Meo di Bugno – Tutto el tempo del mondo m’ è avenuto

Tutto el tempo del mondo m’ è avenuto,
e sempre me n’andro con questa norma,
che là ‘ve non pongo ‘l piè, faccio l’orma,
non so qual de’demòni m’ha veduto,
che, sendo santo, non serò creduto,
anzi me sgrideria la gente a torma.
Unde el conven ch’eo vegli e poco dorma,
da tante parte me veggio asseduto.
Ma non mi muto per altrui parlare:
ben è vertà ch’ io ne son pur dolente,
e come bestia lasso ogn’om belare.
Om che si sente iusto ed innocente,
a faccia aperta pò securo andare,
e non curar farneticar di gente.