Giuseppe Mazzini – La Giovine Italia

Le parole di Cousin, poste in fronte all’articolo, racchiudevano, parmi, un alto senso politico, e compendiavano in certo modo la scienza del moto sociale nel secolo XIX. Egli le proferiva parlando allo Zschokke, e Zschokke, canuto, ma d’anima giovine e repubblicana, le raccoglieva con amore, e le registrava in fronte a un suo libro, intravvedendovi una profezia di vittoria e di civiltà.

Quando Cousin parlava quelle parole, la Francia era schiava a un dipresso, com’oggi noi siamo. I miracoli repubblicani tornati in nulla, le corruttele de’ governi nulli, intermedi fra la Convenzione e Bonaparte, le servilità dell’Impero, che trasparivano attraverso il manto di gloria steso dal genio dell’uomo del destino, poi la tirannide del ristoramento, le brighe sacerdotali e gesuitiche, le delusioni e la cortigianeria prevalente avevano diffuso un sonno sulle menti degli uomini dell’89, una pace stanca, un silenzio di rovina, che vietava ogni speranza di meglio. Le forze della generazione nata fra i due secoli XVIII e XIX, s’erano consumate nei quaranta anni di guerra ostinata e di sagrifici, spesi a ricadere nel fango d’onde avea voluto levarsi. Gli uomini che aveano veduto il primo e l’ultimo giorno d’una rivoluzione destinata a mutare le sorti europee, disperavano del progresso. Tante credenze s’erano accumulate in quello spazio di tempo, e tante volte la prepotenza de’ fatti le avea soffocate, che gli animi erano giunti a rinnegare ogni fede, e gl’intelletti giacevano sconfortati, avviliti, sfiduciati dell’avvenire. Le teoriche filosofiche, perduta ogni attività d’esame, ogni eccitamento di contrasto, dormivano nel materialismo del secolo XVIII, e confinavano l’uomo nell’esercizio delle facoltà individuali. Letteratura non v’era, tranne nelle accademie, vendute al potere, qualunque si fosse, e inerti per natura d’ogni collegio privilegiato. Era quel momento di riposo, che segna l’ultimo moto d’una razza la cui missione è compiuta, e il primo d’un’altra che raccoglie le proprie forze a incominciare lo sviluppo di quella, che ogni nuovo secolo affida a’ suoi figli.

Il secolo XIX sentiva la propria missione. I fatti accumulati dal secolo passato erano troppi, perché le conseguenze potessero cancellarsi con un trattato. L’elemento giovane fermentava tacitamente. Troppo debole ancora per combattere a visiera levata la tirannide politica, ne’ suoi dominii, s’agitava intorno al vecchio edificio sociale novamente puntellato, avvezzandosi a guardarlo, a misurarlo senza paura e venerazione, studiandone il lato piú fragile, logorandolo, poiché al centro non poteva, per ogni dove all’intorno. Mancava la unione, mancava la concordia in alcuni principii fondamentali allo sviluppo dei quali si concentrassero gli sforzi individuali; mancava un simbolo alla religione che cominciava a farsi via tra le rovine d’un culto perduto, che i re tentavano rinvigorire col terrore delle baionette; ma lo studio, non foss’altro, che gl’ingegni nati col secolo ponevano nelle diverse molle sociali, la tendenza che spingeva le menti alle scienze storico-filosofiche, l’affetto che viveva nelle grandi memorie, protestavano contro agli inetti, che negavano il progresso o s’attentavano d’arrestarlo. Allora sorsero alcuni uomini, potenti d’intelletto e di dottrina, che avevano desunta dalle pagine di Vico e d’altri la teorica d’un perfezionamento progressivo indefinito, e si consecrarono apostoli del rinnovamento morale. Rinnegarono l’autorità, rinnegarono quanto d’esclusivo si racchiudeva nei mille sistemi, creazione e pascolo dello spirito umano. Guardarono con occhio d’aquila le linee storiche del passato, risuscitarono la idea spirituale, eressero un altare alla civiltà nel santuario della coscienza, e chiamarono la giovine Francia a sagrificare su quell’altare salutandola speranza della patria, potente, rigeneratrice. La giovine Francia rispose a quel grido: La giovine Francia ardita, impaziente, fiduciosa, e spronata dall’entusiasmo, non aveva raccolto del passato che i sommi principii, risultati de’ fatti, senza aver subíta l’iniziazione spesso funesta dei fatti stessi, e si slanciò dietro a quella bandiera. Tentò quante vie s’affacciavano: assunse a tempo quante forme si offrivano interpreti del pensiero generoso. Fu romantica, ecclettica, protestante. Si arrestò, appassionandosi, intorno al medio evo, sulle teoriche trascendentali, nelle incertezze del misticismo. Ma sempre, attraverso tutte le fasi, sotto le varie gradazioni che avviavano l’intelletto alla verità, nelle lettere, nell’arti, nella filosofia, traspariva la coscienza d’una forza indipendente da’ vincoli materiali, traspariva lo spirito di libertà, solo eterno, solo onnipotente a mutare in meglio le condizioni civili; ma dietro a quella gioventú desiosa, insisteva una voce che gridava: innanzi! innanzi! — Protestantismo, Romanticismo, Ecclettismo erano tendenze di transizione: preludi nei quali l’intelletto sviluppava, esercitava le proprie forze prima d’intraprendere dirittamente la via del rinnovamento.

EText-No. 38509
Title: La Giovine Italia
Author: Mazzini, Giuseppe, 1805-1872
Language: Italian
Link: cache/generated/38509/pg38509.epub
Link: cache/generated/38509/pg38509-images.epub

EText-No. 38509
Title: La Giovine Italia
Author: Mazzini, Giuseppe, 1805-1872
Language: Italian
Link: 3/8/5/0/38509/38509-h/38509-h.html

EText-No. 38509
Title: La Giovine Italia
Author: Mazzini, Giuseppe, 1805-1872
Language: Italian
Link: cache/generated/38509/pg38509-images.mobi
Link: cache/generated/38509/pg38509.mobi

EText-No. 38509
Title: La Giovine Italia
Author: Mazzini, Giuseppe, 1805-1872
Language: Italian
Link: 3/8/5/0/38509/38509-rst/38509-rst.rst

EText-No. 38509
Title: La Giovine Italia
Author: Mazzini, Giuseppe, 1805-1872
Language: Italian
Link: 3/8/5/0/38509/38509-0.txt
Link: 3/8/5/0/38509/38509-8.txt

EText-No. 38509
Title: La Giovine Italia
Author: Mazzini, Giuseppe, 1805-1872
Language: Italian
Link: 3/8/5/0/38509/38509-h.zip

EText-No. 38509
Title: La Giovine Italia
Author: Mazzini, Giuseppe, 1805-1872
Language: Italian
Link: 3/8/5/0/38509/38509-rst.zip

EText-No. 38509
Title: La Giovine Italia
Author: Mazzini, Giuseppe, 1805-1872
Language: Italian
Link: 3/8/5/0/38509/38509-0.zip
Link: 3/8/5/0/38509/38509-8.zip

Lascia un commento