Cielo d’Alcamo, Contrasto

«Rosa fresca aulentis[s]ima, – c’apari inver la state
le donne ti disïano – pulzell’ e maritate;
tra[ji]mi de ste focora – se t’este a bolontate;
per te non aio abento notte e dia,
penzando pur di voi, madonna mia».
«Se di mevi trabagliti, – follia lo ti fa fare,
lo mar potresti arompere, – avanti, a semenare,
l’abere de sto secolo – tut[t]o quanto asembrare,
avereme non poteri a esto monno,
avanti li cavelli m’aritonno».
«Se li cavelli arton[n]iti, – avanti foss’io morto,
[donna], c’aisì mi perdera – lo sol[l]acc[i]o e ‘l diporto.
Quando ci passo e veioti, – rosa fresca de l’orto,
bono conforto donimi tut[t]ore:
poniamo che s’aiunga il nostro amore».
«Che ‘l nostro amore aiungasi – non boglio m’atalenti.
Se ci ti trova paremo – co gli altri miei parenti!
Guarda non s’ar[i]colgano – questi forti cor[r]enti!
Como ti seppe bona la venuta,
consiglio che ti guardi a la partuta».
«Se i tuoi parenti trova[n]mi, – e che mi pozon fari?
Una difensa met[t]oci – di dumili’ agostari:
non mi toc[c]àra pàdreto – per quanto avere ambari.
Viva lo ‘mperadore graz[i]’ a Deo !
Intendi, bella, che ti dico eo?»
«Tu me no lasci vivere – nè sera, nè maitino.
Donna mi son di perperi – d’auro massamotino.
Se tanto aver donassemi – quanto à lo Saladino
e per aiunta quant’à lo Soldano
toc[c]areme non poteri a la mano».
«Molte sono le fem[m]ine – c’ànno dura la testa,
e l’omo con parabole – l’adimina e amonesta,
tanto intorno procaz[z]ale – fin che l’à in sua podesta.
Fem[m]ina d’omo non si può tenere:
guardati, bella, pur de ripentere».
«Ch’eo ne [ri]pentesseme? – Davanti foss’io aucisa!
ca nulla bona fem[m]ina – per me fosse riprisa.
[A]ersera passastici – cor[r]enno a la distisa.
Aquetiti, riposa, canzoneri,
tue parabole a me non pìa[c]ion gueri».
«Quante sono le schiantora – che m’à[i] mis’ a lo core!
E solo purpenzannome – la dia quanno vo fore,
fem[m]ina de sto secolo – tanto no amai ancore
quant’amo teve, rosa invidïata.
Ben credo che mi fosti distinata».
«Se distinata fosseti, – caderia de l’alteze,
chè male messe forano – in teve mie belleze.
Se tut[t]o adivenissemi, tagliarami le treze
e consore m’arenno a una magione
avanti che m’artoc[c]hi ‘n la persone».
«Se tu consore arenneti, – donna col viso cleri,
a lo mostero venoci – e rennomi confleri:
per tanta prova vencerti – faralo volonteri.
Con teco stao la sera e lo maitino;
besogn’è ch’io ti tegna al meo dimino».
«Boimé, tapina misera, – com’ao reo distinato!
Gieso Cristo l’altissimo – del tut[t]o m’è airato:
concepistimi a abattere – in omo blestiemato.
Cerca la terra ch’este gran[n]e assai,
chiù bella donna di me troverai».
Cercat’aio Calabr[ï]a, – Toscana e Lombardia,
Puglia, Costantinopoli, – Genova, Pisa e Soria,
Lamagna e Babilonïa – [e] tut[t]a Barberia:
donna non [ci] trovai tanto cortese,
per che sovrana di meve te p[r]ese».
«Poi tanto trabagliasti[ti], – fac[c]ioti meo pregheri
che tu vadi adoman[n]imi – a mia mare e a mon peri.
Se dare mi ti degnano, – menami a lo mosteri
e sposami davanti da la jenti;
e poi farò li tuo’ comannamenti».
«Di cio che dici, vitama, – neiente non ti bale,
ca de le tuo parabole – fatto n’ò ponti e scale.
Penne penzasti met[t]ere, – sonti cadute l’ale,
e dato t’aio la botta sot[t]ana;
dunque, se po[t]i, teniti, villana».
«En paura non met[t]ermi – di nullo manganiello:
istomi ‘n esta grorïa – de sto forte castiello;
prezo le tuo parabole – meno che d’un zitello.
Se tu no levi e vàtine di quaci,
se tu ci fosse morto, ben mi chiaci».
Dunque vor[r]esti, vitama, – ca per te fosse strutto?
Se morto essere deboci – od intagliato tut[t]o,
di quaci non mi mosera – se no ai[o] de lo frutto,
lo quale staci ne lo tuo jardino:
disïolo la sera e lo matino».
«Di quello frutto no ab[b]ero – conti, nè cabalieri;
molto lo disïa[ro]no – marchesi e justizieri,
avere no nde pottero – gironde molto feri.
Intendi bene ciò che bol[e] dire?
Men’ este di mill’onze lo tuo abire».
Molti son li garofani, – ma non che salma nd’ài;
bella, non dispregiaremi – s’avanti non m’assai.
Se vento in proda girasi – e giungeti a le prai,
a rimembrare t’ao ste parole,
ca de[n]tra sta animella assai mi dole!»
«Macari se doles[s]eti – che cadesse angosciato!
la gente ci cor[r]es[s]oro – da traverso e da lato,
tut[t]’a meve dicessono – “ac[c]or[r]i a sto malnato!”
non ti degnara porgere la mano
per quanto avere à ‘l Papa e lo Soldano».
«Deo lo volesse, vitama, – te fosse morto in casa!
L’arma n’anderia consola, – ca dì e notte pantasa.
La jente ti chiamarano: – “Oi periura malvasa,
c’à[i] morto l’omo in casata, traita!”
Sanz’onni colpa levimi la vita».
«Se tu no levi e vatine – co la maladizione,
li frati miei ti trovano – dentro chissa magione
[ . . ] ben lo mi sofero – perdici la persone;
c’a meve se’ venuto a sormonare,
parente o amico non t’ave aitare».
«A meve non aitano – amici, nè parenti;
istrani[u] mi son, carama, – enfra esta bona jenti.
Or fa un anno, vitama, – che ‘ntrata mi se’ ‘[n] menti;
di canno ti vestisti lo maiuto,
bella, da quello jorno son feruto».
«Ai, tando ‘namorastiti, – [oi] Iuda lo traito?
como se fosse porpore, – iscarlat[t]o o sciamito!
S’a le Va[n]gele iurimi – che mi sia a marito,
avereme non poter’ a sto monno,
avanti in mare [j]it[t]omi al perfonno».
«Se tu nel mare git[t]iti, – donna cortese e fina,
dereto mi ti misera – per tut[t]a la marina,
[ e, da ] poi ca ‘n[n]egas[t]eti, – trobareti a la rina,
solo per questa cosa ad impretare:
con teco m’aio agiungere a pec[c]are».
«Segnomi in Patre e ‘n Filio – ed i[n] Santo Mat[t]eo!
so ca non se’ tu retico – [o] figlio di giudeo,
e cotale parabole – non udì’ dire anch’eo!
Morta si [è] la fem[m]ina a lo ‘ntutto,
perdeci lo saboro e lo disdutto».
«Bene lo saccio, carama: – altro non poz[z]o fare.
Se quisso non arcomplimi, – lassone lo cantare.
Fallo, mia donna, plaz[z]ati, – che bene lo puoi fare.
Ancora tu no m’ami, molto t’amo
sì m’ài preso come lo pesce a l’amo».
«Saz[z]o che m’ami, [e] amoti – di core paladino.
Levati suso e vat[t]ene, – tornaci a lo matino.
Se ciò che dico facemi, – di bon cor t’amo e fino:
[eo] quisso ti ‘mprometto sanza faglia,
te’ la mia fede che m’ài in tua baglia».
«Per zo che dici, carama, – neiente non mi movo;
inanti prenni e scannami, – tolli esto cortel novo.
Sto fatto fare potesi – inanti scalfi un uovo.
Arcompli mi’ talento, [a]mica be]la,
che l’arma co lo core mi si ‘nfella».
«Ben saz[z]o l’arma doleti – com’omo c’ave arsura.
Sto fatto [far] non potesi – per null’altra misura
se non a le Vangel[ï]e – che mo ti dico iura,
avereme non puoi in tua podesta;
inanti, prenni e tagliami la testa».
«Le Vangel[ï]e, carama? – ch’io le porto in sino!
A lo mostero presile, – non ci era lo patrino.
Sovr’esto libro iuroti – mai non ti vegno mino.
Arcompli mi’ talento in caritate,
che l’arma me ne sta in sut[t]ilitate».
«Meo sire, poi iurastimi, – eo tut[t]a quanta incenno;
sono a la tua presenz[ï]a, – da voi non mi difenno.
S’eo minespriso ajoti, – merzè, a voi m’arenno.
A lo letto ne gimo a la bon’ura,
chè chissà cosa n’è data in ventura».