OCEANIA/TAHITI – Nomina dell’Amministratore Apostolico di Papeete

Città del Vaticano – Il Santo Padre Francesco, in data 28 agosto 2015, ha nominato Amministratore Apostolico dell’Arcidiocesi di Papeete, a Tahiti, Polinesia Francese, il Rev. do P. Jean-Pierre Cottanceau, SS.CC.
Tratto da: www.fides.org.
I contenuti del sito sono pubblicato sotto una Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia (CC BY 3.0 IT).

(Visited 3 times, 1 visits today)

AFRICA/EGITTO – La Chiesa copta: dalla “buona salute” del Nilo dipende la vita del Paese

Il Cairo – Il Patriarca copto ortodosso Tawadros II si recherà in Etiopia nel mese di settembre, dove prenderà parte alle celebrazioni in occasione della festa della Santa Croce insieme ad Abuna Mathias I, Patriarca della Chiesa ortodossa d’Etiopia. Lo riferiscono fonti copte consultate dall’Agenzia Fides. In un comunicato diffuso dal Patriarcato copto, si conferma anche che la visita permetterà di continuare la “mediazione ecclesiale” con cui i Primati delle due Chiese sorelle cercano di sciogliere le tensioni tra Egitto ed Etiopia sulla questione della Diga della Grande Rinascita, l’imponente opera idraulica sul Nilo iniziata dall’Etiopia e in passato contestata dall’Egitto.
La questione della diga era stata affrontata anche durante la visita di Abuna Mathias in Egitto, avvenuta lo scorso gennaio. Gli egiziani temono che il progetto etiope della grande diga possa avere impatto negativo sul volume delle acque del Nilo finora a disposizione dell’economia e dei bisogni primari della popolazione. La popolazione egiziana vive concentrata nel 4% della superficie territoriale del Paese, nelle terre che si trovano in prossimità del corso del fiume. Tutta la vita della nazione dipende sotto varie forme dal Nilo.
Papa Tawadros punta a favorire anche la maturazione di una nuova sensibilità ecclesiale rispetto ai rischi connessi con lo sfruttamento non pianificato e disordinato delle risorse idriche nazionali. A tale riguardo, è stato annunciato che alcuni sacerdoti seguiranno dei corsi di formazione presso gli enti pubblici che gestiscono i sistemi di irrigazione alimentati dal Nilo, per poter contribuire in seguito a sensibilizzare la popolazione, anche attraverso le omelie e le catechesi, sulla necessità vitale di salvaguardare dal punto di vista ecologico la grande arteria fluviale. .
Tratto da: www.fides.org.
I contenuti del sito sono pubblicato sotto una Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia (CC BY 3.0 IT).

(Visited 3 times, 1 visits today)

AFRICA/SUD SUDAN – Il Presidente ordina il cessate il fuoco, ma esprime forti riserve sull’accordo di pace

Juba – Il Presidente del Sud Sudan, Salva Kiir, ha ordinato all’esercito di cessare i combattimenti a partire da oggi, 28 agosto, in conformità agli accordi di pace firmati il 26 agosto , che prevedono il cessate il fuoco permanente entro 72 ore dalla loro firma.
Nel siglare l’accordo, il Presidente Kiir ha però consegnato ai mediatori un allegato di 12 pagine dove sono elencati diversi punti ritenuti controversi da parte governativa.
La principale riserva riguarda il posto di Primo Vice Presidente, creato accanto a quello di Vice Presidente, attribuito ai ribelli, guidati da Riek Machar. È previsto che Kiir consulti il suo Primo Vice Presidente per prendere decisioni “collegiali”.
Riek Machar era stato Vice Presidente sotto Kiir, prima che quest’ultimo lo facesse dimettere. Qualche mese dopo la sua cacciata, Machar era stato accusato di un tentativo di golpe che ha innescato la guerra civile nel dicembre 2013.
Altri punti contestati riguardano la ripartizione dei seggi a favore dei ribelli negli esecutivi di tre Stati chiave , la smilitarizzazione della capitale federale, Juba, e i 18 mesi previsti per l’unificazione, sotto un nuovo nome, delle forze che si sono combattute nel corso della guerra. Kiir afferma che esiste già un esercito regolare, il cui nome deve rimanere invariato, e per quel che riguarda Juba, invocando una “questione di sovranità”, contesta l’imposizione di ritirare tutte le unità combattenti in un raggio di 25 km dalla capitale entro 90 giorni dall’entrata in vigore dell’accordo.
Tratto da: www.fides.org.
I contenuti del sito sono pubblicato sotto una Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia (CC BY 3.0 IT).

(Visited 3 times, 1 visits today)

AFRICA/SUDAN – Nomina dell’ dell’Arcivescovo Coadiutore di Khartoum

Città del Vaticano – Il Santo Padre Francesco, in data 15 agosto 2015, ha nominato Sua Ecc. Mons. Michael Didi Adgum, Arcivescovo Coadiutore di Khartoum , trasferendolo dalla Sede di El Obeid. Al medesimo tempo, l’ha nominato Amministratore Apostolico sede vacante di El Obeid.
Link correlati :La biografia del nuovo Arcivescovo Coadiutore
Tratto da: www.fides.org.
I contenuti del sito sono pubblicato sotto una Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia (CC BY 3.0 IT).

(Visited 3 times, 1 visits today)

ASIA/IRAQ – Il Patriarca caldeo ai leader politici iracheni: integrate nell’esercito le milizie volontarie

Baghdad – L’Iraq ha bisogno di un “governo di salvezza nazionale” dove le varie componenti del Paese siano rappresentate da politici saggi, in grado di realizzare le riforme necessarie per uscire dallo stato di emergenza e contrastare le spinte centrifughe che mettono a rischio la stessa esistenza della nazione. Tra le urgenze da affrontare, c’è anche la necessità di integrare nell’esercito le milizie createsi spontaneamente, su base etnico-religiosa, in tutte le aree del Paese. Sono questi i contenuti salienti della lettera che il Patriarca caldeo Louis Raphael I ha inviato alle massime autorità civili del Paese. Lo riferiscono le fonti ufficiali del Patriarcato caldeo, consultate dall’Agenzia Fides. La lettera, inviata ieri, giovedì 27 agosto, è indirizzata al Presidente iracheno Fuad Masum, al Primo Ministro Haider al Abadi e al Presidente del Parlamento Salim Abdullah al Juburi. Nella stessa giornata, il Primate della Chiesa caldea ha inviato una lettera anche a Yusuf Mohammed Yusuf Sadiq, Presidente del Parlamento della Regione autonoma del Kurdistan iracheno, richiamando la necessità che la nuova bozza di Costituzione regionale sia stesa senza precipitazione, sia rispettosa delle diverse identità che convivono nella regione e contribuisca a preservare la stabilità sociale, la sicurezza e lo sviluppo economico. .
Tratto da: www.fides.org.
I contenuti del sito sono pubblicato sotto una Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia (CC BY 3.0 IT).

(Visited 6 times, 1 visits today)

AFRICA/SENEGAL – Studenti cattolici protagonisti di “un cambiamento positivo”

Dakar – “Jéciste, sii artefice del cambiamento positivo attraverso la solidarietà, la fraternità e la tolleranza” è questa il tema del 28esimo Consiglio Nazionale della Jeunesse Etudiante Catholique che si è aperto oggi, 28 agosto, a Kolda in Senegal.
Secondo un comunicato giunto all’Agenzia Fides, i partecipanti “attraverso questo tema affronteranno diverse altre tematiche come la famiglia, la gestione inclusiva in ambito scolastico e universitario e il fondamentalismo religioso”. Un’altra questione delicata che verrà analizzata riguarda il problema dei matrimoni precoci “che frenano la scolarizzazione delle ragazze soprattutto nella zona di Kolda”.
Nell’ambito del Consiglio nazionale, che ci concluderà il 5 settembre, verranno inoltre organizzate tre tavole rotonde. La prima, intitolata “Le sfide della famiglia nel XXI secolo: quale posto per l’educazione dei giovani?”, vede la partecipazione di un sacerdote cattolico, di un imam, di un sociologo e di un giurista; la seconda “la gestione inclusiva in ambito scolastico e universitario, è garanzia di stabilità?”, con la partecipazione di un pedagogista, di un ispettore universitario e di un mediatore; infine la terza è intitolata “il fondamentalismo religioso: quale atteggiamento degli alunni e degli studenti?”, animata da un prete cattolico, un imam e uno specialista in religioni.
Tratto da: www.fides.org.
I contenuti del sito sono pubblicato sotto una Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia (CC BY 3.0 IT).

(Visited 2 times, 1 visits today)

ASIA/FILIPPINE – La Chiesa unita al Papa per la “Giornata del creato” che apre la “Stagione della creazione”

Manila – Chiese, associazioni, e fedeli cattolici in tutte le Filippine celebreranno la Giornata mondiale di preghiera per la salvaguardia del creato il 1° settembre, unendosi alla preghiera annunciata da Papa Francesco. Come riferito a Fides, a Manila l’occasione coinciderà con l’apertura della “Stagione della creazione” e vedrà il Cardinale Luis Antonio Tagle presiedere una santa Messa nella Cattedrale di Manila.
Promossa a partire dal 2013, la “Stagione della creazione” è un periodo di sei settimane in cui si susseguono iniziative, celebrazioni, attività di sensibilizzazione, mostre, sul tema del rispetto dell’ambiente in parrocchie, scuole, associazioni cattoliche. Quest’anno il punto di partenza della riflessione e delle diverse attività sarà l’enciclica Laudato si’.
La Chiesa filippina si sta anche impegnando in una raccolta di firme per sostenere la campagna globale sui cambiamenti climatici: la petizione, che chiede di mantenere l’aumento della temperatura globale sotto la soglia critica di 1,5 gradi centigradi, sarà consegnata ai leader mondiali che si riuniscono a Parigi a fine novembre. Il documento chiede anche un più ampio aiuto alle popolazioni povere del pianeta che affrontano gli effetti dei cambiamenti climatici.
Lanciata nelle Filippine a luglio scorso, la campagna è stata promossa e avviata dal “Global Catholic Climate Movement”, che riunisce oltre cento organizzazioni cattoliche impegnate in tutto il mondo per lagiustizia climatica”.
Tratto da: www.fides.org.
I contenuti del sito sono pubblicato sotto una Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia (CC BY 3.0 IT).

(Visited 3 times, 1 visits today)

We are not Charlie and we will never be.