Cambio della Guardia d’Onore al Palazzo del Quirinale del 6 settembre 2015

C o m u n i c a t o

Domenica 6 settembre 2015 alle ore 18.00 si terrà il tradizionale cambio della Guardia d’Onore al Palazzo del Quirinale, al termine del quale la Banda della Guardia di Finanza eseguirà un concerto di cui si indica il programma:

A. D’Elia: Marcia d’Ordinanza;
G. Verdi: Ernani;
G. Verdi: Va’ Pensiero;
O. Di Domenico: Vecchia America;
L. Ruggieri: Ritratto Felliniano.

Roma, 4 settembre 2015

Tratto da www.quirinale.it.
L’utilizzazione, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione delle informazioni testuali, degli elementi multimediali e del patrimonio iconografico e simbolico del Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica e degli Uffici e Servizi ad esso connessi, disponibili su questo sito, sono autorizzate esclusivamente nei limiti in cui le stesse avvengano nel rispetto dell’interesse pubblico all’informazione, per finalità non commerciali, garantendo l’integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte.

(Visited 2 times, 1 visits today)

Il Presidente Mattarella ha ricevuto il Vice Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Nencini

C o m u n i c a t o

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto questa mattina al Quirinale il Vice Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Riccardo Nencini.

Roma, 4 settembre 2015

Tratto da www.quirinale.it.
L’utilizzazione, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione delle informazioni testuali, degli elementi multimediali e del patrimonio iconografico e simbolico del Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica e degli Uffici e Servizi ad esso connessi, disponibili su questo sito, sono autorizzate esclusivamente nei limiti in cui le stesse avvengano nel rispetto dell’interesse pubblico all’informazione, per finalità non commerciali, garantendo l’integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte.

(Visited 1 times, 1 visits today)

ASIA/SIRIA – Si tratta per la liberazione di padre Murad e di 270 ostaggi, cristiani e musulmani

Homs – Padre Jacques Murad e i circa 270 cristiani e musulmani presi in ostaggio dalle milizie jihadiste durante la loro offensiva a sud est di Homs sono vivi, e la loro condizione è al momento considerata abbastanza “stabile e sicura”. Ma tutti rimangono in stato di privazione della libertà, mentre alcuni responsabili delle locali comunità ecclesiali stanno conducendo trattative anche attraverso mediatori per ottenere al più presto la loro liberazione. Sono queste le uniche notizie certe fornite all’Agenzia Fides da fonti locali in merito alla sorte del sacerdote siriano appartenente alla comunità monastica di Deir Mar Musa – sequestrato lo scorso 21 maggio da un commando di rapitori mentre si trovava nel monastero di Mar Elian – e degli altri cristiani e musulmani catturati dai jihadisti ad agosto. Le fonti contattate da Fides confermano che tutti gli ostaggi si trovano ancora nell’area di Quaryatayn, e specificano che il servizio sulla vicenda di padre Murad trasmesso nei giorni scorsi dalla rete televisiva libanese Nursat tv non conteneva alcuna dichiarazione in prima persona del religioso rapito, ma solo considerazioni rassicuranti sulla sua sorte, espresse da un altro sacerdote. (Agenzia Fides 4/9/2015
Tratto da: www.fides.org.
I contenuti del sito sono pubblicato sotto una Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia (CC BY 3.0 IT).

(Visited 4 times, 1 visits today)

ASIA/TERRA SANTA – Un dossier sul Muro di Cremisan, “l’ultimo chiodo sulla bara di Betlemme”

Beit Jala – “L’ultimo chiodo sulla bara di Betlemme: il muro di annessione di Cremisan”. Così si intitola un nuovo, dettagliato rapporto, diffuso ieri dalla Societé St Yves, centro cattolico per i diritti umani collegato con il Patriarcato latino di Gerusalemme. Il dossier di 90 pagine, corredato di mappe e foto – spiegano le fonti ufficiali del Patriarcato – intende ricostruire e analizzare in tutte le sue implicazioni, presenti e future, il “caso Cremisan”, la costruzione del muro di separazione imposto dalle autorità israeliane e costruito in buona parte su terre palestinesi. La sua realizzazione, prima interrotta e poi di nuovo autorizzata dalle Corte suprema d’Israele, sfigurerà per sempre la valle di Cremisan, polmone verde per tutta l’area ad alta densità abitativa che comprende le città di Betlemme, Beit Jala e Beit Sahour.
In particolare viene prefigurato l’impatto devastante che la costruzione del muro avrà sulle famiglie cristiane che vivono in quell’area. “Non ci sarà più futuro per la permanenza dei cristiani: la densità abitativa si alzerà a livelli insostenibili e tanti finiranno per scegliere la via dell’esodo, che già da tempo sta riducendo la presenza cristiana in Terra Santa” ha dichiarato all’Agenzia Fides Vera Baboun, sindaco di Betlemme.
Nel dossier della Societé St Yves vengono ricostruiti ed esaminati gli intrecci tra le leggi civili e quelle militari israeliane utilizzati per la confisca di terre private palestinesi, con l’intento di utilizzare tali aree per far sorgere nuovi insediamenti di coloni ebraici. .
Il rapporto della Societé St Yves in originale inglese
http://fr.lpj.org/wp-content/uploads/2015/09/Cremisan-Report.pdf
Tratto da: www.fides.org.
I contenuti del sito sono pubblicato sotto una Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia (CC BY 3.0 IT).

(Visited 1 times, 1 visits today)

Quirinale: 20 stage per giovani “maitre” del Lazio

La Presidenza della Repubblica avvia un progetto sperimentale per agevolare l’orientamento nelle scelte professionali e l’occupazione dei giovani nella transizione dalla scuola al mondo del lavoro, secondo la normativa in materia in vigore nella Regione Lazio (http://www.regione.lazio.it/sil/tirocini/).

L’iniziativa prevede l’impiego di 20 tirocinanti nell’ambito del Servizio intendenza – Settore ospitalità e ricevimenti ed è rivolta a neodiplomati degli Istituti professionali per i servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera del Lazio che potranno così arricchire il proprio bagaglio di conoscenze e acquisire competenze professionali.

I tirocinanti saranno selezionati dalle Scuole sulla base delle convenzioni stipulate con il Segretariato generale per lo svolgimento di tirocini formativi e di orientamento.

Gli Istituti scolastici interessati potranno contattare entro il 2 ottobre 2015 il Segretariato generale – Servizio del personale con le seguenti modalità: PEC: servizio.personale@pec.quirinale.it; Tel. 06-46992168 .

Roma, 4 settembre 2015

Tratto da www.quirinale.it.
L’utilizzazione, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione delle informazioni testuali, degli elementi multimediali e del patrimonio iconografico e simbolico del Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica e degli Uffici e Servizi ad esso connessi, disponibili su questo sito, sono autorizzate esclusivamente nei limiti in cui le stesse avvengano nel rispetto dell’interesse pubblico all’informazione, per finalità non commerciali, garantendo l’integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte.

(Visited 1 times, 1 visits today)

AFRICA/KENYA – I Vescovi del Kenya annunciano ufficialmente la visita di Papa Francesco

Nairobi – “A nome dei Vescovi, sono felice di annunciare che il Santo Padre ha accettato il nostro invito e visiterà il Kenya a novembre”. È l’annuncio ufficiale dei Vescovi del Kenya che Papa Francesco visiterà il loro Paese, accettando l’invito da loro presentato durante la visita ad limina nell’aprile di quest’anno.
Nella lettera, firmata da Mons. Philip Anyolo Vescovo di Homa Bay e Presidente della Conferenza Episcopale del Kenya, giunta all’Agenzia Fides, la visita di Papa Francesco viene descritta una visita di Stato. I Vescovi si impegnano a collaborare con le autorità statali per far sì che la visita si svolga nei migliori dei modi.
“Cari cristiani vi informeremo dei dettagli precisi della visita e dei preparativi per accogliere il Santo Padre” afferma Mons. Anyolo, chiedendo ai fedeli di pregare per la visita papale e “per la giustizia e la pace fondate sull’amore di Dio” in Kenya.
Papa Francesco giungerà a Nairobi il 25 novembre per rimanervi due giorni. Il programma prevede un colloquio con il Presidente nella sua residenza ufficiale, la celebrazione eucaristica, un incontro con il clero e i religiosi, una visita agli uffici locali delle Nazioni Unite e allo slum della capitale.
Il Santo Padre si recherà poi a Kampala e a Bangui, capitale della Repubblica Centrafricana, Paese che a fatica sta uscendo da una drammatica guerra civile.
Tratto da: www.fides.org.
I contenuti del sito sono pubblicato sotto una Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia (CC BY 3.0 IT).

(Visited 3 times, 1 visits today)

Il Presidente Mattarella ha ricevuto il Presidente della Repubblica Federale di Somalia, Hassan Sheikh Mohamud

C o m u n i c a t o

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto questa mattina al Quirinale il Presidente della Repubblica Federale di Somalia, Hassan Sheikh Mohamud.
Era presente il Sottosegretario di Stato agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale, Mario Giro.

Roma, 4 settembre 2015

Tratto da www.quirinale.it.
L’utilizzazione, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione delle informazioni testuali, degli elementi multimediali e del patrimonio iconografico e simbolico del Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica e degli Uffici e Servizi ad esso connessi, disponibili su questo sito, sono autorizzate esclusivamente nei limiti in cui le stesse avvengano nel rispetto dell’interesse pubblico all’informazione, per finalità non commerciali, garantendo l’integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte.

(Visited 1 times, 1 visits today)

We are not Charlie and we will never be.