classicistranieri.com

We are not Charlie and we will never be.

Michelangelo Buonarroti – Io crederrei, se tu fussi di sasso

Easy Plugin for AdSense by Unreal

Io crederrei, se tu fussi di sasso,
amarti con tal fede, ch’i’ potrei
farti meco venir più che di passo;
se fussi morto, parlar ti farei,
se fussi in ciel, ti tirerei a basso
co’ pianti, co’ sospir, co’ prieghi miei.
Sendo vivo e di carne, e qui tra noi,
chi t’ama e serve che de’ creder poi?
I’ non posso altro far che seguitarti,
e della grande impresa non mi pento.
Tu non se’ fatta com’un uom da (more…)

(Visited 3 times, 1 visits today)

ven, maggio 22 2015 » Senza categoria » Commenti disabilitati

Michelangelo Buonarroti – Chi di notte cavalca, el dì conviene

Chi di notte cavalca, el dì conviene
c’alcuna volta si riposi e dorma:
così sper’io, che dopo tante pene
ristori ‘l mie signor mie vita e forma.
Non dura ‘l mal dove non dura ‘l bene,
ma spesso l’un nell’altro si trasforma.

(Visited 4 times, 1 visits today)

ven, maggio 22 2015 » Senza categoria » Commenti disabilitati

Michelangelo Buonarroti – S’alcun se stesso al mondo ancider lice

S’alcun se stesso al mondo ancider lice,
po’ che per morte al ciel tornar si crede,
sarie ben giusto a chi con tanta fede
vive servendo miser e ‘nfelice.
Ma perché l’uom non è come fenice,
c’alla luce del sol resurge e riede,
la man fo pigra e muovo tardi el piede.

(Visited 4 times, 1 visits today)

ven, maggio 22 2015 » Senza categoria » Commenti disabilitati

Michelangelo Buonarroti – Oilmè, oilmè, ch’i’ son tradito

Oilmè, oilmè, ch’i’ son tradito
da’ giorni mie fugaci e dallo specchio
che ‘l ver dice a ciascun che fiso ‘l guarda!
Così n’avvien, chi troppo al fin ritarda,
com’ho fatt’io, che ‘l tempo m’è fuggito:
si trova come me ‘n un giorno vecchio.
Né mi posso pentir, né m’apparecchio,
né mi consiglio con la morte appresso.
Nemico di me stesso,
inutilmente i pianti e ‘ sospir verso,
ché non è danno pari al tempo perso.
Oilmè, oilmè, (more…)

(Visited 4 times, 1 visits today)

ven, maggio 22 2015 » Senza categoria » Commenti disabilitati

Michelangelo Buonarroti – Che fie doppo molt’anni di costei

Che fie doppo molt’anni di costei,
Amor, se ‘l tempo ogni beltà distrugge?
Fama di lei; e anche questa fugge
e vola e manca più ch’i’ non vorrei.

(Visited 6 times, 1 visits today)

ven, maggio 22 2015 » Senza categoria » Commenti disabilitati

Michelangelo Buonarroti – Amor, la tuo beltà non è mortale

Amor, la tuo beltà non è mortale:
nessun volto fra noi è che pareggi
l’immagine del cor, che ‘nfiammi e reggi
con altro foco e muovi con altr’ale.

(Visited 5 times, 1 visits today)

ven, maggio 22 2015 » Senza categoria » Commenti disabilitati

Michelangelo Buonarroti – Come fiamma più cresce più contesa

Come fiamma più cresce più contesa
dal vento, ogni virtù che ‘l cielo esalta
tanto più splende quant’è più offesa.

(Visited 4 times, 1 visits today)

ven, maggio 22 2015 » Senza categoria » Commenti disabilitati

Michelangelo Buonarroti – Quand’el ministro de’ sospir mie tanti

Quand’el ministro de’ sospir mie tanti
al mondo, agli occhi mei, a sé si tolse,
natura, che fra noi degnar lo volse,
restò in vergogna, e chi lo vide in pianti.
Ma non come degli altri oggi si vanti
del sol del sol, c’allor ci spense e tolse,
morte, c’amor ne vinse, e farlo il tolse
in terra vivo e ‘n ciel fra gli altri santi.
Così credette morte iniqua e rea
finir il (more…)

(Visited 5 times, 1 visits today)

ven, maggio 22 2015 » Senza categoria » Commenti disabilitati

Michelangelo Buonarroti – Se ‘l mie rozzo martello i duri sassi

Se ‘l mie rozzo martello i duri sassi
forma d’uman aspetto or questo or quello,
dal ministro che ‘l guida, iscorge e tiello,
prendendo il moto, va con gli altrui passi.
Ma quel divin che in cielo alberga e stassi,
altri, e sé più, col propio andar fa bello;
e se nessun martel senza martello
si può far, da quel vivo ogni altro fassi.
E perché ‘l colpo è di valor più pieno
quant’alza più se (more…)

(Visited 8 times, 1 visits today)

ven, maggio 22 2015 » Senza categoria » Commenti disabilitati

Michelangelo Buonarroti – Ben doverrieno al sospirar mie tanto

Ben doverrieno al sospirar mie tanto
esser secco oramai le fonti e ‘ fiumi,
s’i’ non gli rinfrescassi col mie pianto.
Così talvolta i nostri etterni lumi,
l’un caldo e l’altro freddo ne ristora,
acciò che ‘l mondo più non si consumi.
E similmente il cor che s’innamora,
quand’el superchio ardor troppo l’accende,
l’umor degli occhi il tempra, che non mora.
La morte e ‘l duol, ch’i’ bramo e cerco, rende
un contento (more…)

(Visited 5 times, 1 visits today)

ven, maggio 22 2015 » Senza categoria » Commenti disabilitati