Rinaldo d’Aquino, Un oseletto che canta d’amore

Un oseletto che canta d’amore
sento la not[t]e far sì dulzi versi,
che me fa mover un’aqua dal core
e ven a gl[i] ogli, nè pò ritenersi
che no sparga fora cum tal furore,
che di corrente vena par che versi;
et i’ pensando che cosa è l’amore,
si zeto fora suspiri diversi.
Considerando la vita amorosa
di l’oselet[t]o che cantar no fina,
la mia gravosa pena porto in pace:
fera pos[s]anza ne l’amor reposa,
c’ogn’amador[e] la dot[t]a e[d] enclina,
e dona canto e (altro…)

Rinaldo d’Aquino, Meglio val dire ciò c’omo à ‘n talento

Meglio val dire ciò c’omo à ‘n talento,
ca vivere in penare istando muto
solo ched agia tal cominzamento
che, di po’ ‘l dire, non vegna pentuto;
chè ben pot’omo far tal movimento,
pu[r] ragion agia, non este ‘ntenduto;
per zo di diri agia avegiamento,
che non si blasmi de lo suo creduto.
E saccio ben c’a molti è adivenuto,
zo c’àn detto non à loco neiente;
sempre di lor de’ omo avere spera,
che folleggiando àn zo ched àn voluto,
non per (altro…)

Rinaldo d’Aquino, Ormai quando flore

Ormai quando flore
e mostrano verdura
le prate e la rivera,
li auselli fan sbaldore
dentro da la frondura
cantando in lor manera:
infra la primavera, – che ven presente
frescamente – così frondita,
ciascuno invita – d’aver gioia intera.
Confortami d’amore
l’aulimento dei fiori
e ‘l canto de li auselli;
quando lo giorno appare,
sento li dolci amori
e li versi novelli,
chè fan si dolci e belli – e divisati
lor trovati – a provasione;
a gran tenzone – stan per li arbuscelli.
Quando l’aloda intendo
e rusignuol (altro…)

Rinaldo d’Aquino, In amoroso pensare

In amoroso pensare
ed in gran disïanza
per voi, bella, son miso,
sì ch’eo non posso posare,
tant’agio tempestanza.
Vostr’amor, che m’à priso
a lo core tanto coralemente,
mi distringe e distene
la voglia e la spene
e donami martiri,
sì ch’io non por[r]ia diri
come m’avete preso fortemente.
Fortemente mi ‘navanza
e cresce tuttavia
lo meo ‘namoramento,
sì ch’io ne vivo in erranza;
ormai a vita mia
non ò confortamento
se non di voi, piagente crïatura,
che siete sì valente
e gaia ed avinente,
a cui mi son donato
distretto ed abrazato,
cad (altro…)

Rinaldo d’Aquino, Amorosa donna fina

Amorosa donna fina,
stella che levi la dia
sembran le vostre belleze;
sovrana fior di Messina,
non pare che donna sia
vostra para d’adorneze.
Or dunque no è maraviglia
se fiamma d’amor m’apiglia
guardando lo vostro viso,
chè l’amor mi ‘nfiamma in foco.
Sol ch’i’o vi riguardo un poco,
levatemi gioco e riso.
Gioco e riso mi levate,
membrando tutta stagione
che d’amor vi fui servente
nè de la vostra amistate
non eb[b]’io anche guiderdone
se no un bascio solamente.
E quel bascio mi ‘nfiammao,
chè dal corpo mi levao
lo (altro…)

Rinaldo d’Aquino, In gioi mi tegno tutta la mia pena

In gioi mi tegno tut[t]a la mia pena
e contolami in gran bonaventura;
come Parisi quando amav’ Alena,
così fac[c]io, membrando per ogn’ura.
Non cura – lo meo cor s’à pene,
membrando gioi che vene,
quanto più dole ed ell’a[ve] più dura.
Null’omo credo c’ami lealmente
che tema pene inver sua donna c’ama:
amante è che ama falsamente
quandunque vede un poco e che più brama,
e chiama – tut[t]avia mercede,
e già mai non si crede
c’Amor conosca il male c’altrui inflama.
Però la (altro…)

Rinaldo d’Aquino, Già mai non mi conforto

Già mai non mi conforto
nè mi voglio ralegrare.
Le navi son giute a porto
e [or] vogliono col[l]are.
Vassene lo più gente
in terra d’oltramare
ed io, lassa dolente,
como degio fare?
Vassene in altra contrata
e no lo mi manda a diri
ed io rimagno ingannata:
tanti sono li sospiri,
che mi fanno gran guerra
la notte co la dia,
nè ‘n celo ned in terra
non mi par ch’io sia.
Santus, santus, [santus] Deo,
che ‘n la Vergine venisti,
salva e guarda l’amor meo,
poi da me (altro…)

Rinaldo d’Aquino, Amor, che m’à ‘n comando

Amor, che m’à ‘n comando,
vuol ch’io degia cantare
lo mal dire e contare
che mi fa soferire,
di quella rimembrando
c’altra più bella, [o] pare,
non por[r]ia rinformare
natur’ a suo podire
e a cui lungiamente
servidore son stato – e leanza
le porto con fin core e co speranza:
ch’i’ spero ed ò portato
che se fallanza – inver di lei facisse
che gioia e tut[t]o ben fallisse;
per ch’io non falseragio al mio vivente.
A vita mia falsando
non por[r]ia, ciò mi pare;
be[n] mi (altro…)

Rinaldo d’Aquino, Per fino amore vao sì letamente

Per fino amore vao sì letamente
ch io non agio veduto
omo che ‘n gioi mi possa aparigliare;
e paremi che falli malamente
omo c’à receputo
ben da segnore e poi lo vol celare.
Ma eo no lo celeragio
com’altamente Amor m’à meritato,
che m’à dato a servire
a la fiore di tutta caunoscenza
e di valenza,
ed à belleze più ch’eo non so dire.
Amor m’à sormontato
lo core in mante guise e gran gioi n’agio.
Agio gioi più di null’om certamente,
ch’Amor m’à sì (altro…)

Rinaldo d’Aquino, Poi li piace c’avanzi suo valore

Poi li piace c’avanzi suo valore
di novello cantare,
ònd’alegranza di gio[i] con paura,
per ch’io non son sì sapio laudatore
ch’io sapesse avanzare
lo suo gran pregio infino oltra misura;
e la grande abondanza
e lo gran bene, ch’eo ne trovo a dire,
mi me fa sofretoso;
o così son dubitoso,
quando vegno a ciauzire.
chi nde perdo savere e rimembranza.
Grand’abondanza mi leva savere
a ciò che più mi tene,
perchè già lungiamente è stato ditto
che de lo ben de’ l’omo meg[i]o avere
e (altro…)

Rinaldo d’Aquino, Venuto m’è in talento

Venuto m’è in talento
di gioi mi rinovare,
ch’eo l’avea quasi miso in obrianza;
ben fora fallimento
de lo ‘ntut[t]o lassare,
per perdenza, cantare in allegranza,
poi ch’eo son dato ne la segnoria
d’Amor, che solo di piacere nato,
piacere lo nodrisce e dà crescenza;
o vol che fallenza
non agia l’omo, poi ch’è suo servente,
ma sia piacente
sì che piaccia a li boni e serva a grato;
e piacer vol che l’omo allegro sia.
Sia di tal movimento
che si faccia laudare
chi ‘n fino (altro…)

Odo delle Colonne, Distretto core e amoruso

Distretto core e amoruso
gioioso mi fa cantare;
e certo s’io son pensuso,
non è da maravigliare:
c’Amor m’à usato a tal uso
che m’à sì preso la voglia,
che ‘l disusare m’è doglia
vostro piacere amoruso.
L’amoroso piacimento
che mi donava allegranza,
vegio che reo parlamento
me n’à divisa speranza.
Ond’io languisco e tormento
per [la] fina disianza,
ca per lunga dimoranza
troppo m’adastia talento.
Lo pensoso adastiamento
degiate, donna, allegrare,
per ira e isplacimento
d’invidïoso parlare,
e dare confortamento
a lu leali amadori,
sì che li rei parladori
n’agiano sconfortamento.
Sconfortamento n’avrano,
poi comandato (altro…)

Re Giovanni, Donna, audite como

Donna, audite como
mi tegno vostro omo
e non d’altro segnore.
La mia vita fina
voi l’avete in dot[t]rina
ed in vostro tenore.
Oi chiarita spera!
la vostra dolze ciera
de l’altr[e] è genzore.
Così similemente
è lo vostro colore:
color non vio sì gente
nè ‘n tinta, nè ‘n fiore;
ancor la fior sia aulente,
voi avete il dolzore.
Dolze tempo e gaudente
inver[i] la pascore!
ogn’om che ama altamente
si de’ aver bon core
di cortese e valente
e le[a]l servitore
inver donna piagente,
cui ama a tut[t]ore.
Tut[t]ora de’ guardare
di fare (altro…)

Guido delle Colonne, Ancor che l’aigua per lo foco lassi

Ancor che l’aigua per lo foco lassi
la sua grande freddura
non cangeria natura
s’alcun vasello in mezzo non vi stassi;
anzi averria senza lunga dimura
che lo foco astutassi,
o che l’aigua seccassi;
ma per lo mezzo l’uno e l’autra dura.
Cusì, gentil criatura,
in me à mostrato Amore
l’ardente suo valore:
che senza Amore er’aigua fredda e ghiaccia,
ma Amor m’à sì allumato
di foco che m’abraccia,
ch’eo fora consumato,
se voi, donna sovrana,
non fustici mezzana
infra l’Amore e meve,
ca fa lo foco nascere di (altro…)

Guido delle Colonne, Amor, che lungiamente m’ài menato

Amor, che lungiamente m’ài menato
a freno stretto senza riposanza,
alarga le toi retine, in pietanza,
chè soperchianza – m’a vinto e stancato;
c’ò più durato – ch’eo non ò possanza,
per voi, madonna, a cui porto lianza
più che non fa assessino asorcuitato,
che si lassa morir per sua credanza.
Ben este affanno dilittoso amare,
e dolze pena ben si pò chiamare;
ma voi, madonna, de la mia travaglia,
ca sì mi squaglia, – prenda voi merzide,
che ben è dolze mal, (altro…)

Guido delle Colonne, La mia gran pena e lo gravoso affanno

La mia gran pena e lo gravoso af[f]anno,
c’ò lungiamente per amor patuto,
madonna lo m’à ‘n gioia ritornato;
pensando l’avenente di mio danno,
in sua merze[de] m’ave riceputo
e lo sofrire mal m’à meritato:
ch’ella m’à dato – tanto bene avire,
che lo sofrire – molta malenanza
agi’ ubriato, e vivo in allegranza.
Allegro son ca tale segnoria
agio acquistata, per mal soferire,
in quella che d’amar non vao cessando.
Certo a gran torto lo mal blasmeria,
chè per un male agio visto (altro…)

Tomaso di Sasso, D’amoroso paese

D’amoroso paese
sospiri e dolzi planti m’à mandato
Amor, che m’à donato – a donna amare;
mai senza sospirare
Amore me no lascia solo un’ura.
Deo, che folle natura – ello m’aprese!
ch’io non saccio altro fare,
se non penzare; – e quanto più mi sforzo,
allora meno pozo – avere abenti;
e uscito m’è di menti
già lungiamenti – ogn’altro penzamento,
e s’io veglio o dormento – sent’amore.
Amore sento tanto,
donna, ch’io altro [ che penzar ] non faccio;
son divenuto paccio – (altro…)

Tomaso di Sasso, L’amoroso vedere

L’amoroso vedere
m’à miso a rimembranza
com’io già lungiamente
a l’avenente – ò tanto ben voluto;
ch’eo non por[r]ia tacere
la gioia e l’alegranza
che mi dona sovente:
allegramente – son da lei veduto.
A ciò mi riconforto
e merzede le chero,
c’a sè m’acolga sanza dimoranza:
per ch’io non fusse morto,
lo suo visagio altero
mi si mostra piagente per pietanza.
Grande d’amor pietanza
l’à toccato a lo core,
e, secondo ch’eo crio,
con gran disio – l’à fatta rimembrare
la dolze inamoranza
e lo suo servidore,
lo mal che (altro…)

Ruggieri d’Amici, Sovente Amore n’à ricuto manti

Sovente Amore n’à ricuto manti,
c’a le lor donne non ànno leanza
e non conoscon ciò c’a loro è dato,
e che leali chiamanosi amanti;
non vegion c’Amor mettono in bassanza,
per cui sto mondo par che sia avanzato.
Ma s’eo voglio tacere lo meo stato,
fallirò in ubrianza
incontr’al meo volire,
ca, s’eo voglio ver dire,
in sì gran gioia per lui ò allocanza,
ca presso a l’aire par ch’eo sia montato.
E più che nulla gioia, ciò m’è viso,
sì ricco dono (altro…)

Ritmo cassinese

Eo, siniuri, s’eo fabello,
lo bostru audire compello:
de questa bita interpello
e ddell’altra bene spello.
Poi k’enn altu m’encastello,
ad altri bia renubello.
Em meb’e[n]cendo flagello.
Et arde la candela, s’è be libera,
et altri mustra bia dellibera.
Et eo, se nce abbengo culpa jactio,
por vebe luminaria factio.
Tuttabia me nde abbibatio
e ddicondequelloke sactio:
c’alla Scrittura bene platio.
Ajo nova dicta per fegura,
ke da materia no sse transfegura
e coll’altra bene s’affegura.
La fegura desplanare;
c’apo i lobollo pria mustrare.
Ai, dumque, pentia null’omo fare
questa bita (altro…)

We are not Charlie and we will never be.