Fondi Ue per la Grecia

Venerdì 28 8 2015

I fondi UE rappresentano la più grande fonte di investimenti esteri diretti in Grecia, oltre che espressione tangibile della solidarietà e del sostegno europei. Sommando i contributi dell’UE, degli Stati membri, di altri partner internazionali e degli investitori privati, la Grecia ha ricevuto un sostegno superiore ai 400 miliardi di euro, equivalenti a più del 230% del PIL greco nel 2014 e a circa 38.000 euro per cittadino greco. Si tratta di un importo che supera già quanto previsto dal Piano Marshall statunitense per l’intera Europa, negli anni successivi alla Seconda guerra mondiale. La Nota n. 11 su atti dell’Unione europea del Servizio Studi è dedicata alla proposta di Regolamento sull’accesso facilitato ai fondi strutturali per la Grecia.

Tratto da www.senato.it.
L’utilizzo, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione delle informazioni testuali e degli elementi multimediali disponibili sul sito del Senato è autorizzata esclusivamente nei limiti in cui la stessa avvenga nel rispetto dell’interesse pubblico all’informazione, per finalità non commerciali, garantendo l’integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte.

(Visited 2 times, 1 visits today)

Il Presidente Grasso a New York per la IV Conferenza mondiale dei Presidenti di Parlamento

Venerdì 28 8 2015

Il Presidente del Senato, Pietro Grasso, parteciperà alla IV Conferenza mondiale dei Presidenti di Parlamento organizzata dall’Unione Interparlamentare (Ipu), in programma a New York, nella sede delle Nazioni Unite, da lunedì 31 agosto a mercoledì 2 settembre. Tema della Conferenza: la democrazia al servizio della pace e dello sviluppo sostenibile.

L’intervento del Presidente Grasso è in agenda per mercoledì mattina, alle ore 10 circa, nell’ambito del dibattito generale.

I lavori della Conferenza – alla quale parteciperà anche la Presidente della Camera, Laura Boldrini – avranno inizio alle 10 di lunedì 31 agosto (ora locale). Nel corso del pomeriggio, il Presidente Grasso avrà una serie di colloqui bilaterali con i Presidenti delle assemblee parlamentari dell’Iran, Ali Larijani , del Mozambico, Veronica Macamo Dhlovo, della Tunisia, Mohamed Ennaceur, con il Presidente del Comitato Permanente dell’Assemblea Nazionale del Popolo della Repubblica Popolare Cinese, Zhang Dejiang, e con il Vice Presidente della Camera dei Rappresentanti del Marocco, Chafik Rachadi.

Martedì 1 settembre, alle ore 11, il Presidente Grasso si recherà al Daily News Building, dove incontrerà Jean-Paul Laborde, direttore del Counter Terrorism Executive Directorate (Cted). Alle ore 12 è invece in programma il colloquio con Jehangir Khan, direttore della Counter-Terrorism Implementation Task Force (Ctitf).

Alle 18.30 di martedì, nella sede del Consolato generale d’Italia a New York, il Presidente del Senato interverrà ad un incontro con autorità dello Stato di New York, professori universitari, giornalisti ed esponenti dell’associazionismo italo-americano.

Tratto da www.senato.it.
L’utilizzo, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione delle informazioni testuali e degli elementi multimediali disponibili sul sito del Senato è autorizzata esclusivamente nei limiti in cui la stessa avvenga nel rispetto dell’interesse pubblico all’informazione, per finalità non commerciali, garantendo l’integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte.

(Visited 6 times, 1 visits today)

ASIA/PAKISTAN – Cinque arresti per gli attentati alle chiese di Lahore

Lahore – Dopo un’operazione di intelligence, la polizia pakistana ha arrestato cinque terroristi, sospettati di aver avuto un ruolo attivo nell’organizzare gli attentati alle due chiese nel quartiere di Youhanabad, a Lahore, il 15 marzo scorso
Secondo fonti locali, gli arrestati avrebbero fornito assistenza diretta agli attentatori suicidi. Gli agenti hanno anche recuperato armi e un detonatore in possesso dei criminali. I sospettati sono stati consegnati alla polizia di Lahore per ulteriori interrogatori. Un altro uomo accusato di aver preso parte alla strage è stato arrestato nell’aprile scorso.
Fonti della comunità cristiana a Lahore dicono a Fides che “è compito del governo rintracciare ed arrestare i colpevoli per far sì che la strage non resti impunita”. Nell’esplosione kamikaze davanti alle due chiese i morti furono 15 e oltre 80 i feriti. A rivendicare la responsabilità degli attacchi è stata una cellula del gruppo “Tehreek-e-Taliban Pakistan”, i cosiddetti “talebani pakistani”.
Tratto da: www.fides.org.
I contenuti del sito sono pubblicato sotto una Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia (CC BY 3.0 IT).

(Visited 3 times, 1 visits today)

ASIA/LIBANO – In programma un summit islamo-cristiano per superare la crisi istituzionale

Beirut – Un summit religioso islamo-cristiano si svolgerà lunedì prossimo presso la sede patriarcale maronita di Bkerkè Lo scopo dell’incontro – riferiscono le fonti libanesi consultate dall’Agenzia Fides – è quello di manifestare e far pesare la convergenza dei leader delle diverse comunità religiose cristiane e musulmane in merito all’urgenza condivisa di porre fine alla paralisi istituzionale che immobilizza il Paese dei Cedri. Una situazione drammatica, resa ormai insostenibile dall’enorme afflusso in territorio libanese di rifugiati siriani e dall’esplodere delle nuove tensioni sociali che stanno scuotendo il Paese, e che anche oggi vedranno scendere in piazza l’indignazione popolare.
In questi giorni, nel tentativo di verificare tutte le vie praticabili per una soluzione della cristi istituzionale, il Patriarca maronita Boutros Bechara Rai sta incontrando uno per uno i leader politici libanesi per lunghi e intensi colloqui, che non vengono seguiti dalla pubblicazione di resoconti o comunicati ufficiali. Ieri, venerdì 28 agosto, il Primate della Chiesa maronita ha avuto 2 ore di colloquio con il generale Michel Aoun, leader della Corrente Patriottica Libera, la formazione politica alleata con gli sciiti di Hezbollah. Fonti mediatiche libanesi riferiscono che nel fine settimana sono previsti incontri del Patriarca con altri leader politici cristiani come Amin Gemayel, Sleiman Frangiè e Samir Geagea. Intanto, la stampa libanese sottolinea che le manifestazioni e le proteste di piazza delle ultime settimane esprimono il malcontento convergente della “base popolare” dei diversi blocchi politici rispetto al “clientelismo confessionale” che condiziona meccanismi politici ormai incapaci di rispondere alle emergenze nazionali e regionali e di fronteggiare i crescenti rischi di una generale destabilizzazione del sistema libanese. .
Tratto da: www.fides.org.
I contenuti del sito sono pubblicato sotto una Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia (CC BY 3.0 IT).

(Visited 4 times, 1 visits today)

ASIA/INDIA – I francescani in India: un’ora di Adorazione per la Giornata del Creato

New Delhi – Oltre 50mila tra frati, suore, laici francescani, membri della Associazione delle Famiglie Francescane dell’India – che riunisce gli ordini religiosi maschili e femminili e i laici dell’Ordine Francescano Secolare – si fermeranno per un’ora di Adorazione Eucaristica nella Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato, il 1° settembre, in comunione con Papa Francesco. Lo comunica all’Agenzia Fides una nota dell’AFFI, presieduta dal frate cappuccino p. A.J. Mathew.
Come nota il Coordinatore dell’AFFI, p. Nithiya Sagayam OFM.Cap, “la preghiera el’Adorazione Eucaristica saranno l’alimento spirituale per rinsaldare il legame con la creazione Dio”. Secondo p. Nithiya, nelle 164 province ove sono presenti, i francescani sono impegnati a diffondere la responsabilità di “essere uniti con il Signore non solo simbolicamente, ma per generare un fermo impegno nella salvaguardia del Creato”.
Tutti i centri di formazione, le comunità, seminari, conventi e parrocchie gestite da frati francescani in India trascorreranno un’ora in Adorazione: “Vogliamo ringraziare il Signore per il dono della Madre terra, chiedere perdono per l’avidità e l’uso improprio della natura, invocare grazia del Signore per salvaguardare la creazione”. Dalla preghiera – rimarca la nota giunta a Fides– discende “un impegno collettivo di francescani indiani ad essere accanto a Papa Francesco nel promuovere nuovi stili di vita e passi concreti per vivere in modo nuovo il rapporto con l’intero universo”.
Come sottolinea p. A.J. Mathew, i francescani in India sono una rete con un enorme numero di istituzioni educative, mediche e sociali. “Siamo impegnati alla Chiesa e nella società per rivitalizzare lo spirito di San Francesco. Nostra cura sono le questioni sociali come la sicurezza alimentare, i diritti dei popoli indigeni, la violenza contro le donne, i diritti dei bambini”, ricorda. L’AFFI organizzerà un workshop speciale sull’enciclica Laudato Si’ che avrà l’obiettivo di tracciare piani d’azione concreti per la tutela dell’ambiente in India.
Tratto da: www.fides.org.
I contenuti del sito sono pubblicato sotto una Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia (CC BY 3.0 IT).

(Visited 3 times, 1 visits today)

ASIA/TERRA SANTA – Un anno dopo l’ultima guerra, restaurato l’asilo della parrocchia latina di Gaza

Gaza – A un anno esatto dal cessate il fuoco che ha posto fine all’ultima campagna militare condotta nella Striscia di Gaza dall’esercito israeliano contro i guerriglieri palestinesi di Hamas – denominata “Margine di protezione -, due nuovi progetti realizzati per sostenere la popolazione civile della zona sono stati inaugurati martedì 25 agosto nel compound della parrocchia latina di Gaza City, dedicata alla Sacra Famiglia, situata nella zona di al-Zeitun. Il primo progetto – riferiscono fonti del Patriarcato latino di Gerusalemme – è stato finanziato dal Catholic Relief Service, e consiste nella ristrutturazione completa della scuola materna che la mattina del 29 luglio 2014 era stata devastata dalle bombe degli aerei israeliani. Il secondo progetto, finanziato dalla Ong World Vision, ha consentito di installare un nuovo generatore elettrico a servizio delle attività della parrocchia. Il nuovo dispositivo per generare energia elettrica funziona senza emettere rumore, in modo da non disturbare le attività della scuola collegata alla parrocchia, frequentata da circa 300 ragazzi e ragazze di Gaza.
La parrocchia cattolica latina di Gaza è attualmente guidata da padre Mario da Silva, missionario dell’Istituto del Verbo Incarnato. .
Tratto da: www.fides.org.
I contenuti del sito sono pubblicato sotto una Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia (CC BY 3.0 IT).

(Visited 6 times, 1 visits today)

Poems and Songs in the Lancashire Dialect by WAUGH, Edwin

A selection of poems in the Lancashire dialect by the foremost exponent of the form. A printer by training, Edwin Waugh left his trade for secretarial work and began his literary career in 1852. His first dialect poem, ‘Come whoam to thi’ childer and me’, was written at the Clarence Hotel, Manchester, on 10 June 1856 and published in the Manchester Examiner the following day. The best known Lancashire dialect poem of its day, it inspired numerous followers whose dialect poetry and prose provided an often nostalgic accompaniment to the sound and fury of the industrial revolution. This selection of dialect poems was published shortly after Waugh’s death alongside a selection of his standard English poetry. It consists of the poems that editor George Milner judged to be presentable and is accompanied by a critical introduction and commentary on Waugh’s use of the Rochdale variety of the Lancashire dialect. – Summary by Phil Benson
This title is avalable for free download at: www.librivox.org.

(Visited 2 times, 1 visits today)

We are not Charlie and we will never be.