovuti anche al fatto che per gruppi di una certa stazza l’ imperativo è rimanere in attivo senza farsi trascinare giù da spese e problemi di versioni digitali ancora incapaci di reggersi sulle proprie gambe.
A volte il motivo di tenere separati questi ambiti è semplice, conclude il consulente ed ex-redattore Alan Mutter: «In un’azienda centrata sui giornali, qualcosa come l’80-90 per cento delle entrate proviene tutt’ ora dalle vendite del cartaceo».

 

LSDI I contenuti originali di questo sito sono rilasciati in base alla licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 (escluso ove diversamente indicato e/o riguardo le specifiche fonti citate.

Fortalecerán sistema oral y acusatorio

Se fortalecerá el Sistema Oral y Acusatorio en el Estado con la entrada en vigor del Código Nacional de Procedimientos Penales en el Segundo y Tercer Distritos Judiciales del Estado, que comprende los municipios de Lerdo, Mapimí, Gómez Palacio y Tlahualilo, señaló el presidente de la Gran Comisión del Congreso del Estado, Carlos Contreras Galindo.

Al respecto, informó que en virtud a la Declaratoria realizada por el Congreso del Estado, será a partir del 10 de junio del presente año cuando entre en vigencia en los citados municipios.

“Es interés de la Comisión para la Reforma Penal, encabezada por el gobernador Jorge Herrera Caldera, que esta forma innovadora de procurar e impartir justicia, acorde a las exigencias nacionales e internacionales se extienda a los demás distritos judiciales de la entidad”, puntualizó el legislador.

Carlos Contreras recordó que fue el 28 de enero de 2014 cuando la Cámara de Diputados del Congreso de la Unión aprobó el Código Nacional de Procedimientos Penales, el cual promulgó en Presidente de la República, Enrique Peña Nieto, mismo que dispone dentro de sus artículos transitorios que el Código entrará en vigor a nivel federal gradualmente en los términos previstos, sin que pueda exceder del 18 de junio de 2016.

En este sentido, destacó que al ser Durango, pionero de la implementación del Nuevo Sistema de Justicia Penal, innovando en el país y generando certeza jurídica a los justiciables, en fecha seis de marzo de 2014, este Congreso Local, emitió la Declaratoria de la entrada en vigor del Código Nacional de Procedimientos Penales, en el Primer Distrito Judicial del Estado, con efectos a partir de las cero horas del siete de mayo de 2014.

Por tal motivo, resaltó que los legisladores locales coinciden con el mandatario estatal, y en aras de dar cumplimiento a las disposiciones transitorias, tanto del Código Penal para el Estado y del Código Nacional de Procedimientos Penales, realizaron la declaratorias de la entrada en vigor de la adopción del Sistema Penal Acusatorio y Oral, así como la entrada en vigor del Código Nacional en el Segundo y Tercer Distritos Judiciales del Estado.

Durango al dia Todo nuestro contenido está bajo la licencia Atribución No Derivadas 2.5 México de Creative Commons

Encuentran cadáver en Santiago Papasquiaro

Las autoridades localizaron el cadáver de María Agustina Andrade Aragón tirado en la esquina de las calles Donato Guerra y Nicolás Bravo de la colonia Altamira del municipio de Santiago Papasquiaro.

El Agente del Ministerio Público en turno, adscrito a esta Fiscalía, tomó conocimiento del hallazgo de esta mujer de 49 años de edad, domiciliada presentando como causa de muerte sección medular.

Ya elementos de la Dirección Estatal de Investigación se encuentran trabajando en las indagatorias correspondientes para esclarecer este suceso.

Durango al dia Todo nuestro contenido está bajo la licencia Atribución No Derivadas 2.5 México de Creative Commons

Encarcelan a ladrón de casas

La Coordinación de Agentes del Ministerio Público logra sentencia en contra de  Juan Pablo Aguirre Cedillo, de 42 años de edad, con domicilio en Durango capital, por el delito de robo agravado a interior de casa habitación.

Hechos ocurridos el pasado 18 de octubre de 2013, cuando el ahora sentenciado  se introduce a un domicilio ubicado en el fraccionamiento Valle Oriente  de esta ciudad, apoderándose de una carreola, una taza de baño, un boiler y un martillo, por lo que de inmediato se solicita el auxilio de los elementos de la Dirección Municipal de Seguridad Pública (DMSP), quienes logran detener a Aguirre Cedillo y le aseguran lo antes mencionado.

Por lo que se le impone como pena privativa de la libertad  dos años de prisión y el pago de una multa por la cantidad de 8 mil 838 pesos.

Durango al dia Todo nuestro contenido está bajo la licencia Atribución No Derivadas 2.5 México de Creative Commons

Beneficiará segundo periférico de La Laguna a 300 mil usuarios

Al cien por ciento se encuentran los trabajos de la superficie de rodamiento del Segundo Periférico de Gómez Palacio, así lo constató  el Secretario de Comunicaciones y Obras Públicas del Estado, César Guillermo Rodríguez Salazar al realizar una supervisión por esta obra de conectividad en la Comarca Lagunera.

Aseguró que la intención del gobernador Jorge Herrera Caldera es hacer posible una unión moderna y segura entre los estados de Durango y Coahuila, que brinde seguridad, mayor fluidez al tránsito vehicular y mejores oportunidades para el desarrollo económico y la generación de empleos.

Dijo que este periférico será una importante vía de conexión con once kilómetros de superficie de rodamiento y una inversión de 160 millones de pesos, además aún están por ejecutarse obras como el distribuidor Gregorio García, Puente El Tajito y el Puente inferior vehicular.

Aseguró que serán alrededor de 300 mil usuarios los que se verán beneficiados con el periférico, incluida toda la zona norte y noroeste como la Colonia Pedregal del Valle, ampliación la Joya, Real del Nogalar, Ejido Gregorio García, Ejido San Luis y Ejido Aquiles Serdán.

Informó que también la Secretaria de Comunicaciones y Transportes tiene dos estructuras en proceso que son el distribuidor El Vergel y el Puente cruce con autopista Gómez Palacio-Saltillo.

Finalmente, el funcionario estatal recordó que la infraestructura vial de la región es una de las prioridades de los tres niveles de gobierno, ya que significan un fuerte atractivo cuando se trata de promover la inversión para beneficio de la ciudadanía.

Durango al dia Todo nuestro contenido está bajo la licencia Atribución No Derivadas 2.5 México de Creative Commons

Estrés laboral se puede evitar

La Secretaría de Salud del Estado de Durango (SSD), por parte del Instituto de Salud Mental del Estado (ISMED), trabaja en la Prevención del estrés Laboral, así lo dio a conocer su titular, Eduardo Díaz Juárez.

El objetivo del programa es concientizar al grupo empresarial sobre la importancia de la salud mental en el trabajo en el mejoramiento de su desempeño laboral, proporcionar herramientas para un adecuado ambiente laboral a través de talleres y conferencias, informar sobre los principales problemas de salud mental, relacionados con malas relaciones laborales, detectar casos de depresión y ansiedad, referir a atención especializada y a los casos detectados y llevar un seguimiento sobre los casos referidos.

Los principales factores de riesgo son los trastornos mentales, como es la depresión, trastorno de aviso de sustancias, ansiedad e impulsividad; de igual manera la violencia laboral y estar expuesto a comportamientos suicidas de otros; por ejemplo de los miembros de la familia, compañeros o personajes públicos.

El concepto de Salud Mental de acuerdo a la Organización Mundial de la Salud (OMS), es el estado de bienestar en el cual el individuo, es consciente de sus propias capacidades, puede afrontar las tensiones habituales de la vida, puede trabajar de forma productiva y fructífera y es capaz de hacer una contribución a su comunidad; por lo tanto, el ámbito laboral no debe ser la excepción, sin embargo, se estima que uno de cada tres personas en población general a lo largo de la vida, tendrá un problema en su estado de ánimo, riesgo que incrementa si es sometido a estrés en alguna de las principales áreas cotidianas, es decir, el hogar, el trabajo y la calle.

Existen varias características laborales que indican si un trabajador goza de salud mental o ésta se ha roto por el estrés: buena calidad en sus relaciones interpersonales con cada uno de sus compañeros de trabajo y público en general, manifestada por el contacto empático, calidez, espontaneidad, iniciativa y confidencialidad; actitud docente a través de varias acciones: motivar para las tareas o trabajo en equipo, clarificar los objetivos, reforzar todo avance y usar recursos facilitadores.

Por su parte Alan Flores Murguía, director del ISMED, detalló que existen diez características fundamentales personales que indican que el trabajador goza de salud mental: percepción real de las cosas, atención central, memoria óptima, pensamiento lógico, habilidad para controlar y coordinar acciones, capacidad de anticipación, control de impulsos, capacidad de adaptación, autonomía y autoestima.

Para conservarlas u obtenerlas o mejorarlas se recomienda el autoconocimiento a través de psicoterapia, grupos de autoayuda, talleres sobre asertividad y trabajo en equipo, así como la recreación mediante el ejercicio regular, la sana convivencia con familiares y amigos y comunicación constante y asertiva con compañeros de trabajo.

Finalmente, el director del ISMED recalcó que a través de convenios de colaboración, el instituto proporciona las herramientas para el autoconocimiento de los trabajadores en una empresa mediante la realización de talleres y conferencias, con el objetivo de identificar los problemas laborales individuales y colectivos, con la finalidad de ser detectados y tratados a la brevedad posible.

Durango al dia Todo nuestro contenido está bajo la licencia Atribución No Derivadas 2.5 México de Creative Commons

Migliaia di persone a Turrivalignani per l’ultimo saluto a Williams Tracanna

Migliaia di persone a Turrivalignani per l'ultimo saluto a Williams Tracanna PESCARA - Almeno un migliaio di persone ha partecipato, nella chiesa di Santo Stefano di Turrivalignani, in Abruzzo, ai funerali di Williams Tracanna, l'alpino 28enne del Settimo Reggimento di stanza a Belluno morto giovedì, cadendo nel vuoto per 150 metri durante una marcia di esercitazione lungo la normale dello Spiz Vedana sulle Dolomiti. Il sindaco Luigi Canzano ha proclamato per oggi il lutto cittadino nel piccolo paesino del Pescarese, abitato da meno di 900 anime. L'intera comunità di Turrivalignani e i tanti amici di Tracanna si sono stretti attorno alla mamma, straziata, e ai nonni del giovane. Alla funzione, oltre a tanti cittadini, hanno preso parte autorità militari e civili. C'erano, tra gli altri, il capo di stato maggiore dell'Esercito, generale Claudio Graziano, che prima della cerimonia ha incontrato i parenti di Tracanna, il comandante della Legione Carabinieri Abruzzo, generale Claudio Quarta, ufficiali di comando ed alpini, con le diverse associazioni. Presenti... leggi tutto l'articolo

Cronaca Abruzzo: notizie, video, tg, approfondimenti Quest'opera di Abruzzo24ore è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale

Controlli della polizia nei quartieri a rischio di Pescara

Controlli della polizia nei quartieri a rischio di Pescara PESCARA - Un arresto e 30 persone sospette controllate. E' il bilancio dell'attivita' straordinaria di prevenzione dei reati messa in campo dal Reparto Prevenzione Crimine Abruzzo e delle Volanti, nei quartieri di Pescara ritenuti piu' a rischio di microcriminalita', Rancitelli, San Donato e Fontanelle. L'operazione ha visto impegnati piu' di venti poliziotti, che hanno svolto servizi di antirapina, a tutela degli esercizi commerciali e delle abitazioni private, ed attivita' di contrasto al fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti. In manette e' finito C.R, 38 anni, pescarese. L'uomo, che e' stato rintracciato nei pressi del cosiddetto "ferro di cavallo" , e' risultato avere a proprio carico un provvedimento di ripristino della custodia cautelare in carcere emesso dalla Corte di Appello di Perugia, Sezione Penale, per aver violato l'obbligo di dimora nel Comune di Pescara e le relative prescrizioni circa la permanenza notturna presso il proprio domicilio. Inoltre durante i... leggi tutto l'articolo

Cronaca Abruzzo: notizie, video, tg, approfondimenti Quest'opera di Abruzzo24ore è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale

‘Spesa Sospesa’, raccolti 900 kg generi alimentari

'Spesa Sospesa', raccolti 900 kg generi alimentari PESCARA - Oltre 900 kg di generi alimentari sono stati raccolti e consegnati al Banco Alimentare, grazie all'iniziativa la "Spesa Sospesa" partita il 14 aprile scorso in occasione della Pasqua su proposta della Conad di via Milano, a Pescara e ideata dal quotidiano enogastronomico L'Abruzzo e' Servito. I pacchi, contenenti pasta, olio, farina, latte e tanti altri altri generi alimentari, sono stati consegnati questa mattina al presidente del Banco Alimentare, Luigi Migliato e e al direttore Cosimo Trivisani, insieme ad un carrello colmo di spesa donato dal direttore della Conad, Fabrizio Costantini. I prodotti consegnati al Banco Alimentare verranno ora distribuiti alle associazioni della rete che si prendono carico delle persone indigenti, secondo precise necessita' in modo che i prodotti vengano utilizzati al meglio e che tantissime persone possano trascorre una Pasqua migliore. "Ben vengano iniziative come questa soprattutto nel periodo di crisi che sta vivendo il nostro Paese e... leggi tutto l'articolo

Cronaca Abruzzo: notizie, video, tg, approfondimenti Quest'opera di Abruzzo24ore è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale

Cosparge auto della madre di benzina e escrementi e tenta di darle fuoco, fermato dai carabinieri

Cosparge auto della madre di benzina e escrementi e tenta di darle fuoco, fermato dai carabinieri PESCARA - Ha tentato di incendiare l'auto della madre, dopo averla cosparsa di benzina ed escrementi. Lo hanno fermato i carabinieri, che lo hanno arrestato. E' accaduto a Montesilvano (Pescara) dove un disoccupato tossicodipendente 29enne, L.D.O., ha cominciato a ingiuriare e minacciare per futili motivi, in preda a una crisi di astinenza da sostanze stupefacenti, sia la madre che il fratello, cospargendo di benzina e di escrementi l'auto di proprieta' della donna. Il fratello lo ha bloccato prima dell'innesco dell'incendio e, una volta sul posto, i carabinieri hanno riscontrato una serie di danneggiamenti provocati dal 29enne in casa, dove ha rotto gli infissi di una finestra e la tapparella. Nell'alloggio sono state sequestrate due fioriere con sedici piante di marijuana di trenta centimetri circa, una lampada, fertilizzanti e teli idonei alla coltivazione della droga. L'uomo non ha nascosto le sue intenzioni e ha dichiarato ai militari di voler uccidere i familiari. E' accusato... leggi tutto l'articolo

Cronaca Abruzzo: notizie, video, tg, approfondimenti Quest'opera di Abruzzo24ore è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale

Stalking nel pescarese, 83enne perseguita ex badante e 38enne malmena i genitori

Stalking nel pescarese, 83enne perseguita ex badante e 38enne malmena i genitori PESCARA - E' accusato di aver perseguito la sua ex collaboratrice domestica, rendendole la vita impossibile. Per questo i carabinieri della stazione di Civitaquana (Pescara), diretti dal maresciallo Nicola D'Angelo, hanno eseguito l'ordinanza di applicazione del divieto di avvicinamento nei confronti di E.P., un 83enne pensionato del posto, ritenuto responsabile del reato di atti persecutori nei confronti di una 44enne di Brittoli, che ha lavorato per lui. Ritenendo che la donna avesse sottratto alcuni assegni bancari e oggetti dalla propria abitazione, ha minacciato e posto in essere reiterati comportamenti ossessivi e pedinamenti nei confronti della ex collaboratrice, che sono stati interrotti solo a seguito dell'intervento dei militari. I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Penne, diretti dal maresciallo Giovanni Loppo, hanno invece tratto in arresto, in esecuzione di un ordine di custodia cautelare in regime di arresti domiciliari all'ospedale di Pescara L.L.,... leggi tutto l'articolo

Cronaca Abruzzo: notizie, video, tg, approfondimenti Quest'opera di Abruzzo24ore è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale

Erri De Luca e il processo "No Tav", prima udienza il 15 giugno

Il processo contro Erri De Luca, lo scrittore indagato per istigazione a delinquere in seguito ad alcune sue dichiarazioni di sostegno alla protesta No Tav, inizierà il 15 giugno alle 13.30.

De Luca aveva detto senza mezzi termini che

«la Tav va sabotata»

Naturalmente, lo scrittore aveva ampiamente motivato – in maniera, a giudizio del sottoscritto, assolutamente condivisibile – le proprie posizioni.

Ma la cosa non è bastata ad evitare la denuncia della Ltf, l’iscrizione nel registro degli indagati e quindi il processo.

Su Facebook, De Luca commentava così la questione, sottolineando come le sue parole, ammanettate fra virgolette a sostegno dell’indagine, erano del tutto congrue al suo pensiero.

«Da recidivo delle mie convinzioni dichiaro che va fermata, arrestata e pertanto sabotata».

Dopodiché, lo scrittore sottolineava con orgoglio di essere sotto accusa per un reato d’opinione (altro che istigazione a delinquere).

La questione andrà avanti, surrealmente.

Come surreale è l’accanimento terapeutico dei “Si Tav”, ostinatamente legati all’immagine che loro stessi hanno costruito di quest’opera talmente indifferibile (a parole) da far si che governi di ogni colore abbiano militarizzato la Val di Susa; da far sì che si dimenticasse che la Torino-Lione(-Parigi) ad alta velocità per i passeggeri esiste già; da far sì che si marciasse non solo sulla pelle di un territorio ma addirittura sul buon senso, pur di sostenere che la Tav va fatta e basta.

Anche pensare che una grande opera sia da fare ad ogni costo, anche se fior di studi e considerazioni persino banali dimostrano il contrario, è una specie di “reato d’opinione”. Contro la morale, contro il territorio di un paese da mettere in sicurezza (quella sì che è una grande opera), contro la logica e l’onestà intellettuale.

Erri De Luca, No Tav

Erri De Luca e il processo "No Tav", prima udienza il 15 giugno é stato pubblicato su Polisblog.it alle 17:57 di sabato 19 aprile 2014. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.




Polisblog.it © 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.

Elezioni Europee 2014, Berlusconi al TG5: “il mio nome sarà sulla scheda”

Silvio Berlusconi parla al TG5 e ribadisce che il suo nome sarà sulle schede per le Elezioni Europee del prossimo maggio.

A una manciata di settimane dalle Elezioni Europee 2014 e pochi giorni dopo il suo affidamento ai servizi sociali, Silvio Berlusconi torna a parlare agli italiani e lo fa nel corso di un’intervista al suo caro TG5, uno dei suoi soliti monologhi in cui ribadisce concetti già espressi negli ultimi giorni.

L’ex premier ed ex Cavaliere è tornato ancora una volta sulla sceneggiata del perseguitato:

In questi 20 anni passati sono sempre stato candidato alle europee, questa volta sono stato colpito da un’ingiustizia enorme, una sentenza mostruosa, frode fiscale, io che sono il primo contribuente italiano. Ma ho assoluta fiducia che la Corte dei diritti europei annullerà la sentenza.

E, sicuro dell’annullamento della sentenza, promette che non soltanto il suo nome sarà su quelle schede, ma che Forza Italia ne uscirà vincitrice:

Sulla scheda elettorale ci sarà il nostro simbolo e il mio nome: questo garantisce ai moderati che io ci sono. […] Pensiamo di avere un ottimo risultato alle europee e dopo, poiché non si andrà avanti più di un anno un anno e mezzo, anche alle politiche. Pensiamo di avere una grande vittoria e una grande maggioranza in Parlamento, magari senza alleati, per eleggere un governo con ministri tutti appartenenti a Forza Italia.

Gli ultimi sondaggi parlano chiaro, ma Berlusconi non sente ragioni:

Se riusciremo a renderli consapevoli che oggi in Italia non c’è democrazia, forse la maggioranza numerica dei moderati riuscirà a trasformarsi in maggioranza politica.

Nel corso dell’intervista anche un affondo contro la sinistra e il Governo Renzi:

Non c’è stata alcuna riduzione delle tasse. I governi della sinistra le hanno mantenute sulla casa, poi hanno aumentato l’imposizione sulle rendite finanziarie. Anche presentando i provvedimenti con brio e con le slide, non si riesce a evadere la ricetta sempiterna della sinistra: sempre più tasse.

L’intervento dell’ex Cavaliere si è concluso con qualche parola sull’affidamento ai servizi sociali e sulla struttura scelta:

andare in una residenza di anziani a Cesano Boscone non mi ha fatto assolutamente dispiacere perché ho sempre cercato di aiutare chi ha bisogno, e ci sono andato spesso accompagnato dalla mia mamma a portare conforto e aiuti concreti.

ITALY-POLITICS-BERLUSCONI

Di seguito la trascrizione completa dell’intervento:

Nei vent’anni passati sono sempre stato candidato alle europee portando intorno a tre milioni di voti. Questa volta sono stato colpito da una ingiustizia enorme, c’è stata una sentenza mostruosa che sono convinto la Corte europea annullerà. Nella decisione ultima del Tribunale di sorveglianza c’è stato anche l’affidamento ai servizi sociali ad una residenza di anziani in difficoltà, “La Sacra famiglia” di Cesano Boscone. Questo non mi ha fatto assolutamente dispiacere perché io ho cercato sempre di aiutare chi ha avuto e ha bisogno, e anzi per quanto riguarda la residenza degli anziani, ci sono andato spesso accompagnando mia mamma e cercando di portare a queste persone conforto e magari aiuti concreti. Comunqe nella scheda elettorale ci sarà il simbolo di Forza Italia e nel simbolo, Forza Italia ha voluto mettere il nome Berlusconi. Questo garantisce a tutti i moderati che io, durante questa campagna elettorale, sarò in campo.

E’ assolutamente vero che non si possono dividere più le elezioni tra elezioni per l’Europa ed elezioni nazionali perché ormai la politica è insieme, nazionale ed europea. Noi stiamo scontando questo fatto perché l’Europa a trazione tedesca ci ha imposto la politica di rigore che ha portato soltanto crisi. Quindi in Europa dobbiamo riscrivere, e dobbiamo essere forti per questa ragione, tutti i trattati europei qualcuno dei quali abbiamo firmato sotto la minaccia della pistola alla tempia dell’imbroglio degli spread. Dobbiamo soprattutto che si possa ottenere lo sforamento del 3% di deficit che è qualcosa di imprescindibile. Dobbiamo anche allontanare nel tempo o addirittura cancellare il fiscal compact. Per quanto riguarda Alitalia, gli ultimi governi ma anche l’attuale governo, non hanno fatto nulla di veramente concreto e significativo nella direzione di un sostegno alle imprese. La riduzione dell’Irap è diventata un fantasma su cui non si può fare conti concreti; non c’è stata nessuna riduzione delle tasse, anzi i governi della sinistra hanno intanto mantenuto la tassa - l’Imu - sulla casa che invece noi consideriamo sacra.

Poi c’è stato recentemente anche l’aumento dell’imposta sui risparmi privati, sulle rendite finanziarie. Comunque la si giri la frittata, comunque si sia capaci di presentare con brio, con slide e con tutto il resto le misure del governo, non si riesce ad evadere da quella che è la ricetta sempiterna della sinistra, cioè sempre più tasse.

Credo che dobbiamo offrire a tutti i moderati una chiara fotografia della situazione. Oggi non siamo più in una democrazia, che significa governo del popolo. Se i governi non sono eletti dal popolo, non c’è più una democrazia. E io penso che se noi riusciremo a rendere la maggioranza dei moderati consapevole di questo, la maggioranza numerica dei moderati che adesso nessuno contesta esserci forse riuscirà a trasformarsi in una maggioranza politica. E quindi noi con questa richiesta, con questo appello che facciamo alla maggioranza degli italiani, pensiamo non solo di poter arrivare ad un ottimo risultato nelle elezioni del parlamento europeo, ma alle elezioni politiche che seguiranno - che non potranno andare oltre un anno, un anno e mezzo - pensiamo di riportare con i moderati una grande vittoria che dia la possibilità di avere una grande maggioranza in parlamento, magari senza alleati, che possa eleggere e sostenere un governo tutto formato da ministri che appartengono a Forza Italia.

Elezioni Europee 2014, Berlusconi al TG5: “il mio nome sarà sulla scheda” é stato pubblicato su Polisblog.it alle 17:30 di sabato 19 aprile 2014. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.




Polisblog.it © 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.

Elezioni Europee 2014, Berlusconi al TG5: “il mio nome sarà sulla scheda”

Silvio Berlusconi parla al TG5 e ribadisce che il suo nome sarà sulle schede per le Elezioni Europee del prossimo maggio.

A una manciata di settimane dalle Elezioni Europee 2014 e pochi giorni dopo il suo affidamento ai servizi sociali, Silvio Berlusconi torna a parlare agli italiani e lo fa nel corso di un’intervista al suo caro TG5, uno dei suoi soliti monologhi in cui ribadisce concetti già espressi negli ultimi giorni.

L’ex premier ed ex Cavaliere è tornato ancora una volta sulla sceneggiata del perseguitato:

In questi 20 anni passati sono sempre stato candidato alle europee, questa volta sono stato colpito da un’ingiustizia enorme, una sentenza mostruosa, frode fiscale, io che sono il primo contribuente italiano. Ma ho assoluta fiducia che la Corte dei diritti europei annullerà la sentenza.

E, sicuro dell’annullamento della sentenza, promette che non soltanto il suo nome sarà su quelle schede, ma che Forza Italia ne uscirà vincitrice:

Sulla scheda elettorale ci sarà il nostro simbolo e il mio nome: questo garantisce ai moderati che io ci sono. […] Pensiamo di avere un ottimo risultato alle europee e dopo, poiché non si andrà avanti più di un anno un anno e mezzo, anche alle politiche. Pensiamo di avere una grande vittoria e una grande maggioranza in Parlamento, magari senza alleati, per eleggere un governo con ministri tutti appartenenti a Forza Italia.

Gli ultimi sondaggi parlano chiaro, ma Berlusconi non sente ragioni:

Se riusciremo a renderli consapevoli che oggi in Italia non c’è democrazia, forse la maggioranza numerica dei moderati riuscirà a trasformarsi in maggioranza politica.

Nel corso dell’intervista anche un affondo contro la sinistra e il Governo Renzi:

Non c’è stata alcuna riduzione delle tasse. I governi della sinistra le hanno mantenute sulla casa, poi hanno aumentato l’imposizione sulle rendite finanziarie. Anche presentando i provvedimenti con brio e con le slide, non si riesce a evadere la ricetta sempiterna della sinistra: sempre più tasse.

L’intervento dell’ex Cavaliere si è concluso con qualche parola sull’affidamento ai servizi sociali e sulla struttura scelta:

andare in una residenza di anziani a Cesano Boscone non mi ha fatto assolutamente dispiacere perché ho sempre cercato di aiutare chi ha bisogno, e ci sono andato spesso accompagnato dalla mia mamma a portare conforto e aiuti concreti.

ITALY-POLITICS-BERLUSCONI

Di seguito la trascrizione completa dell’intervento:

Nei vent’anni passati sono sempre stato candidato alle europee portando intorno a tre milioni di voti. Questa volta sono stato colpito da una ingiustizia enorme, c’è stata una sentenza mostruosa che sono convinto la Corte europea annullerà. Nella decisione ultima del Tribunale di sorveglianza c’è stato anche l’affidamento ai servizi sociali ad una residenza di anziani in difficoltà, “La Sacra famiglia” di Cesano Boscone. Questo non mi ha fatto assolutamente dispiacere perché io ho cercato sempre di aiutare chi ha avuto e ha bisogno, e anzi per quanto riguarda la residenza degli anziani, ci sono andato spesso accompagnando mia mamma e cercando di portare a queste persone conforto e magari aiuti concreti. Comunqe nella scheda elettorale ci sarà il simbolo di Forza Italia e nel simbolo, Forza Italia ha voluto mettere il nome Berlusconi. Questo garantisce a tutti i moderati che io, durante questa campagna elettorale, sarò in campo.

E’ assolutamente vero che non si possono dividere più le elezioni tra elezioni per l’Europa ed elezioni nazionali perché ormai la politica è insieme, nazionale ed europea. Noi stiamo scontando questo fatto perché l’Europa a trazione tedesca ci ha imposto la politica di rigore che ha portato soltanto crisi. Quindi in Europa dobbiamo riscrivere, e dobbiamo essere forti per questa ragione, tutti i trattati europei qualcuno dei quali abbiamo firmato sotto la minaccia della pistola alla tempia dell’imbroglio degli spread. Dobbiamo soprattutto che si possa ottenere lo sforamento del 3% di deficit che è qualcosa di imprescindibile. Dobbiamo anche allontanare nel tempo o addirittura cancellare il fiscal compact. Per quanto riguarda Alitalia, gli ultimi governi ma anche l’attuale governo, non hanno fatto nulla di veramente concreto e significativo nella direzione di un sostegno alle imprese. La riduzione dell’Irap è diventata un fantasma su cui non si può fare conti concreti; non c’è stata nessuna riduzione delle tasse, anzi i governi della sinistra hanno intanto mantenuto la tassa - l’Imu - sulla casa che invece noi consideriamo sacra.

Poi c’è stato recentemente anche l’aumento dell’imposta sui risparmi privati, sulle rendite finanziarie. Comunque la si giri la frittata, comunque si sia capaci di presentare con brio, con slide e con tutto il resto le misure del governo, non si riesce ad evadere da quella che è la ricetta sempiterna della sinistra, cioè sempre più tasse.

Credo che dobbiamo offrire a tutti i moderati una chiara fotografia della situazione. Oggi non siamo più in una democrazia, che significa governo del popolo. Se i governi non sono eletti dal popolo, non c’è più una democrazia. E io penso che se noi riusciremo a rendere la maggioranza dei moderati consapevole di questo, la maggioranza numerica dei moderati che adesso nessuno contesta esserci forse riuscirà a trasformarsi in una maggioranza politica. E quindi noi con questa richiesta, con questo appello che facciamo alla maggioranza degli italiani, pensiamo non solo di poter arrivare ad un ottimo risultato nelle elezioni del parlamento europeo, ma alle elezioni politiche che seguiranno - che non potranno andare oltre un anno, un anno e mezzo - pensiamo di riportare con i moderati una grande vittoria che dia la possibilità di avere una grande maggioranza in parlamento, magari senza alleati, che possa eleggere e sostenere un governo tutto formato da ministri che appartengono a Forza Italia.

Elezioni Europee 2014, Berlusconi al TG5: “il mio nome sarà sulla scheda” é stato pubblicato su Polisblog.it alle 17:30 di sabato 19 aprile 2014. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.




Polisblog.it © 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.

Elezioni Europee 2014, Berlusconi al TG5: “il mio nome sarà sulla scheda”

Silvio Berlusconi parla al TG5 e ribadisce che il suo nome sarà sulle schede per le Elezioni Europee del prossimo maggio.

A una manciata di settimane dalle Elezioni Europee 2014 e pochi giorni dopo il suo affidamento ai servizi sociali, Silvio Berlusconi torna a parlare agli italiani e lo fa nel corso di un’intervista al suo caro TG5, uno dei suoi soliti monologhi in cui ribadisce concetti già espressi negli ultimi giorni.

L’ex premier ed ex Cavaliere è tornato ancora una volta sulla sceneggiata del perseguitato:

In questi 20 anni passati sono sempre stato candidato alle europee, questa volta sono stato colpito da un’ingiustizia enorme, una sentenza mostruosa, frode fiscale, io che sono il primo contribuente italiano. Ma ho assoluta fiducia che la Corte dei diritti europei annullerà la sentenza.

E, sicuro dell’annullamento della sentenza, promette che non soltanto il suo nome sarà su quelle schede, ma che Forza Italia ne uscirà vincitrice:

Sulla scheda elettorale ci sarà il nostro simbolo e il mio nome: questo garantisce ai moderati che io ci sono. […] Pensiamo di avere un ottimo risultato alle europee e dopo, poiché non si andrà avanti più di un anno un anno e mezzo, anche alle politiche. Pensiamo di avere una grande vittoria e una grande maggioranza in Parlamento, magari senza alleati, per eleggere un governo con ministri tutti appartenenti a Forza Italia.

Gli ultimi sondaggi parlano chiaro, ma Berlusconi non sente ragioni:

Se riusciremo a renderli consapevoli che oggi in Italia non c’è democrazia, forse la maggioranza numerica dei moderati riuscirà a trasformarsi in maggioranza politica.

Nel corso dell’intervista anche un affondo contro la sinistra e il Governo Renzi:

Non c’è stata alcuna riduzione delle tasse. I governi della sinistra le hanno mantenute sulla casa, poi hanno aumentato l’imposizione sulle rendite finanziarie. Anche presentando i provvedimenti con brio e con le slide, non si riesce a evadere la ricetta sempiterna della sinistra: sempre più tasse.

L’intervento dell’ex Cavaliere si è concluso con qualche parola sull’affidamento ai servizi sociali e sulla struttura scelta:

andare in una residenza di anziani a Cesano Boscone non mi ha fatto assolutamente dispiacere perché ho sempre cercato di aiutare chi ha bisogno, e ci sono andato spesso accompagnato dalla mia mamma a portare conforto e aiuti concreti.

ITALY-POLITICS-BERLUSCONI

Di seguito la trascrizione completa dell’intervento:

Nei vent’anni passati sono sempre stato candidato alle europee portando intorno a tre milioni di voti. Questa volta sono stato colpito da una ingiustizia enorme, c’è stata una sentenza mostruosa che sono convinto la Corte europea annullerà. Nella decisione ultima del Tribunale di sorveglianza c’è stato anche l’affidamento ai servizi sociali ad una residenza di anziani in difficoltà, “La Sacra famiglia” di Cesano Boscone. Questo non mi ha fatto assolutamente dispiacere perché io ho cercato sempre di aiutare chi ha avuto e ha bisogno, e anzi per quanto riguarda la residenza degli anziani, ci sono andato spesso accompagnando mia mamma e cercando di portare a queste persone conforto e magari aiuti concreti. Comunqe nella scheda elettorale ci sarà il simbolo di Forza Italia e nel simbolo, Forza Italia ha voluto mettere il nome Berlusconi. Questo garantisce a tutti i moderati che io, durante questa campagna elettorale, sarò in campo.

E’ assolutamente vero che non si possono dividere più le elezioni tra elezioni per l’Europa ed elezioni nazionali perché ormai la politica è insieme, nazionale ed europea. Noi stiamo scontando questo fatto perché l’Europa a trazione tedesca ci ha imposto la politica di rigore che ha portato soltanto crisi. Quindi in Europa dobbiamo riscrivere, e dobbiamo essere forti per questa ragione, tutti i trattati europei qualcuno dei quali abbiamo firmato sotto la minaccia della pistola alla tempia dell’imbroglio degli spread. Dobbiamo soprattutto che si possa ottenere lo sforamento del 3% di deficit che è qualcosa di imprescindibile. Dobbiamo anche allontanare nel tempo o addirittura cancellare il fiscal compact. Per quanto riguarda Alitalia, gli ultimi governi ma anche l’attuale governo, non hanno fatto nulla di veramente concreto e significativo nella direzione di un sostegno alle imprese. La riduzione dell’Irap è diventata un fantasma su cui non si può fare conti concreti; non c’è stata nessuna riduzione delle tasse, anzi i governi della sinistra hanno intanto mantenuto la tassa - l’Imu - sulla casa che invece noi consideriamo sacra.

Poi c’è stato recentemente anche l’aumento dell’imposta sui risparmi privati, sulle rendite finanziarie. Comunque la si giri la frittata, comunque si sia capaci di presentare con brio, con slide e con tutto il resto le misure del governo, non si riesce ad evadere da quella che è la ricetta sempiterna della sinistra, cioè sempre più tasse.

Credo che dobbiamo offrire a tutti i moderati una chiara fotografia della situazione. Oggi non siamo più in una democrazia, che significa governo del popolo. Se i governi non sono eletti dal popolo, non c’è più una democrazia. E io penso che se noi riusciremo a rendere la maggioranza dei moderati consapevole di questo, la maggioranza numerica dei moderati che adesso nessuno contesta esserci forse riuscirà a trasformarsi in una maggioranza politica. E quindi noi con questa richiesta, con questo appello che facciamo alla maggioranza degli italiani, pensiamo non solo di poter arrivare ad un ottimo risultato nelle elezioni del parlamento europeo, ma alle elezioni politiche che seguiranno - che non potranno andare oltre un anno, un anno e mezzo - pensiamo di riportare con i moderati una grande vittoria che dia la possibilità di avere una grande maggioranza in parlamento, magari senza alleati, che possa eleggere e sostenere un governo tutto formato da ministri che appartengono a Forza Italia.

Elezioni Europee 2014, Berlusconi al TG5: “il mio nome sarà sulla scheda” é stato pubblicato su Polisblog.it alle 17:30 di sabato 19 aprile 2014. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.




Polisblog.it © 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.

Caos Gas Teramo, la lista completa delle nuove riattivazioni

Caos Gas Teramo, la lista completa delle nuove riattivazioni TERAMO - Pubblichiamo di seguito l'elenco completo delle zone che saranno riattivate nella giornata di oggi. Così come comunicatoci dalla Prefettura di Teramo. Continueremo a fornire informazioni sull'emergenza gas anche nei prossimi giorni nonostante le festività fino a chiusura emergenza. Con inizio alle 14.00, si procederà a rialimentare buona parte del Centro storico cittadino. Sia a Teramo (in P.zza Madonna delle Grazie) che a Torricella Sicura (in P.zza M. Capuani, sotto la sede municipale) sono attive, dall'ora di pranzo, le cucine da campo per la somministrazione di pasti caldi. ELENCO DELLE ZONE DA RIATTIVARE DATA PREVISTA E FASCIA ORARIA PREVISTA PER RIATTIVAZIONE VIA TRIPOTI CAMPO SCUOLA 19/04/14 07:30-13:00 VIA GAMMARANA - VIA DEL TIRO A SEGNO 19/04/14 07:30-13:00 COLLEPARCO UNIVERSITA' 19/04/14 07:30-13:00 VILLA VIOLA 19/04/14 07:30-13:00 ZONA SAN BERARDO VILLA MOSCA 19/04/14 07:30-13:00 CANNELLI 19/04/14 10:30 CASTROGNO - SCAPRIANO ALTO 19/04/14 10:30 MADONNA DELLE... leggi tutto l'articolo

Cronaca Abruzzo: notizie, video, tg, approfondimenti Quest'opera di Abruzzo24ore è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale

Dichiarazioni di Angelo Bonelli ed Annalisa Corrado al termine della conferenza stampa dopo la decisione della Cassazione di riammettere le liste Green Italia

Documenti integrali Salvo dove diversamente specificato i file pubblicati su questo sito sono rilasciati con licenza Creative Commons: Attribuzione 2.5

Conferenza stampa dei Verdi dopo la decisione della Cassazione di riammettere le liste Green Italia

Documenti integrali Salvo dove diversamente specificato i file pubblicati su questo sito sono rilasciati con licenza Creative Commons: Attribuzione 2.5

Las maniobras del Gobierno de Correa para evitar una consulta popular por el Yasuni

El pasado 12 de abril, Yasunidos, un colectivo cuya composición social es básicamente juvenil y cuyas formas de acción son muy similares al movimiento de indignados en España, entregaba un total de 756.623 firmas ante el Consejo Nacional Electoral (CNE) del Ecuador.

Dichas firmas tienen como finalidad exigir una consulta popular sobre el futuro de los campos Ishipingo, Tiputini y Tambococha (ITT) ubicados al interior del Parque Nacional Yasuní, el área con mayor biodiversidad de América de Latina. El número de firmas presentadas por Yasunidos suma casi un 30% más de las exigidas por el Código de la Democracia, en el cual se señala la necesidad de obtener un apoyo del 5% del patrón electoral, es decir, 584.116 firmas para que se dé un proceso ciudadano participativo de estas características. Cabe señalar al respecto que el patrón electoral ecuatoriano alcanza la inverosímil cifra de 11,4 millones de electores en un país de 14,5 millones de habitantes con una tasa de fertilidad de 2,44 hijos por mujer, con lo cual se evidencia lo inflado que está, actuando como un impedimento agregado para que se den este tipo de procesos.

El pasado 12 de abril, Yasunidos entregaba un total de 756.623 firmas ante el Consejo Nacional Electoral (CNE) del Ecuador La campaña de firmas se sostuvo durante seis meses, donde Yasunidos compitió con otras dos organizaciones, que planteaban preguntas alternativas a la propuesta por este grupo. Por un lado, la organización Amazonía Vive, que plantea una pregunta de apoyo a la determinación tomada por el presidente Rafael Correa el pasado 15 de agosto de explotar el crudo existente al interior de la zona calificada por la UNESCO como reserva de la biósfera Yasuní.

Por otro, el Frente de Defensa Total de la Amazonía (FDTA), que planteaba a su vez la pregunta de declarar todo el Ecuador libre de cualquier actividad extractiva, fuere del tipo que fuere. Hasta el momento Amazonía Vive apenas ha sido capaz de presentar 400.000 firmas -debiendo entregar la totalidad de éstas el próximo 15 de mayo- y el FDTA estima, según sus representantes, haber presentado en torno a 600.000.

El sentimiento generalizado en gran parte de las organizaciones ambientalistas ecuatorianas es que la aparición repentina de estas dos organizaciones en el escenario político responde a una estrategia establecida desde el gobierno y destinada a generar confusión informativa en la sociedad. Al respecto, es importante indicar que Amazonía Vive es una organización compuesta por dirigentes y autoridades locales del correísmo, mientras que los representantes del FDTA son absolutamente desconocidos en los ámbitos sociales y políticos del país. Llama la atención que incluso la publicidad y propaganda emitida por estas organizaciones fueran plagios de los contenidos y diseños gráficos desarrollados por Yasunidos en su campaña, lo que generó confusión y desconfianza entre los ciudadanos sobre a quién estaban avalando con su firma.

“Nuestra pregunta es clara, a diferencia de los demás”, declaran los voceros de Yasunidos, “y ésta consiste en preguntar sobre si se está de acuerdo en que el Gobierno ecuatoriano mantenga indefinidamente el crudo del ITT bajo el suelo”.

“Si quieren una consulta, de acuerdo, pero no sean vagos, recojan las firmas si tienen tanto apoyo”, indicaba Correa el 18 de agosto del año pasado Dicho cuestionamiento responde a un sentimiento popular expresado incluso por encuestadoras cercanas al oficialismo, como es el caso de Perfiles de Opinión, quien en un reciente sondeo indica que el 72,3% de la población se manifiesta a favor de ser consultada al respecto. Fue el mismo presidente Correa quien desafió a los movimientos sociales a recolectar las firmas necesarias para exigir esta consulta popular. “Si quieren una consulta, de acuerdo, pero no sean vagos, recojan las firmas si tienen tanto apoyo”, indicaba el mandatario el 18 de agosto del año pasado en una sus habituales cadenas televisivas.

Sin embargo, tras el último proceso electoral -las elecciones seccionales del pasado 23 de febrero- donde el correísmo a pesar de mantenerse como primera fuerza política perdió 21 puntos porcentuales de votos, la seguridad con la que se expresaba Correa parece haber cambiado. Según el expresidente de la Asamblea Constituyente del Ecuador, Alberto Acosta, hoy crítico con el Gobierno, “se ve, se siente, hasta se huele, el miedo del Gobierno a una consulta popular sobre este tema”. 

Los hechos parecen darle la razón, pues apenas cuatro días después de la entrega de firmas, miembros del colectivo Yasunidos documentaron mediante vídeo que funcionarios públicos habían abierto una de las cajas que contenían copias de los documentos de identificación de sus recolectores de firmas. Según los abogados de este colectivo, ninguna de estas cajas debe ser abierta sin la presencia de los afectados, y este hecho invalida incluso la verificación de firmas pues supone la ruptura de la cadena de custodia que requiere el debido proceso.

Documentación desaparecida

La normativa legal obliga a que en cada formulario de recolección de firmas se identifique al recolector, el cual debe a su vez presentar la fotocopia de su identificación personal al CNE con el fin de que dichos impresos sean validados. Del listado de 1.400 recolectores propiciados por Yasunidos al CNE, ahora muchos de estos no aparecen, lo cual significaría la invalidación de aproximadamente 200.000 firmas recogidas según denuncian voceros de esta organización.

“Hay una estrategia para invalidar gran parte de las firmas recogidas, pues nos hemos encontrado con la sorpresa de que las identificaciones de varios recolectores, entre los cuales me incluyo, han desaparecido del CNE”, dice Esperanza Martínez Según Esperanza Martínez, presidenta de la organización Acción Ecológica, “asistimos a una estrategia para invalidar gran parte de las firmas recogidas por Yasunidos, pues nos hemos encontrado con la sorpresa de que las identificaciones de varios recolectores, entre los cuales me incluyo, han desaparecido del CNE”.

De igual manera se manifiesta David Suárez, miembro del colectivo afectado, quien indica que “las firmas que hemos recogido representan la voluntad popular de nuestro pueblo a ser consultado sobre el futuro del Yasuní, representamos a una generación de jóvenes que hemos estado en la lucha para defender la naturaleza, los pueblos no contactados que allí viven y a la democracia de nuestro país; ahora todo nuestro esfuerzo está puesto en cuestión”. Estos hechos son negados por el vicepresidente del CNE, Paul Salazar, quien indica que los auspiciantes de la consulta nunca presentaron dicha documentación.

Para Julio César Trujillo, uno de los más respetados y veteranos juristas del país, “esta situación ha conllevado que se interponga un escrito al CNE para que se detenga el proceso de verificación de firmas, buscando que se aclaren las irregularidades denunciadas”.

Intervención militar

Haciendo caso omiso de estos reclamos, el CNE prosiguió con su proceso. El jueves 17 de abril, y tras haber solicitado Yasunidos públicamente garantías legales para el manejo de las firmas, las Fuerzas Armadas se personaron en las instalaciones del CNE con el fin de trasladar las cajas con los formularios a un recinto militar en el cual se ha instalado el centro de verificación firmas. Efectivos de la Policía Nacional intervinieron frente a los jóvenes que protagonizaban acciones de resistencia pacífica para intentar impedir dicho traslado. Patricio Chávez, vocero de la organización Amazonía por la Vida se cuestiona al respecto: “No entendemos como se llevaron las firmas a un centro militar custodiado por el Ejército para su revisión, cuando estos procesos se han realizado tradicionalmente en las instalaciones del mismo CNE”.

En la actualidad, el proceso de verificación y validación de firmas se desarrolla en dichas instalaciones militares. A éstas, se les ha prohibido el paso a los miembros de Yasunidos, que carecen de veedores propios para la fiscalización del proceso. Según Paul Salazar, la verificación transcurre con normalidad al interior del complejo militar, estando las veedurías ciudadanas garantizadas con miembros del Consejo de Participación Ciudadana y la Defensoría del Pueblo.

En todo caso, el presidente del Consejo de Participación Ciudadana y el titular de la Defensoría del Pueblo son personalidades que han ejercido con anterioridad destacados cargos políticos durante el Gobierno actual. Ambos están vinculados al oficialismo correísta, de igual manera que lo está el propio Salazar y el presidente del CNE, Domingo Paredes, quien con militancia en Alianza PAIS ocupó cargo como ministro en el Gobierno de Rafael Correa. En este sentido, Chávez es categórico: “La veeduría conformada por el CNE para el proceso de verificación de firmas que debe legitimar este proceso teóricamente democrático nos excluye y no nos representa”.

El futuro del Yasuní-ITT agudiza aún más ya acelerado distanciamiento entre las organizaciones sociales y el gobierno de Rafael Correa en el Ecuador Aunque queda por ver la resolución final de la verificación de las firmas, el conflicto en torno a la consulta popular sobre el futuro del Yasuní-ITT agudiza aún más ya acelerado distanciamiento entre las organizaciones sociales y el gobierno de Rafael Correa en el Ecuador.

Según diversos analistas académicos de la izquierda social ecuatoriana, es de prever que esta situación se verá agravada por la intención del actual gobierno de promover una reforma constitucional para permitir el cultivo de transgénicos, la reelección indefinida del actual mandatario o el futuro acuerdo con la Unión Europea para la conformación de un Tratado de Libre Comercio, eufemísticamente denominado como Acuerdo de Asociación.

 

Últimas noticias | DIAGONAL Los contenidos de DIAGONAL se publican bajo licencia CC by-SA: Creative Commons atribución-compartir igual

Arrestato 28 enne dai carabinieri, era in possesso di droga e munizioni

Arrestato 28 enne dai carabinieri, era in possesso di droga e munizioni PESCARA - Nella serata di ieri i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Pescara, in collaborazione con quelli di Montesilvano, nel corso di un'operazione antidroga, hanno tratto in arresto D'Onofrio Emanuele, 28enne di Montesilvano trovato, a seguito di perquisizione locale presso la propria abitazione, in possesso di un involucro in cellophane contenente 15 grammi di cocaina nascosto in giardino, 5 grammi di marijuana essiccata, un bilancino di precisione tascabile, vario materiale da confezionamento e 26 piantine di marijuana. Oltre allo stupefacente i militari hanno anche rinvenuto, all'interno di uno stanzino vicino al sottoscala, 18colpi inesplosi calibro 22 di provenienza ignota. L'arrestato, denunciato anche per detenzione abusiva di munizionamento per arma comune da sparo, è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari in attesa di direttissima che si terrà nella mattinata odierna. leggi tutto l'articolo

Cronaca Abruzzo: notizie, video, tg, approfondimenti Quest'opera di Abruzzo24ore è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale

Metà dei giornalisti francesi giudicano Fb e Twitter ‘’relativamente’’ o ‘’assai poco’’ utili

Francia-copCirca la metà dei 700 giornalisti francesi che hanno risposto a un questionario sullo stato della professione pensano che le reti sociali siano ‘’relativamente’’ o ‘’assai poco’’ utili. Il sondaggio  è stato realizzato da l’ Argus de la presse , una piattaforma francese di servizi e consulenza sui media, tramite un questionario inviato ai 37.000 giornalisti francesi, come riporta L’ Express, dedicandogli un post centrato sugli aspetti relativi a tecnologie e innovazione.

 

Dalla ricerca emerge poi che solo il 3% dei giornalisti che hanno risposto al questionario ammettono di essere sensibili all’ ‘’effetto buzz’’ (di cui comunque il rapporto non fornisce una definizione).
 

A questo punto, osserva  Eric Mettout, l’ autore del post, sono possibili tre spiegazioni: i rimanenti 97%

 

-          sono dei gran bugiardi;

-          vivono nelle nuvole;

-          sono dei gran bugiardi e vivono nelle nuvole.

 

Il 66% del campione poi ritiene che sia da ‘’molto importante’’ a ‘’fondamentale’’ la formazione alle nuove tecnologie. Ma – obbietta Mettout – questo significa che un 34% di loro la pensano al contrario…

 

Francia

 

Ancora. Per il 52% dei giornalisti interrogati, le nuove tecnologie rappresentano un aiuto prezioso. Bicchiere metà pieno. Ma – ed ecco il bicchiere metà vuoto – per il 48% esse sono uno strumento accessorio.

 

E infine, peggio, il 25% dei giornalisti interpellati le trovano una minaccia, pericolose e qualcuno (87 su 700) persino nocive! (l’ esclamativo è dell’ autore).

 

Conclusione: Mettout la lascia a uno dei giornalisti che hanno risposto: ‘’E’ una questione anacronistica. Sono 15 anni che viviamo con Internet e il giornalismo non è morto’’.

LSDI I contenuti originali di questo sito sono rilasciati in base alla licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 (escluso ove diversamente indicato e/o riguardo le specifiche fonti citate.

Qualsiasi cosa per lavorare

Schermata 2014-04-14 alle 09.47.06

Sono in fila alla cassa per il pagamento del ticket all’Ospedale di Magenta. Su uno dei cartelloni informativi della Regione Lombardia, di quelli che ti invitano a collegarti a internet per leggere gli esiti dei tuoi esami, senza bisogno di andare di persona a ritirare il referto, c’è un annuncio di lavoro, di quelli scritti a mano, con le listarelle tagliate con il numero di cellulare scritto, affinché si possa staccare e conservare.

Se ne vedono di ogni genere, di annunci come quello: di solito riguardano badanti, o donne delle pulizie, o propongono ripetizioni o simili. A volte ce ne sono di fantasiosi e creativi.

A volte, come in questo caso, di struggenti. Il testo non lascia spazio a equivoci:

«Signora seria e affidabile cerca qualsiasi cosa per lavorare»

«Cerca» e «lavorare» sono sottolineati. Per me è come se fossero incisi nel pilastro che ospita l’annuncio.

Ora. Siccome viviamo in un momento storico delicato, è importante pensarci su. Perché uno dei luoghi comuni che si sente spesso dire è che se vuoi trovare lavoro lo trovi. Che chi non ha lavoro non ce l’ha per colpa sua. Che se vuoi puoi. Tutte belle leggende che si impiantano nel cervello come le bugie ripetute cento, mille, un milione di volte. Ci crederete anche voi, prima o poi. Tutte leggende che dimenticano un presupposto fondamentale: le condizioni di partenza, che non sono uguali per tutti.

E’ facile immaginare, anche, le obiezioni alla mia reazione a questo annuncio: «Chissà che preparazione ha», «Come fidarsi», «Cosa saprà fare? Forse niente». La lista si può allungare a piacimento attingendo dal contenitore senza fondo dei luoghi comuni.

Fra l’altro, quel mondo del lavoro che ripete a memoria gli slogan tipo «se vuoi puoi» è piano di bugiardi cronici ed endemici. Io ne conosco parecchi, e sono certo anche voi. «Se vuoi, puoi» esiste soltanto in un mondo utopico. Un mondo in cui – guarda un po’ – tutti hanno le stesse possibilità e le stesse condizioni di partenza. Non certo un mondo in cui il mercato stritola a suo piacimento l’individuo.

Matteo Renzi è molto felice del suo Jobs Act e della flessibilità che aumenta (le presunte tutele al lavoratore, non si sa bene dove siano: se si pensa che poter prorogare per otto volte un contratto a termine sia una tutela, allora il meccanismo di riscrittura del linguaggio e del pensiero è completo). Ma ci sono un bel po’ di questioni da chiarire, in merito.

Matteo Renzi è altrettanto felice degli 80 euro in più in busta paga – e delle coperture raccontate in 10 tweet, così come dell’hashtag #oraics, che campeggia ben bene sulla homepage del Governo, che si trasforma, per un giorno almeno, in una vetrina web da bimbiminkia della politica –, ma si dimentica delle partite Iva e del boom di cassaintegrati.

Si dimentica anche di chi è disposto a tutto pur di lavorare.

Il punto è sempre quello: le opportunità non sono uguali per tutti. Il mondo del lavoro così come lo ha dipinto il capitalismo moderno è divenuto stracolmo di dirigenti strapagati e dalle dubbie competenze, che cadono sempre in piedi. Capitalism isn’t working. Il capitalismo non funziona. Il capitalismo non lavora. Era lo slogan delle prime proteste di Occupy Wall Street. Viene spiegato anche da illustri economisti. Lo splendido doppio senso dello slogan racconta tutto quello che non va e che Renzi, evidentemente, non ha capito. Ammesso che gli interessi capirlo.

Qualsiasi cosa per lavorare é stato pubblicato su Polisblog.it alle 12:30 di sabato 19 aprile 2014. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.




Polisblog.it © 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.

Weekly Address: President Obama Offers Easter and Passover Greetings

WASHINGTON, DC – In this week’s address, the President offered his warmest greetings as millions of Americans celebrate Easter this Sunday and recounted the Passover Seder he hosted at the White House earlier this week, joining Jewish families around the world in their celebration. The President looks forward to taking part with his family in the hope and joy of the Easter season and reminds all Americans, no matter their faith, of the common thread that binds us.

The audio of the address and video of the address will be available online at www.whitehouse.gov at 6:00 a.m. ET, Saturday, April 19, 2014.

Remarks of President Barack Obama
Weekly Address
The White House
April 19, 2014

Hi, everybody.  For millions of Americans, this time of year holds great meaning.  

Earlier this week, we hosted a Passover Seder at the White House, and joined Jewish families around the world in their retellings of the story of the Exodus and the victory of faith over oppression. 

And this Sunday, Michelle, Malia, Sasha, and I will join our fellow Christians around the world in celebrating the Resurrection of Christ, the salvation he offered the world, and the hope that comes with the Easter season.

These holy days have their roots in miracles that took place long ago.  And yet, they still inspire us, guide us, and strengthen us today.  They remind us of our responsibilities to God and, as God’s children, our responsibilities to one another. 

For me, and for countless other Christians, Holy Week and Easter are times for reflection and renewal.  We remember the grace of an awesome God, who loves us so deeply that He gave us his only Son, so that we might live through Him.  We recall all that Jesus endured for us – the scorn of the crowds, the agony of the cross – all so that we might be forgiven our sins and granted everlasting life.  And we recommit ourselves to following His example, to love and serve one another, particularly “the least of these” among us, just as He loves every one of us.

The common thread of humanity that connects us all – not just Christians and Jews, but Muslims and Hindus and Sikhs – is our shared commitment to love our neighbors as we love ourselves.  To remember, I am my brother’s keeper. I am my sister’s keeper.  Whatever your faith, believer or nonbeliever, there’s no better time to rededicate ourselves to that universal mission. 

For me, Easter is a story of hope – a belief in a better day to come, just around the bend.

So to all Christians who are celebrating, from my family to yours, Happy Easter.  And to every American, have a joyful weekend.

Thanks, God bless you, and may God bless this country we love.

###

White House.gov Press Office Feed Except where otherwise noted, third-party content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 3.0 License. Visitors to this website agree to grant a non-exclusive, irrevocable, royalty-free license to the rest of the world for their submissions to Whitehouse.gov under the Creative Commons Attribution 3.0 License.

Siria, Hollande annuncia: liberati i quattro giornalisti francesi rapiti nel giugno 2013

Il presidente francese ha confermato la liberazione dei quattro giornalisti rapiti in Siria quasi un anno fa.

Il presidente francese Francois Hollande ha annunciato oggi che i quattro giornalisti francesi rapiti in Siria nel giugno dello scorso anno sono stati liberati e sono in buone condizioni di salute.

Didier François ed Edouard Elias, rispettivamente inviato di Europe 1 e fotografo che era con lui, erano spariti nel nulla nella prima settimana di giugno, mentre Nicolas Hénin e Pierre Torres furono rapiti qualche giorno dopo, il 22 giugno, ma la notizia fu diffusa con un po’ di ritardo su richiesta delle loro famiglie.

Oggi, a quasi un anno di distanza, i quattro sono stati liberati e il loro ritorno in Francia è già stato organizzato. Come confermato da Hollande, tra qualche ora i quattro atterreranno sul territorio francese e potranno riabbracciare le famiglie.

I quattro, secondo quanto riferisce la stampa locale, sarebbero stati trovati da alcuni soldati turni al confine con la Siria, con occhi bendati e mani legate. Responsabile del rapimento sarebbe lo Stato Islamico dell’Iraq e del Levante, il gruppo terroristico legato ad al-Qaida che dal gennaio scorso occupa la città di Falluja.

FRANCE-SYRIA-CONFLICT-MEDIA-HOSTAGES-PROTEST

Siria, Hollande annuncia: liberati i quattro giornalisti francesi rapiti nel giugno 2013 é stato pubblicato su Polisblog.it alle 11:55 di sabato 19 aprile 2014. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.




Polisblog.it © 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.

Quotidiani Usa: la pubblicità su carta calata dell’ 8,6% nel 2013; quella online +1,5%

NAADa 47,4 miliardi nel 2005 l’ ammontare dei ricavi pubblicitari per i quotidiani su carta americani è sceso a 17,3 miliardi, un terzo rispetto a nove anni fa, calando di un altro 8,6% nel corso del 2013.

 

Lo segnala Alan D. Mutter sul suo blog – Reflections of a Newsosaur – riportando gli ultimi dati diffusi dalla Newspaper Association of America (NAA).
 


I ricavi 2013 della carta sono il livello più basso dal 1982, quando il settore produsse un fatturato di 17,7 miliardi, che oggi, secondo Mutter, ‘’varrebbero’’ 43,4 miliardi dollari.

 

I ricavi pubblicitari nel digitale ammontano invece a 3,4 miliardi di dollari (il 19% dei ricavi pubblicitari complessivi), con un aumento dell’ 1,5%.
 
 
L’ aumento dei ricavi nel segmento digitale dei giornali va messo a confronto con l’ incremento del 17% nel totale dei ricavi dell’ online in Usa, segnalato  di recente dall’ Internet Advertising Bureau, secondo cui la pubblicità digitale nel 2013 ha registrato un fatturato di 42,3 miliardi di dollari, superando anche la quota raccolta nel 2013 dalla televisione, che è pari a 40,1 mliardi.
 
Nella sua sintesi sul fatturato annuo per i giornali, la NAA ha incluso non solo la raccolta pubblicitaria, ma anche i ricavi da vendite e abbonamenti, pubblicazioni di nicchia servizi di marketing e produzioni di eventi.

 

Complessivamente quindi il fatturato dei quotidiani ammonta nel 2013 a 37,6 miliardi di dollari, con un calo del 2,6% rispetto all’ anno precedente.
 

LSDI I contenuti originali di questo sito sono rilasciati in base alla licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 (escluso ove diversamente indicato e/o riguardo le specifiche fonti citate.

BRESCIA: PRESIDIO/ ASSEMBLEA DEI MIGRANTI CONTRO SFRATTI E LA BOSSI FINI

presidio sfrattiPresidio- assemblea pubblica questa mattina, sabato 19 aprile, all’esterno della prefettura di Brescia organizzata dalle comunità e associazioni migranti. Una iniziativa che ha visto un buona partecipazione con alcune centinaia di persone che hanno denunciato una situazione che sta diventando sempre più insostenibile per i migranti e le migranti che vivono in città: dalle lentezze burocratiche dello Sportello Unico, ai rigetti, fino alla discriminazione da parte del comune di Brescia nella procedura di riconoscimento della residenza ai cittadini extracomunitari. Il presidio di oggi era anche in solidarietà con gli occupanti della Montagnola di Roma violentemente sgomberati questa settimana.

L’assemblea pubblica ha deciso già anche nuove iniziative di lotta a partire da un nuovo presidio  il prossimo 8 maggio, come ci raccontano Pamela e Arun dell’Associazione Diritti per tutti in questo collegamento

Ascolta la prima corrispondenza con Pamela dell’associazione Diritti per tutti.

Di seguito il ocmunicato:

LE COMUNITA’ E LE ASSOCIAZIONI MIGRANTI  ORGANIZZANO UN PRESIDIO

Perché la situazione che si sta creando per le donne e uomini migranti a Brescia è una vera e propria emergenza sociale
NO ai rigetti della questura sui rinnovi dei permessi di soggiorno

NO alla lentezza dello Sportello Unico e ai rigetti delle domande della “sanatoria” 2012

NO alla discriminazione da parte del Comune di Brescia, nella procedura di riconoscimento della residenza ai cittadini extracomunitari. LA RESIDENZA è UN DIRITTO!

NO agli SFRATTI delle famiglie in difficoltà

NO al razzismo istituzionale

NO alla legge BOSSI-FINI

di questa ed altre situazioni …NON NE POSSIAMO PIU’….perché la nostra presenza sul territorio Nazionale e la nostra dignità come persone, sono VINCOLATE al Permesso di Soggiorno e di questo il Governo locale ne ABUSA.

INVITIAMO PERTANTO TUTTI I CITTADINI A
PARTECIPARE AL PRESIDIO / ASSEMBLEA PUBBLICA

I tuoi diritti non te li regala nessuno, partecipa anche tu

Radio Onda d'Urto Creative Commons Attribution: Non Commercial, No Derivative, Works 2.5 Italy License