Cacciamonte, Vinta battaglia piangendo m’invia

Vinta battaglia piangendo m’invia
e ‘l core e ‘l corpo, di che tu ditt’hai;
perciò devotamente Amor pregai
che ‘l sogno mi spiasse in cortesia.
Ed él rispuose di me la sentia;
ed in quel sogno assai lo girai,
e per lo pianto di me lo ‘ngolligai,
ch’ alquanto pianse sua egresìa.
La donna sola sol fin piacer voco,
lo qual s’allege ne la mia scola;
del foco dico, e ciò no revoco,
ch’ egl’ è penser che ‘l guida, alla mia cola;
la voce è disianza, e questo avoco,
ma no è ben fina; però mercé mola.