Guittone d’Arezzo, Tuttor, s’eo veglio o dormo

Tuttor, s’eo veglio o dormo,
di lei pensar non campo,
ch’ Amor en cor m’atacca.
E tal voler ho d’òr mo,
com’ di sappar in campo
o di creder a tacca.
E bon sapemi, como
eo n’acquistasse Como;
ma’ che diritto n’ò,
perch’eo non dico no
di lei servir mai dì,
dica chi vol:«Maidì!»
Bon ho diritto [ ‘n ] somma
s’en amar lei m’aduco
del cor tutt’e dell’alma,
perch’è di valor somma;
e che piacer aduco,
dat’a amor dell’alma
che più m’ama che sé!
Ciò dia saver, che, se
torn’a suo pregio magno,
per me onta no magn’ò,
ché, si ben m’am’a dobbio,
m’è al certo che dobbio.
Om ch’ ama pregio e pò,
più che legger en scola,
Amor valeli pro:
ché più leggero è Po
a passar senza scola
che lo mondo a om pro’
senza Amor, che dà
cor e bisogno da
sprovar valor e forzo;
perché ciascun om, for zo
che briga e travagli’ agia,
se vale, non varrà già.
Amor già per la gloia
che ‘nde vegna non laudo,
quanto per lo travaglio
ch’e per aver la gioia
ch’è tal, sua par non l’audo.
Ver’ che varria, travaglio,
s’eo la teness’ad agio
ben sempre a meo agio:
poi tutte gioie l’om’à,
varrea, non val oma’;
fallo grand’agio vile,
per che tal gioi’ mal vil’e.
Poso e travaglio mésto,
dato e tolto a modo,
sempre piacere è me,
e de ciascuno me sto
sì bonamente a modo,
gran pagamento è me.
E val, sembrami, meglio,
quanto riso ver’ méglio,
sperar ch’aver d’amica:
ché, poi l’ama, né mic’à
ver’ che sperava averne,
e de gran state a vern’è.
Scuro saccio che par lo
mio detto, ma’ che parlo
a chi s’entend’ ed ame:
ché lo ‘ngegno mio dàme
ch’i’ me pur provi d’onne
mainera, e talento ònne.
Move, canzone, adessa,
vanne ‘n Arezzo ad essa
da cui tegno ed ò,
se ‘n alcun ben mi do;
e di’ che presto so’
di tornar, se vol, so.