classicistranieri.com / Biblioteca multimediale ad accesso libero e gratuito. We are not liber, we are free!

Skip to content

Iacopone da Todi, Amor dolce senza pare – sei tu, Cristo, per amare

15-set-14

Amor dolce senza pare – sei tu, Cristo, per amare.
Tu sei amor che coniugni, – cui più ami spesso pugni;
onne piaga, poi che l’ugni, – senza unguento fal sanare.
Amor, tu non abandoni – chi t’offende, sì perdoni;
e de gloria encoroni – chi se sa umiliare.
Signor, fanne perdonanza – de la nostra offensanza,
e de la tua dolce amanza – fanne um poco assagiare.
Dolce Iesù amoroso, – più che manna saporoso,
sopra noi sie pietoso, – Signor, non n’abandonare.
Amor grande, dolce e fino, – increato sei divino,
tu che fai lo serafino – de tua gloria enflammare.
Cherubin ed altri cori, – apostoli e dottori,
martiri e confessori, – vergene fai iocundare.
Patriarche e profete – tu tragisti da la rete,
de te, amor, àver tal sete – non se crédor mai saziare.
Dolce amor, tanto n’ame, – al tuo regno sempre clame,
saziando d’onne fame, – tanto sei dolce a gustare.
Amor, chi de te ben pensa, – giammai non dei far offensa
tu sei fruttuosa mensa – en cui ne devem gloriare.
Nella croce lo mostrasti, – amor, quanto tu n’amasti;
ché per noi te umiliasti – e lassasti cruciare.
Amor grande fuor misura, – tu promission sicura,
de cui nulla creatura – d’amar non se può scusare.
Dàite a chi te vol avere, – tu te vien a proferere,
amor, non te puoi tenere – a chi te sa ademandare.
Ademando te amoroso – dolce Iesù pietoso,
che me specchi el cor gioioso – de te solo, amor, pensare.
Lo pensar de te, amore, – fa enebriar lo core,
vol fugir onne rumore – per poterte contemplare.
Contemplando te, solazo, – pargli tutto ‘l mondo lazo,
regemento fa de pazo – a chi non sa el suo affare.
Tu se’ amor de cortesia, – en te non è villania,
dàmmete, amor, vita mia, – non me far tanto aspettare.

Iacopone da Todi, Que farai, morte mia, – che perderai la vita?

15-set-14

Que farai, morte mia, – che perderai la vita?
Guerra infinita – sirà tuo cuor demorare.
Or que farai, morte mia, – che perderai la vita?
Se io t’aggio nutrita – io me ne pento;
e poi la morte non tornai a vita, – guerra infinita
sì t’arepresento; – però taccio ed assento,
quel che voglio non faccio – e quel che voglio desfaccio;
la lengua ne taccio – co omo obstinato.
Non enante la morte – se trova la vita;
oìmè! te vita – porriate trovare;
ma po’ la morte – se truova la vita,
ma perde la vita – cotal demorare;
elato me pare – cotal exercire,
non può pervenire – a lo infinito stato.
Oimè! – ed io per te vo te fugendo,
parlando tazo, – lassando allazo,
dentro a la pelle – sta lo encreato.
Oimè! la tua pelle – è tanto rotta,
che dentro non può stare; – or facciamo che sia morta,
la vita sua fori a lo scorticare – per fede te convien passare,
e desperanza trovare – del bene e del male
esser scortecato.
Dentro a lo scortecato s’è remesso – colui che vo cercanno,
or faciam che sia quesso – voler morir per non vivere entanno;
par molto cosa dura – la morte e la vita far una,
mozzare onne figura – e non posseder nullo aspetto.
Mozzata onne figura – de lo suo iudicato,
cacciato onne sospetto – de lo suo principato,
negato el suo volere – como non fusse nato,
omo anichilato – vive nel suo avetare.
El mio avetare è quesso – de sotto a onnecovelle
e so en tal luoco messo – ben ne dirò le novelle,
non sa fin ca ne stende, – agiogne en onne luoco,
e questo molto par poco – a chi non l’ha comparato.
Dentro a lo comparato s’è remesso – colui che s’è venduto,
or facciam che sia quesso – voler morir per render lo tributo;
e questa è la cagione, – per retribuzione
a terzo dine serai resuscitato.
Resuscitato, pareme morire, – en mente e ‘n atto
vergogna non fugire, – ed ad onore non so tratto,
piacere e despiacere, – non far con nullo patto,
desperato tragiatto – al viso ioco ha passato.
Passa fede e speranza – la credenza del certo,
la caritate unisce, – spogliase ne l’affetto,
cacciato onne volere, – mozzato onne sospetto,
non ci ha trovato aspetto – el vero trasformato.
Trasformato la imagine – de Dio la simiglianza,
ha pensato e postose – de non far mai più fallanza,
li angeli de cielo sguardano – en questa simiglianza,
presi da l’abundanza – de l’omo ch’è reformato.
Reformato nell’essere – de la virtù creata,
trasformata ne l’essere – envisibile encreata,
visibile invisibile – non nobile avilare,
el suo vilare – per nobile avilato.
Quello che è non se può dire, – puòse dire quel che non è;
lo dir vero si è mentire, – lo mentire è quello che è;
ed è tanto alto quello che è, – non ha forma né mesura;
e fuor de la imaginatura, – ché non me ci ho trovato.

Iacopone da Todi – O peccator dolente, – che a Dio vuol retornare

15-set-14

O peccator dolente, – che a Dio vuol retornare,
questa lauda t’ensegna – quello che déi fare.
Tu déi esser pentuto – de tutto el tuo peccato,
e déilo confessare – col core umiliato,
e far la penitenza – sì como t’è comandato,
e, poi che l’hai lassato, – nol déi mai repigliare.
Tu déi ben perdonare – chi t’ha fatto offensanza
col core e con la bocca – senza niuna fallanza;
e se tu bai altri offeso, – déi cheder perdonanza
acciò che Iesù Cristo – ti degga perdonare.
Se tu hai de l’altrui, – rendelo interamente,
quanto puoi più cetto – non lo ‘nduciar niente;
e non ti confidare – né in figlio né in parente,
perché hanno costumanza – del troppo retardare.
Tu déi recessare – onne ria compagnia,
per ciò che fa cadere – molto cetto in follia;
e costumar con buoni – che ti don buona via,
per la qual tu possi – l’alma tua salvare.
La bocca déi aver chiusa – e la lengua affrenata,
e non li trar lo freno, – se non poche fiata;
e sempre sie sollicito – tenerla ben guardata,
per ciò che ha costumanza – de molto morsecare.
Chi la sua bocca ha aperta – e la lengua tagliente,
molto legiermente – deventa maldicente;
ed onne ben che fai – poco ti vale o niente,
ché la tua mala lengua – tutto tel fa furare.
Al tuo corpo misero – non déi acconsentire,
per ciò che sempre vole – manecare e dormire,
e non cura niente – giamai a Dio servire,
en ioco ed in solazo – sempremai vorrìa stare.
Fallo levar per tempo – senza nulla pigrezza,
e mettilo in fatica – che non li sia agevolezza,
e vallo recessando – d’onne carnal vaghezza;
se questo non li fai, – te farà tralipare.
Falli fare astinenza, – che non sia più goloso;
partar li panni aspri, – che non sia più gioioso;
ed operare buone opere – che non stia più ozioso,
e, perché è mal servo, – délo disciplinare.
Tu déi stare affissato, – non déi gir molto atorno,
ché nuoce de vedere – le vanità del monno;
non porrar gli occhi in alto, – ma portali in profonno,
per ciò che son ladroni – de l’anima predare.
Quello che l’occhio vede – sì lo riporta al cuore,
el falo repensare – de lo carnale amore,
e, poi che ci ha pensato, – sì retrova el pegiore,
e perciò e buona cosa – sempre l’occhio guardare.
Tu déi guardar l’orecchie – da li mali udimenti,
e retener le mano – dai villan toccamenti,
e déi esser ben composto – nelli tuoi portamenti,
sì che onne om che ti vede – si possa edificare.
Tu déi stare all’offizio – molto devotamente,
e de onne adversitate – déi essere paziente;
ad qualunche te domanda, – rispondi umilmente,
ed onne intenza inutile, – quanto puoi, recessare.
Non déi essere schifo, – né molto desdegnoso,
sì com’è lo zitello – che è superbo e lagnoso;
le mano déi aver larghe – e lo core pietoso,
ed onne cosa che dai, – molto volontier dare.
Le parole de Dio – volontier déi udire,
ed alli tuoi prelati – umilmente ubidire,
e li santi sacerdoti – in reverenzia avere,
perciò che son pastori – per l’anime salvare.
E ciascuno in suo luoco – déi portare in amore,
e conservare pace – sempre nel tuo core,
ed onne altra persona – déi credere tuo migliore,
e ‘n tutti li tuoi fatti – te déi umiliare.
L’umilitate è quella – che fa essere amato,
e da Dio e dal mondo – essere esaltato,
e lo tuo core sempre – te fa aver consolato,
perciò la umilitate – molto la devi amare.
Tu devi lo tuo core – conservare en netteza,
non li lassar pensare – nulla laida laideza,
acciò che possi fare – più degna peniteza,
en nullo male amore – te devi delettare.
La tua confessione – déi far molto spesso,
e li tuoi offendimenti – déi dicere tu stesso,
acciò che Cristo Diosempre ti stia dapresso,
de li suoi benefizi – lo déi regraziare.
Tu te déi sforzare – de gire sempre inanti,
e non tornare endrieto – sì como fon li granchi,
acciò che tu aggi – la corona de li santi,
nel ben c’hai cominciato – devi perseverare.

Iacopone da Todi – Perché m’hai tu creata, – o creatore Dio

15-set-14

Perché m’hai tu creata, – o creatore Dio,
e poi recomperata – per Cristo lesù mio?
Amor, tu m’hai creata – per la tua cortesia,
ma so villana stata – per la mia gran follia,
fuor de la mia contrata – smarrita aggio la via,
la vergine Maria – me torni all’amor mio.
Anima peccatrice, – co l’hai potuto fare,
o falsa meretrice, – senza lo sposo stare?
Ché sai che esso lo dice: – «Chi a me vorrà tornarè,
farollo delettare – nello dolce amor mio.»
Occhi miei, piangete, – non cessate a tutte ore,
ché fare lo dovete – per trovar l’amore;
ch’io n’aggio sì gran sete, – che me strugge el core,
de Cristo Salvatore, – ché esso è l’amor mio.
O Pier, Paulo e Giovanni, – lo dolce Evangelista,
Gregorio ed Augustino – e l’amante Battista,
rendeteme l’amore – ch’io non sia sì trista,
morragio s’io sto in quista – ch’io non aggia l’amor mio.
O umile Francesco, – de Dio tutto enfiammato,
che Cristo crucifisso – portasti in cor formato,
priega el mio gran Signore, – ch’io ho tanto aspettato,
che tosto a l’apenato – soccorra l’amor mio.
O crucifisso amore, – recòrdati la lancia,
che te fo data al core – per me trar de pesanza;
donqua ritorna, amore, – non far più demoranza,
fallami la speranza – s’io non t’ho, amor mio.
Non posso più soffrire – li tuoi lamenti,
gli amorosi languire – che tu fai spessamente;
or briga de venire, – lieva in alto la mente,
farrotte esser gaudente – del dolce Iesù mio.
Or te diletta, sposa, – de me quanto tu voli,
ché ben sei gloriosa, – tanto d’amor tu oli!
Non essere vergognosa, – non c’è perché te duoli,
trovato hai quel che voli, – cioè el dolce amor mio.

Iacopone da Todi, L’amor ch’è consumato – nullo prezzo non guarda

15-set-14

L’amor ch’è consumato – nullo prezzo non guarda
né per pena non tarda – d’amar co fo amato.
Consumato l’amore, – sì va pene cercando,
se ama sé dilettando, – sta penoso.
E con grande fervore – al diletto dà bando,
per viver tormentando – angoscioso.
Allora sta gioioso – e sé conosce amare,
se fugge el delettare – e sta en croce chiavato.
Servo che prezzo prende, – ch’ama sempre diletto,
sì porta nell’affetto – pagamento.
Per lo prezzo vendere – lo prezzo, gli è difetto;
non è anco perfetto – lo stormento.
Se amor non fo tormento, – sì non fo virtuoso,
né sirà glorioso – se non fo tormentato.
L’amor vero, liale – odia sé per natura,
vedendosi mesura – terminata.
Perché puro, leale – non ama creatura,
né se veste figura – mesurata.
Carità increata – ad sé lo fa salire,
e falli partorire – figlio d’amor beato.
Questo figlio che nasce – è amor più verace
de onne virtù capace, – copiosa.
Dove l’anima pasce – fuoco d’amor penace,
notricasi de pace – gloriosa.
E sta sempre gioiosa – e si ‘namora tanto,
che non potrebbe el quanto – esser considerato.

Iacopone da Todi, Troppo perde el tempo chi non t’ama

15-set-14

Troppo perde el tempo chi non t’ama,
dolce amor Iesù, sopra ogni amore.
Amore, chi t’ama non sta ozioso,
tanto li par dolce de te gustare,
ma tutta ora vive desideroso,
como te possa stretto più amare;
ché tanto sta per te lo cor gioioso,
chi nol sentisse, nol porrìa parlare
quanto è dolce a gustare lo tuo sapore.
Sapor che non si trova simiglianza,
oh lasso, ché ‘l mio cor poco t’assagia!
Nulla altra cosa a me è consolanza,
se tutto el mondo avesse e te non aggia;
o dolce amor Iesù, in cui ho speranza,
tu regge lo mio cor che da te non caggia,
ma sempre più strenga lo tuo amore.
Amor che tolli forza ed onne amaro,
ed onne cosa muti in tua dolcezza,
e questo sanno i santi che ‘l provãro,
che fecero dolce morte in amarezza;
ma confortolli il dolce lattuaro
de te, Iesù, che vensero onne asprezza,
tanto fusti suave nei lor core!
Cor che te non sente, ben pò esser tristo;
Iesù, letizia e gaudio de la gente,
solazzo non puote esser senza Cristo;
tapino, ch’io non t’amo sì fervente!
Chi far potesse ogni altro acquisto
e te non aggia, de tutto è perdente,
e senza te sarebbe in amarore.
Amaro nullo core puote stare
cui de tua dolcezza ha condimento;
tuo sapore, Iesù, non può gustare
chi lassa te per altro entendimento,
non sa né può el cor terreno amare;
sì grande è el cilestial delicamento,
che non vede te, Cristo, in tuo splendore.
Splendor che dona a tutto ‘l mondo luce,
amor, Iesù, de li angeli belleza,
cielo e terra per te si conduce
e splende in tutte cose tua fatteza,
ed ogni creatura a te s’aduce,
ma solo el peccator tuo amor despreza
e partese da te, suo creatore.
Creatura umana sconoscente
sopra qualunche altra creatura,
como te puoi partir sì per niente
dal tuo Fattor de cui tu sei fattura?
Elli te chiama sì amorosamente,
che torni a·llui, ma tu li stai pur dura,
e non hai cura del tuo Salvatore.
Salvator, che de la Vergen nascesti,
del tuo amor darme non ti sia sdegno;
ché gran segno d’amor allora ce desti
quando per noi pendesti su in quel legno,
e nelle tue sante mano ce scrivisti
per noi salvare e darce lo tuo regno;
legge la tua scrittura buon scrittore.
Scritti sul santo legno de la vita
per tua pietà, Iesù, ci representa;
la tua scrittura già non sia fallita,
el nome che portam de te non menta;
la mente nostra sta di te condita,
dolcissimo Iesù, fa che te senta
e strettamente t’ami con ardore.
Ardore che consumi ogni freddura,
e sì purghi ed allumini la mente,
onne altra cosa fai parere oscura,
la quale non vede te presente,
chè omai altro amor non cura
per non cessar l’amor da te niente,
e non ratepidar lo tuo calore.
Calor che fai l’anima languire,
ed el core struggi de te infiammato,
che non è lengua che ‘l potesse dire,
né cuor pensare, se non l’ha provato;
oimè, lasso, fammete sentire,
deh! scalda lo mio cor de te gelato!
Che non consumi in tanto freddore!
Freddi peccatori, el gran fuoco
nello inferno v’è apparecchiato,
se in questo breve tempo, che è sì poco,
d’amor lo vostro cor non è scaldato;
però ciascun se studie in onne luoco
dell’amor di Cristo esser abrasciato
e confortato dal suave odore.
Odor che trapassi ogni aulimento,
chi ben non t’ama, bene fa gran torto;
che non sente lo tuo odoramento,
o elli è puzzolente o elli è morto;
o fiume vivo de delettamento,
che lavi ogni fetore e dai conforto
e fai tornare lo morto in suo vigore!
Vigoros’amante, li amorosi
en cielo hanno tanta tua dolcezza,
gustando quelli morselli soporosi
che dà Cristo ad quelli c’hanno sua contezza,
che tanto sono suavi e delettosi;
chi ben li assaggia, tutto el mondo sprezza
e quasi in terra perde suo sentore.
Sentìtivi, o pigri e negligenti,
bastevi el tempo ch’avete perduto!
Oh quanto simo stati sconoscenti
al più cortese che si sia veduto!
El qual promette celestial presenti,
e mai nullo non ne vien falluto;
chi l’ama, sì li sta buon servidore.
Servire a te, Iesù mio amoroso;
più sei suave d’ogni altro diletto;
non può sapere chi sta de te ozioso
quanto sei dolce ad amar con affetto;
giamai el cor non trova altro reposo
se non in te, Iesù, amor perfetto,
che de tuoi servi sei consolatore.
Consolar l’anima mia non può terrena cosa,
però ch’ella è fatta a tua sembianza;
che più de tutto el mondo è preziosa
e nobile e sopr’onne altra sustanza;
solo tu, Cristo, li puoi dar puosa
e puoi empire de tutta sua bastanza,
però che tu sei solo suo maggiore.
Maggiore inganno non mi par che sia
che volere quello che non se trova,
e pare sopra onne altra gran follia
de quel che non può esser farne prova;
cusì fa l’anima che è fuor de la via,
che vuol che ‘l mondo li empia legge nova,
e non può essere, ché ‘l mondo è minore.
Menorar sì vuole lo cor villano
che del mondo chiamasi contento,
che te vuole, Iesù, amor soprano,
per terrene cose cambiare intendimento;
ma se el suo palato avesse sano,
che assagiasse lo tuo delettamento
sopra ogni altro li parrìa el migliore.
Migliore cosa di te, amore Iesù,
nissuna mente può desiderare;
però deverebbe el cor teco là su
con la mente sempre conversare,
ed onne creatura de qua giù
per tuo amore niente reputare,
e te solo pensare, dolcissimo Signore.
Signor, chi ti vol dare la mente pura,
non te déi dare altra compagnia;
ché spesse volte, per la troppa cura,
da te la mente si svaga ed esvia;
dolce cosa è amar la creatura,
ma ‘l Creatore più dolce che mai sia,
però che è da temere onne altro amore.
Amore e gilosia porta la mente
che ama Iesù che non li dispiaccia,
e partesi al tutto da onne altra gente,
e te, dolce Iesù, suo cuore abraccia:
onne altra creatura ha per niente
enverso la bellezza de tua faccia,
tu che de onne bellezza se’ fattore.
De te solo, Iesù, me fa pensare
ed onne altro pensier dal cor mi caccia,
ch’en tutto el mondo non posso trovare
creatura chi a me satisfaccia;
o dolce Creatore, fammite amare
e dammi grazia che ‘l tuo amor mi piaccia,
tu che d’onne grazia sie datore.
Damme tanto amor di te che basti
ad amarte quanto so tenuto,
del grande prezzo che per me pagasti,
sia per me da te reconosciuto;
o Iesù dolce, molto me obligasti
a più amarte, ch’io non ho potuto
né posso senza te conforto avere.
Conforta el mio cor che per te languesce,
che senza te non vole altro conforto;
se ‘l lassi più degiuno, deliquesce,
ché ‘l cor che tu non pasci vive morto;
se ‘l tuo amore assaggia, revivesce;
or n’aiuta, Cristo, in questo porto,
tu che sei sopra ogni altro aiutatore.
Aiutami, amor, ch’io non perisca,
amor dolce per amor t’adomando;
pregoti che ‘l tuo amor non mi fallisca,
recevi i gran sospiri ch’io te mando;
ma se tu voli ch’io per te languisca,
piaceme, ch’io vo’ morire amando
per lo tuo amore, dolce Redentore.
O Redentore, questo è ‘l mio volere:
d’amarte e de servir quanto io potesse;
o dolce Cristo deggiati piacere
che ‘l mio core del tuo amor si empiesse,
quella ora, buon Iesù, mi fa vedere
ch’io te solo nel mio core tenesse
e tu me fussi cibo e pascitore.
Pascime de pane celestiale,
e famme ogni altra cosa infastidire;
cibo de vita sempre eternale,
chi ben t’ama, mai non può perire;
famme questo gran dono speziale
che te, dolce amor, possa sentire
per pietate largo donatore.
Doname de te, dolcissimo, assaggiare;
per te sopr’onne cibo delicato
voglio de tutto degiunare;
chi ben t’assagia la lengua e ‘l palato
tutto latte e mele li fai stillare,
e d’onne altro amore el fai levato
e renovar la mente en tuo fervore.
Fervente amor di te li dà’, Iesù,
chi canta el detto di sì grande alteza,
mentre che vive en terra de qua giù,
tu reggi la sua vita en gran netteza,
e poi gli dà’ el solazzo de là su,
che prenda gioia de la tua conteza
e sempre regni teco, vero amore.

Iacopone da Todi – Fiorito è Cristo nella carne pura

15-set-14

Fiorito è Cristo nella carne pura,
or se ralegri l’umana natura.
Natura umana, quanto eri scurata,
ch’al secco fieno tu eri arsimigliata!
Ma lo tuo sposo t’ha renovellata,
or non sie ingrata – de tale amadore.
Tal amador è fior de puritade,
nato nel campo de verginitade,
egli è lo giglio de l’umanitade,
de suavitate – e de perfetto odore.
Odor divino dal ciel n’ha recato,
da quel giardino là ove era piantato,
esso Dio dal Padre beato
ce fo mandato – conserto de fiore.
Fior de Nazzareth si fece chiamare,
de la Giesse Virgo vuols pullulare,
nel tempo del fior se volse mostrare,
per confermare – lo suo grande amore.
Amore immenso e carità infinita
m’ha demostrato Cristo, la mia vita;
prese umanitate in deità unita,
gioia compìta – n’aggio e grande onore.
Onor con umilità volse repecere,
con solennità la turba fe’ venire,
la via e la cittade refiorire
tutta, e reverire – lui como Signore.
Signor venerato con gran reverenza,
poi condannato de grave sentenza,
popolo mutato senza providenza,
per molta amenza – cadesti in errore.
Error prendesti contra veritade
quando lo facesti viola de viltade,
la rosa rossa de penalitate
per caritade – remutò el colore.
Color naturale ch’avea de bellezza
molta in viltade prese lividezza,
con suavitade portò amarezza,
tornò in bassezza – lo suo gran valore.
Valor potente fo umiliato,
quel fiore aulente tra piè conculcato,
de spine pungente tutto circundato,
e fo velato – lo grande splendore.
Splendor che illustra onne tenebroso,
fo oscurato per dolor penoso,
e lo suo lume tutto fo renchioso
en un sepolcro – nell’orto del fiore.
Lo fior reposto giacque e sì dormìo,
renacque tosto e resurressìo,
beato corpo e puro refiorìo
ed apparìo – con grande fulgore.
Fulgore ameno apparìo nell’orto
a Magdalena che ‘l piangea morto,
e del gran pianto donògli conforto,
sì che fo absorto – l’amoroso core.
Lo core confortò agli suoi fratelli,
e resuscitò molti fior novelli,
e demorò nello giardin con elli,
con quegli agnelli – cantando d’amore.
Con amor reformasti Tomaso non credente,
quando li mostrasti li tuoi fiori aulente,
quali reservasti, o rosa rubente,
sì che incontinente – gridò con fervore.
Fervore amoroso ebbe inebriato,
lo cor gioioso fo esilarato;
quando glorioso t’ebbe contemplato,
allora t’ebbe vocato – Dio e signore.
Signor de gloria sopra al ciel salisti,
con voce sonora degli angeli ascendesti,
con segni di vittoria al Padre redisti,
e resedisti – in sedia ad onore.
Onor ne donasti a servi veraci,
la via demostrasti a li tuoi sequaci,
lo spirito mandasti accio che infiammati
fussero i sequaci – con perfetto ardore.

Cacciamonte, Vinta battaglia piangendo m’invia

15-set-14

Vinta battaglia piangendo m’invia
e ‘l core e ‘l corpo, di che tu ditt’hai;
perciò devotamente Amor pregai
che ‘l sogno mi spiasse in cortesia.
Ed él rispuose di me la sentia;
ed in quel sogno assai lo girai,
e per lo pianto di me lo ‘ngolligai,
ch’ alquanto pianse sua egresìa.
La donna sola sol fin piacer voco,
lo qual s’allege ne la mia scola;
del foco dico, e ciò no revoco,
ch’ egl’ è penser che ‘l guida, alla mia cola;
la voce è disianza, e questo avoco,
ma no è ben fina; però mercé mola.

Cacciamonte, Prego il nome della vostra fonta

15-set-14

Prego il nome della vostra fonta,
che di savere sì forte discende,
che sia costante e monti là u’ dismonta
d’Amor[e], che per tutto il mondo splende.
E per lo certo, chi a lui s’aponta,
aquista gioia qual magior attende;
und’eo vi prego: «Fate ferma ponta»,
ché ferro per fuoco e vento si stende.
Nave parete senza savornegio,
che va qua e là, né tien conserva fiore,
unde perisce per su’ gran fallegio.
Consiglio che non siate proratore,
ch’[a] Amor displace e allo su’ collegio;
e chi da lui diffida, dàlli ardore.

Verzellino – Una piacente donna cònta e bella

15-set-14

Una piacente donna cònta e bella
un valletto riguarda tanto fiso,
che gli ha lo core per mezzo diviso;
e similmente il guarda una pulcella.
Ciascuna per amore a sé l’appella:
la donna il mira tuttor sanza riso,
e la pulcella s’allegra nel viso
quand’ella il vede, e tutta rinnovella.
Onde ‘l valletto dice che lo core
donar lo vuole a la più amorosa:
sol dii vuol esser servidore.
Veder non sa cui più distringe Amore
né qual di lui sì sia più disïosa.
Dunque, sentenzia chi ha più valore.