Giosuè Carducci – Peregrino del ciel Garrulo a volo

Peregrino del ciel, garrulo a volo
Tu fuggi innanzi a le stagion nembose,
E vedi il Nilo e nostre itale rose,
Né muti stanza perché muti polo:

Se pur de le lontane amate cose
Cape ne’ vostri angusti petti il duolo,
Né mai flutto inframesso o pingue suolo
Oblio del primo nido in cor ti pose;

Quando l’ala soffermi a’ poggi lieti
Che digradano al mar da l’Apennino
Bianchi di marmi e bruni d’oliveti,

Una casa a la valle ed un giardino
Cerca, e, se ‘l nuovo possessor no ‘l vieti,
Salutali in mio nome, o peregrino.

Lascia un commento