Rinaldo d’Aquino, Per fino amore vao sì letamente

Per fino amore vao sì letamente
ch io non agio veduto
omo che ‘n gioi mi possa aparigliare;
e paremi che falli malamente
omo c’à receputo
ben da segnore e poi lo vol celare.
Ma eo no lo celeragio
com’altamente Amor m’à meritato,
che m’à dato a servire
a la fiore di tutta caunoscenza
e di valenza,
ed à belleze più ch’eo non so dire.
Amor m’à sormontato
lo core in mante guise e gran gioi n’agio.
Agio gioi più di null’om certamente,
ch’Amor m’à sì ariccuto
da c’a lei piace ch’eo la degia amare;
poi che dell’altre donne è la più gente,
sì alto dono aio avuto,
d’altro amador più degio in gioia stare;
ca null’altro coragio
por[r]ia aver gioi ver core innamorato:
dunqua senza fallire
a la mia gioi null’altra gioi si ‘ntenza,
nè ò temenza
c’altr’amador potesse unque avenire,
per suo servire a grato
de lo suo fino amore, al meo paragio.
Para non averia, s’iss’è piagente,
che lu mondo à cresciuto
lo suo presio, si lo sape avanzare;
presio d’amore non vale neente,
poi donna à ritenuto
un servidore e altro vol pigliare:
chè l’amoroso usagio
non vol che sia per donna meritato
chiù d ‘uno a ritenire,
ched altrui ingannare è gran fallenza,
in mia parvenza:
chi fa dal suo servire dipartire
quello c’assai ci è stato
senza mal fare, mal fa segnoragio.
Segnoria vol ch’eo serva lealmente
che mi sia ben renduto
bon merito, ch’eo non saccia blasmare;
ed eo mi laudo che più altamente
ca eo non ò servuto
Amor m’à cominzato a meritare.
E so ben ch’eo saragio
quando sarò d’Amor così ‘nalzato.
Però vorria complire
ome de’ fare chi sì ben comenza,
ma ò credenza
ch’unque avenisse mai per meo valire:
si d’Amor so aiutato,
in più [n]d’aquisto ch’eo non serviragio.